giovedì 21 agosto 2014

QUALE DISSENSO?

 

Ieri si accennava al fatto che, Mariela Castro, avrebbe votato contro un provvedimento dell'assemblea legislativa riguardante la tutela di sieropositivi nei luoghi di lavoro.
Mi pare si trattasse di qualcosa del genere.
Si parla di dicembre 2013, ero a Cuba, ricordo che ascoltai alla tv l'intervento della Castro.
Avvolta in un pretenzioso scialle, inforcando occhiali firmati disquisi' per alcuni minuti sul nulla.
Fra l'altro in un contesto in cui si parlava di cose davvero importanti, ma e' Mariela Castro, la siciliana, e ha licenza di fare cio' che vuole.
Gli organi di stampa, a scoppio ritardato, ci hanno, ovviamente, inzuppato il pane.
Ogni qual volta si puo' mettere in risalto vere o presunte dissidenze, la nostra prensa non si tira mai indietro.
Se pero' ci si riduce a menzionare, come se fosse una notizia epocale, una fesseria simile allora vuol dire che della dissidenza vera e propria si sono perse le tracce.
Lasciamo perdere la Sanchez....non e' neanche il caso di perdere tempo.
Le damas in blanco hanno inondato you tube con video in cui si accusano, una con l'altra, per essersi imboscate il grano che il dipartimento di stato americano concede per la loro “attivita”.
Parliamo delle damas en blanco...non delle madri di plaza de majo...giusto per capirci.
Che fine ha fatto quel fanciullo che aveva battibeccato, in pubblico con Alarcon?
Lo chiedo con una certa curiosita', in fondo fece solo un paio di domande su argomenti che, poco tempo dopo, furono affrontati, e risolti, dai massimi organi governativi.
Si e' cercato di vedere il torbido sulla morte di Paja, ma alla fine e' stato dimostrato che si e' trattato di un semplice incidente automobilistico, al volante c'era uno svedese incapace.
Qualche anno fa lessi di una riunione di dissidenti in una casa dell'Avana.
Pare che la policia stessa garanti' la possibilita' dell'incontro, il che e' tutto dire.
Tempo fa' approdo' sul blog, con lancia in testa, il presidente dei giovani di Forza Italia nominato presidente onorario di un partito politico cubano, ovviamente illegale, non ricordo quale.
Duro' ovviamente molto poco qua' sopra....
Ogni tanto si legge di manifestazioni di piazza ma si tratta di episodi legati a fatti concreti che toccano il quotidiano.
Manca l'acqua in un barrio per 3 giorni e la gente, giustamente, si incazza e protesta.
Accadde a Santiago dopo le devastazioni.
Ad ogni visita papale si e' cercato di pescare nel torbido.
Ricordo quel servo di Del Noce, al tempo della visita del polacco, che si aggirava liberamente fra la gente, mettendo il microfono sotto il naso del primo malcapitato di turno chiedendogli “sei qua' per manifestare per il Papa e per la liberta?”.
Il tizio di turno rispondeva immancabilmente “ si, sono qua' per vedere il Papa ma anche perche' el Comandante en Jefe ci ha detto di riempire le piazze”.
Il servo non sapeva piu' che pesci pigliare.
Per non parlare di quei "dissidenti" emigrati in Spagna grazie alla Chiesa che sono scesi in piazza, a Madrid, perche' il governo spagnolo dopo 2 anni di mantenimento ad ufo, aveva tagliato l'assegno.
Sicuramente ci sono movimenti di opposizione a Cuba, finanziati da chi ha tutto l'interesse a sovvertire, o comunque a cambiare il sistema.
Movimenti a cui aderisce magari anche gente per bene ed in buona fede, ma quando c'e' un giro di denaro c'e' sempre il sospetto che l'interesse sia maggiore dell'ideologia.
Questo vale ad ogni latitudine.

54 commenti:

  1. Quella dei cubani in Spagna è incredibile. Stefano

    RispondiElimina
  2. Ma gli usa pensassero di non fare più affari con l'Arabia saudita dove vige la sharia invece di destabilizzare sempre i soliti governi latini che si oppongono al loro volere oppure vogliamo dire che nel regno dei saud vige la democrazia come la intendono gli sceriffi? La doppia morale statunitense è vergognosa come sono vergognosi le persone che li sostengono

    RispondiElimina
  3. Santa Fè-
    NEWS MERCATO : Cerci ad un passo dal Milan ma... ad un passo dal Toro, grazie al GRANDE Ventura, anche il forte e giovane Nazionale Bryan Cristante classe 95! più una vagonata di denaro.
    Questo è un'altro che tra due anni varrà il doppio di quanto vale ora Cerci, lo dò per certo al 100%, non comprendo il Milan..la lezione Darmian non è servita?
    http://www.futboldecafe.com/futbol-internacional/si-el-milan-esta-bien-el-futuro-de-italia-pinta-bien/: El nuevo proyecto rossonero también tiene entre ceja a jugadores que aún no tienen un nombre dentro del fútbol mundial pero que lo vienen haciendo muy bien en las inferiores de las selecciones italianas y con sus respectivos clubes.
    Empecemos con los ya confirmados que son Cristante, Saponara y Petagna. El primero en mi consideración la mayor joya que tiene el fútbol italiana, hablando de jugadores menores de 20 años, un mediocampista que hace de todo, que recupera, distribuye, tiene buena visión de juego, golpeo y demás. Con él y Verratti del PSG, Italia no sufrirá el retiro de Pirlo.

    RispondiElimina
  4. Santa Fè- Siamo davvero ad un passo da questo bel colpo poichè la notizia che battono in questo momento è che Balotelli è a Milanello per firmare il contratto con il Liverpool, questo aprirebbe rapidamente la strada del nostro Cerci verso la maglia rossonera e di conseguenza..Cristante è vicino, speriamo bene!

    RispondiElimina
  5. Poi serve una punta ma torniamo al post

    RispondiElimina
  6. Santa Fè-..va bene torno a post.
    A domani hermanos.

    RispondiElimina
  7. Secondo me la notizia c'è ed molto interessante. Dal 1976 anno della nuova costituzione poi dal 1992 anno della riforma del parlamento cubano è la prima volta che un delegato vota contro. Ricordiamo che il poder popular nazionale non ha praticamente nessun potere, se non ratificare qualche decreto legge. Aston, non so dove hai visto l' intervento della Castro, visto che i delegati non hanno diritto di replica nella discussione delle leggi. Molto probabilmente hai visto il suo intervento in commissione, che mi sembra che sia anche la presidente per le materie sue specifiche. La notizia c'è anche perchè, come chi conosce Cuba, sa bene che TUTTO DENTRO LA RIVOLUZIONE, NULLA AL DI FUORI, con questa frase si racchiude tutta la democrazia cubana. Se accade, come è accaduto con questo voto dentro la rivoluzione è un segnale forte, di cambiamento. Il resto del post non lo commento, visto che in questo caso, nulla ha a che fare con l' opposizione esterna alla Rivoluzione. Pedro Bis

    RispondiElimina
  8. Era quella sezione dove molti delegati avevano la parola. La Castro parlo' dieci minuti degli argomenti a lei cari. La trasmissione era in diretta al posto della mesa redonda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono le commissioni. Lei ha parlato degli argomenti a Lei cari perchè è la presidente della commissione. Ma li non si vota nulla. In teoria le commissioni dovrebbero fare i disegni di legge da proporre al governo. Cosa che non avviene mai. A Cuba non esiste come nei nostri parlamenti la dichiarazione di voto, non esistendo opposizione sarebbe del tutto inutile. Pedro bis

      Elimina
  9. Il dissenso a Cuba non esiste,esistono gli scontenti che una volta sistemato ilo culo al caldo sono molto meno scontenti; ció non toglie che Cuba sia una dittatura molto forte e che la libertá non esista.Direi che lo stato dittatoriale é direttamente proporzionale alla paraculaggine dei Cubani...e tutti sappiamo quanto paraculi csono i Cubani.Poi se esistono ancora sinistroidi che insistono ad attaccare gli USA a prirori beh da parte mia non meritano neanche piú commenti e se fosse per me potrebbero svanire come acqua al sole.
    Marco da Cuba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io attacco gli usa a priori ma stai tranquillo che non svanisco come neve al sole pensa che gli usa attaccano a priori ma loro buttano nome in testa alla gente. Se poi ti fa così schifo cuba e continuo a viverci io questo lo chiamo masochismo. Hasta pronto.

      Elimina
    2. Bombe maledetto correttore

      Elimina
    3. È brutto dirlo e lo ripeto è brutto dirlo ma in certe realtà l'uomo forte o se preferite la dittatura è il male minore...ripeto male minore non il bene...guardiamo Iraq o Libia prima e dopo..io temo che la maggioranza dei cubani peggioreranno la loro vita quando cadrà il sistema e Cuba diventerà peggio di Santo Domingo quanto a criminalità e problemi sociali...perderà pure il suo fascino particolare che la ha fatta amare a tanti di noi ma non sono cubano né tanto egoista da dire che preservare il mio mondo non voglio il cambiamento del loro
      Marco

      Elimina
    4. Basta pensare alla Jugoslavia dopo Tito

      Elimina
    5. Dado la tua risposta si commenta sola; non avendo messo nomi sei l'unico che si é sentito coionvolto; tipico e visto mille volte a CUba.Ti ripeto per l'ennesima volta...evita di dare giudizi su di me,io mai ho detto che Cuba mi fa schifo,mai ho parlato da italiano che vive a Cuba,mai ho giudicato te in base all'ideologia....evita ragazzo mio...qui ce ne sono migliaia che fanno i provocatori e lo fanno molto meglio di te e nessuno fino ad ora é riuscito nel suo obiettivo..
      Marco da Cuba

      Elimina
    6. Sei più impregnato di ideologia tu di me ,riflettevo sul fatto che non fai altro che parlare male del paese che ti ospita tutto lì. Hasta pronto

      Elimina
    7. Ragazzi chiudiamo il discorso e pensiamo al tema di oggi che è di attualità

      Elimina
  10. Vero Marco
    Aver messo il sedere al caldo ha calmato molti bollori

    RispondiElimina
  11. Spero un giorno che mio figlio possa vivere in una società cubana pluralista e con movimenti politici liberi di argomentare con proposte differenti sull'attualità ed il futuro del paese da esprimere in elezioni democratiche. Purtroppo una mano deteminante a sbloccare l'empasse democratico e Cuba la possono dare solo gli Stati Uniti revocando l'anacronistico e controproducente embargo! Con la fine dell'embargo cadrà anche la ley de adjuste cubano valvola di sfogo di tutti i dissidi su terra cubana, autentici o meno.La dissidenza dovrà allora scoprire le carte: senza valvola di salvezza americana rimarrano a fronteggiare il totem monolita al governo dal 59 solo le persone che realmente aspirano a un cambiamento. Ricordo a Santiago negl'anni 90 vi erano personaggi che manfestavano ribellione pubblica con l'obbiettivo ,dopo un paio di annetti di reclusione, di un visto definitivo de salida per l'ntera famiglia direzione Miami. Franz

    RispondiElimina
  12. Come ho detto altre volte se vogliamo un futuro normale deve diventare un paese normale.

    RispondiElimina
  13. 100% d'accordo e come ogni parto ci saranno le dolie

    RispondiElimina
  14. I media sono davvero allucinanti,parlare di ribellione..di segnale forte etc etc parlando del voto contrario è o fare disinformazione in malafede o non conoscere nel il personaggio ne' l'isla..una che può tutto perché figlia prediletta di Raul e gioca a fare la radical chic non esprimendo un' idea manco a pagarla oro è semplicemente l'elogio del nulla..starebbe benissimo nel parlamento italiano...un giorno Milco magari parliamo del marito?
    Ciao ed in bocca al lupo x stasera
    Marco

    RispondiElimina
  15. IL marito ex fotografo e attuale dirigente di un importante firma a Cuba! Tutto il mondo è paese, siamo la culla mondiale del nepotismo familare e non possiamo dire perchè è il genero di Raul, ma è giusto dirlo .E' siculo. Franz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A parte che ora sono separati da anni. Paolo lavora per empresa di Stato di import e export di pesce. Guadagna uno stipendio ridicolo come tutti i cubani. Chiunque con residenza permanente può lavorare a Cuba, nessun nepotismo. Per guadagnare un po' di soldi vende i suoi libri di fotografie. Quando si parla di qualcuno, almeno farlo con ragion veduta. Pedro Bis.

      Elimina
    2. Pedro non ho espresso nessuna opinione, è normale che un suocero aiuti un genero, lo fece con me il mio ex purtroppo defunto suocero la cubano. Non aver la coda di paglia! Franz

      Elimina
    3. Nessuna coda di paglia, ma scrivere cose che non sono vere, non mi pare giusto. Credo che quel matrimonio così ingombrante non sia stato proprio un affare. Pedro bis

      Elimina
    4. Hai ragione Pedro,d'altronde dove i sogni diventano realtà ?quale è il paese dei miracoli?....Cuba ....dove un fotografo di mezza tacca diventa esperto di import export ittico(e si esprimo parere in quanto conosciutolo)...diventa jefe assoluto di un'impresa di stato che ha l'esclusiva di esportazione di mariscos all'estero?quando si parla di qualcuno è corretto farlo a ragion veduta hai ragione poi se vogliamo raccontare favole che ha stipendio da fame,si mantiene con la sua arte,nessun nepotismo facciamolo pure...però io che ho avuto da ex dirigente cimpagnia aerea settore cargo la sfortuna di averci a che fare ti dico che non ha alcun merito se non essere yerno di Raul
      Marco

      Elimina
    5. Scusami ho scritto impresa di stato...intendevo impresa mista e lo confermo
      ciao

      Elimina
    6. Comprendo che sei un amico di Paolo, abbiamo dei conoscenti in comune che mi riferirono che lavora al Trade Center. Lo conosco solo de comentario e gl'avaneri non sono dolci di sale nei commenti. E' invidia. Franz

      Elimina
    7. Ciao Franz,lavora per la Amorim negocio internacionais s.a. ,suo ufficio nel miramar trade center,esattamente edificio beijng...chi fosse interessato al tema si informi su chi è il sig.Americo Amorim...se poi si vuol credere alla favole del lavoratore statale a 400 peso cubani a me sta bene
      Marco

      Elimina
    8. Che io sappia Il genero di Raul gode di un più che discreto tenore di vita. Si riforniva di prodotti artigianali da una persona a cui anch'io mi rivolgo. Marco sei napoletano di dove? Franz

      Elimina
    9. Arenella...vicino caserma...da x lavoro trapiantato a Milano..lavoravo per Af cargo vivendo tra Napoli e Roma ..bei tempi e bei biglietti gratis..eh eh ...ciao...x questo conosco il sig.re in questione..no problem ognuno a sue idee(non riferito a te)e si ha un ottimo tenore di vita
      Marco

      Elimina
    10. La storia della Amorim era uscita da un giornale di Miami un po' di anni fa. Cosa assolutamente non vera. Lavora per un empresa di Stato di import export di pesce. Se vogliamo sarebbe meglio che lavorasse per un impresa mista così magari qualche pettegolezzo sarebbe smorzato. Ma non è così. Comunque è separato da anni con la signora Castro. L' unica cosa che possiamo dire, che Paolo non si è trovato la ragazza in un parque central mentre cercava di svoltare la vita. Pedro Bis.

      Elimina
    11. Marco sono di Portici. Scusami Pedro ma se Marco lo conosce personalmente per lavoro perchè mettere in dubbio che lavora per l'Amorin ed è un privilegiato grazie al matrimonio? Te lo dico con certezza mia personale, che gode di privilegi nei suoi consumi privati, che ovviamente paga! Franz

      Elimina
    12. Francamente non credo che chi ha conosciuto una ragazza nel parque central o alla casa della musica mentre cercava di svoltare la vita sia degno della tua reprimenda ne del tuo giudizio morale né è detto che una ragazza del parque sia peggiore della sig.ra Mariela,perdonami ma quest' ultima frase potevi risparmiartela e credo che rileggendola lo capirai ed io chiudo con ciò,ciao
      Marco

      Elimina
    13. Portici ma va...ho vissuto ha bellavista 10 anni ..faccio fatica a credere alla casualità..di fronte bar Accardo..magari ci si conosce..incredibile..
      Marco

      Elimina
    14. Contattami su Fb sono Francesco Franz. Franz

      Elimina
  16. Lavora nel Miramar Trade Center e vive a Cuba. Franz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente non lavora lì. Dove lavora non è un impresa mista, ma di Stato. Al Trade center ci solo imprese miste ed è praticamente occupato al 70% dal ETCSA e il resto dalle compagnie aeree e un po' di agenzie turistiche internazionali. Pedro Bis

      Elimina
    2. Miramar trade center ,edificio beijng,impresa mista stato Cuba/sig. Americo Amorim..ma importa poco solo per parlare a ragion veduta,nessun problema..come sul calcio di ogni persona ognuno a la sua idea..ciao
      Marco

      Elimina
    3. Confermo quanto dicono Franz e Marco,amentisco categoricamente che quanto dica Pedro bis sia corrispondente.Lo conosco molto bene a questo connazionale.Pedro ma le tue info le prendi dal Granma o direttamente dai libri di favole?
      Marco da Cuba

      Elimina
    4. Guarda, le mie info le prendo perchè Paolo non solo è un caro amico, ma anche perchè con il pesce ho qualcosa da fare a Cuba. Invece prendere le informazioni dalla rete, spacciandole per amicizia è ben diverso. Marco da Cuba, quando vuoi ti veniamo a trovare, visto che Paolo passa parecchio tempo a Holguin, per la nota cameronera che sta in provincia, e magari davanti a Lui confermi quello che qui è stato scritto. Cosa comunque già note e spesso smentite. Come dice Paolo, ridendo quando incontra certi nostri connazionali, che forse spinti dal invidia si divertono a raccogliere tutto quello che esce da Miami:- Io non mai spedito una postapay, mai ho dovuto mantenere la famiglia della mia ex moglie, sono un Italiano sposato a Cuba molto fortunato. E' una persona con senso dello humour molto spiccato. Qui chiudo il discorso. Pedro bis

      Elimina
    5. Bravo chiudi
      Anche perché non spedire posta pay non ha nei reso migliore nessun uomo

      Elimina
    6. Caro Pedro non posso fare il nome ma l'amico di Habaguanex che ha fatto i mobili e le finestre in legno alla casa di mio figlio lavora spesso per il sig. Paolo per arredi e mobili. Gran qualità ma un servizio in "esclusiva" e caro da morire. Quindi presumo che non se la passa male nonostante lo stipendio da fame che mi fa solo ridere. Franz

      Elimina
  17. Alla guida (nel caso della morte di paya) c'era Carromero che è Spagnolo. Lo svedese (Modig) era un passeggero come Paya.

    pippo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione
      Sì sentiva la mancanza delle tue precisazioni. . .

      Elimina
  18. Ragazzi se sparisce qualche commento inadeguato non chiedetemi perché. . .

    RispondiElimina
  19. Santa Fè- Ieri ho seguito l'intera discussione ma non ho compreso quale fosse il dubbio di alcuni sulla reale condizione dell'ex compagno della Castro, dal momento che si son separati senza astio è ovvio che gli ha trovato una buona sistemazione, veramente qualcuno crede che nel mondo esista un essere umano che tra mangiare e morire di fame scelga quest'ultima strada solo per principio?
    Però non me la prendo con chi è convinto che nell'isola esista veramente "l'unione comune dei beni" e che tutti sono allo stesso livello, anche io prima di sbarcare nell'isola ero certo che il sistema funzionasse a meraviglia e che il ceto sociale fosse uno per tutti, però, repetita iuvant, rispetto ai paesi limitrofi qualche vantaggio ancora esiste.

    RispondiElimina