martedì 29 luglio 2014

MOTIVAZIONI


Cambiare la testa della gente, quando si arriva a eta' simili alle nostre, penso che sia una di quelle cose praticamente impossibili da mettere in pratica.
C'e' gente che dopo anni ed anni di Cuba continua ad affermare che, la sola ragione che spinge al lungo viaggio, sia la possibilita' di reperire sesso a buon mercato.
Non voglio neanche pensare all'abisso di solitudine che circonda quelle esistenze o alla solitudine, non dei numeri primi, ma di quell'unico, disperato, neurone.
Ridurre tutto, dopo anni ed anni di frequentazioni, al tirarsi giu e su le braghe, e' una cosa che mette addosso tanta tristezza.
Con questo non voglio pero' dire che le donne non siano state una componente importante nelle nostre passate scelte cubane.
Molti di noi hanno raggiunto Cuba, per la prima volta, a seguito dei classici discorsi sentiti nel bar del paese, a quelle storiche frasi da dopo cena in cui l'isola veniva descritta come il paradiso della bigioia.
Venendo dal mondo dei villaggi turistici e delle palestre, mi accostai al mio primo viaggio con spirito differente.
Venendo da una famiglia sinistroide volevo verificare alcune situazioni, avevo visto mia madre rientrare dall'Avana con piu' dubbi che certezze, ero realmente curioso.
Mi ritrovai, era il 2000, in un contesto femminile che, se pur avezzo alla frequentazione di quel lato del genere umano, mi sorprese, e non poco.
Non nego che per alcuni anni, quelli delle vacanze da 1/3 settimane, fu proprio quella, le femmine, la ragione del mio tanto viaggiare.
Non solo.
Quella “facilita'” modifico' anche, in parte, il mio rapporto con l'altro sesso in Italia, con le nostre fanciulle.
La mia gia' poca pazienza in materia ando' ulteriormente assottigliandosi.
Perche' fare fatica, dover mettere in piedi dotti e coinvolgenti discorsi, fare l'occhio languido quando, poche settimane dopo tutto sarebbe stato cosi' semplice?
Questo non fu un bene, col tempo, fortunatamente, sono tornato un po' all'antico.
Sono passati gli anni e Cuba e' diventata un'altra cosa.
Non ho ovviamente appeso il picco al chiodo ma, oggi come oggi, al di la della mia giovane compagna, cerco di fare meno casini possibili.
Anche perche' la posta in gioco si e' alzata.
Ho imparato, in questi 15 anni, a mettere altre cose in cima a quelle che sono le mie motivazioni cubane.
Se devo essere sincero fino in fondo, oggi quel tipo di incidenza, le donne, sulla mia scelta di continuare ad andare a Cuba, non supera il 10%.
Ho imparato ad amare Cuba, pur con tutti i problemi e le contraddizioni di cui parliamo ogni giorno, per tante altre ragioni.
Mi piace il caldo umido che mi avvolge ogni giorno, sopratutto se lascio il freddo italiano.
Mi piace la sua gente, quella che ho saputo selezionare negli anni e che, tutto sommato, non mi ha mai deluso.
Mi piace il senso di tranquillita' che mi ritrovo addosso quando mi sveglio, la mattina, e sono sicuro che sara', sempre e comunque, una buona giornata.
Mi piace....rallentare, vivere a ritmi differenti a quelli che mi vengono imposti ( o che mi impongo) qua'.
Mi piace camminare por la calle con quel variegato e vociante mondo attorno, dove tutti si muovono freneticamente pur avendo, magari, un cazzo da fare.
Mi piace riempirmi la giornata unitamente di cose che amo fare, lo sport, gli amici, i giri in scooter, la bella gente.
Mi piace tirare le ore con una bottiglia di ron e una compagnia sincera, parlando di cazzate per ore.
Mi piace avere qualche piccolo progetto da tentare di mettere in campo, progetto il cui eventuale insuccesso non modifichera' di un centavos il mio livello di vita.
Mi piace avere una casa, il fatto che non sia a mio nome non mi urta neanche un attimo, alla fine siamo tutti foglie al vento.
Mi piace, ogni mattina, svegliarmi con una giovane e bellissima ragazza accanto, sono consapevole che un giorno paghero' un prezzo a tanta buena suerte, ma...un giorno...non oggi.
Insomma mi piacciono talmente tante cose che faccio fatica a metterle giu' tutte.

Ognuno ha le sue motivazioni che possono essere molto differenti da quelle iniziali ma solo gli idioti, di cui e' pieno il mondo, non modificano mai il proprio modo di pensare.

35 commenti:

  1. Fosse solo por le donne avrei mollato da tempo. Stefano

    RispondiElimina
  2. La settimana scorsa, frequentando dei cubani qui da noi, mi sono reso conto di una cosa molto simpatica. Quando ci si presenta ed il nostro interlocutore viene a sapere che sei dell'Avana, mentre lui non lo è, ti deve subito dire che ha qualcuno che vive lì.
    Questo succede ogni dannata volta, oramai ne sono certo.
    - Io sono dell'Avana. Tu di dove sei?
    - Di (inserisci una cittadina qualsiasi che non sia l'Avana), ma ho una cugina che vive all'Avana.
    Accade anche a noi quando siamo li, ma non così sistematicamente:
    - Ah! sei italiano. Ho una cugina che vive a Milano.

    A me fa ridere molto, è come se mi presentassi dicendo:
    - Ciao a tutti, io sono di Roma, ma ho una zia che vive a Olbia.
    E STI CAZZI!!

    Ecco, di Cuba mi piace molto la gente. Anche per queste sciocchezze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero fra le altre cose tutti i cubani qua sono di centro Avana. . .

      Elimina
    2. Mia moglie è del Cotorro, ma si farebbe ammazzare piuttosto che dire che non è dell'Avana. Come ultima risorsa dice di essere nata all'ospedale di Guanabacoa.

      Elimina
  3. Io amo la pesca a filo, la schiusa delle uova di tartaruga ed i bei tramonti cubani

    RispondiElimina
  4. Le donne cubane con gli anni sono diventate un contorno. ..un fattore sempre più marginale e quando racconti alla gente di qua' tante piccole cose come passare lunghe ore a vedere una partita di pelota, passare una tarde al bar o sul patio a raccontarsi le storie piu' inverosimili quasi ti prendono per loco...per loro che conoscono di Cuba al massimo una settimana all inclusive a Varadero racconto sciocchezze. ..un saluto dall'alluvionata Milano
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Colpa di chi torna facendo il fenomeno

      Elimina
  5. Santa Fè- Io amo mia suocera e il suo caffè alle 7 del mattino con la cremita de leche en polvo, le guaguas cariche di studenti e il polverone dei carros a petrolio.

    RispondiElimina
  6. Santa Fè-Eja..molto particolari, mi scordavo gli apagones! li adoro, specie quelli alle tre del mattino con 90% di umidità e mosquitos in fiesta.

    RispondiElimina
  7. Santa Fè- Fuori tema :
    Libra de Carne de cerdo sin hueso Mercado privado de Tulipán, La Habana
    25/07/2014 40 CUP 16/07/2014 40 CUP 0 CUP 0 % eq
    Libra de Calabaza Mercado privado de Tulipán, La Habana
    25/07/2014 4 CUP 04/06/2014 4 CUP 0 CUP 0 % eq
    Mercado del EJT en La Habana, Calle 17, Vedado
    25/07/2014 3 CUP 15/05/2014 1 CUP 2 CUP 200 % up
    libra de Cebolla Mercado privado de Tulipán, La Habana
    25/07/2014 30 CUP 16/07/2014 25 CUP 5 CUP 20 % up
    libra de Tomate Mercado privado de Tulipán, La Habana
    25/07/2014 18 CUP 16/07/2014 18 CUP 0 CUP 0 % eq
    libras de Malanga Mercado privado de Tulipán, La Habana
    25/07/2014 5 CUP 16/07/2014 5 CUP 0 CUP 0 % eq
    Mercado del EJT en La Habana, Calle 17, Vedado
    25/07/2014 2,7 CUP Sin precios anteriores 2,7 CUP 0 % up
    Libra de Carne de cerdo con hueso Mercado privado de Tulipán, La Habana
    25/07/2014 28 CUP 16/07/2014 28 CUP 0 CUP 0 % eq
    Libra de Frijol blanco Mercado del EJT en La Habana, Calle 17, Vedado
    25/07/2014 14 CUP Sin precios anteriores 14 CUP 0 % up
    Libra de Frijol negro Mercado del EJT en La Habana, Calle 17, Vedado
    25/07/2014 11 CUP Sin precios anteriores 11 CUP 0 % up
    libra de Ajo Mercado privado de Tulipán, La Habana
    25/07/2014 4 CUP 16/07/2014 4 CUP 0 CUP 0 % eq
    Libra de frijoles colorados Mercado del EJT en La Habana, Calle 17, Vedado
    25/07/2014 14 CUP Sin precios anteriores 14 CUP 0 % up
    Libra de Arroz Mercado del EJT en La Habana, Calle 17, Vedado
    25/07/2014 5 CUP Sin precios anteriores 5 CUP 0 %

    RispondiElimina
  8. Ciao Milco.
    Amo mas o meno le cose che hai detto tu.
    Leggendoti mi è venuta ancora più voglia di partire, anche perchè laggiù mi aspetta la mia bimba, la cosa al mondo che amo di più. Fiero che per metà sia cubana.

    -1...

    Besos.

    Simone

    RispondiElimina
  9. Santa Fè sei un meticoloso complimenti per il raffronto, ma la comparazione bisognerà farla tra questi prezzi e quelli dopo qualche mese dall'entrata della moneta unica.Si adotta la moneda nacional ma le tariffe ,i prezzi ,le imposte saranno convertite e adeguate agli attuali valori del pesos fuerte, considerando poi che molte tariffe in moneta nazionale sono calmeriate dallo stato come per esemio le bollette delle utenze della casa. In realtà non potevano per un fatto di facciata "sociale" adottare il cuc come unica moneta! Le imposte dei commercianti dell'agromercado si adegueranno al mercato del peso fuerte solo convertite in moneda nacional, l'aumento delle tasse sarà scaricato sui prezzi è inevitabile! Le bollette del gas, luce e aqua non saranno più calmierate dall'alto e si adegueranno ai valori del mercato! Raul è da tempo che lo reclama ai 4 venti: il popolo cubano è abituato a vivere assistito e salvaguardato ed a non lavorare. Raul il 7 luglio 2013 davanti all'assemblea nazionale dichiara " il popolo cubano è canaglia ed ingrato!". Quindi ora con l'unica moneta l'estinzione di sovvenzioni , l'apertura del cuentapropismo il refrain è: ingrato popolo cubano iniziate a faticà! Franz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovranno capire anche loro che la festa è finita

      Elimina
  10. Se avessero fatto meno cazzate a livello economico, avviato le riforme negli anni 90, non arrivavano a scelte così radicali verso un popolo abituato da anni a campare senza fare una mazza. E' chiaro che la svolta meno stato più privato inciderà anche sul tempo libero, a Santiago si vedranno sempre meno gente passare la giornata ciondolandosi tra domino, alcol e amenità varie. Le stesse ragazze avranno meno tempo per dedicarsi allo sport nazionale. Nel bene o nel male Raul vuole capovolgere vizi e virtù dell'isola! Ai posteri l'ardua sentenza! Franz

    RispondiElimina
  11. Franz ma ti pare normale che gente di trenta anni passi le giornate non facendo nulla? In quale paese sarebbe possibile?

    RispondiElimina
  12. Siamo d'accordo, io contesto la tempistica, quando sono rimasti con le mutande a terra grazie a Gorbaciov avrebbero dovuto iniziare e ampliare le riforme, meno stato più privato, come stanno facendo ora con più di 20 anni di ritardo! Franz

    RispondiElimina
  13. Infatti le grandi colpe sono dopo il 90'

    RispondiElimina
  14. mi sembra di ricordare che non e' il solo Paese con le riforme indietro di 20 anni...ma io insisto...se devo morir palmiche che sia cara al sol....se devo mettermi ad allevare 4/5 maiali per campare che sia escuchando son e golpeando la mesa de domino..anche se le perdero' quasi tutte....Per ora facciamo tutti il tifo per el dueno del blog...

    RispondiElimina
  15. Quando l'attivita' avrra' inizio quanti gusanitos inizieranno a rosicare....ahahahaha

    RispondiElimina
  16. esatto e prima o poi anche l'Entrenador con bottiglia buena tochera' alla porta...

    RispondiElimina
  17. I piccoli piaceri quotidiani del vivere a Cuba dalla sveglia del gallo, alle nottate giocando a domino, le ore trascorse a vedere la mitica aplanadora ( la squadra di Santiago) al Gullermon Moncada, le notatte alla disco concluse in qualche playa albeggiando con ron e fica, cazzeggiare con l'ultimo chisme sul tal de tali ecc. ecc. Non si contano i momenti di puro piacere ludico, quando omai l'italia è una valle di lacrime! Per me l'isola è come casa mia, un posto di amicizia e benessere totale. I cubani sono i poveri più felici e divertiti del mondo; qui non ci piove. Però continuando l'andazzo delle riforme che responsablizzano e quindi producono stress occidentale le cose cambieranno sin duda, e l'atmosfera ludica e cazzeggiante sarà un ricordo del passato. Franz

    RispondiElimina
  18. LA BOTTE PIENA CON MOGLIE UBRIACA NON E' PIU' POSSIBILE

    RispondiElimina
  19. Tramonto sul Malecon,fumando un buon puro,i bambini della scuola in uniforme che giocano a ruba-bandiera al Prado,le chiaccherate a volte lunghissime con persone che hai appena conosciuto, la cantilena della parlata Cubana,la tanfata d'umido che ti prende appena sceso dall'aereo,la puzza dei gas di scarico delle vecchie auto anni 50,il mare dei Cayos,di Playa Ancon,ma anche di Playa del Este,la domenica quando è affollata di Cubani e......chiaramente anche le donne bellissime....Ecco questo è un pò quello che mi viene in mente quando penso a Cuba(cioè quasi tutti i giorni....) blanco79

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me sale l'anoranza. P68

      Elimina
  20. Sono pensieri che non si possono non condividere.

    RispondiElimina
  21. Milko, ricordo quando nei tuoi programmi c'era anche la Tailandia, non é più così ?P68

    RispondiElimina
  22. Ci sono stato.
    Una buona vacanza e nulla piu'.

    RispondiElimina