venerdì 29 agosto 2014

NUOVE CHIESE

 

Che i rapporti fra la chiesa cattolica e il governo Rivoluzionario stiano piano piano tornado alla normalita', dopo decenni di incomprensioni, e' un fatto oramai assodato.
Dopo il 1959 i rapporti, visto anche il forte legame dei baciapile con la dittatura di Batista, erano diventati inesistenti, quando non complicati.
Ovviamente la pietra miliare che modifico' tutto, fu' il viaggio del Papa polacco nel 1989 con successiva visita in Vaticano del Comandante en Jefe.
Dal 1992 Cuba non e' piu, costituzionalmente, uno stato ateo ma bensi' laico....no es lo mismo.
La notizia, ora, e' di quelle grosse.
Pare che sia vicino il momento in cui, a Cuba, si inizino la costruzione e di due chiese nuove.
Una nella provincia di Pinar e l'altra nientepopodimeno che a Santiago de Cuba.
Terra del Cobre.
Pare che, dal punto di vista pratico, dei 5 permessi necessari per dare il via libera agli albanil ( che la Divina Provvidenza aiuti la chiesa da quella banda di incapaci...) ne manchi soltanto uno.
“Soltanto” e' un eufemismo visti i tempi immensi della burocrazia cubana.
Per portarsi avanti nel lavoro, i baciapile hanno chiesto gia' un FATTIVO aiuto alla diaspora dei cubani negli Stati Uniti, per la costruzione di nuove chiese nella maggiore delle Antille.
A Tunas i cattolici sono un po' in secondo piano rispetto ad Episcopali e Battisti, che hanno riti piu' divertenti e un credo meno impegnativo sotto tutti i punti di vista.
Non so se questo riavvicinamento sia poi una cosa cosi' positiva, la chiesa ha sempre virato dove girava il vento, questo storicamente in ogni epoca.
Per il momento si tiene alla larga da mettere troppo il becco negli affari politici dell'isola, ma i baciapile sono sempre in agguato.
Vero' e' che la storia della chiesa nell'America latina e' stata quanto mai controversa.
Dalla fattiva partecipazione alla colonizzazione criminale spagnola, al ruolo svolto da Monsignor Romero e dai sacerdoti della Teologia della Liberazione nella difesa della povera gente dagli assassini prezzolati dalla Cia e dagli squadroni della morte.
Ora, se non sbaglio, Romero e' stato fatto Santo.
Meglio tardi che mai.
Restano alcuni dubbi e sospetti su eventuali connivenze di Francesco con la dittatura assassina argentina, ma in questi tempi di revisionismo tutto viene fatto passare in cavalleria.
La chiesa cattolica cerca di tornare ad avere un ruolo, a Cuba, di influenza nella vita di tutti i giorni.
Vedremo come andra' a finire.
ALLEGATO
 L'Huffington Post pubblica la lettera indirizzata al senatore Luigi Manconi dai genitori di Giulio Brusadelli, il ragazzo romano di 34 anni rinchiuso in carcere a Santiago il 3 marzo scorso per la detenzione di 3,5 grammi di marijuana.Il ragazzo, trasferito da pochi giorni spostato nell'ospedale psichiatrico "Juan Bruno Zayas” a Cuba, è in stato catatonico e non riconosce neanche i suoi genitori. Ecco la lettera:
 Schermata 2014-08-29 a 14.39.16

61 commenti:

  1. Spero che non facciano infiltrare l'influenza della chiesa cattolica,non hanno mai portato bene a nessuno,sono come un virus che si infila in un computer,Giovanni Paolo ll,andava in giro per il mondo a "cazziare"i dittatori ma con Fidel si é dovuto mantenere.
    Pensava di poter dare una spallata all'ultimo bastione del comunismo,come fece in Polonia,consegnando il Mondo agli imperialisti.
    Adesso Fidel non esiste piú(me ne rendo conto visto quello che sta combinando la Mariela Castro),ma spero che non lascino spazio alla piú grande mafia del mondo:il Vaticano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo totalmente...la speranza è che i pedofili con la sottana non riescano a (ri)entrare nella stanza dei bottoni

      Elimina
    2. Il polacco era stato messo lì proprio per abbattere il Comunismo

      Elimina
    3. Gigi dai non tutti sono così. Te lo dice un non credente

      Elimina
    4. Infatti é molto meglio che lascino infiltrare i tagliagole arabi che riempiono i momenti di noia con delle allegre esecuzioni di massa o magari delle gioiose lapidazioni...
      Giovanni

      Elimina
  2. Sprofonderete all'inferno!!!! (si coglie lo spirito?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peggio di come siamo già messi?

      Elimina
    2. Beh...almeno lì c'è da divertirsi :-)

      Elimina
  3. Santa Fè- Comprendo che all'interno del Vaticano ci sia del marcio, che alcuni preti siano siano da decapitare per la loro condotta (soprattutto verso i bambini), però proseguire a spettegolare sul Papa su una vicenda chiarita è esagerato.
    Forse in Guatemala, El Salvador, Iraq e Siria e altre missioni a rischio potete inviarci i vostri prescelti invece di far morire i preti cristiani, e a Cuba in particolar modo non preoccupatevi della Chiesa Cattolica perchè non è grazie alla loro "mafia" che il loro paese si è ridotto in quelle condizioni.
    Ho fatto volontariato in Guatemala presso "Gli amici del Guatemala", e penso che nessuno di noi potrebbe resistere più di qualche mese convivendo con le atrocià dei pandilleros "Mara Salvatrucha 17\18", vi auguro di riuscire un giorno ad avere, oltre la lingua, le pelotas dei missionari che lavorano laggiu, quello che mi avvilisce e irrita è che si faccia di tutta un'erba un fascio, non sono anche loro preti e quindi da lodare ed apprezzare? sono mafiosi del vaticano anche loro?
    Da credente mi fate tenerezza poichè non vedete oltre la morte e per voi esiste solo la legge terrena, e i risultati si vedono nel mondo.
    A Betlemme, Lourdes, Fatima, Santiago di Cuba e poi ancora Medjugorje, sono tutti eventi creati dalla suggestione e dal buon vino...proseguite cosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è vero però per qualche mela marcia si rischia di dovere tagliare tutto l'albero. Percentualmente quanti sono i martiri civili che tu citi e quanti le canaglie con toga
      Ovviamente, come oramai mi sono stancato di scrivere non bisogna mai generalizzare

      Elimina
    2. Propio perché hai fatto volontario in Guatemala che dovresti capire Cuba,che é stato risparmiato da mali molto peggiori,cmq per me i missionari sono persone da stimare ma purtroppo é come se mettessero un cerotto a un taglio da machete procurato da i loro stessi capi,Vaticano incluso.

      Elimina
    3. Santa Fè- Come ben dici non bisogna generalizzare però dai vostri post si evince il contrario e si continua a dire che la "chiesa meno si mette di mezzo meglio é" come postato da Stefano e condiviso da te, vorrei però rimarcare che il Vangelo preso cosi comè, anche da un ateo, non manda messaggi di guerra ma di pace, non mi pare sindacabile o da mettere in discussione solo perchè alcuni non lo mettono in pratica, scusa ma molti di noi non continuano ad essere convinti che il comunismo o il socialismo potrebbero funzionare con altri protagonisti?
      Pesando le parole il "non mettersi di mezzo" vale anche per la Caritas? per gli alloggi e le mense?

      Elimina
    4. Se mettessimo i missionari a comando del vaticano,il problema sarebbe risolto,ma a i vertici del IOR e della segreteria vaticana ci sta gente che farebbe arrossire i boss di Scampia...x me l'albero va abbattuto xké non é marcio dai rami,ma dalle radici.

      Elimina
    5. Opinione personale
      Le religioni sono tutte dei grandi inganni. I loro testi parlano di amore e pace, guardate come siamo messi.

      Elimina
    6. Santa Fè- Da cosa inizieresti, tenendo conto delle modifiche apportate e in corso d'opera da Papa Francesco? dalle radici del Vaticano come istituzione o cosa?

      Elimina
    7. Inizierei a fargli cacciare i soldi che tolgono a noi popolo italiano iniziando a fargli pagare le tasse sulle rendite per gli immobili che hanno sul nostro territorio e con effetto retrattivo di almeno 5 anni,poi l'assoluto divieto di interferire nella politica del nostro paese.

      Elimina
    8. Fino a quando abbiamo quei famosi patti. . .

      Elimina
  4. Meno la chiesa si mette di mezzo meglio è. Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In linea di massima condivido

      Elimina
    2. Santa Fè- Io comunque da uomo di sinistra son vicino ai mussulmani veri e a coloro che vengono discriminati grazie a quella banda di giovani che non potendo sfogarsi allo stadio o fuori dalla disco sono andati a far casino con ISIS, però se permetti Milco non parlerei di guerre di religione, e tantomeno di fanatici, sono assassini e basta, questo vale anche per Hamas che piuttosto che provare a far cessare il fuoco inviava razzi oltre la striscia, naturalmente I CULI CALDI (capi) di Hamas non erano a Gaza ma in Egitto e in altri luoghi.
      Gli stessi "liberatori della Palestina" sgozzavano ragazzi in piazza, inclusi dissidenti e\o dimostranti contro la guerra, naturalmente erano spie..
      FUORI TEMA RELIGIOSO-Ora per chiudere in bellezza ci mancava solo quel pazzo di Putin

      Elimina
  5. Santa Fe non entro nei meriti di una agpatppgmmd che ha poco o nulla a vedere col post che parlava di costruzione di chiese a Cuba. Dico solo che nei paesi musulmani ci ho lavorato a lungo e te li lascio tutti
    Ma proprio tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La parola strana è discussione

      Elimina
    2. Santa Fè- Come fai a dire che il tuo post parlava di costruzione di chiese e basta'?"Restano alcuni dubbi e sospetti su eventuali connivenze di Francesco con la dittatura assassina argentina, ma in questi tempi di revisionismo tutto viene fatto passare in cavalleria.
      La chiesa cattolica cerca di tornare ad avere un ruolo, a Cuba, di influenza nella vita di tutti i giorni"
      Se mi dici che ti sei stancato della discussione va bene ma dirmi che volevi parlare solo di calcestruzzo e cemento..

      Elimina
  6. Santa Fè- Guarda che ti comprendo benissimo..dico solo che se divento intollerante anche io che son cattolico credente, allora addio.

    RispondiElimina
  7. Amico mio sette mesi in Egitto mi sono bastati per un paio di vite

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Santa Fè- E ti è andata di lusso che non sei cristiano..e comunque per rifiatare sei venuto in Barbagia?? scherzo ovviamente.

      Elimina
  8. Non facciamo paragoni improponibili. La Sardegna è un paradiso

    RispondiElimina
  9. Ciudad del Vaticano, 27 ago (EFE).- El papa Francisco anunció hoy que mañana será colocada en los jardines del Vaticano una imagen de la Virgen de la Caridad del Cobre, patrona de Cuba.

    La imagen de la Virgen que será colocada en los jardines del Vaticano es una réplica hecha en bronce de una imagen que desapareció en Cuba en 1961 y que fue regalada por los obispos cubanos al papa Benedicto XVI durante una visita en mayo de 2008.

    La ceremonia será presidida por el ex secretario de Estado vaticano y cardenal Tarcisio Bertone; y en ella participarán el arzobispo de Santiago de Cuba y presidente de la Conferencia Episcopal (COCC), Dionisio García Ibáñez; el obispo de Santa Clara, Arturo González Amador, y el obispo auxiliar de La Habana, Juan de Dios Hernández-Ruíz.

    También viajarán a Roma para la ocasión los obispos de Holguín, Emilio Aranguren Echeverría, y de Guantánamo-Baracoa, Wilfredo Pino Estévez, así como el obispo emérito de Holguín, monseñor Héctor Peña Gómez.P68

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Santa Fè- Quando arrivò a Santiago fù sommerso dal calore della folla, veramente belle quelle immagini.

      Elimina
  10. Santa Fè- Ma almeno in privato puoi inviarmi foto della casa al mare? era molto bella la foto che avevi postato prima della ristrutturazione, trasmetteva serenità.
    Anche se dovessi andare nella capitale non sbarazzarti di quella casetta.

    RispondiElimina
  11. Risposte
    1. Hai una casetta al mare Milco?che bello..in quale zona?io ai tempi di una mia ipotetica vita cubana avevo quasi concluso per una all'Herradura..poi tutto in scatafascio
      Marco

      Elimina
    2. Poco più che una baracchetta
      Ciò che è restato di una vecchia storia

      Elimina
  12. Insomma ...una cosa credo sia parlare della costruzione ipotetica di due nuove chiese altra parlare delle colpe/meriti dei suoi rappresentanti e della stessa come istituzione...non sono cattolico e conoscendo un po' la realtà dell'isla e soprattutto alla maniera diciamo 'creativa' con la quale i cubani vivono qualsiasi fede mescolando un po' di tutto mi sento di rispondere alla domanda di Milco che si l'intenzione è quella (in vista della fine ..genetica almeno..dei due Castro)di tornare ad avere un'influenza nella politica dell'isola ma che questo tentativo è fallito in partenza;non mi sorprende il tentativo di colonizzazione a Cuba d'altronde mi pare papa Francesco sia gesuita no?intanto oggi a mio avviso notizia importante il tribunale di Roma per la prima volta in Italia ha affidato una bimba alla sua madre genetica ed alla sua compagna..positivo..io credo fermamente che la priorità sia il benessere dei bimbi e che anche una coppia omosessuale possa dargli felicità e serenità....e questo è uno dei temi in cui la Chiesa sbaglia da secoli...ciao Milco
    Marco

    RispondiElimina
  13. P.s.: volevo chiedere a tutti gli amici del blog e a Milco una impressione sul santuario della Virgen del Cobre...bene l'ho visitato due volte ed in entrambi i casi non ho avuto impressione di visitare un luogo sacro ma più qualcosa di profano..non ho mai visto in loco un sacerdote o una monaca..insomma sensazioni...visiti per esempio il santuario Madonna di Pompei e senti una certa atmosfera ma lì...io pur ripeto non credente entrambe le volte ho provato sensazione di ...diciamo disagio o imbarazzo
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bello è proprio che non ci sono preti e suore in giro

      Elimina
  14. Lungi da me simpatie alcune per il potere cattolico che ammorba, con la sua burocrazia, ipocrisia, falsità,da sempre la vita familiare e sociale nazionale. Però sull'isola bisogna distinguere le cose positive d'ascrivere alla chiesa cattolica:le 37 casa d'abuelos che gestiscono in tutta l'isola. Centinaia e centinaia di posti letto decorosi per le persone anziane abbandonate e senza tetto. La casa de abuelos sono poco più di 120 in tutta l'isola e quelle gestite dalla chiesa garantiscono un livello di vita e socialità più che dignitoso. Da risaltare poi la recente omelia in Italia del Nunzio apostolico del Vaticano a Cuba Bruno Musarò che ha condannato testuali parole“las condiciones de absoluta pobreza y degradación humana y derechos civiles en la que vive el pueblo cubano, víctimas de una dictadura socialista que les mantiene subyugados por 56 años" Una chiesa schierata può diventare un cardine per il futuro sviluppo democratico del paese. Franz

    RispondiElimina
  15. Buon giorno Milco hai letto la notizia del connazionale di 34 anni Giulio Brusadelli trovato in possesso di 3,5 grammi di marjuana. Ha beccato 4 anni per traffico, figurati che cattiveria, e verserebbe ora in gravi condizioni mentali in un ospedale pschiatrico di Santiago. Franz

    RispondiElimina
  16. Cuba non è il paese giusto per queste cose. . .

    RispondiElimina
  17. Condannare per traffico un italiano con 3 spinelli è abnorme e mostruoso, Si vede che il poveraccio è un turista tukur, con relazioni e soldi anche le sentenze scompaiono, caro Milco, credimi! Franz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne' abnorme ne' mostruoso...semplicemente giusto.Magari facessero cosi' anche nel bel paese che poi ha smesso di essere bel paese anche per ste cose.
      Giovanni

      Elimina
  18. Paese che vai,legge che trovi...per fortuna a Cuba rispettano le sentenze e le fanno compiere,se fosse cosí in Italia ci sarebbero in giro molto meno delinquenti includendo i politici.
    Giovanni

    RispondiElimina
  19. Caro Giovanni a Cuba quasi tutto si risolve con relazione e soldi, anche le situazioni più scabrose e penalmente rilevanti- Ripeto 4 anni per 3 spinelli, una mostruosità. Vediamo se a un yuma navigato succede lo stesso? Franz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh allora stupido lui che non si e' portato abbastanza soldi per corrompere o ha voluto fare il yuma navigato quando in realta' magari e' al primo viaggio...quindi sempre e comunque colpa sua e che paghi.
      Giovanni

      Elimina
  20. Per me fanno bene,che si faccia tutti i 1.460 giorni;le leggi ci sono per rispettarle,chi non le rispetta sa perfettamente a cosa va incontro quindi quando poi succedono ste cose che non piangano.
    Molto piu' semplice andare a Cuba pulito,senza droga, oppure non andarci proprio.
    Giovanni

    RispondiElimina
  21. Quindi tu credi che un coglione d'italiano con 3 spinelli stava spacciando? E'stato sentenziato per spaccio! Indubbiamente si dovrebbe approfondire meglio la notizia e conoscerse la persona reclusa, ma una condanna per traffico con 3,5 grammi non si può nemmeno commentare! Franz

    RispondiElimina
  22. Se lo hanno condannato per spaccio non è per i tre grammi

    RispondiElimina
  23. Non credo ne mi ineteressa se stesse spacciando,a Cuba spaccio possesso e consumo di droga sono la stessa cosa e prevedono una condanna.Rantomeno mi interessa conoscere la persona,se ha trasgredito che si assuma la responsabilita e paghi, se no che faccia il profeta in patria o cambi destino.
    Giovanni

    RispondiElimina
  24. Tutte le rassegne stampa parlalno di 3,5 grammi. Metto il link dellarticolo dell'Huffington http://www.huffingtonpost.it/2014/08/29/giulio-brusadelli-genitori-figlio-rinchiuso-cuba_n_5734600.html?utm_hp_ref=italy. Franz

    RispondiElimina
  25. sta al governo italiano chiedere che il ns connazionale torni a casa, in base ad un trattato internazionale, come è successo a carromero.E' bene, però, prima di andare in un paese straniero informarsi se i comportamenti, che si vogliono assumere, sono reati o meno. A cuba detenere anche pochissima droga è considerato reato. Non ci piace? Al governo cubano non interessa, perciò sta a noi evitare di fare cazzate.

    RispondiElimina
  26. Ripeto è stato condannato per spaccio, con il semplice possesso per uso personale non arrivava a 4 anni. Franz

    RispondiElimina
  27. Franz parliamo di Cuba. Queste cretinate vanno fatte, se proprio si deve, da altre parti. Che paghi

    RispondiElimina
  28. Ovviamente anch'io condanno, ho un figlio, l'uso di spinelli a prescindere dal luogo! Ma leggendo l'articolo sembra che il tipo vivesse da qualche anno a Santiago e facesse uso costante di spinelli per alleviare problemi psichiatrici. A Santiago di un Yuma registrano anche le scoregge quotidiane, quindi hanno tollerato per molto tempo poi alla fine stangato, Franz

    RispondiElimina
  29. franz, non mi interessa condannare l'uso o l'abuso di droghe, poichè penso che ognuno sappia cosa gli faccia male. Però questa è una situazione in cui c'è una norma, che può pure non piacere ed essere stata interpretata male dai giudici (infatti nel codice penale cubano c'è differenza tra il semplice possesso ed il traffico) ma esiste e chi vive da qualche anno a cuba non può disconoscerla.

    RispondiElimina
  30. e se lo fa corre rischi, come in italia, dove piantare qualche seme di cannabis per uso personale è reato, anche se in questi casi da noi c'e la sospensione condizionale della pena.

    RispondiElimina
  31. Sono d'accordo che chi sbaglia paga e deve pagare le conseguenze,pero' dai e' sempre un connazionale e quindi io spero che lo rimandino a casa e che paghi i suoi errori in Patria; non dimentichiamo poi che e' un essere umano quindi un figlio per dei genitori,un fratello per dei fratelli e chissa' per qualcun'altro una persona cara.Gli auguro possa tornare presto a casa,riprendersi pienamente e trarre insegnamento dalla sua esperienza.Auguri a Giulio Brusadelli.
    Marco da Cuba

    RispondiElimina
  32. Chi usa droga lo sempre considerato u mezzo uomo o un troione in caso di donne,e poi se propio si ha questa passione che vadano a Amsterdam,a Cuba dove ti puoi drogare di figa si mettono a fare le canne?mah.

    RispondiElimina