domenica 27 luglio 2014

SPORT ESTIVO


Come ogni anno, in questo periodo si fa un gran parlare delle amichevoli che le nostre squadre di calcio, quelle che vanno per la maggiore, effettuano come preparazione per la lunga stagione che sta' per iniziare.
Alcune squadre, dopo pochi giorni di ritiro, partono per inutili ma remuneratissime tourne' in giro per il mondo, rimediando quasi sempre figure barbine, altre riescono a fare figuracce senza neanche prendere un'aereo.
E' il caso della seconda squadra di Torino, sconfitta dal Lucento che e' una squadra di Promozione del quartiere dove sono cresciuto da bambino.
Ci ho anche giocato un paio d'anni nei pulcini.
Ho visto l'intervista di Allegri nel dopo partita.
Conte li avrebbe tenuti nello spogliatoio a prendere cazziatoni fino a Natale mentre il piu' aziendalista fra gli allenatori al mondo trovava mille giustificazioni.
Il Milan di Pippo Inzaghi prende 3 pere dai greci, la Roma le prende dal Manchester United.
L'Inter batte ai rigori il Real praticamente privo di tutti meno Bale.
Noi abbiamo perso una partita che potevamo stravincere con Rubin Kazan.
Comunque giovedi' si inizia a fare sul serio, andiamo nel sobborgo di Stoccolma dove gioca la squadra dal nome impronunciabile che dobbiamo affrontare nel primo preliminare.
Il campionato svedese e' in pieno svolgimento e loro non sono messi benissimo.
Una vittoria, 4 pareggi e 10 sconfitte, terzultimi.
Detto questo sono sicuramente avanti nella preparazione e nella condizione fisica rispetto a noi.
Per la partita di ritorno Cairo ha messo la curva a 20 euro...il 7 agosto....non mi sembra una grande alzata di genio.
Comunque nella lista Uefa ci sono sia Darmian che Cerci.
Il primo, ancora per quest'anno restera' ,mentre per il secondo, se arriva il Monaco con 20 milioni ed un ingaggio di 2.5 per il giocatore non e' neanche il caso di fare discorsi.
Giovedi' sera vedro' la partita da amici; pizza, birrette e rutto libero, come sempre.
Nibali ha stravinto il Tour, siamo tutti davvero orgogliosi della sua impresa, il fatto che i tempi delle tappe piu' importanti siano superiori, di parecchio, rispetto a qualche anno fa, vuol dire che la lotta al doping sta' dando buoni risultati.
La formula uno interessa sempre meno, noiosissima e con poche emozioni.

Sarebbe il caso di richiamare Briatore che sa come far funzionare il giocattolo.

26 commenti:

  1. Anche io sono contentissimo per Nibali,mi dispiace che vesta la maglia dell'Astana,squadra non proprio pulita.E per di piu'il direttore sportivo e'Vinokurov che per doping e'stato pure dentro!!

    RispondiElimina
  2. Buon giorno Milco la notizia simpatica che la seconda squadra di Torino ha negato nei filmati della partita con ormai il mitico Luceto la visione dei gol subiti: stendiamo un velo pietoso! Il toro deve vendicare la maledetta finale persa con l'Ajax del 92: la sedia alzata da Mondonico grida ancora vendetta. La rosa era pazzesca Lentini, Martin Vasquez, Vincenino Scifo il mitico Casagrande. Nulla di comparabile all'attuale Toro! Comunque forza Toro! Franz a proposito chi è il tipo intervistato in copertina?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era una partita che non contava nulla ma con Conte non l'avrebbero certo persa.
      Non esistono paragoni fra quel Toro e nessuno di quelli che lo hanno seguito.

      Elimina
    2. La presenza di una star come Delgado a Cuba, da diversi anni esule negli Stati Uniti, è la dimostrazione vivente del cambio culturale e politico , direi eccezionale, avvenuto negli ultimi anni nelle alte sfere a Cuba. Pochi anni or sono agli'artisti e sportivi famosi cubani, esuli negli'Usa, era sempre negato il visto d'ingresso nell'isola. Rimane comuque a dir poco scioccante la notizia della fuga negli States della stella più luminosa del baseball cubano anni 80 e 90, la seconda base di Santiago Antonio Pacheco, per anni capitano della nazionale cubana, poi allenatore della sessa, detto el Tigre. Era addirittura venerato dalla Nomenkaltura, e dichiarava il suo amore assoluto por la revolucion. Franz

      Elimina
    3. Gli avranno offerto del bel grano per allenare da qualche parte.

      Elimina
    4. In realtà da giocatore le squadre della grande lega americana, offrivano a Pacheco assegni in bianco, lui avrebbe deciso a che cifra, per convincerlo a scappare. Ma lui da orgoglioso capitano dell'equipo de Santiago e della nazionale se ne strafotteva e viveva per la gloria. E' ancora il detentore di Hit e basi valide della lega cubana: un fuoriclasse assoluto. Ora a 50 anni magari avrà deciso d'inizare a farsi una pensone accettabile negli States. Franz

      Elimina
  3. Ciao milco scusa l'ot volevo farti una domanda perché probabilmente compro una casaa santiago, la mia domanda è questa:tu hai fatto un bonifico di un conto cubano o ti sei portato i contanti, conta che il mio investimento non può superare i 15000 cuc ti ringrazio anticipatamente Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per una serie di ragioni, non ultima l'andare incontro alle esigenze all'amico che me l'ha venduta, l'ho pagata....diciamo a rate.
      Una parte a dicembre, ero la', un' altra a marzo ed ero la', l'ultima parte a luglio per bonifico.
      Puoi fare entrambe le cose

      Elimina
  4. Io ho fatto così: ho inviato un bonifico dalla mia ag. bancaria al n°di conto corrente della persona propietaria che ha venduto. Mi raccomando la causale del bonifico deve descrivere in spagnolo l'operazione da effettuare: Esta trasferiencia por la compraventa de la casa en direcion..... tra ( metti nome e appellido del venditore) a favor ( nome e cognome del compratore). Una settimana lavorativa per ricevere la somma sul conto cubano. Tutto è filato liscio. Per altri chiarimenti estò a disposicion. Franz

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutti questo blog se non ci fosse bisognerebbe inventarlo!

    RispondiElimina
  6. speriamo davvero che il punto debole della juve sia il mister,perche come squadra rimane la piu forte.paolino.

    RispondiElimina
  7. Certo ma lo hanno preso apposta.
    Uno scudetto in piu' non cambiava le cose, in Champions fanno comunque poca strada.
    Conte sarebbe costato un centinaio di milioni di acquisti.
    Con questo vedrai che in 2 anni, venderanno Pogba e Vidal e Allegri non banfera'.
    A Milano Ibra e Tiago lo hanno venduti proprio con lui allenatore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok,ma io voglio sperare in un campionato piu combattuto che l anno scorso,ma i giocatori piu forti ce li hanno ancora loro per il campionato dico.paolino.

      Elimina
    2. Certo però Conte è stato un grande valore aggiunto

      Elimina
  8. Certo ma lo hanno preso apposta.
    Uno scudetto in piu' non cambiava le cose, in Champions fanno comunque poca strada.
    Conte sarebbe costato un centinaio di milioni di acquisti.
    Con questo vedrai che in 2 anni, venderanno Pogba e Vidal e Allegri non banfera'.
    A Milano Ibra e Tiago lo hanno venduti proprio con lui allenatore.

    RispondiElimina
  9. Speriamo che un naturale calo colpisca il fisico e le menti dei mattatori del tris scudetti. Il post mondiale porta sempre scorie da smaltire e Pirlo i suoi annetti li tiene. Vediamo se Vidal rimane. Franz

    RispondiElimina
  10. Conte e Mou non ti allungano certo la carriera

    RispondiElimina
  11. Termina 1-1 l'amichevole di giornata tra Torino e Teramo, ultima occasione di confronto per il Toro prima dell'esordio in Europa League, giovedì prossimo a Stocolma contro il Brommapojkarna.

    PADELLI 6: Ordinaria amministrazione, incolpevole sul calcio di rigore di Donnarumma (st 1' GOMIS 6: Inoperoso, per lui solo qualche rinvio).

    BOVO 5.5: Pesa l'errore sull'incursione offensiva dell'attaccante abruzzese Donnarumma, che costringe poi Jansson al fallo. Apparso stanco rispetto alle precedenti uscite (st 1' CINAGLIA 6: Prova attenta per il difensore reduce dall'esperienza al Feralpi: può essere un'alternativa in più per Ventura).

    JANSSON 6: Un fallo da rigore sul quale la responsabilità è sicuramente condivisa con Bovo. Là davanti, spesso ci arriva di testa, ma difetta di precisione. Mezzo voto in più per l'assist a Nocerino che propizia il pari granata.

    MORETTI 6: Ordinaria amministrazione per lui, tocca pochi palloni (st 1' SILVA 6: Sicuramente ha personalità, ed ama proporsi in avanti, senza paura. Difetta un po' di precisione nell'appoggio per il compagno).

    VESOVIC 6: Buoni spunti, tanta corsa, una presenza costante sulla fascia, ma difetta ancora di precisione nei cross.

    NOCERINO 6.5: Presenza e qualità per l'ex Milan, al di là del merito della rete del pari al 41' del primo tempo. Entrando in condizione, potrà essere molto utile a questo Toro (st 1' BENASSI 6: La personalità non manca, ad un “giovane” che è già a tutti gli effetti un pro: presenza importante nel ruolo naturale di centrocampista, ma qualche apertura è troppo lunga per Vesovic)

    VIVES 6.5: O' Professore tira avanti la baracca granata nel primo con alcune invenzioni interessanti, trovando spesso Vesovic sulla destra. Buona prova la sua. (st 1' PEREZ 6: Mezzo voto in più per le intenzioni: il centrocampista spagnolo non ha ancora il passo e la cattiveria adatte al calcio italiano, lacuna ancora più evidente contro un club di Lega Pro tutto fisico e grinta)

    EL KADDOURI 6: Parte col freno a mano tirato, sbagliando anche alcune soluzioni semplici, poi cresce sul finale del primo tempo. (st 1' GAZZI 6.5: Avrà anche la valigia in mano ma il rosso di Feltre è, oggi, uno dei più in forma all'interno della truppa di Ventura: buono il dialogo con Quagliarella)

    MOLINARO 6: Col Rubin avevamo visto qualcosa in più, oggi l'ex Parma appare un po' stanco, ma comunque non fa mancare la sua presenza (st 1' CHIOSA 6: Ha sicuramente voglia di far bene e non si risparmia, ad inizio ripresa tanti palloni giocabili, poi si vede meno)

    MARTINEZ 6: Il venezuelano appare decisamente più vivace rispetto a quanto osservato contro il Rubin Kazan, ma gli manca ancora la zampata. Spesso, troppo spesso, in fuorigioco. (st 1' QUAGLIARELLA 6.5: Ha il merito di crederci e di provare a risvegliare l'attacco granata, trovando anche una grande risposta da parte del portiere abruzzese nel suo miglior tentativo. Non è al 100%, e si vede, ma dà prova di poter rappresentare un pericolo per le difese avversarie)

    LARRONDO 5.5: Stanco e poco concreto l'attaccante argentino, nelle amichevoli di questo pre-campionato sempre uno dei migliori. Probabilmente paga il non essersi affatto risparmiato nelle precedenti uscite (st 1' BARRETO 5.5: Scambi veloci più o meno riusciti, tocchi di prima e veli: il brasiliano dimostra di essersi ripreso fisicamente, ma è evanescente là davanti e non crea pericoli)

    RispondiElimina
  12. Davvero strana la fuga di Pacheco...lo vidi un paio di volte allo stadio di Holguin (dove giocava suo fratello) un paio di anni fa...in grande forma , con una bella donna ,diversi kg di oro addosso e vestito iper firmato..mi dava tutto fuorché l'impressione di uno che se la passava male anzi....sarei curioso sapere il mistero...a proposito Milco dichiarazione Lotito ' io e Tavecchio (condannato x vari reati 5 volte) gli ultimi Robin Hood del calcio italiano'...mi sentopiù sollevato...poi ci si chiede perché ci ridono dietro. ..ciao
    Marco

    RispondiElimina
  13. Documentandomi un pò nel web bisogna un pò ridimensionare la parola "fuga negli States" riguardo Pacheco in Florida. Era legalmente entrato con la moglie in Canada, e comunque alle glorie della pelota cubana in pensione sono anni che viene concessa la possibilità di allenare in giro per il mondo vedi Victor Mesa che allenò una squadra messicana e molti altri ex campioni sopratutto in Giappone. Il problema sono le famose norme d'accoglienza per i cubani negli States. E' chiaro che una volta entrato negli States non poteva non chiedere ausilio alla ley de ajuste che consente ai cubani la residenza immediata negli States e quindi l'imposizione automatica dell'etichetta di esule! Magari per un santiaguero vivere a meno 30 in Canada non è facile! Comunque la situazione è cambiata di netto a Cuba: nel 2011 il grande picher Josè Contrearas ex Pinar fu addirittura intervistato al suo arrivo a Cuba dalla televisione cubana. La rocambolesca fuga di Contreras, all'epoca primo picher della nazionale cubana, negli States mi ricordo destò gran scalpore a Cuba. Franz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque anche da questo punto di vista le cose stanno cambiando

      Elimina
  14. Certo, pero' se Albertini e' il nuovo che avanza allora siamo messi male.
    Milan-Manchester City 1-5

    RispondiElimina