martedì 26 agosto 2014

200 EURO?

 

Ieri accennavo ad una frase che sento, spesso, dire da cubane che risiedono, da tempo, in Italia.
Con una piccola rendita mensile, intorno ai 200 euro, tornerei subito a vivere a Cuba, il paese di pizza e mandolini non mi vedrebbe piu' neanche col binocolo”.
A Cuba sono un po' piu' morigerati “ con 100 cuc al mese vivrei davvero bene”
Le due situazioni sono estremamente differenti, almeno apparentemente.
Chi non e' mai uscito dal paese, puo' tranquillamente adeguarsi a vivere con una rendita che e' comunque 5 volte il salario di un buon lavoratore.
Anche se praticamente nessuno sopravvive col solo salario.
Puo' viverci a patto di non avere troppi grilli per la testa, se cominciano ad avere il movil da mantenere, qualche fanciulla da foraggiare allora il grano finisce rapido.
Mi permetto di avere, invece, tutta una serie di dubbi sulle fanciulle che, dopo avere vissuto anni qua', affermano che tornerebbero a vivere a Cuba con una rendita di 200 euro, o qualcosa del genere.
Duecento euro sono una discreta cifra a Cuba, assolutamente gestibile se non hai mai visto altro.
Ma se hai vissuto in occidente per anni, abituandoti a un modo di vivere di un certo livello, ho i miei bravi dubbi che il proposito sia facile da mettere in pratica.
Ti abitui a vivere in una casa dove c'e' tutto, una tv con mille canali, un pc con connessione rapida, un movil con internet e tutte le diavolerie tecnologiche che volete.
Mangiare bene senza preoccuparsi dell'euro speso in piu' o in meno, vacanze in bei posti quando e' possibile, ristorante, cinema, teatro e metteteci quello che volete voi.
Supermercati dove si trovano 20 tipi di carta igienica differente, giusto per fare un esempio.
Vivere senza avere addosso il parentado famelico o il barrio che, regolarmente, ogni giorno, si fa i cazzi tuoi.
Amicizie normali e non interessate.
Un auto, un guardaroba adeguato, magari un lavoro che consente di togliersi qualche ulteriore sfizio.
Dopo anni di questa vita le vostre mogli si abituerebbero di nuovo a vivere a Cuba, pur con una rendita adeguata per una vita normale?
Abituarsi a case magari decenti ma non paragonabili alle nostre, avere l'acqua 3 volte la settimana.
Bollire quella che si deve bere, gente che ti entra in casa in ogni momento, magari che ti ficca il naso dappertutto, frigorifero compreso.
Problemi a trovare cio' che serve, gente che si rapporta a te unicamente perche' sa che se en lo yuma.
Il vicino che ti spara lo stereo a palla alle 8 del mattino, cosa che fa folklore se sei in vacanza per 2 settimane, che che spinge all'omicidio se in mezzo a quel casino ci devi vivere.
Abituarti di nuovo a vivere in un certo modo coi rapporti personali che, magari, sembrano piu' stretti ma con sempre l'ombra del dubbio che l'interesse faccia capolino.
Un conto e' dire che “partirei domani”, un altro e' farlo davvero, o anche solo pensarci seriamente.

32 commenti:

  1. Infatti parlando con mia moglie abbiamo valutato che ci vogliono almeno 500€ per vivere diciamo normale e parliamo dell'Oriente sicuramente nella capitale anche qualcosa in più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dado se uno si arrangia, con tutte le ricchezze che offre cuba (frutta,clima,ecc) basta fare un orto e allevare qualche animale da cortile per avere frutta,verdura, uova, carne, ecc, il resto lo compri, e credo che 500 cuc siano il giusto, forse anche troppi, poi dipende da come si è abituati...se si è stati a libro paga del culo bianco di turno si è abituati sicuramente male.

      Elimina
    2. Esatto....dipende dalle abitudini

      Elimina
  2. Certo ma mi riferivo più che altro a quelle che vogliono tornare per conto loro definitivamente

    RispondiElimina
  3. Dopo tre mesi tornano qua' Vittorio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vittorio se hanno una vita agiata in Italia o altrove, e trovano il pollo da spennare, non torneranno mai...tornano solo se si imbattono in uomini svegli, che non si fanno abbindolare, allora si che gli conviene tornare.

      Elimina
  4. Santa Fè- 700$ anche nella Capitale sono sufficienti per vivere dignitosamente, il vero problema sono la mancanza di discount, se avessi le opportunità di scelta che abbiamo qui allora la giocata sarebbe più semplice..Dado, l'ultima volta che son stato nella frazione di tua moglie son dovuto arrivare fino alla tienda di Santiago per trovare del pollo (Canadese), e poi far la fila per un giorno intero per attendere che ci dessero la bombola del gas..
    Milco, si dicono tante cose ma come ben dici tu tra il dire e il fare c'è di mezzo la comodità..e come perfettamente diagnosticato da te, il problema reale è che se vai con 200 euro i familiari ti rendono la vita impossibile.

    RispondiElimina
  5. Ripeto io non parlavo di spostare tutta la famiglia. . .

    RispondiElimina
  6. Santa Fè- Non cambia molto..io mi riferisco al totale diviso tre nel mio caso, 200 dollari a testa sono circa 700$.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sata Fè-E.C. - 200 EURO x 3 sono CIRCA 700$

      Elimina
  7. come cifra dico 500-600 cuc,per il resto anche io e mia moglie pensiamo che si possa partire solo se qua si perdesse il lavoro e in quel caso senza alternative diventerebbe obbligatorio partire per cuba facendo fruttare bene i risparmi accumulati qua che a cuba se gestiti bene hanno valore maggiore.paolino.

    RispondiElimina
  8. Sì alla fine le cifre sono quelle

    RispondiElimina
  9. Milco non solo le cubane, ma anche le dominicane, e tutte quelle ragazze/donne che sono fuggite dalla "povertà" a Cuba non torneranno mai perkè in Italia hanno trovato l'America....fanno tutte le fighe, vestite alla moda, snob, addirittura snobbano, quando fino a ieri erano a raccogliere caffè sulla sierra maestra! Questo è il potere della figa purtroppo....e fin quando ci sarà qualche italiano credulone che si lascia abbindolare e spolpare da queste sanguisughe sarà sempre così, figurati se tornano a Cuba per sopravvivere con 200 cuc al mese, quando in Italia qualche MDF (morto di figa) gliele fa godere in una serata...Siamo sinceri dai! Io personalmente non vorrei mai avere a che fare con una donna arrivata in Italia dopo essere uscita dalla povertà, fateci caso, quanto durano i matrimoni non appena le porti in Italia? Due secondi....poi dipende da quello che uno cerca, da che relazione vuole avere, io preferisco un rapporto normale, e preferisco io trasferirmi a Cuba, e non portare la fanciulla qui, per un solo motivo, che conferma quanto ho appena scritto: Se a Cuba dicono che le cubane si innamorano di noi culi bianchi solo per interesse (legittimissimo, la fame è brutta per tutti), in Italia per interesse fanno di peggio, allora dov'è il giusto equilibrio? Per quanto mi riguarda, il giusto equilibrio lo trovo nel trasferirmi io...per voi non saprei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo precisare una cosa...non sto facendo di tutta erba un fascio, perchè ci sono donne cubane,dominicane, giamaicane,ecc, venute in Italia che sono dei veri angeli, si comportano bene, sono delle vere Donne, perchè amano col cuore, e non col conto in banca, ma queste sono mosche bianche, la maggior parte purtroppo è molto diversa.

      Elimina
    2. Molti amici del blog sposati con cubane possono raccontare esperienze differenti

      Elimina
    3. esatto...per fortuna esistono ancora Donne Cubane che amano col cuore, e non col conto in banca, e sono quelle che io preferisco, che poi se dimostrano amore vero e incondizionato, magari ottengono più delle altre che sono solo arriviste e opportuniste.

      Elimina
    4. Santa Fè- Valter mi pari un pò confuso..scusa se te lo svelo cosi crudamente ma la sicurezza in amore non ha passaporto.
      Rassegnati a soffrire per quello che più conta nell'esistenza di un uomo.

      Elimina
    5. Sono d'accordo, anzi d'accordissimo, ma non voglio minimamente pensare che tutte le donne siano fatte con lo stampino, non lo penso proprio, ecco perchè la penso così.

      Elimina
  10. caro walter io sono sposato con una cubana che ho conosciuto per un mese di vacanza,roba da pazzi,al final siamo sposati da 8 anni con 2 bimbi,mio fratello con una ragazza ghanese idem come me.se tu stai a fare troppi calcoli sulla donna giusta tra 50 anni sei ancora al punto di partenza,vivi la vita positivo.paolino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paolino quando fate le riunioni di famiglia e' come il consiglio di sicurezza dell'Onu.....

      Elimina
  11. Per la mia esperienza personale a parità di condizioni di vita la maggioranza delle cubane che vive all'estero benchè legate al Yuma e famiglia accetterebbe volentieri di tornare a vivere nel paese natio: incommensurabili le piccole gioie della vita e la ricchezza affettiva di Cuba comparate alle avversità quotidiane del Bel paese e del resto d'Europa. Certo se esiste prole la situazione è diversa: scuola e sviluppo culturale sono senz'altro superiori in Europa. Ma il problema è la parità di condizioni appunto: casa decente, macchina e suffciente cash non sono alla portata di tutti. La macchina da noi è ordinaria amministrazione a Cuba un plus con costi esagerati come sappiamo! All'Avana rispetto al chismoso oriente un yuma con family si può ritagliare una privacy e una qualità di vita comparabili all'Europa: però vivere bene nella capitale è costoso come è noto. Franz

    RispondiElimina
  12. Col grano nel borsillo ogni posto e' buono.

    RispondiElimina
  13. Ciao Milco,quante volte ho sentito anche io sia dall'unica con la quale ho vissuto in Italia sia da mogli di tantissimi amici disprezzare quello che avevano qua e dire la stessa frase da te sentita...200/250 mensili e me ne torno..bene quasi tutte dopo averlo fatto o semplicemente dopo esserci state tre mesi si sono amaramente pentite...questa cifra non basta a chi si è abituta qui ad ogni comodità piccola o grande che sia,la famiglia è di solito pressante nelle richieste,il barrio ti giudica se indossi stessa maglietta per due giorni di seguito e quelle che credi amicizie quando lo yuma non è più alle spalle ti abbandonano perché con una rendita così modesta per loro non esce niente...stessa cosa fanno i presunti amori col cubano...stavolta a lei dicono no sirve pa nada...mi permetti tornare al tema di ieri?hai ragione fenomeno del chulo sempre più in dimunizione in aumento casi di donne / uomini cubani sposati all'estero che mantengomo amante giù..scusami il prolungarmi
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'amante mantenuto sempre chulo è caro Marco: a volte si tratta di gesti di solidarietà affettiva verso un ex novio a Cuba. In effetti il ritorno a Cuba, anche in conseguenza di un matrimonio fallito è sempre una estrema ratio per una cubana che vive bene in Europa. Normalmente cercano altro marito amante qui da noi se ne hanno al possibilità. Con prole poi è veramente arduo il ritorno se non impossibile. Caro Marco non hai prole italo cubana? Franz

      Elimina
    2. Sempre chulo è giusto..anche se una forma diversa di chulismo classico..no non ho prole e ....neanche sono iscritto a facebook e me ne dispiace perché avrei piacere di conoscerti,sarei curioso di sapere se ci siamo mai visti...Milco ci scusera' per questo breve uso privato del blog..ciao Franz
      Marco

      Elimina
    3. Scrivimi la tua email per e mail ci scambiamo il tel. Franz

      Elimina
    4. Guarda un certo numero di italiani che frequentano Cuba...il chulo se lo meritano proprio...

      Elimina
  14. P.s.: ovviamente una rendita sui 150 /200 cuc sarebbe sufficiente a vivere per un cubano/a con la testa sulle spalle e che mai abbia vissuto all'estero anche se...la maggioranza di loro se avesse questa rendita la butterebbe in una serata di bevute e comida e poi ci pensa il cielo..
    Marco

    RispondiElimina
  15. Boh! Parlando con gente qua a La Habana pare k $300 mensile è un buon budget per una famiglia. Per lo yuma k non vuole ridursi a congrì e platano fritto t servono almeno 1000 euro, almeno, e devi stare attento.Vivere con 600 euro al mese è fare la fame.

    K

    RispondiElimina
  16. 1300 cuc al mese con casa tua? Ah però. . .

    RispondiElimina