venerdì 8 agosto 2014

TIFON CRESCE



"Hoy tifon amanecio jugeton, no para de correr y de tirarce para riba a uno."

Come ogni sabato parliamo d'altro e non di Cuba.

Questa e' una frase della mia fanciulla, ieri.
I cani, al final, sono come i bambini, assorbono molto dall'ambiente circostante.
Certo esiste l'indole della razza, ma vale fino ad un certo punto, un cane aggressivo e' frutto, sempre, di un padrone imbecille.
Tifon sta' crescendo in un'ambiente sereno, insieme a due cocker, in una famiglia dove si parla e non si urla, dove e' amato ogni giorno.
Dico questo perche', questa estate, c'e' stato un ulteriore incremento, in Italia, di abbandoni di cani durante il periodo estivo.
Si parla del 15% in piu' rispetto allo scorso anno.
Quando si decide di portare a casa un cane non si diventa proprietari di un peluche, ma di un essere vivente.
Il cane non e' un regalo da fare al propio figlioletto, ma e' parte integrante della famiglia che decide di ospitarlo.
E' la famiglia.
Chi fa una scelta di questo tipo, sicuramente impegnativa, deve sapere che non restera' sempre cucciolo, che crescera', che avra' bisogno di spazi ed attenzioni, che rappresentera' anche un costo.
Arrivera' l'estate e bisognera' pensarci per tempo, in italia ci sono decine di campeggi che ammettono animali domestici, anzi lo fanno proprio per incrementare il business.
Io non riesco neanche ad immaginare come si possa accostarsi al guard rail di un'autostrada e abbandonare li', il proprio cane, una parte della propria famiglia.
Bastardi!
Ricordo che c'e' il penale, fino ad un anno di reclusione.
I canili, in questi periodi, esplodono letteralmente di cani abbandonati, ieri leggevo di una povera bestia gettata viva in un cassonetto dentro un sacco nero della basura....ma come cazzo si fa?
Fra l'altro molti veterinari prestano servizio gratuito nei canili, ma l'associazione di categoria e' contraria e vuole impedirlo, che porcheria di paese siamo diventati.
Purtroppo il mio stile di vita, qua', mi impedisce di averne un'altro, dopo i 14 anni dell'Akita, ma se potessi, ne prenderei uno domani.
Ricordiamoci che gli animali che decidiamo di metterci in casa, sono esseri viventi con un cuore e dei sentimenti.
Non tradiamo la loro fiducia.

6 commenti:

  1. Che bello. Anche il nome, chi lo ha scelto il nome?
    Pedro bis

    RispondiElimina
  2. Io ci legherei certi proprietari al gard rail. P68

    RispondiElimina
  3. Come non sopporto quelli che li addestrano per i combattimenti. P68

    RispondiElimina