domenica 31 agosto 2014

BENEFICENZA O PUBBLICITA'?

 

Sicuramente avrete visto le decine di video, con protagonisti personaggi piu' o meno noti che si facevano tirare una secchiata d'acqua addosso, nominando altri personaggi che avrebbero dovuto imitare il gesto.
Si tratta di un'iniziativa benefica a favore della ricerca per poter debellare la Sla.
Questa terribile malattia uccide il corpo della persona senza toccarne il cervello.
Il povero malcapitato, si ritrova prima a dover dipendere dalle macchine, e poi a morire in modo straziante.
Non c'e', allo stato attuale, alcuna cura e i medici danno, come spesso accade, l'impressione di non sapere neanche da che parte iniziare.
Questa malattia colpisce principalmente, ma non solo, gli sportivi, anche se una correlazione fra sport e infermita' e' ancora da trovare.
Borgonovo, Signorini, Lombardi e altri ex calciatori sono state vittime di questo flagello.
Quindi la causa della doccia fredda e' assolutamente meritoria, quello che mi lascia perplesso sono le motivazioni dei protagonisti del gesto e il loro fattivo contributo alla causa.
In teoria la doccia dovrebbe essere accompagnata da una donazione di diecimila euro.
Sono soldi, ma per certi personaggi, che dalla vita e dalla fortuna hanno avuto tanto, rappresentano un'inezia.
Tutti postano la secchiata ma nessuno il cedolino dell'avvenuto pagamento.
A quel punto il confine fra il volersi fare pubblicita' gratuita in qualche modo e l'effettivo contributo alla causa e' molto labile.
Non so quanti di quei personaggi, che si sono messi in mostra abbiano, poi messo il soldino nel salvadanaio.
Questa beneficenza fatta sotto l'occhio di una telecamera mi ha sempre molto insospettito e infastidito.
Se da un lato il fatto che sia coinvolto un personaggio pubblico puo' essere d'aiuto se poi manca il contributo fattivo del
personaggio stesso allora e' un po' come volersi e volere prendere in giro.
La Littizzteto che sventola 100 euro e' una cosa ridicola, cento euro li posso versare io, e magari l'ho anche fatto, ma una che guadagna milioni dovrebbe o versare un qualcosa di decente o lasciare perdere....per fare una migliore figura.
C'e' tantissima gente che da' una mano, come puo' e coi mezzi che ha, senza sbandierarlo ai quattro venti.
La pubblicita' legata alla beneficenza, almeno per me, ha sempre avuto un forte odore di bruciato.

6 commenti:

  1. Per non parlare di personaggi noti che raccolgono soldi per poi tenerli. Vittorio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Come si chiamava quel tizio che Striscia smaschero'?

      Elimina
  2. Solo vanità ed esibizionisto;hai fatto la mia stessa considerazione; 100 euro li posso mettere io che ne guadagno poco più di mille al mese,non questi pseudo comici milionari.Max

    RispondiElimina
  3. Sì dice che quello che conta è il gesto ma questo vale per noi gente normale. Per i presunti vip sarebbe importante anche l'entità ma spesso siamo più generosi noi

    RispondiElimina
  4. A volte condivido quello che Aston scrive, a volte no (questa ovviamente si) ma indubbiamente non ho mai letto cazzate ed è uno dei pochi che scrive su Cuba sapendo quello che dice. Il resto del panorama è purtroppo molto triste. In bocca al lupo per la casa. daiquiri

    RispondiElimina
  5. E' sempre un piacere leggerti.
    Fatti vivo ogni tanto

    RispondiElimina