giovedì 10 luglio 2014

RESIDENZA PERMANENTE


Chi segue con una certa attenzione il blog sa che, quando si parlava, di Residenza Permanente, ho sempre affermato che, al momento, la cosa mi sembrava piuttosto distante dalle mie intenzioni.
Da un po' di tempo a questa parte, sto' pero' prendendo in considerazione, in prospettiva, questa ipotesi.
Solo gli idioti, di cui sono piene le fosse, non cambiano mai idea.
Ne parlavo al telefono, l'altro giorno, col mio amico anglo-romano che vive a La Habana ed e' venuto a prendere fiato in Italia, godendosi l'estate romana.
La casa de renta in apertura e' ok, ho risolto il discorso dell' l'intestazione SPERO in modo soddisfacente, d'altro canto se si vuole costruire qualcosa, bisogna pur mettersi in gioco in qualche modo.
Detto questo, nella prospettiva di vivere, come gia' accadra' da questo inverno, almeno meta' anno a Cuba, e' doveroso pensare all'ipotesi di prendere la RP.
Una volta avviata la renta, il passo successivo potrebbe essere l'acquisto di un piccolo appartamento nella capitale.
E' solo un'idea...ma di solito le mie idee diventano fatti.
Se passo 6 mesi a Cuba, almeno una settimana al mese vorrei passarla all'Avana.
La Capitale mi piace, a piccole dosi, ma mi piace davvero.
Il mio sogno, da sempre, e' un'appartamentino direttamente sul Malecon, magari vicino a Prado.
Nulla di che; camera, cucina e bagno, si trovano anche a cifre decenti.
A questo punto pero' vorrei che fosse a mio nome, per le ovvie ragioni che tutti sappiamo.
L'amico anglo romano mi spiegava che, in caso di eventuale malaugurato divorzio, la perdita della RP non e' automatica, se non sei un rompicoglioni hai il tempo per...trovare altre soluzioni.
Non e' neanche detto che te la tolgano d'ufficio, se poi ci fosse di mezzo un figlio, allora nessuno te la toglie piu'.
Il discorso e' che e' arrivato il momento di fare le cose seriamente, e' il momento di decidere cos'e' Cuba e cosa sara' per me in futuro.
Ho acquistato una casa e va bene, ma non mi devo fermare qua', certo il prezzo degli immobili sta' salendo ma parliamo pur sempre di barzellette.
Una casa costa meno che un box a Torino.
In funzione degli anni quando il catetere striscera' per terra, e' necessario che ORA  le scelte siano adeguate.
Non avro' una gran pensione, fra tutto non credo di arrivare al millino, quindi occorre mettere ORA  fieno in cascina per i tempi a venire.
Parlo sia di cash che di mattone.
Quindi sto' iniziando a pensare, nel 2015 di fare il passo e chiederla.
Non e' necessario vivere in pianta stabile a Cuba, 6 mesi andranno benissimo, voglio continuare a lavorare e guadagnare in Italia.
Certo prima c'e' il discorso della visitina in consultoria giuridica, questa volta pero', se sara', accadra' con convinzione e non per negocio.
Diciamo non solo por negocio.....
Chiaro che se potessi farne a meno....lo farei, ma Cuba impone quello e quello deve essere.
Fino ad oggi ho preferito evitare di chiederla per un discorso di cercare di avere poca visibilita', sempre utile se si vuole muoversi sotto traccia, ma in futuro sara' indispensabile avere la residenza per potersi muovere in un certo modo anche alla luce del sole.
Penso anche all' eventuale acquisto di uno scooter o di un motor, se tornano tutti in senno, di un'automobile.
Non dovrei avere problemi ad ottenerla, qualche conoscenza ce l'ho e poi, in 15 anni, non ho mai rotto il cazzo.
Penso di essere stato un buon turista, che non si e' mai messo in nulla di illecito.
Marco o altri che l'hanno ottenuta potranno poi illustrare vantaggi e svantaggi di questa scelta.
Secondo me e' anche una sorta di tutela, una volta che l'hai ottenuta le cose dovrebbero semplificarsi di parecchio.
Diciamo che ci sto' pensando molto seriamente, andro' giu' a meta' settembre e ne parlero' anche con Claudia, le decisioni si prendono in due, ma credo che il cammino sia questo.
Sempre con gli Orishas, si spera, al mio fianco.
Voi non ci pensate?

34 commenti:

  1. Ipotesi da prendere in considerazione. Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo dipenda dalle prospettive di ognuno di noi. Prospettive che, col tempo, possono cambiare

      Elimina
  2. Indubbiamente ci sono vantaggi importanti:
    - di poter intestarti, con tutte le tutele della legge, una (una sola) proprietà,
    - di accedere al mercato degli affitti in moneta nazionale invece da turista,
    - assistenza medica e ospedaliera,
    - aprire una posizione di "cuenta propia", versando le imposte,
    - accesso alla vita culturale con costi irrisori (teatro a 20 pesos cubano)
    - accesso al mercato degli affitti in moneta nazionale
    - trasporto astro/cubavion in moneta nazionale.

    Evita inoltre, confisci della chica che ti accompagni.

    Svantaggi ora che è stata tolta la "carta blanca" per uscire non mi vengono in mente.

    Per ottenere la RP i requisiti sono di aver un dipente, moglie o figlio e un fonte di reddito adeguato diciamo una pensione sociale o depositi bancari normalmente ti basta.

    Gli effeti della RP è di renderti uguali in dirriti ai cubani anche se rimani sempre yuma da spennare.

    Perderlo, se non fai cazzate e hai una proprietà ufficiosamente ti lo lasciano.

    Tempi per ottenerlo - anche 6 mesi. Ho due amici a Havana che aspettano da 4-5 mesi. Tempo fa era più rapido, voci di corridoio parlano dei controlli più approfonditi per verificare evenyuali matrimoni di comodo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anonimo... chi sei?
      Dici cose giuste ma occorre ricordare che anche se ti intesti la casa, in caso di divorzio il 50% se lo pappa la moglie.
      Come mi ha spiegato chi mi ha venduto casa, il solo modo per essere liberi in casa propria e' di avere un figlio e....comperare 2 immobili.
      In uno ci lasci l'ex moglie e il pupo, nell'altro ci fai cio' che vuoi portandoti chi vuoi quando vuoi.

      Elimina
  3. Allo stato dei fatti non intendo investire il proverbiale "becco di un quattrino" nella isla, ne tantomeno ho intenzione di andare lì per lavorare e rompermi le coglia come quando sto qui. Se devo intestare qualcosa c'è mia moglie. Se devo scannare il porco c'è mio suocero, se serve qualche mignotta c'è mio cognato.

    Quindi, per me, la RP è totalmente superflua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quale lavoro?
      Al limite gestisco, nessuno mi vedra' mai col mocho in mano

      Elimina
  4. Buon giorno,Aston quando ti riferisci al Marco che ha ottenuto la residenza permanente ti riferisci a me?
    Marco da Cuba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo marco,la tua esperienza e i tuoi consigli sono,come sempre, fondamentali.
      Tu vivi la'.

      Elimina
  5. da mario
    volevo sapere una cosa (mi riferisco anche ad anonimo...) ....con la residenza permanente i voli interni tipo habana-baracoa si pagano come i cubani o no ?

    RispondiElimina
  6. In effetti da buoni italiani non teniamo la corazza e la sopportazione per un matrimonio di comodo, come fanno spesso i cubani con le nostre connazionali: poverini! Comunque aggiungo al post di Marco, penso sia lui, che propio per prevenire matrimoni di comodo bisogna, una volta sposati e iscritti con la residenza nell'abitazione della moglie, in attesa di ricevere la RP, effettivamente soggiornare nella casa di residenza della moglie. Per esempio la mia attuale novia è di Cueto, pueblo holguinero: ha una residenza transitoria all'Avana come molti orientali che vivono en la Capital. La residenza transitoria all'Avana non ha rilievo, dopo il matrimonio dovrei fare la richiesta della RP all'emigracion de Holguin e trasferirmi armi e bagagli nella sua abitazione di residenza a Cueto. E' chiaro che il trasferimento nella casa di residenza della moglie non impedisce di fare ritorno in Italia senza alcun problema: è fondamentale, e l'emigracion controlla, che lo straniero richiedente la RP per matrimonio, viva effettivamente nell'abitazione di residenza della moglie. Una volta ottenuta la RP però si può aquistare una casa in qualsiasi parte dell'isola senza alcun problema. Ora l'eventuale divorzio sicuramente non intacca la propietà aquistata con la RP anche se la RP venga revocata,anche questo comunque non si verifica: mi è stato sottolineato senza equivoci da un' amica notaio che lavora la buffet all'Avana! Il divorzio poi consente alla moglie, è vero, il diritto di propietà sul 50% della casa , ma solo se la signora non abbia una casa già intestata! Poi la RP, con l'attuale ley migratoria, permette di stare per 2 anni fuori da Cuba senza problemi. la nueva ley migratoria favorisce la RP senza obbligare alla permanenza a Cuba, questo è il paradosso simpatico della nuova ley! Ora se lo yuma ha un figlio nato a Cuba che vive in Italia con un PRE (permiso de residencia a l'exterior) è sufficiente chiedere la revoca del PRE e il ritorno alla residenza a Cuba al figlio per ottenere il papà la RP ovviamente nella casa del figlio cubano. Il figlio continua a vivere in Italia sin problema ed il padre riceve la RP. Sono i miracoli de la nueva ley! Franz

    RispondiElimina
  7. Franz fammi capire
    Se la moglie ha già una casa a suo nome non ha diritto alla metà della casa acquistata dopo il matrimonio?
    Non esiste comunione di beni per ciò che si acquista dopo il matrimonio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto detto da Franz sul tema casa é corretto secondo la legge; il divorzio non implica piú la revoca automatica della residenza permanente ma rimane comunque pur sempre un pericolo latente.
      Se l'ex moglie é ben incazzata e ha le conoscenze giuste potrebbe anche far si che la tolgano.
      Quello da tenere in conto nel caso di revoca della residenza permanente ed esistenza di propietá é che lo stato procederá all'acquisto coattivo delle propietá e procederá alla liquidazione nei confronti del propietario...logicamente in MN
      Marco da Cuba

      Elimina
    2. Caro Marco, ho aquistato in agosto 2012,una casa al Vedado al mio figlio nato a Cuba e residente in Italia, ho bazzicato quindi, in preda ad ansia da verifica, molto tempo tra buffette y Vivienda. La casa ormai è un diritto intagibile se l'aquisto è avvento legalmente secondo i dettami della nuova ley. Quindi anche la revoca della RP rende inattacabile la propietà aquistata dallo yuma con la RP! Almeno fino a prova contraria! Franz

      Elimina
    3. Franz come detto in altro post Cuba é il paese degli estremi dove tutto si puó e nulla é permesso.
      Qui di inataccabile non c'é proprio nulla e se decidono che la proprietá nonla devi avere te la tolgono senza tanti complimenti e devi stare pure attento a quello che dici.
      Esempi ce ne sono e parecchi,l'ultimo un canadese che lavorava con me ed aveva RP,casa e macchina ed un bel giorno lo hanno chiamato e gli hanno detto che aveva 30 giorni per andarsene.
      Gli hanno ritirato il carnet seduta stante per renderglielo dopo 3 giorni con un buco che significa revocato; lo hanno trattato bene finché ha preso un avvocato ed ha appellato.
      Risultato:prima della scadenza dei 30 giorni gli sono stati liquidati casa ed auto in MN e quei soldi non gli sono bastati per pagare l'avvocato.
      Poi sono sicuro che non sempre é cosí, solo dico che se i Cubani non hanno molti diritti verso lo stato figurati uno straniero!!! Quí é sempre meglio volare bassi.
      Marco da Cuba

      Elimina
    4. Marco quindi vale sempre l'antica regola di cercare di separarsi, eventualmente, nel modo piu' morbido possibile.

      Elimina
    5. Franz, Marco, tutti, ho una domanda anche se temo di conoscere la risposta.
      Se non ti sposi ma riconosci un eventuale figlio la visa familiar ti viene data praticamente in automatico.
      Vale lo stesso per la RP?
      Cioe' se facciamo un figlio, io lo riconosco, posso poi far domanda per averla senza essere sposato ma convivendo comunque con la madre?

      Elimina
    6. É il mio caso! Il figlio cubano garantisce la RP al papa' Yuma senza matrimonio con la mamma. Riconoscere un minore che porta il solo cognome della mamma é una vera via Crucis, che io sappia, molto difficile! Franz

      Elimina
    7. Si,l'avere figlio Cubano é una delle condizioni che ti permette avere la RP.
      Marco da Cuba

      Elimina
    8. Quindi col figlio non e' necessario essere sposati?
      Sicuro?

      Elimina
    9. Quindi se fai un figlio e lo riconosci poi puoi chiederla senza essere sposato con la madre?

      Elimina
    10. Si al 100%
      Marco da Cuba

      Elimina
  8. Caro Milco, in realtà anche lo Yuma che divorzia avrebbe teoricamente diritto alla metà della casa della moglie. La ratio della legge non è patrimoniale ma il garantire ai coniugi un tetto anche dopo il divorzio.Il codice di famiglia cubano del 75 dice testualmente:la separazione dei beni coniugali previa liquidazione dei beni comuni, che entrerà in vigore in conformità con le norme di cui alla Sezione Cinque del capitolo II del titolo I, del presente Codice (dello scioglimento e la liquidazione dei beni comuni). Ora, ho chiesto al buffet, se la moglie ha già una casa di propietà in caso di divorzio dallo Yuma non ha diritto alcuno sulla casa aquistata dallo yuma! Se la moglie cubana dimostra di aver partecipato anche economicamente e valorizzato la casa dell'ex marito yuma ha diritto a una liquidazione! L'importante che la moglie comunque sia già propietaria di una casa! IVolevo poi precisare che i cubani e quindi anche gli stranieri con RP. hanno diritto a 2 case una di residenza y un'altra cosidetta di descanso y veraneo. Però sulla casa de veraneo il discorso è lungo! Franz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! Se la gentile signora é giá propietaria di altro immobile non ha diritto,in caso di divorzio, alla metá di quello in questione ma alla liquidazione della quota di proprietá corrispondente (ed in MN).
      Marco da Cuba

      Elimina
    2. Franz facciamolo questo discorso....

      Elimina
    3. Se anche el Juez decida una liquidazione ,sulla casa del marito yuma, alla moglie ,durante la lite giudiziale, sarebbe sulla somma dichiarata nel rogito in moneda nacional! il cosidetta valora catastale:una cazzata! Sempre se la moglie è propitaria di una casa!Franz

      Elimina
  9. Aston io non ho mai avuto la RP!!! Io vivo tranquillamente con la RT per lavoro anche se sono sposato,l'unica cosa é che sul carnet ho l'indirizzo del luogo di lavoro e mia moglie ha fatto una dichiarazione di ospitalitá al DIE.
    Avevo pensato tempo addietro di farla per aprire un'attivitá ma poi visto come vanno le cose quí abbiamo deciso per una soluzione diversa,infatti come commentai ci trasferiremo probabilmente a Miami.
    Io,personalmente,non vedo grandi vantaggi dalla RP,l'unico é che puoi avviare un'attivitá dove compaia il tuo nome e comprare 2 case,ma questo non ti protegge ne garantisce nulla in concreto; ricordare sempre Cuba é il paese degli estremi tutto tutto si puó ma nulla é permesso e soprattutto che non siamo a casa nostra.
    Concretamente se qualcuno decidesse che gli state sui maroni,vedi una moglie incazzata ma non solo, basterebbe fare arrivare un bel chisme al/alla presidente del CDR dicendo che non parlate bene del paese e del governo ed il ritiro é garantito...ed é solo un esempio.
    Sull'Astro,a teatro,sugli aerei io ci vado da tempo ed anche quando mando la famiglia oltre al biglietto devo aggiungere sempre decine di dollari quindi alla fine non cambierebbe molto.
    Io se decidessi vivere qui,logicamente senza lavorare ufficialmente ne avere attivitá,opterei piuttosto per un visto famigliare.
    Il costo della RP all'epoca in cui mi informai,ossia l'anno scorso, era in Italia di circa 2500 euro e qui di circa 500 fra tutto,senza notai ne avvocati
    Ricordare che adesso il costo dei documenti a Cuba é aumentato stratosfericamente e credo ci voranno ben piú di 1000 dollari,oltre ai costi dei doc in Italia.
    Marco da Cuba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le chiavicherie, scusate il termine napoletano, sulle case le faceva la Gerencia de Vivienda delle varie province. Sequestravano le case permutate anche legalmente a Jineteras y chulos, Se vi era il sospetto della presenza di un Yuma dietro alla permuta, via al sequestro senza pietà! E' famoso il caso di un italiano chre a Santiago comprò, con permuta legale, una casa nella centrale avenida Manduley. Vinse in primo grado ed in appello: nulla da fare, nella casa misero un circulo infantil! Si è voluto dare una svolta garantista e legale rispetto al passato! Fottere i corrotti, bastardi di Vivienda creando un registro di propietà e dare tutto il potere ai notai. Carta Canta! La propietà non è più uno strumento di ricatto del regime! Una jinetera può comprare una casa senza problemi! Franz

      Elimina
    2. Quella di incularti la casa e' una delle grandi vergogne passate del paese.

      Elimina
    3. Esatto! Carta canta! Ma la corruzione corre ancora dilagante..
      Non posso dare dettagli perché riguarda me e mia moglie personalmente ma faccio un esempio:circa 6 mesi fa ci propone di comprarci circa 20 metri quadrati di patio per ampliarsi e fare un garage,noi rifiutiamo.
      Dopo due mesi alle 6 del mattino cominciano a tagliare piante e scavare e prima di sera hanno giá fatto le fondamenta e colonne del cerchio perimetrale del pezzo che volevano.
      Mia moglie immediatamente si muove,da buona cubana,ed in giornata passano a vedere la situazione:polizia,Jefe de sector,delegada de zoina,prsidenta del CDR,jefe de enfrentamiento e inspectora de zona con directora de la vivienda.
      Tutti vedono la nostra proprietá e la loro e dicono che stanno invadendo e violando i confini.
      Loro se ne fottono e continuano e dopo 3 giorni hanno giá chiuso i confini con rete.
      Il municipio blocca i lavori,si procede a denuncia; ci citano alla vivienda dopo una settimana ed i cari vicini durante la riunione presentano una proprietá datata 1981 (mia moglie vive li dall'84) in cui i confini includono il pezzo che ci hanno tolto.
      Tutti sanno che la proprietá é chiaramente stata fatta da pochi giorni e che é stata comprata ma siccome tutti "se han mojado" danno ragione ai vicini e ci impongono chiamare gli architetti del municipio per le nuove misurazioni e presentarci a vivienda per la correzione della nostra proprietá.
      CARTA CANTA!!!!!
      Marco da Cuba

      Elimina
  10. HO RICEVUTO OGGI UNA MAIL DA UN'AMICO DEL BLOG APPENA RIENTRATO DA CUBA.
    ESTRAPOLO QUESTO INCISO CHE CONDIVIDO CON VOI.

    ¡hola tio Milco!
    ¿como està la cosa? sò che sei nel pieno della stagione.....

    sono tornato da un paio di giorni dal mese e mezzo di vacanza nella isla grande.
    tutto ok, ho stravolto i programmi nel senso che dopo il paio di settimane iniziali a guanabo sarei dovuto andare in oriente ma mi sono fermato nel mezzo diciamo a Ciego de Avila. ho vissuto quasi un mese in questa città de campo, ovviamente ero in casa particular con una ragazza fissa del luogo (prima però siamo andati al cuartel de la pnr cubana per dichiarare che eravamo insieme).
    Posto tranquillo in un ottima posizione vicino a Moron y a sus Jardines del Rey dove siamo stati per 4 giorni, bellissimi i paesaggi. il resot se con la compagnia femminile giusta è un buon modo per rilassarsi. è la terza volta che ci vado in 10 anni de cubaneo.
    Certo ci vuole spirito di adattamento ma a piccole dosi anche una vita fuori dal giro turistico è fattibile e piacevole. Questa è la vera Cuba.


    ti faccio una lista di considerazioni:
    - a guanabo policia molto stressante, sembra vogliano chiudere con la puteria (ignari o consci che se rompono troppo i coglioni fuori dai pacchetti turistici a cuba ci andranno in pochi....)
    - aumento delinquenza in generale abuso di alcool e droghe varie
    - cubani sempre più demotivati verso i veri cambiamenti che sembrano non arrivare mai
    - gioventù bruciata in tutti i sensi, quello che mi fa affermare che quando los barbudos non ci saranno più cuba diventerà peggio della rep. dominicana
    - scarsità di prodotti in divisa anche in zone turistiche
    - a livello sociale mi sembra una bomba pronta a scoppiare

    insomma cuba o la ami o la odi, io vivendo a lo yuma la sopporto

    sto leggendo i vari post ma i più interessanti mi sembrano quelli più recenti soprattutto quello odierno. sono dell'idea che se si vuol fare qualcosa ogni momento è propizio indipendentemente dai cambi che arriveranno prima o poi

    RispondiElimina
  11. salve volevo sapere se fosse possibile portare un auto a cuba o ancora e un tabbooo

    RispondiElimina