lunedì 28 luglio 2014

LA NORMALITA'


L'argomento lo abbiamo gia' trattato diverse volte, in diverse discussioni.
Ma, come diceva un grande poeta, non ho ordini precisi di lavoro, di conseguenza, anche solo una telefonata mi fa tornare la voglia di approfondire determinati temi.
Ieri ho sentito un'italiano del gruppo storico dei non molti paisa' che frequento, da anni, a Tunas.
Ha cambiato casa spostandosi dal barrio la Victoria a una zona piu' centrale.
Solitamente almeno 5 mesi all'anno, quelli estivi, li passa in Italia, lavoricchia coi volatili, vive vicino al confine confederato e arrotonda cosi' la pensione.
Quest'anno, visto che i lavori nella casa cubana sono ancora da terminare, ha lasciato la moglie da quel lato del bloqueo decidendo di passare l'estate, da solo, in Italia.
Si lamentava dei costi della vita nel bel paese, mi diceva che a Cuba con cento cuc alla settimana vive piu' che bene.
Sono lui e la moglie, hanno la casa di proprieta', di conseguenza i famosi 400 cuc al mese sono piu' che sufficienti per vivere.
Spesa tutti i giorni, tutti i giorni carne, due volte la settimana a mangiare fuori, ogni due settimane al mare aggregandosi magari ad altra gente che ci va'.
Gira in bike e se si concede...qualche svago, utilizza i fondi neri, fuori dal budget.
Il sottoscritto fu il primo, anni fa, ad affermare che si poteva tranquillamente vivere a Cuba con queste cifre.
Pur senza averlo mai fatto ma frequentando chi lo fa da sempre.
La nutrita congrega dei pezzealculo del web, quelli che fanno i milionari poi comperano la tucola con 2 cannucce, levarono gli scudi, affermando che per fare i barboni sarebbe stato meglio restare a casa.
Se hai la tua bella casa finita, non affitti un mezzo di trasporto, fai una normale vita da straniero non turista, allora stiamo pur tranquilli che spendere 100 cuc alla settimana potrebbe anche essere un'impresa.
Il mangiare costa un cazzo, lo so ne abbiamo gia' parlato, ma perche' la gente comprenda e' utile che in un mercato cubano a fare la spesa ci fosse transitata.
Occhio, non parlo del turista che in discoteca offre bottiglie a destra e a manca per dimostrare che e' “inserito”.
Parlo di chi vive normalmente, quasi sempre per lunghi periodi, si toglie qualche soddisfazione ma non getta i soldi dalla finestra.
Poi se uno vuole, in una settimana puo' anche spendere 5000 cuc ma questo vale in ogni parte del mondo e non soltanto a Cuba.
Quindi 400, ma mettiamo anche 500 cuc al mese.
Ripeto se poi vogliamo, ogni tanto, qualche extra....di un certo tipo lo mettiamo fuori dal budget.
Un cuarto de renta potrebbe gia' garantire en toto o in parte questa cifra, non parlo di mettersi in saccoccia pecunia ma di avere un'aiuto che nasce direttamente a Cuba.
Vogliamo metterci anche il tirare su 5/10 purquitos?
O meglio far tirare su i purquitos, a quel punto la cifra non solo verrebbe ampiamente coperta ma si potrebbe perfino stare larghi.
Non ho parlato di fare grandi investimenti, certo una casa dove vivere, con un cuartico per i turisti e qualche maialino, nada mas.
Se poi, col tempo ed integrando il tutto con qualcosa da qua', salta fuori uno scooterino da comperare (3-4 mila cuc) allora la qualita' della vita si alza di almeno due tacche.
Ho detto cose fuori dal mondo?
A Cuba vogliamo fare i fenomeni o attestarci su un livello di serena normalita?
Magari ne riparleremo in settimana ma, personalmente, in 15 anni quello che dovevo fare da quel lato del bloqueo....l'ho fatto.
Ora non dico di avere appeso qualcosa al chiodo, semplicemente quel tipo di divertimento e' diventato occasionale e non deve piu' mettere in nessun modo in discussione quello che si ha.
Poi, certo, se uno ci va' per 15 giorni dopo 8 mesi di assenza...capisco tutto.
Se vivi in modo normale, normale per uno straniero che ci passa molto tempo, sarai trattato in modo normale e rispettato in funzione di quanto si rispettera' il prossimo.
La normalita' a volte e' un obiettivo importante da raggiungere.

Ogni testa, poi, come sempre, e' un piccolo mondo.

74 commenti:

  1. La normalità di cui parli è una grande conquista. Vittorio

    RispondiElimina
  2. aggiungerei che l'immediato futuro passa per la riunificazione della moneta e un qualche cambiamento nei prezzi lo devi pur mettere in conto....

    RispondiElimina
  3. Caro Milco devi proiettare la tua analisi però al prossimo accadimento epocale a Cuba: l'unica moneta circolante il Cup. a partire forse da dicembre. Con l'unica moneta è inevitabile una spirale inflazionistica in tutti i settori commerciali, oggi assente propio grazie al basso potere d'aquisto del cup:.aumenteranno le imposte,che grazie alla doble moneta sono oggi ridicole perchè calcolate in moneda nacional. I venditori all'agro scaricheranno le imposte sui prezzi chiaro.Senz'altro l'attuale forbice di prezzi tra tiende care in Cuc e agro conveniente in Cup scomparirà: l'agro con l'unica monetà diventerà più caro! Tutte le ipmoste che il governo non poteva imporre propio grazie alla moneda nacional faranno capolino: oggi sarebbe ridicolo tassare la casa, ma domani con l'unica moneta sarà possible tassare casa e auto come da noi: visto l'andazzo delle privatizzazioni è un ipotesi credibile! Se davvero a moneta unica il cambio sarà 15 cup per 1 euro la svolta per noi yuma sarà catastrofica. Ora con 1 euro abbiamo 1, 30 cuc mas o meno e cambiando 1 Cuc alla cadeca 24 cup. Immagginate il terremoto nelle nostre tasche se ci sarà a moneta unica il cambio 1 euro =15 cup! Cazzi amari. Franz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Raul ha dichiarato che per il 2016 il controllo dello stato sull'economia dovrà dall'attuale 90% scendere al 35: in apparerenza sembra un'utopia. La monetà unica radoppierà in maniera artificiosa il potere d'aquisto degl'attuali salari, ma , sappiamo che sarà insufficiente a renderli da sopravvivenza. La monetà unica favorirà indubbiamente le imprese ed i cuentapropisti: l'obbiettivo è sfoltire drasticamente i lavoratori di stato per incrementare il privato comunque favorito dalla moneta unica. E poi il cuentapropista da ex percettore statale di un salario infimo si trasformerà per miracolo in contribuente dello stato. E' charo che ci vorrà molto più tempo se non apriranno il marcato del credito iniettando potente liquidità nel sistema: anche questo comunque produce inflazione. Franz

      Elimina
    2. Lo scopo chiare è di trasformare costi in risorse

      Elimina
  4. chissa' cosa succedere a 1 a 15 o 1 a 11 ma certo chi prende ora 450/500 CUP e non gli basteranno lo stesso...credo che all'inizio raddoppieranno i prezzi per la merce che viene dall'estero...pero' chi ci ospita vedra' crescere le entrate della casa e dei cerdos....e solo con la primavera del 2016 ci saranno i veri cambiamenti...Raul che fa gli anni 85 e Obama che all'indomani fa sparire il bloqueo....

    RispondiElimina
  5. sulla fine del bloqueo ci sono solo 3 cose da tener presente ma non so se sono sufficenti: 1) Obama ha detto che finche' ci saranno i Castro non lo leva...2) Ilary Clinton ha detto che una volta eletta lo leverebbe.....3) la costituzione cubana dice che nessuno puo' restare en Carga dopo aver compiuto 85anni...e Raul ultimo dei Castro, li compirebbe il 3 giugno 2016....anno delle elezioni Americane.....

    RispondiElimina
  6. data di scadenza Raul...lo so......chissa' cmq una cosa e' certa quelli a cui piace l'isola si possono dividere in 2 parti, quelli con possibilita' economica che potranno andarci sempre...e quelli con possibilita' limitata che per andarci devono aver iniziato qualcosa entro poco tempo.... e credo che tanti sono qui sul blog per ispirarsi o per farsi forza...cosa ne pensate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che Cuba resterà comunque accessibile per le tasche di molti

      Elimina
  7. Cuba, per me, è e resta una meta di vacanza e una occasione per riunire el famillon.
    Fare progetti capitalisti nell'ultimo paese comunista è follia allo stato brado. Se ci butto qualche soldo è così, por gusto. Conscio che da un momento all'altro potrebbero trasformarsi in soldi buttati...

    Ho molta ammirazione per voi che fate progetti e conti. Sognare non costa nulla, ma vi auguro lo stesso ogni bene possibile.
    SGRAAAAAAAAAT

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cuba è come la borsa
      Sì mettono voli di cui possiamo provarci senza problemi

      Elimina
    2. Concordo in pieno, sognare non costa nulla, tanti progetti poi rimangono sempre sulla carta....
      bebo

      Elimina
    3. Dipende da chi li fa i progetti

      Elimina
    4. Io dopo il divorzio con italiana sono rimasto con due pedalini, uno per i giorni lavorativi ed uno per il weekend, quindi progetti non ne faccio proprio.
      bebo

      Elimina
    5. Bebo?
      Sei il Beboroma che conosco?
      Strano...

      Elimina
    6. Hai la memoria corta, rileggiti questo post scritto da te.

      http://unisolanelsole.blogspot.it/2014/01/partiti_8.html

      bebo

      Elimina
  8. Carlito il comunismo è un ricordo del passato. Franz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono d'accordo. O meglio, forse non è il comunismo di Marx e di Mao, ma è cmq una forma di socialismo totalitario.
      Il fatto che si possa andare lì e fare impresa è ancora tutto da dimostrare. Inoltre non c'è un sistema giuridico che tuteli un imprenditore in nessun modo, nemmeno in ambito internazionale.
      Da imprenditore sceglierei almeno altri 20 paesi prima di arrivare a Cuba e metterci soldi e know how e fare affari con uno stato che ti tratta come una mignotta.
      Da turista e da yuma gozadero scelgo Cuba.

      Poi la casetta, il carro, e altre cosette così ci possono pure stare. Ma è sempre come si diceva qualche giorno fa, fatte con lo spirito di una donazione. Se li perdi, sti cazzi, nella migliore delle ipotesi si è fatto del bene a chi non aveva nulla o poco più.

      Elimina
    2. hai perfettamente colto nel segno...

      Elimina
    3. Carlito devo smentirti, la tua visione che le imprese straniere son abbandonate a sè stesse e sempre a 90 gradi a subire angherie e abusi è una leggenda da sfatare. Esistono i buffete international che assistono le imprese straniere da sempre e c'è il tribunale per gli stranieri. Sono anni che esiste una legge che non permette la firma di contratti se l'impresa cubana non ha già i soldi in cassa per pagare quella straniera. Ora la nuova legge sugl'investimenti consente di bonificare i soldi all'estero e protegge gl'investimenti esteri a Cuba! Certo è comunque da sconsigliare in assoluto per la burocrazia ,complicazioni e scarsa liquidità è ovvio. Nel settore casa poi non hanno fatto più sequestri dall'entrata della riforma, cioè novembre 2011. Da sempre a Cuba lo straniero che subisce un torto o un ingiustiza può reclamare al tribunale grazie al buffete international. Franz

      Elimina
    4. Franz con tutto il rispetto le leggi,i buffete ibternacionales e tutto il resto sono tanto utopici come il resto e che le imprese straniere siano a 90 tuto il tempo e' reale e te lo dice uno che lavora da quasi 10 anni in una delle primissime imprese straniere presenti a Cuba il cui presidente puo' darsi il lusso di avere nella sua agenda il numero personale di Raul Castro e molti altri.
      Ti faccio un esempio molto chiaro: nell'impresa non piu' di 2 settimane fa e' stato letteralmente cacciato un altissimo dirigente che era a Cuba da 19 anni e solo un intervento ad altissimo livello lo ha salvato da mali peggiori...il tutto per aver pestato i piedi a qualcuno e per maggior chiarezza ti dico che quel che ha fatto sarebbe stato considerato giusto addirittura in paesi come Cina o Russia che di certo non brillano per la separazione dei poteri dello stato e per processi democratici.
      Altro che sfatare la realta' bisogna viverla,conoscerla e riconoscerla.
      Marco da Cuba

      Elimina
    5. Anch'io ho esperienze lavorative ed una piccola firma accreditata a Cuba, certo i risultati sono alterni su 10 progetti se si arriva alla firma di 1 è già un miracolo. Un paio di contenziosi li abbiamo risolto grazie al professionale intervento di avvocati del buffete international, ovviamente ben gratificati. Si tratta di piccole cifre chiaro. Tu lavori nel settore dove le cifre sono a 9 zeri ed anche in Italia di fronte a grossi investimenti la politica ci mette il zampino: e che zampino! Comunque è chiaro che a Cuba non bisogna calpestare i piedi della nomenklatura che bene o male consente la presenza imprenditoriale straniera in loco. Scusami la curiosità Marco, lavori nella direzione di un recidence turistico? Franz

      Elimina
  9. Esercito, sanità, scuola con i cittadini che si smazzano per campare e mantenere l'ambaradan, non necessita la sfera di cristallo. L'obbiettivo del'autosuffiienza economica, con Maduro allo sbando, Cina e Russia che non regalano senza mire egemoniche: con noi c'è voluto la Merkel e l'euro per affrontare l'arcana verità: puoi spendere quelo che produci! Franz

    RispondiElimina
  10. Col capitalismo puro avremo milioni di persone in mezzo alla strada

    RispondiElimina
  11. Santa Fè- Per noi che Cuba la amiamo profondamente quella non è terra di passaggio, ma come nel mio caso, da disperderci le ceneri una volta che ci avrò passato i miei ultimi anni a giocare a domino, e perchè no, a rimpiangere la mia otra isla querida Sardegna.
    L'unica cosa che so per certo è che parte della mia famiglia risiede a Cuba e che non m'importa della borsa, della politica e di tutto il resto, troveremo le buone cose anche in un mare di problemi.
    Per stare sereni, oggi, ci vogliono mediamente 600 dollari al mese per due persone, non di meno.

    RispondiElimina
  12. 150 a settimana?
    Si....alla fine non siamo distanti.

    RispondiElimina
  13. Santa Fè- Si più o meno è cosi, dentro ci stanno tutte le spese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vivi al campo e non hai grandi grilli per la testa ci stai pure larghetto

      Elimina
    2. Santa Fè- Certo, quello ovviamente dipende da diversi fattori,
      certo è che fuori dalla capitale tutto costa meno, anche perchè i prodotti alimentari percorrono meno strada dal produttore al consumatore.

      Elimina
    3. Dipende da dove il prodotto deve arrivare e dove nasce.

      Elimina
  14. Il capitalismo puro e duro esiste solo negli Stati Uniti con varianti di welfare tra i vari stati ed un pò in Giappone. Obama è il presidente Usa più socialista di tutti i tempi! In tutti i paesi occidentali incluso Canada la sanità pubblica e quasi gratuita è un fatto aquisito.Ho cari amici anche cubani che increduli che una casa a Cuba si possa comprare con soldi alla mano ancora non si fanno una ragione. Franz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su Obama ho i miei bravi dubbi, rappresenta una delle piu' grandi delusioni delle classi medio basse americane, oppure la conferma che il Presidente in quel paese conta poco o nulla.
      Non posso pensare che per otto anni abbia davvero governato quell'analfabeta di Bush jr.

      Elimina
  15. Santa Fè- Franz penso che il capitalismo sia sbarcato da decenni anche nella Cuba Socialista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cuba rimaneva l'ancora dell'anti consumismo e della priorità assoluta della solidiarietà umana sui meccanismi dell'utilità economica! Ormai è prestoria: cubano americani aquistano ville a Miramar e scorazzano in auto di lusso all'Avana! Una Cuba che pensavamo è morta e sepolta, non si può negare! Franz

      Elimina
    2. Credo che Cuba sia il paese al mondo col minor numero di Comunisti per km2

      Elimina
    3. I Cubani,la popolazione, fino a qualche anno fa dicevano apertamente di non essere comunisti e nemmeno socialisti ma semplicemente fidelisti.
      Marco da Cuba

      Elimina
    4. Marco sai meglio di me che Fidel e i barbudos non si definivano Comunisti.
      Sono finiti poi fra le braccia dei sovietici per le ragioni che sappiamo

      Elimina
  16. Forse non l'ha mai lasciata....

    RispondiElimina
  17. Santa Fè- Probabilmente è come dici tu, forse quello che resisteva era il sogno socialista, mai realizzato appieno per diversi motivi.
    Ora comunque bisogna vedere in faccia la realtà e confrontarsi con quella, spero che l'onda proveniente dalla Florida porti qualcosa di più che becera speculazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Socialismo e' una splendida utopia, l'idea e' fantastica ma il problema e' che l'uomo non lo e'.

      Elimina
  18. Santa Fè- A volte si è cosi profondamente delusi da rivedere le proprie idee e restare appesi ad una ideologia che fa acqua da tutte le parti, mi piace però continuare a sperare che grandi uomini come Salvador Allende puri nello spirito e nell'animo potessero realmente portare a compimento gli obbiettivi che si erano prefissi, ovviamente non sapremo mai se il futuro lo avrebbe reso migliore o peggiore, certo è che Pinochet non avrebbe potuto far di peggio di quello che ha fatto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In una versione riveduta e corretta io ci credo ancora.
      Certo non l'ho mai vissuto e non vorrei passare come il tizio che fa il frocio col culo degli altri.

      Elimina
    2. Salvador allende era un social democratico, il suo partito faceva parte, come lo fa ancora al internazionale socialista. Non aveva nulla a che vedere con il comunismo reale del URSS e Cuba. Anche se qualcuno ci ha fatto credere il contrario. Michelle Bachele, è dello stesso partito di Salvador Allende. Tanto per essere precisi Pedro Bis

      Elimina
    3. Vero
      Infatti i sovietici fecero poco o nulla per salvargli il culo....anzi.

      Elimina
    4. Infatti i sovietici fecero poco o nulla per salvargli il culo....anzi

      Elimina
  19. Santa Fè- Parole sante.

    RispondiElimina
  20. Se il Socialismo e' quello che ho visto nei paesi dell'est, visto personalmente, prima del crollo del muro...beh...io sarei durato poco.
    Ma era Socialismo o revisionismo dello stesso?
    Comunismo o monarchie feudali?

    RispondiElimina
  21. fintantoche' a cuba el cerdo lo encuentra a 11/13 pesos la libra e qui vanno al macello a 1,80 euro al kg al massimo...siamo quasi a meta' del valore con uno stipendio che e' minimo 1/50...con i cinquantenni che sono sempre piu' giovani di te e con le donne che vanno e vengono, se uno yuma si organizza un pochino potrebbe essere una soluzione per il futuro....almeno ognuno potrebbe trovare la sua dimensione...ma del resto soluzioni simili le trovi in altre parte del globo.....pero' se la malattia di cuba l'hai presa...neanche con i migliori santeros.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere dove comprare il maiale a 13 pesos la libra e corro a fare incetta...
      Marco da Cuba

      Elimina
    2. Forse parlava della cifra alla libra del puerco vivo.

      Elimina
    3. Sicuramente in piedi. Il costo della carne diciamo i pezzi discreti valgono attorno a 20 pesos alla libbra, il gordo anche 15, la bistecca anche 25 alla libbra. Pedro bis

      Elimina
    4. Ragazzi ma dove trovate le bistecche a 25 la libra? Ditemelo perche all'Havana io non la trovo cosi economica e poi mi preoccupa la cosa perche i casi son 2: o mi inculano i macellai o mia moglie mi sta facendo la cresta alla spesa!!!!!
      Marco da Cuba

      Elimina
    5. A Tunas costano cosi', con meno di un cuc porti a casa un conejo

      Elimina
  22. Con una rendita che qua' ci porterebbe alla fame a Cuba comunque si vive decentemente.

    RispondiElimina
  23. Questa e' anche la mia idea, poi se sono bravino adesso con gli atleti di qua....vuoi che non sappia tirar giu' un po' di ciccia di la..... e comunque essendo nato in campagna in italia ho ancora qualche anno di vantaggio per l'Isola...vedremo quale di queste idee esce per prima....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah....per quanto riguarda gli atleti con l'Inder la vedo dura....

      Elimina
  24. Opinione personale e breve: con 400 CUC mangiano e vivono decorosamente mia moglie e i due figli; quando unificheranno la valuta per me i prezzi saliranno soprattutto per gli stranieri ma anche per i Cubani; io a Cuba sto per tagliare il traguardo dei 10 anni di residenza e lavoro(e credo che non lo taglieró) e non ci investirei per ora nemmeno un euro.
    Marco da Cuba

    RispondiElimina
  25. Mortacci vostri!
    Ho aperto questo blog per sparare 4 cazzate insieme a 4 amici al bar e ora e' un casino.....
    Scherzi a parte mi fa piacere che ognuno abbia trovato il suo angolino in questo piccolo bar.

    RispondiElimina
  26. Sulla moneta unica, sarà da vedere. Chiaramente l' inflazione cresce, visto che ora il conteggio viene fatto sulla M.N. e non sul Cuc. Dovranno rimpiazzare la moneta circolante mancante quindi si alzerà per forza l' inflazione. Ma sicuramente questi qualcosa inventeranno. Non vorrei che facessero con il sistema Messicano che usano Peso- e Dollaro USD in maniera indifferente. Non vorrei i cubani usassero Euro, come seconda moneta, con un cambio inventato. Pedro bis

    RispondiElimina
  27. cmq 13 pesos la libra e' il massimo che prende un campesino come qua 1,8 euro stesso discorso....in certe zone palestine si fa fatica ad arrivare a 13...salvo in vicinanza di capodanno e del carnevale....Non intendevo atleti dell'Inder non sono mica scemo...io penso che iniziano a vedersi alcune signore non giovanissime che iniziano ad avere soldi e potere che potrebbero in futuro essere interessate a qualche programma personalizzato...italian style...???

    RispondiElimina
  28. Nella capitale sta prendendo piede

    RispondiElimina
  29. ah vedi ....ci tocchera' far risalire la Palestina allora.....

    RispondiElimina
  30. ....7/8 matrone che fai mettere a dieta e camminare e corricchiare...assieme a te 3 veces por semana.....Naaa non mi ci vedo prima dei 60......poi si pero'...che dici?

    RispondiElimina