venerdì 12 settembre 2014

VALE LA PENA

1526233_497782323673243_1019288504_n

Come dicevamo ieri, la casa e' uno dei primi dogmi per poter, successivamente,provare a realizzare qualcosa a Cuba.
Nei mesi scorsi abbiamo parlato delle possibilita' che offrono Cuba e le sue nuove riforme.
Sono uscite ipotesi tutto sommato credibili e, probabilmente, realizzabili.
La casa de renta, eventualmente il paladar, produrre gelati, cercare di muoversi nel campo dell'agricoltura, il chioschetto che vende qualcosa, le connessione internet adeguata per poter seguire, anche da la', il business che si ha in Italia ecc ecc.
Tutte situazioni fattibili e attuabili.
Questo giustifica l'idea di mettere su casa, in caso contrario, se il solo scopo e' quello di godersi al meglio la propria vacanza, la casa de renta va' benissimo.
Chi frequenta l'isola da anni ha trovato la sua casa de renta ideale, dove si sente in famiglia, spende il giusto, e' tutelato e ha una certa....liberta' di manovra.
Questo tipo di personaggio non ha alcuna necessita' di cercarsi grane o di correre i rischi di cui si parlava ieri, in assenza di Residenza permanente.
In 15 anni ho frequentato essenzialmente 3 case de renta dove mi sono sentito davvero uno di famiglia.
Oggi che le cose sono cambiate, mantengo un rapporto di stretta amicizia con tutte 3 le duenas.
Ma se si vuole pensare a una qualche forma di business la casa e' indispensabile.
Lo e' per motivi logistici ma anche di opportunita'.
Agli occhi del cubano, nel momento in cui uno yuma vive in una casa normale e' sempre uno yuma, ma non e' piu' un turista, qualcosa e' cambiato.
Se devi discutere con qualcuno di un business piccolo o grande che sia invitarlo a casa tua e' una priorita'
Portarlo in una casa de renta, sotto il sospettoso occhio della duena, e' una cosa del tutto differente..
Molti hanno scelto, per motivi di opportunita' quando non di quieto vivere, di mettere mano alla casa dei suoceri per ristrutturarla disegnando anche un' angolo per se stessi e la propria famiglia, per il periodo che si riesce a trascorrere a Cuba.
E' una scelta come un'altra non necessariamente peggiore di altre.
Se si vuole iniziare ad entrare nel tessuto sociale cubano, essere visti con un'occhio differente, uscire dallo status, anche comodo, di turista, avere una casa “propria” e' a mio avviso fondamentale.
Inutile poi ricordare i vantaggi dal punto di vista della comodita' dall'avere una casa propria piuttosto di un cuarto, anche bello, de renta.
Fra l'altro le spese delle utenze riguardanti una casa a Cuba sono ,al momento, e per le nostre tasche, assolutamente risibili.
Personalmente ritengo ne valga la pena, una volta accettato il rischio.
Poi, ogni testa e' un piccolo mondo.

64 commenti:

  1. Per ora mi appoggio in casa dei suoceri.
    Certamente il fatto che non sia in una zona particolarmente interessante e che sia necessario spostarsi in botero per raggiungere l'havana o il mare, unito alle condizioni generali del pueblo, mi spinge a non investirci più di tanto.

    Abbiamo sistemato la cucina, messo l'aria condizionata. Quest'anno si darà un colpo al bagno. In totale un duemila euro. Nulla di più.

    Chiaramente l'obiettivo è quello della casa tutta nostra all'havana.

    Simone

    RispondiElimina
  2. La casa sicuramente è una priorità a certe condizioni. Stefano

    RispondiElimina
  3. Concordo con tutto. La casa in qualsiasi lato del mondo, soprattutto per noi italiani, rappresenta il mattone indispensabile per iniziare un nuovo progetto. Concordo anche quando Milco dice "...una volta accettato il rischio"... perché di rischi ce ne sono tanti ed il minimo che si deve mettere sul piatto sono i 30000 urini (acquisto, viaggi per visionare carte ed immobili, ristrutturazioni. Quali sono i rischi? Perdere l'investimento senza recuperare in alcun modo. Togliendo gli immobili statali nati per essere acquistati da stranieri, quindi con cifre alquanto alte... rimangono i soliti due modi per acquistare: 1 acquista cittadino cubano prestanome 2 si ha una residenza permanente e quindi si hanno delle deroghe alla legge. il secondo caso lo tralascio perché credo conosciate molte poche persone che abbiano la fortuna di lavorare e vivere a cuba, quindi rimane la prima possibilità. Perdere fidanzata mogli suoceri ecc tutti i prestanomi possibili a cuba è semplicissimo. Poi tranquillamente posso affermare che a convenienza i malcapitati vengono messi alla porta con il beneplacito automatico dei tribunali cubani. Quindi se 30/40000 urini non sono un problema allora rischiarli per inseguire un sogno può essere una soluzione.... ma se come ho letto c'è gente disposta ad aprirsi un prestito in italia per acquistare a cuba allora merita l'appellativo di italiota... poi come Milco ha detto ogni testa è un piccolo mondo. Il rischio è grande... paragonabile ad una giocata al casinò, però io quando vado al casinò ci vado per divertirmi non per vincere... quindi... max.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma forse il concetto non è chiaro: nella residenza permanente, la parola permanente è fuorviante. Per mantenere la RP non bisogna vivere nè lavorare a Cuba ma tornarci ogni 2 anni. Franz

      Elimina
    2. Sicuro che non sia richiesta un minimo di presenza?

      Elimina
    3. Nei requisiti richiesti non c'è traccia di minimi temporali di permanenza. Quello che è decisiva è la certificazione notarile della casa in cui si iscrive la residenza che è normalmente quella della moglie cubana, o figlio nato Cuba. I 2 anni sono in corrispondenza degli stessi concessi dalla nuova legge migratoria ai cubani che escono dal paese senza matrimonio. Franz

      Elimina
    4. Se ci passi una settimana ogni anno ho i miei dubbi che te la lascino

      Elimina
    5. Determinano i requisiti e non il tempo che trascorri a Cuba, tra i requisiti non c'è il minimo temporale. La rp muove soldi e l'emigracion se ci stai 9 mesi o 3 settimane all'anno se ne sbatte. Poi della rp è garante la cubanità della moglie e del figlio del yuma. Franz

      Elimina
    6. Domanda
      La puoi richiedere anche da non sposato ma con figlio riconosciuto?

      Elimina
    7. Certo il semplice figlio riconosciuto senza matrimonio con la mamma dà diritto alla rp. Sull'adottarlo invece è davvero problematico e si entra in un terreno minato. Mi raccomando Milco quando stai per diventare papà è preferibile essere presenti al parto. Nel mio caso al clinico di Santiago vi è un ufficio dell'anagrafe per i nascituri dove padre e madre firmano il cerificato di nascita. Franz

      Elimina
    8. Corri troppo.....sono ancora giovane...comunque buono a sapersi.
      Io presente al parto?
      Ni muerto!

      Elimina
    9. Per dare il cognome al nascituro è meglio stare sul posto quando nasce. Se il papà Yuma arriva dopo la nascita per il cognome non è così immediato. Franz

      Elimina
    10. Prima che arrivi qualcun altro. . .

      Elimina
    11. Max io avevo scritto che l'unica soluzione per chi non ha contanti, e deve comprare casa a cuba, è quella di prendere i soldi in banca in Italia, per comprare casa a cuba....Milco diceva che le case si comprano in contanti a cuba, che non esistono mutui, e se uno non ha i soldi contanti, come fa a comprare casa? Questo intendevo io..

      Elimina
    12. Tornando al prestanome, solo un pazzo (conoscendo i cubani, come tutte o quasi le persone del mondo) può affidarsi a lui per comprare casa, a meno che non abbia euro da buttare..

      Elimina
    13. Sì ma i soldi devono essere tuoi o al limite un finanziamento. Lascia perdere discorsi su un mutuo.

      Elimina
    14. Si per 30 mila euro basta un finanziamento....va bene anche una cessione del quinto dello stipendio ad esempio, ma comunque sempre da prendere in Italia.

      Elimina
    15. Oggi ottenere 30 mila euro non è facilissimo

      Elimina
    16. Concordo, soprattutto per chi non ha un lavoro a tempo indeterminato, e spesse volte nonostante tutto ci sono problemi...è verissimo.

      Elimina
  4. Concordo in gran parte. Diciamo che a oriente con 15/20 mila compri già qualcosa di discreto

    RispondiElimina
  5. i limiti temporali? come straniero residente puoi uscire e rientrare dal paese quando vuoi. il problema è quando devono dartela la residenza, non è così semplice. cmq siccome fran ci determina la discussione con dati sempre puntuali magari riesce a dirci quanti italiani in questo momento hanno la residenza a cuba.
    Per quanto riguarda il prezzo degli immobili ad oriente concordo con Milco, sulle cifre anche a camaguey con 15/20 ed un po' di contrattazione puoi trovare buoni affari. max.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai sul sito della casa che ho preso, guarda i bagni e le rifiniture e dimmi se ho speso una gran cifra. . .

      Elimina
  6. Caspita Milco la casa è davvero grande e accogliente: quanto hai pagato per non essere indiscreti? Stai nel centro di Tunas? Franz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono a 3 cuadre dal centro, nel miglior barrio cittadino, al confine fra quello deportivo e quello medico.
      Di fronte mi abita Urrutia, quasi di fianco Bruzon.
      Pagata 19000 compresi i modili di cucina, (quello sopra il lavabo sopratutto), il calientatore e un'aire.

      Elimina
    2. Veramente poco, nel tuo caso il gioco vale la candela. Non hai fatto restauri? Comunque gran prezzo. Franz

      Elimina
    3. Non ho toccato ancora nulla, i mobili che vedi sono del vecchio proprietario italiano.
      Non ho praticamente quasi nulla da fare.
      Al limite una pitturata e mettere le sbarre da Alcatraz all'entrata.
      Devo arredarla questo si....

      Elimina
  7. Tornato alla base italica. Ho volato Roma-Santiago ida y vuelta con BP, ritardi del tutto accettabili... mezz'ora all'andata ed un'ora al ritorno...e tra l'altro il ritardo del ritorno è stato dettato dal fatto che una trentenne cubana si è presentata borracha, ha vomitato anche l'anima qualche minuto prima del decollo, è intervenuto il medico dell'aereoporto, è stata giudicata non in grado di volare e quindi è stata fatta scendere (lei non era d'accordo) con patrulla ai bordi della pista....chissà come le è andata.... nel complesso il miglior viaggio mai fatto con BP...e la comodità di arrivare a Santiago è importante per un guantanamero come me. Soprattutto pensando che qualche giorno dopo ho dovuto fare Guantanamo-Habana in guagua, esperienza interessante ma da non ripetere.... Gari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gari ho spostato qua' il post.

      Bentornato e come hai trovato l'isola?

      Novita'?

      Elimina
    2. Ciao Gari hai viaggiato col viazul? Te lo chiedo per sapere se il prezzo del biglietto è aumentato o no.

      Elimina
    3. si, ho viaggiato con viazul ....nessun aumento sulle mie tratte...guantanamo santiago 6 cuc - santiago habana 51 cuc....gli stessi prezzi di dicembre 2013
      Gari

      Elimina
    4. Confermo allora...non ricordo quanto costa il volo interno, ma conviene il viazul sia per i costi che per la sicurezza di non perdere il volo per l'Italia...col volo interno si rischia che al momento di partire non si parte per la pioggia, e altre menate varie, e sei fottuto per il rientro in Italia..Unico difetto del viazul che dentro ci sono 3 gradi ahahahah aire a manetta, e 15 ore da sorbirsi...

      Elimina
    5. esatto...15 ore a temperature polari (considerato il caldo che fa fuori)....io mi son beccato una tonsillite....però è un viaggio istruttivo, si passa per tutta l'isola, come fare un milano-palermo a casa nostra....
      Gari

      Elimina
    6. Esatto...considera che ogni volta che vado a cuba, arrivo all'havana, ritiro el carro, e col mio amico ci mettiamo in viaggio direzione santiago...sosta a santa clara, per dormire 5-6 ore, poi tutta una tirata fino a santiago....sono le 10 ore di viaggio più belle, e ogni volta le faccio con piacere immenso, perchè è sempre un emozione nuova tagliare cuba a metà in auto, e vedere quei paesaggi da sogno...mentre al ritorno prendo il viazul per la capital, se il mio amico si ferma ancora a cuba....

      Elimina
  8. Ciao!
    L'isola l'ho trovata bene, meglio di quanto pensassi...o almeno questa è l'impressione che ho avuto in un mese di permanenza. Mi spiego con un esempio....a dicembre collegarsi ad internet era semplice, andavo all'etecsa ed in due minuti avevo un pc libero. Adesso file pazzesche, internet è sempre più richiesto, la domanda è superiore all'offerta (nonostante i 4,50 cuc all'ora), sia in Guantanamo che nella stessa La Habana. E lo stesso dicasi per i collegamenti email per il movil: ho visto file, file e ancora file di gente.
    Situazione sanitaria migliore di quanto si paventava anche qui sul blog, ero preoccupato prima di partire, ma anche nella mia Guantanamo (che non è La Habana in termini di igiene) non ho visto emergenze così preoccupanti in tema di colera o dengue.
    Però ci vuole prevenzione e attenzione, sempre, soprattutto per noi che non abbiamo certi anticorpi.
    Ho visto nuovi investimenti, nuovi locali, cuentapropismo in crescita: pensavo di trovare una Cuba depressa, ed invece ho visto una Cuba viva e vispa.
    A La Habana hanno aperto una bellissima birreria al porto, con tecnologia austriaca: Antiguo Almacen de la madera y el tabaco si chiama. Birra artigianale buona davvero. Se passate per la capitale vale la pena visitarla.
    Ho passato tre giorni anche a Guardalavaca in un albergo di categoria media: anche lì quasi solo cubani, e tanti. Certo, cubani di ritorno dalla mision, o che lavorano all'estero, però con famiglia cubana al seguito, cugini e zie comprese.
    Credo anche io che l'unificazione monetaria sia vicina: ormai quasi dappertutto si accetta la doppia moneta.
    Per chiudere una nota di colore: la novela del momento si chiama Paraiso Tropical, si svolge in Brasile, e come sempre tiene incollati i cubani alla poltrona.
    A disposizione per chiarimenti ed informazioni.
    Gari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gari, anche il mio amico, anch'esso tornato due giorni fa, dopo 3 mesi alla isla, mi ha detto le stesse cose...l'ho scritto due,tre post fa, nei commenti...però ho l'impressione che a svilupparsi sia solo la capital, mentre il resto dell'isola non dico che arranca, ma credo siamo li...Devono capire che Cuba non è solo l'Havana, altrimenti si formeranno due paesi dentro lo stesso paese.

      Elimina
    2. E' un peccato Milco, perchè si sviluppa solo una zona, a danno del resto dell'isola..

      Elimina
    3. Hai ragione Valter, La Habana è uno o due passi avanti rispetto al resto dell'isola, però devo dire che un certo fermento l'ho visto anche nella mia Guantanamo che, a torto o a ragione, è considerata la provincia più sfigata e abbandonata della Isla....
      Gari

      Elimina
    4. Gari un certo fermento si vede anche a Santiago, ma bisogna vedere le proporzioni di sviluppo, tra capital e resto dell'isola...Io manco da Santiago da un anno, spero di trovarla frizzante quando vado a dicembre...come la tua Guantanamo..

      Elimina
    5. sono stato a santiago un paio di giorni (non mi sono fatto mancare nulla in questo viaggio), e l'ho vista in sintonia con il resto della Isla...fermento e aria nuova...mi auguro che a dicembre la trovi così anche tu
      Gari

      Elimina
    6. Gari quando torni tu a Cuba? Se sei a Guantanamo vengo a trovarti, tanto ci capito spesso...

      Elimina
    7. Guantanamo Santiago sono 80 km, un viaggetto semplice semplice...adesso mi fermo un po' qui, devo lavorare, ma ci sentiamo e ne parliamo....a Santaigo tengo un alquiler di fiducia nella zona Santa Rita
      Gari

      Elimina
    8. Io sono carrizzato a Cuba :-) 80 km con una peugeot 206 e con la strada libera ci metto 40 minuti a farli...però teniamoci aggiornati qui...se coincidono le nostre vacanze qualche volta ci vediamo dai... Buonanotte Gari a domani!

      Elimina
  9. Bravo. Preciso e puntuale come sempre

    RispondiElimina
  10. Magari con un po di coraggio ci si potrebbe inventare un negocio sulla loma de el Capri, che qualcuno che segue il blog conosce bene x averci casa. Qua ho visto qualche cubano fare commercio con aghi e spagnolette di filo, oppure ricaricarsi accendini e penne Bic. Milco tu che puoi tieniti ben stretto quello che hai qua. P68

    RispondiElimina
  11. Per me valgono i discorsi di sempre
    però mi basterebbe creare un qualcosa di supporto a Cuba
    perlomeno ci provo poi si vedrà

    RispondiElimina
  12. Se per utenze intendi acqua e luce sono d'accordo...ma senza connessione internet oggi siamo fuori da tutto, fuori dal mondo, e uno che con la rete ci lavora, ci crea reddito, e fondamentale, e a cuba questo al momento ancora è tabù..Per la renta sono d'accordissimo, anche io vado dalle solite 2-3 duene da quando frequento Santiago, anche perchè diciamocelo francamente, è quasi impossibile, se non impossibile, voler male alle donne adulte cubane, almeno io, ho sempre incontrato della madri adottive, poi è logico, bisogna anche sapersi comportare, non basta trovare la brava "madre", chi vuole affetto e rispetto, deve essere il primo a darlo, su questo non si scappa.

    RispondiElimina
  13. Nelle case de Renta vale sempre una antica regola. Cuidate que Yo te cuido

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, grande Milco!!! Una domanda, non mi ricordo se ce lo avevi detto...tu hai comprato casa a Tunas, ma non hai la RP se non ricordo male vero? Mi sembra che hai detto che hai fatto tutto tramite novia, per via della mancanza della RP se non ricordo male...che poi tra prestanome e novia meglio alla grande la novia, anche se i rischi sono pari pari alla fine.

      Elimina
  14. Se per ogni sbaglio avessi mille lire che vecchiaia che passerei
    Vedremo. . .

    RispondiElimina
  15. Milco il mio era solo un ragionamento, ci mancherebbe, ti auguro tutto il bene e la felicità del mondo con la novia!!!! Ho visto la casa, è bellissima, tv da urlo, a schermo piatto....davvero bella complimenti!

    RispondiElimina
  16. Nella vita ci vuole anche fortuna. Spero mi tocchi.

    RispondiElimina
  17. In bocca al lupo, di cuore

    RispondiElimina
  18. Vero che ci vuole fortuna, ma ci vuole anche talento....e tu ne hai da vendere per certe cose...non lo dico per lisciarti il pelo, ma perchè lo penso! Sai quello che vuoi, e sai muoverti bene, poi si vede che ci metti passione, e non è poco!

    RispondiElimina
  19. ahora mismo me llamo G. para decirme que ya se mudo y que la casa lleva durmiendo sola como 4dias, tambien me dijo que fuera a buscar la llave de la casa para que mi papa duerma en ella, porque esta el aire, el calentador y la turbina solos y se lo pueden robar, mas que estamos con bispera al carnaval, de esta forma ven que la casa no esta sola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai ci siamo, adesso c'è solo da ingranare la marcia giusta. I giorni alla partenza adesso finiranno per non passare mai. Emozioni che ci fanno sentire vivi.

      Elimina
  20. Ciao a tutti, parlando di case io sto dando un'occhio qui e la per una casa singola nel miramar e siamo già sopra 100.000 euro come costo... e mi dicono che se ne vendono anche parecchie a questi prezzi.. confermate? Matteo

    RispondiElimina
  21. Anche a Tunas puoi spendere, se proprio vuoi, quelle cifre

    RispondiElimina
  22. Milco, qual'è e quanto costa +o- la casa più bella di las tunas?
    Franco

    RispondiElimina
  23. Non saprei. Ci sono case che valgono oltre i 200000 dollari
    Secondo i loro proprietari. . .

    RispondiElimina