mercoledì 23 luglio 2014

COMIDA


Da buoni italiani, per quanto riguarda la cucina, dovunque ci spostiamo nel mondo dovremo sempre e comunque adattarci.
Troppo ricca la cucina italiana diversa in ogni regione ma sempre di altissimo livello.
In ogni posto del mondo dove mi sono trovato a lavorare o ho viaggiato per vacanza, sono entrato in contatto con la cucina locale.
Ho provato piatti stranissimi perche' ritengo sia importante capire come vive la gente al di fuori del mio paese.
Li ho assaggiati ma poi, appena possibile, sono tornato alla nostra cara cucina e, dove possibile, ai nostri cibi.
Se, a Cuba, il nostro soggiorno e' di una o due settimane ci si puo' tranquillamente adattare a cio' che si trova, ma se si trascorrono nella maggiore delle Antille mesi e mesi allora....beh occorre organizzarsi.
Siete poi cosi' tanto dei fans della cucina cubana?
In generale possiamo dire che quella che ci viene propinata e Cuba non e' proprio la cucina criolla ma un suo adattamento ai gusti di gente che viene dall'altra parte del mondo.
Personalmente, mangiando molto riso in Italia, quando arrivo a Cuba non e' che impazzisca particolarmente per il congri'.
Dopo che l'ho mangiato due volte....va gia' bene cosi'.
Il Tamal glielo tiro dietro, per il resto mi organizzo in modo da avere sempre in tavola cibi vicini al nostro nodo di alimentarci e alle nostre abitudini.
Il cibo, per noi costa una cazzata, se paragonato a quello che ci costa in Italia, quindi sempre tanta carne, verdura, frutta e se si fa' la pasta deve essere piu' che al dente.
In pratica per loro....cruda.
Buona parte degli amici italiani che ho a Cuba sono di 1-2 generazioni prima della mia, gente a cui e' stato insegnato a cucinare.
Potrebbero tutti partecipare a qualche puntata di Masterchef.
Ho perso il conto delle volte in cui mi sono sorbito discussioni, quasi conferenze colte, sul come fare le melanzane alla parmigiana o il tiramisu'....senza i savoiardi.
Ho assistito a litigate epocali sul mettere o meno il comino in un certo piatto.
Questi italiani setacciano i mercatini piu' infrattati per trovare quel tipo di spezia o quella verdura particolare per cucinare un piatto indimenticabile.
Ci si scambia informazioni segrete da fare invidia alla Stasi della gloriosa DDR, sul dove trovare le patate, sul chi contattare per averle e, credetemi, sul quale parole dire per fargliele tirare fuori.
Sapete bene che le patate a Cuba sono diventate piu' rare e preziose della trifola in Piemonte.
Spesso mi invitano a cena, l'ultima volta fegatini alla veneta che erano una passione autentica.
Io cucino l'essenziale, il minimo indispensabile, non ho grandi esigenze; appunto tanta carne e molta frutta e per me va bene cosi'.
Per molti italiani che trascorrono mesi e mesi a Cuba il cibo e' davvero una cosa vitale.
Il parmigiano portato dall'Italia e l'olio d'oliva spagnolo acquistato a 10 cuc il mezzo litro se non ricordo male.
Siamo italiani, ci hanno tirato su in questo modo e a quesa eta' e' difficile cambiare.
Perche' poi cambiare?
I cubani non sempre apprezzano la nostra cucina, non hanno il palato per farlo, abituati come sono alle solite 3 cose, spesso le fanciulle mangiano i nostri piatti piu' per compiacerci che per autentico gusto.
La prima volta che Claudia ha visto un piatto di pasta al pesto mi ha chiesto cos'era quella mata sopra gli spaghetti...
La comida cubana va bene se sei ospite da cubani, se sei nell'ultimo campo ai piedi dell'ultimo monte ma poi, appena possibile, e' bello tornare alle nostre vecchie care abitudini.

Se tutto il mondo adora la cucina italiana qualche ragione ci deve pur essere.

21 commenti:

  1. Mangiare italiano per tutta la vita. Stefano

    RispondiElimina
  2. la negrita quando è stata in Italia mangiava la banana insieme ai bucatini all'amatriciana, tagliandola a fettine e disponendola sullo stesso piatto. A me piace la cucina criolla e a Cuba ho mangiato sempre bene, oddio rapportato a quello che è la gastronomia laggiù. Spesso mi capita di usare il riso come contorno, magari anche con i fagioli messicani, che poi sono gli stessi che mangiavo suul'isla grande. Sul pollo metto del comino, non tanto per il sapore ma perchè l'odore di questa spezia evoca in me una serie di ricordi, soprattutto legati alle prime vacanze in terra caraibica. P68

    RispondiElimina
  3. La banana dolce con la pasta è tanta roba. . .

    RispondiElimina
  4. certo che per noi italiani fuori e dura ovunque come alimentazione.io a cuba mi adatto abbastanza bene per un breve periodo,ma senza il parmigiano sulla pasta non e vita.poi dopo un mese inizio a sognarmi i nostri salumi.......paolino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine cerchiamo di costruire una piccola Italia da esportare

      Elimina
  5. Santa Fè- L'anno scorso ho fatto gli spaghetti con i loro ricci...e completato il pranzo con del mirto fatto in casa, sono rimasti come la difesa del Brasile contro l'Alemania..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli sono piaciuti i ricci.......?

      Elimina
    2. Santa Fè- Direi che la percentuale a cui son piaciuti è stata di 7 su 10, ovviamente chi adora il pesce adora i ricci proprio per quel forte richiamo al mare.
      Devo aggiungere che una settimana dopo mio suocero ha cucinato alla griglia una cernia di 8 kg, sono stato 20 minuti a ripulire la teglia..
      In quel caso mancava come l'aria un bel vermentino di gallura ghiacciato!
      Bene, ore 7.07 e invece di pensare al caffe ho gia fame di roba sostanziosa!

      Elimina
  6. Io mi accontento di quello che trovo per cortesia hai notizie sulla situazione sanitaria tipo colera o denghe nelle zone di santiago o baracoa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al momento non ci sono notizie allarmanti.
      Non postare come anonimo. Grazie

      Elimina
  7. Il cibo, per noi è un fatto integrante della nostra cultura, del nostro essere italiani. Tutti di noi hanno in famiglia qualcuno che è un fenomeno in cucina. Io me la cavo molto bene, sono magro ma mangio come un leone, per me il cibo è fondamentale, cucinare è una passione. All'estero mi giro tutti i mercati, me cerco tutte le spezie, le materie prime che non conosco e sempre più fresche possibili. A Cuba ho mangiato tutto quello che c'era da mangiare, credo mi manchi solo il serpente Maha o Maja... Quando sono lì un pasto al giorno me lo cucino in casa, cercando di insegnare alle caraibiche genti che il momento del pasto è un momento in cui ci si siede tutti a tavola e si condivide. Li' non è che c'è un orario o il rito del pranzo (o cena) insieme. Si cucina, generalmente, una vagonata di congrì e poi chi arriva mangia, senza orari specifici. Al massimo si accompagna con una frutta o una verdura (un tomatico o un pepino).
    La cucina cubana è stranamente povera di pesce. Per il resto, se escludiamo il riso, a me piace tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A noi non verrebbe mai in mente di chiedere ad un commensale, nostro ospite, "te llenaste?"

      Elimina
  8. A me piace molto gli spaghi col tonno che delizia !!!
    Nostromo

    RispondiElimina
  9. Quello che mi manca terribilmente superate le due settimane di permanenza sono i nostri salumi e i formaggi non mi adattero' mai a quello che loro chiamano queso...un qualcosa di amorfo senza alcun sapore..per il resto mi adatto e bene ...molto meglio di loro quando vengono qui..ricordo la mia ormai ex rifiutarsi di provare cose nuove e rimpiangere i sapori cubani...ora llora (dice lei) rimpiangendo tutto di qui..capita..ciao Milco
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo. ..la loro mantequilla me la sogno però! !
      Marco

      Elimina
    2. Ti diro' che, nella provincia di Tunas trovi anche un formaggio decoroso.

      Elimina
  10. Io ci vivo ed è una vera drama. Per l'italiano (sono per adozione) la cucina è una cultura, non si parla di altro, e personalmente ritengo che è la più sana cucina della pianeta, si base su vedure fresce, condimenti genuini, latticini (sai che ci sono oltre 600 varietà di formaggi italiani), carni e pesce di qualità.. Piatti che si cucina in 20 minuti ricci di sapori e contrasi che solo a pensare mi fanno venir la bava a lla bocca! Piatti semplici e rapidi, pensare ad una pepata di cozze, spaghetti con le vongole.

    La vera cucina criollo è morta con la rivoluzione,purtroppo come tante cose della cultura cubana. Per il cubano ora la maggiore parte mangia per riempirsi lo stomaco, sia per una questione culturale sia perchè il costo della frutta e la carne è proibitivo. Loro eccellano in fare fiesta, sono maestri, la musica e il ballo è la loro cultura non il mangiare. Una bottiglia di 60 pesitos, la musica a tutto volume e cominciano i balli.

    Nonostante la limitata scelte di cibi nei canali ufficiale con una ricerca è un pò di fantasia si possono cucinare piatti accettabili. Melanzane alla parmigiana riservando il parmesano al ultimo strato usando queso caraibi per gli intermedi, i pomodoro sono buoni e faccio sempre una passato di 3 litri quando il prezzo sta sui 6 pesitos la libra, trovo rugetta e insalata da un orto privato, il pane l'ho trovato in Prado (tipo cangrego). Formaggi stagionati lo trovi ai supermercati (alla marina hemingway) o por l'izquierdo. Il prosciutto Serano si trovo ed è buono, il vino bevo Frontera chileno chardonnay a $7 la bottiglia (champagna a $25), ho basilico, rosmarino e origano fresco sul balcone. Polpi a $1 ed aragoste fresce dalla spiaggia a $5. Il pesto va bene fatto con le mandorle o anche mani. Olio d'oliva a $11,20 il lirto. Il riso della botega è scadente e lo compro a $2 a galleria paseo. Il pesce lo compro a $2 la libra dal pescatore ma solo pesci da 1kg quelli più grande sono scorpacciosa per mio gusto. Evito i surgelati (credo che la catena del freddo i cubani intendono una sentenza giudiziaria) il cibo conservato ed evito assolutamente di mangiare "por la calle", rischi grosso.

    Insomma mi arrangio cercando le cose fresce e mi salvo un pò.

    K


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Milco. Tu sai chi sono, tuo amico britanico de Vedado.

      Elimina
  11. Amico mio voi inglesi avete sempre apprezzato molto la nostra cucina
    Anche se oramai tu sei più italiano di me

    RispondiElimina