mercoledì 27 agosto 2014

RITORNO DI COPPE

 

Oggi iniziano i turni di ritorno dei preliminari di coppe europee.
Il Napoli cerca l'impresa a Bilbao, la vedo non dura ma durissima, poi spero di sbagliarmi.
Perdere gia' una squadra ora sarebbe gravissimo per il nostro bistrattato calcio.
L'Inter non avra' problemi con i carneade islandesi, giusto un'allenamento per la partita di domenica contro di noi.
Domani sera, in un olimplico esaurito, affronteremo i croati in una partita che, se avessimo avuto qualcuno che la buttasse dentro all'andata, avrebbe potuto essere poco piu' che una formalita'.
Una buona notizia e' che Larrondo e' infortunato, se oggi un tir investe Barreto abbiamo qualche speranza.
Cerci e' ancora qua' ma ha rotto i coglioni.
L'impressione e' che Cairo, come e' gia' successo con Bianchi e D'ambrosio, arrivati a scadenza di contratto, abbia aspettato un po' troppo.
Ora, anche andasse in Inghilterra avremo pochissimo tempo per un sostituto adeguato.
Vediamo che accade e intanto....FORZA TORO! 

37 commenti:

  1. Rafa pare rinsavisca,fuori Britos inguardabile terzino per Gohulam,fuori Insigne per Martens e Inler per Gargano..scelte logiche che ammettono errore dell'andata..durissima dici?di più..non tanto perché i baschi siano superiori(Napoli ha oggettivamente più qualità)ma perché nell'ambiente napoletano non sembra esserci quell'unità di intenti dell'anno passato...intanto ci giochiamo la coppa e iniziamo campionato con tre dico tre centrocampisti di ruolo di cui uno Gargano...se arriva un'influenza siamo finiti..il tutto in uno strano silenzio di don Aurelio ed al silenzio quello però assordante di Rafa..ciao Milco
    Marco

    RispondiElimina
  2. P.s.: fantastico Palazzi uno dei personaggi più incompetenti ed asserviti al potere che ci sia in questo paese..non riscontra nelle parole del suo superiore e referente Tavecchio alcuna ipotesi di reato ed archivia tutto..creando giurisprudenza..da oggi chiunque nello sport potrà dire negro mangia le banane e non essere punito...fantastici entrambi..emblema del potere che umilia questo paese
    Marco

    RispondiElimina
  3. L’Europa, quella vera, adesso dista soltanto una partita. Da vincere a tutti costi, però. Perché domani alle 20,30 il Toro deve assolutamente fare un gol più dei croati dell’Rnk Spalato per poter arrivare per la prima volta nella sua storia alla fase a gironi di un’eurocoppa. Dopo lo smorto 0-0 dell’andata di giovedì scorso, ai granata serve segnare. Ci proveranno senza l’infortunato Larrondo, senza un Cerci con le valigie in mano da inizio ritiro e con la coppia Quagliarella-Barreto, al debutto dal 1’.
    L’ex juventino avrebbe dovuto partire titolare già a Spalato, ma le sue condizioni non ancora al top e soprattutto il pessimo stato del terreno croato avevano consigliato Ventura a utilizzarlo soltanto come cambio nella ripresa. Questa volta, sul bel prato dell’Olimpico e con la spinta di oltre 20mila tifosi granata, i colpi di Quagliarella potrebbero rivelarsi decisivi. «Da Fabio - dice il tecnico - ci aspettiamo passi avanti dal punto di vista atletico e pure dell’impatto. Ma non lo carichiamo certo di troppe responsabilità». Quelle che, invece, avrebbe avuto Cerci... «Alessio - osserva Ventura - nelle ultime settimane è stato sui giornali più di tutti e non credo che la sua testa possa essere sulla partita: è un’ovvietà il fatto che non ci sia. Aspettiamo la fine del mercato e poi vedremo».
    Domani sera, invece, il Toro non potrà aspettare. Ha sprecato ghiotte occasioni nell’andata, deve concretizzarne almeno una in casa. Senza pensare che domenica l’esordio in campionato sarà contro l’Inter. Vietato risparmiarsi, per centrare un’occasione più unica che rara. «Credo sia esagerato definirla la partita più importante della mia carriera - è l’avviso di Ventura -, ma nessuno qui nasconde il peso di una qualificazione che potrebbe essere storica. Vogliamo proseguire il percorso iniziato in questi anni che ci vede continuare a crescere ormai dall’estate 2011, dalla B a questi playoff per l’Europa League».

    RispondiElimina
  4. Sono felice per Adl ...voleva qualificarsi non spendendo un euro e lucrare sui 30milioni champions ed ora non può farlo...a me lascia sempre piu ' perplesso anche operato Rafa anche se dietro e in mezzo il materiale è quello che è..
    Marco

    RispondiElimina
  5. De Laurentis vuole fare il furbo ma ci ha lasciato lo zampino stasera! Ho sempre detto che se stasera il Napoli usciva, la sconfitta avrebbe segnato il rapporto tra Benitez e ADL, e vedrete che a fine anno, se non prima, Benitez saluterà, lui nei club senza soldi per il mercato non vuole starci perkè come tutti si gioca la faccia, e vedrete che andrà così, anche perkè il Napoli senza i 30 milioni non può fare mercato, e in campionato sarà dura arrivare nei primi 3 posti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Valter a Napoli si dice 'lo sparagno non è mai guadagno'...e stavolta pure un re dei furbi come Adl ci ha rimesso le penne e ben gli sta!d'accordo con te su Rafa io scommetto non finirà anno..beffa finale di una serata fantozziana annuncio acquisto di sconosciuto centrocampista Espanyol ...altro che fellaini,mascherano e company...beh mi sono tolto almeno il pensiero di tenermi libero i martedì e mercoledì...ciao
      Marco

      Elimina
    2. P.s. : se non fai niente per far rimanere Reina,se cedi Behrami e ti tieni ciò che hai in casa(Gargano ahimè)se in difesa cedi Fernandez non un fulmine di guerra ma migliorato e prendi Koulibaly che ci mette garra ma ha limiti enormi, se arrivi a giocarti un preliminare con Dzemaili e Pandev no convocati e Zuniga e Inler misteriosi desaparecidos non puoi aspettarti nulla di diverso!!!sperava di portarla a casa e intascare i milioncini e gli è andata male...e a noi tifosi pure
      Marco

      Elimina
    3. Lo scrivevo due settimane fa.....l'epilogo era scritto nel prologo.

      Elimina
    4. Rafa ha detto che uscire non e' stata una tragedia.
      Per lui e il suo lauto stipendio blindato!
      La societa' ci ha perso 25 milioni...

      Elimina
    5. Rafa chiede sempre giocatori...ma un buon tecnico deve anche saper fare legna con cio' che ha.
      Ventura, che non amo....dovra' rinunciare a Immobile e Cerci eppure faremo lo stesso una stagione dignitosa.

      Elimina
    6. Alle tue sacrosante parole aggiungo che il primo responsabile della porcheria è Benitez. La preparazione fisica era finalizzata ai preliminari: ma il Napoli è stato sovrastato e distrutto dal pressing alto e dall'agonismo del Bilbao. Con la difesa a centrocampo dei baschi bastava rubare palla e verticalizzare rapido, ma i contrasti li vincevano tutti loro. Maggio ha sbagliato l'impossibile, 1 e 3 gol sono colpa sua, il 3 una vera comica. Sia Maggio che Britos hanno rifiutato il trasferimento, ma tieni Mesto ed Henrique che in finale di stagione ha brillato sulla fascia destra. Zuniga mistero glorioso. Franz

      Elimina
    7. Te lo dicevo giorni fa.....

      Elimina
  6. Milco io credo che Cerci non parte, e se dovesse partire credo avrebbero già il rimpiazzo, non sono mica così scemi....mi puzza solo una cosa, il non averlo fatto giocare in EL....e delle pretendenti a Cerci solo l'Inter fa l'EL....questo mi puzza molto, soprattutto sapendo che Mazzarri stravede per lui., e che Guarin sicuramente saluterà. A me Cerci non piace personalmente, o meglio, preferisco Lavezzi....ovvio che Cerci non è l'ultimo arrivato, è un buon giocatore, ma a me non piace.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non lo fa giocare e' perche' si e' presentato in ritiro 5 kg sopra e per l'impegno non sufficente in allenamento

      Elimina
  7. Mi è piaciuta una frase di un giornalista locale napoletano che citando l'immenso Flaiano ha detto sul Napoli 'la situazione è grave ma non seria'.....in effetti.....al massimo comica o grottesca...ma grave(sportivamente)si....ciao promesso questione Napoli chiusa
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci vorrebbe Toto'...per descrivere la situazione

      Elimina
  8. Gentile Signor Aston le ho scritto in privato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho letto, in giornata ti rispondo.
      Ah...mi chiamo Milco...

      Elimina
  9. Santa Fè- Oggi tocca a NOI..FORZA VECCHIO CUORE GRANATA! "Cosa me ne farei, adesso, di una squadra medio alta che ogni tanto vince anche uno scudetto, che in sostanza fa della banale e incompleta imitazione del mio Grande Torino? Mi va benissimo questo Toro incerto e trepido, povero e modesto, che di quello d’allora è uguale nei sentimenti che attira, di amore e calore."
    (Giampaolo Ormezzano)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conosco sia Giampaolo che la figlia, personaggi interessanti

      Elimina
  10. Alla fine e' andata come si temeva e, sopratutto, si ha avuta la conferma che questo Napoli, cosi' com'e' non andra' molto lontano.
    Per giocare a lanciare lungo sperando in Higuain non era necessario prendere Benitez, bastava Mondonico...
    Una punta, tre mezze punte, due soli centrocampisti e una difesa che definire imbarazzante e' farle un complimento.
    Gargano......
    Piuttosto che vedere quel Zapata al Toro mi tengo Larrondo e perfino Barrondo....che e' tutto dire.
    Il Bilbao e' una discreta squadra ma con un tasso tecnico inferiore al Napoli, certo che giocando in quel modo e con quella difesa la sconfitta era inevitabile.

    RispondiElimina
  11. Santa Fè- Faraoni sarebbe un bel colpo però come dici tu lì davanti ci vuole qualcosa di "pesante"..ho comunque l'impressione che un bel colpo lo piazziamo, in effetti Zapata non mi entusiasma anche se come tu ben sai ho fiducia ILLIMITATA per il nostro Mister e Company.
    Ieri partita noiosa..mi son divertito di più dopo pranzo a vedere la finale Mondiale Under 20 Woman in Canada, Nigeria-Germania , risultato 0-1 dts, alcune ragazze non sfigurerebbero nella nostra Lega Pro.

    RispondiElimina
  12. In effetti brutta partita. Ma che stadio!

    RispondiElimina
  13. secondo me e' pure giusto che sia finita cosi' per il Napoli, Han criticato Mazzarri per anni, quando Lui va via invece di prendere Un allenatore han voluto sbandierare il nome, han continuato a parlare sempre di Mazzarri fino a una settimana fa, comprare e comprare giocatori della scuderia benitez...e cosa succede? OUT per forza benitez non sa far sudare la truppa...e adesso ADL cosa inventera' ??? Scudetto??? Occhio che il contratto di Benitez sarebbe dura stracciarlo....Anche nel calcio una qualche umilta' bisogna tenerla almeno all'inizio della stagione...CMQ anche se Cerci non andasse adesso con la pochezza che c'e' in Italia su quel ruolo, vedrai che in Gennaio squadre blasonate in cerca di riscatto se ne trovano....

    RispondiElimina
  14. A forza di vendere quelli buoni fai questa fine

    RispondiElimina
  15. .....Olimpiakos e Malmoe hanno piu' culo che anima....

    Roma con Bayern, City e CSKA....SON CAZZI!

    RispondiElimina
  16. i gobbi sicuro piu culo che anima,ma noi da quarta fascia ce lo aspettavamo,non abbiamo niente da perdere,il manchester deve stare attento.....paolino.

    RispondiElimina
  17. Primo tempo dopo il gol nulla. Ci sarà da soffrire

    RispondiElimina
  18. Bicchiere mezzo pieno..passati e comunque compatti dietro ..davanti poca qualità ma si sapeva sarà dura la prima contro Inter che mi pare tosta...comunque finita bene ,'notte
    Marco

    RispondiElimina
  19. L'assioma iniziale é : ...rigore è quando arbitro fischia !!!
    ( per gli eventuali gobbi & c. che meneranno il torrone ) .
    Ma c'era da correr dietro a Benassi .:-(

    RispondiElimina
  20. Il rigore ci stava, sopratutto in Europa dove gli arbitri non girano col la Fiat.
    Davanti abbiamo problemi, Barrondo (Barreto e Larrondo) stanno al calcio come Cecchi Paone alla figa.
    Martinez e' un robino leggeto, il Quaglia una deliziosa seconda punta.
    Manca uno che faccia a sportellate in area.
    Temo arrivi Zapata, meglio che niente a questo punto...
    Comunque l'importante era passare.

    RispondiElimina
  21. Sorride l’urna di Montecarlo al Torino, che ritrova l’Europa dopo vent’anni e viene accolto con un sorteggio fortunato. I granata erano in terza fascia, ma sono riusciti ad evitare le squadre più insidiose e possono affrontare il girone B di Europa League con ottime chance di qualificazione. Il Toro, infatti, ha pescato i danesi del Copenaghen come teste di serie e non club temibili come Tottenham, Siviglia (detentore del trofeo) e Psv.



    Il quadro si completa con i belgi del Bruges (seconda fascia, evitati così Wolfsburg, Celtic e Besiktas) e i finlandesi dell’Helsinki. Sarà un gruppo “nordico” per il Toro, e molto dipenderà dalle date delle trasferte, ma alla portata degli uomini di Ventura.



    I sorteggi di Europa League regalano un girone complesso per l’Inter, mentre Napoli e Fiorentina pescano avversari normali. Tutte e tre erano teste di serie. I nerazzurri dovranno andare in Ucraina per affrontare lo scomodo Dnipro e dovranno volare anche in Azerbaijan per sfidare gli sconosciuti del Qarabag, mentre la squadra della terza fascia è la francese Saint Etienne.



    Non proprio il girone più facile, anche se spicca il girone H con Lille, Wolfsburg, Everton e Krasnodar. La Fiorentina, invece, giocherà contro i non irresistibili greci del Paok Salonicco, il Guingamp (Francia) e la Dinamo Minsk (Bielorussia).



    Il Napoli, retrocesso dalla Champions, si giocherà il percorso di coppa contro Sparta Praga (Rep. Ceca), Young Boys (Svizzera) e Slovan Bratislava (Slovacchia). La prima partita è in programma giovedì 18 settembre.

    RispondiElimina