mercoledì 5 novembre 2014

UN PO' DI DISILLUSIONE

 

Occorre, prima di dire qualcosa sulla Cuba che ho trovato, fare una precisazione che potra' sembrare, ad alcuni, superflua ma che, a mio avviso, e' indispensabile per dare un senso piu' compiuto a tutto il contesto.
Gente indubbiamente piu' intelligente di me afferma che la vita di ognuno di noi e' fatta di cicli.
Cicli che possono durare dai 5 ai 10 anni, dopodiche' si diventa qualcosa di differente, non so se migliori o peggiori ma sicuramente cambiamo
Questo vale per le nostre convinzioni, il nostro aspetto fisico, la nostra progettualita', il nostro rapporto col tempo che passa e col denaro.
Sono sbarcato a Cuba a 38 anni, oggi ne ho quasi una quindicina in piu' e il mio punto di osservazione delle cose e', giocoforza, differente rispetto al passato.
Fra la Cuba di oggi e quella di qualche anno fa ci sono sicuramente delle differenze, oggi, vedendo le cose da un differente punto di vista, frequentando tipologie di persone differenti e vivendo in un modo diverso dal passato, riesco a dare peso a cose che, magari, in passato trascuravo.
Chiariamo subito che per il classico turista da 2/3 settimane le cose non sono poi cambiate cosi' tanto, anzi, se vogliamo sono pure migliorate.
Certo,con le fanciulle le "regole d'ingaggio" si sono un attimo modificate rispetto al passato ma, facendo una comparazione con tanti anni fa', tutto e' piu' semplice.
Oggi ci sono, a Tunas, tanti posti dove mangiare decorosamente, con esborsi che vanno dai 50 pesos a 15 cuc a testa, quindi ottimali per tutte le tasche.
Nelle tiendas di alimentari e' tornata perfino la Barilla, si trovano vini di differenti marche, ho persino trovato la gorgonzola....
Quindi per un giro rapido di giostra e' sempre un gran bel posto.
Se pero' ci passi piu' tempo, vivi in un contesto che, pur continuando ad essere in parte turistico, si apre verso il modo di vivere cubano, allora ci si rende rapidamente conto che la situazione e' peggiorata rispetto al passato.
Sono stati proprio i miglioramenti a farla peggiorare.
Il cubano non ha mai avuto, storicamente, un cazzo; si sarebbe portati a pensare che, nel momento in cui iniziano ad avere accesso a qualche costoso ninnolo a cui noi siamo abituati, la cosa potrebbe essere sufficente, ma nella vita le situazioni non funzionano in questo modo.
Nel momento in cui si ha qualcosa di piu' e' logico pretendere di migliorare ancora, di avere accesso qualcosa di migliore, ma la Cuba attuale non consente di spingersi troppo oltre.
Per una questione anagrafica, legata all'eta' della persona che frequento, ho avuto modo di conoscere tante ragazze e ragazzi di 20/25 anni.
Non parlo dei troioni e dei fancazzisti che si avvicinano a noi sperando di avere qualche vantaggio, ma di gente che lavora nelle tiendas o in qualche oficina statale, universitari, gente che potrebbe andare presto in missione.
Insomma la gioventu' cubana per cui noi, stranieri, non siamo altro che gente che ha avuto la fortuna, non il merito, di nascere in una parte del mondo piu' sviluppata.
Ebbene non uno, dico uno, di questi ragazzi vuole fermarsi a Cuba, tutti ma dico proprio tutti, vogliono andarsene.
Alcuni per costruirsi un futuro ad altre latitudini, altri anche solo per vedere coi loro occhi come si vive in un altro paese.
Troisi, in un suo celeberrimo film diceva che un napoletano non necessariamente se lascia Napoli ...emigra....puo' anche solo volere fare un viaggio.
La nuova ley migratoria ha passato la palla dall'altra parte della rete, oggi siamo noi a limitare le antrate ma e' anche vero che si puo' provare a chiedere un visto di entrata per qualche paese della regione, tipo il Messico, per poi da li' raggiungere la terra dell'"enemigo".
Nessuno, o quasi nessuno, pensa piu' di andarsene illegale, almeno nessuno di quei ragazzi, tutti vogliono andarsene ma vogliono avere la possibilita' di poter ritornare, eventualmente, a Cuba.
Ma non solo i giovani, coi loro 12/13 dollari al mese di salario, sono scazzati.
La gente e' stufa di dover fare la coda per tutto, di vedere i prezzi che aumentano senza una logica, di sentire ogni giorno alla televisione la mesa redonda che parla del bloqueo, di non saper come sbarcare il lunario visto che lo stipendio e' gia' evaporato nel pagamento dei debiti il giorno stesso in cui viene ritirato.
Ovviamente, come e' sempre avvenuto nella sua storia, il cubano....aspetta non si sa bene cosa, ma aspetta.
Nel frattempo partecipa alle riunioni del partito, dove si discute di cose gia' decise altrove, cerca di sgrafignare sul lavoro dove e come puo', si inventa di tutto per tirare su qualche soldo e cerca di sopravvivere.
Rispetto al passato ho notato tanto piu' scazzo e disillusione, come dicevo all'inizio probabilmente perche' ho visto le cose da un diverso punto di osservazione vivendo in una casa normale e condividendo (risolvendoli per$onalmente quando possibile) i problemi del quotidiano.
Certo non ho fatto la coda per ritirare il "pollo por pescado" della libreta, il livello di vita era un superiore rispetto alla classica famiglia tunera, ma nessun lusso e nessun fronzolo particolare.
In questo modo ci si rende conto delle piccole e grandi battaglie che una famiglia cubana, pur con qualche soldo nel borsillo, deve affrontare ogni santo giorno.
La gente ora parla apertamente dei problemi di ogni giorno e la tv, e' il caso del programma "Cuba dice", non nasconde piu' il malcontento della popolazione.
Tutti aspettano riforme che consentano di poter portare a casa un salario decente, un salario per cui se si rompe un bicchiere in casa non e' un dramma, perche' un cuc lo si puo' spendere per sostituirlo, giusto per fare un esempio.
Parlo della Tunas fidelista e "comunista" suppongo che nella capitale, dove di certe implicazioni politiche se ne fottono, il malcontento sia decisamente piu' marcato.
Ripeto, per chi va' a godersi la classica vacanza e' tutto ok, le differenze rispetto al passato si notano passandoci piu' tempo, frequentando la gente che, solitamente, con noi non ha nulla a che fare e vivendo una vita tutto sommato normale.
In tutte le tiendas si puo' pagare indifferentemente nelle due divise.
Su Cubadebate, che si puo' leggere anche dal movil con 3/4 messaggi di notizie al giorno, al costo di un cuc al mese, a inizio ottobre parlavano del banco cubano che sta' ultimando le ultime procedure per l'unificazione monetaria che, non escludo, potrebbe concretizzarsi a inizio anno.
Cambio a 25, come e' esposto nelle tabelle presenti nei negozi, quindi le nostre paure dei mesi passati, pare, fossero infondate.
Boulevar nuovo, paladar nuovi e altri ....di prossima apertura.
Per il resto ho visto cose che voi umani.....ma questa non e' una novita'.

36 commenti:

  1. da Mario Firenze
    ciao a tutti...anche io nell'ultimo viaggio ho riscontrato quello che dice Aston....che dire...non rimane che aspettare e vedere.....inserisco l'indirizzo di questo articolo che riguarda speriamo una piccola novità spero concreta per il futuro di un possibile turismo diverso.....http://www.traveltradecaribbean.es/punto-de-vista-cuba-extiende-modalidad-de-turismo-agrario/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le potenzialità sono enormi ma la capacità imprenditoriale è ai minimi termini

      Elimina
  2. Ciao e bentornato,Io penso che questi malumori ci siano sempre stati e io li ho sentiti spesso anni orsono,adesso sono più disinibiti e quindi non si mettono nessun problema a parlarne apertamente davanti a te o me. E' assolutamente vero che più vedi o più hai e più desideri,basta guardare qui da noi;chiaro che si ha rimpianti per come era...però il fatto di avere tante possibilità di mangiare bene a pochissimo e poter andare in tanti posti(almeno a Camaguey( dopo la cena,non è male.Max

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero però oggi mi sembrano davvero più disincantati. Non si fidano più di nessuno. A torto o ragione

      Elimina
  3. Ciao sono Giuseppe, a Santiago la situazione e' la stessa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda Giuseppe sono cose piuttosto normali, sopratutto se si parla di giovani.
      Ogni nuova generazione vuole pasar meno trabajo di quella precedente e i giovani cubani non fanno eccezione.
      Mancano prospettive per poter mettere su una famiglia e vivere decorosamente, quindi si spera di poter svoltare in altri lidi

      Elimina
  4. Ciao aston ben tornato,dal tuo racconto si capisce che le cose peggiorano a cuba come nel resto del mondo.......che brutta epoca.....Paolino.

    RispondiElimina
  5. Ma sai per noi le cose al momento cambiano poco. Bisogna vedere in prospettiva

    RispondiElimina
  6. Ciao Milco, è un piacere ritrovarti.

    RispondiElimina
  7. Ciao Milco bentornato!!! io parto per Cuba il 20 novembre e resterò nella isla 5 settimane....3 gg subito all'Avana (finalmente avrò il piacere di visitarla visto che nei precedenti viaggi ho fatto solo Trinidad), 2 gg a Vinales e poi vado a Trinidad...conto di fare un salto a Cienfuegos/Santa Clara/Remedios....Alessio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Cuba non fare mai troppi progetti di viaggio.
      Puo' apparire in ogni momento un culo di mulatta da blocco aortico a modificarti l'itinerario...

      Elimina
    2. Hahahaha hai ragione!!!!! Alessio

      Elimina
    3. 33 volte a Cuba qualcosa insegnano

      Elimina
  8. Milco per caso ti è giunta notizia di possibili forti aumenti sulla tassazione alle case particular? Alessio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente no.
      Se tornano ai 150 mensili di prima ci metto un'attimo a staccare l'adesivo e a fare la camera degli ospiti.
      Attualmente sono 35 cuc a cuarto oppure 30 se sono all'interno di una casa che renti per intero.
      Piu' il 10% di cio' che paga il cliente...o meglio di cio' che NOI segnamo come pagamento diario...

      Elimina
    2. Già hanno reso le case meno convenienti degli hotels .... se solo ritoccano in alto le quote finisce la giostra e adios .
      Lo sanno e non lo faranno !

      Elimina
    3. La avvale tassazione ha permesso molte nuove aperture e evitato chiusure nei momenti di magra

      Elimina
  9. Ciao Milco mi ha molto colpito questo tuo scritto, dici che riesci a dar peso a cose che in passato trascuravi, io invece forse per una parabola di vita cubana inversa alla tua mi rendo conto che mentendo a me stesso cerco di ignorare(contrariamente a quanto facevo in passato) ciò che scrivi; mi sono immerso nella frizzante e caotica vita habanera dove è difficile avere rapporti veri con cubani sinceri e vivere di nuovo le situazioni che descrivi..illussione...puoi passare ore in un parco giochi ma prima o poi ne esci..se riesco a gennaio tornerò in Oriente a salutare i vecchi amici di Holguin e dell'Herradura(ci sei stato qualche volta? stanno bene i ragazzi del chiosco in spiaggia?)..mi spiace trovarti un po' disilluso..un abbraccio
    Marco

    RispondiElimina
  10. Ciao Marco
    Forse non hai colto bene il senso del mio scritto
    Disilluso è il giovane cubano con poche prospettive davanti
    Per noi turisti, dicevo, le cose vanno persino meglio del passato. Vivendo per un tempo largo da quelle parti non puoi però girare con le fette di prosciutto agli occhi

    RispondiElimina
  11. Si infatti mal interpretato , mi era parso di leggere tra le righe una tua certa disillusione oltre a quella dei giovani cubani, meglio così. ..felice di rileggerti..sai che nella capitale in zona Havana vecchia/Malecon/Centro Habana hanno aperto una quantità di chioschetti /ristoranti con amplissima scelta gastronomica e che la domenica in quel di Galiano c'è un mega mercato che vende magliette di marca (false..ho preso 4 polo le coque sportif molto carine) e copie degli orologi di marca tipo mercato thai (dei rolex d'oro con diamanti agli indici pacchianissimi)..ciao Milco
    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per essere disillusi bisogna prima essere illusi e io non mi sono illuso mai di nulla, nanche e sopratutto qualdo le cose non sono andate come mi aspettavo.
      Figurati ora dove tutto va alla grande...

      Elimina
  12. Leggendo il parere di Milco mi balza subito in mente un pensiero....se va male per noi culi bianchi europei, con la crisi e tutto il resto, come può andar meglio e migliorare Cuba? Poi giustamente un conto è vederla con gli occhi del turista da 2 settimane, un conto passarci più tempo in situazioni "extra turistiche"...
    Milco mi hanno detto (e tu in caso conferma o smentisci) che i ragazzi ma soprattutto le fanciulle rispetto ad anni fa, oggi girano tutte o quasi con smartphone, vestite alla moda, ecc ecc, ed è strano sapendo che fino a 3 anni fa per loro possedere un nokia da 10 euro era come possedere un diamante...tu come l'hai vista Cuba sotto questo aspetto e sotto l'aspetto tecnologico? E' sempre un casino connettersi ad internet?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non tutte.
      Per comperarsi la bicicletta, prima di conscermi, la fanciulla ha criato 2 puerco e un telefono del cazzo lo pago' a plazo.
      Ora ha la stessa bicicletta e un Samsug da me dismesso, i vizi ce li hanno se qualcuno glieli concede.
      C'e' chi ha rimesse importanti da fuori ma anche chi un jeans lo paga in 3 mesi.
      MAI GENERALIZZARE COME FANNO TANTI IDIOTI VIRTUALI.

      Elimina
  13. Primo tempo in Finlandia zero a zero
    Solito Toro di questa stagione, otto che difendono e tre che attaccano.
    Dura segnare così

    RispondiElimina
  14. Sì perde contro una squadretta
    Ventura non ci capisce più nulla
    non lo reggo più. . .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso che ventura stia facendo bene coi giocatori che ha.paolino.

      Elimina
    2. Da quanto non vedi una partita del Toro?

      Elimina
    3. Stendiamo un pietoso velo ....

      Elimina
  15. Milco, e' sempre un piacere leggerti.
    Asciutto e appassionato, insieme.
    Beh un tuo illustre corregionale fu il grandissimo Bocca Giorgio.
    Confermo la tua sensazione...
    Quello che mi arriva da parenti e amici non e' all'insegna del massimo entusiasmo.
    Ma in fondo questa disillusione e' planetaria.
    Gli unici che ne sono esenti sono gli sceicchi arabi.
    Purtoppo personalmente dovrò aspettare ancora diverso tempo prima di verificare di persona.
    Che invidia per tutti Voi che vi anccingete a partire.
    Beh però' quando torno a casa la sera il mio mondo italo-cubano e viceversa me lo godo tutti i giorni.
    Ma quanto mi manca vedere spuntare il profilo della Isla Grande da finestrino dell'aereo....
    Sigh....

    RispondiElimina
  16. Caro Jacopo ti dirò che dopo sei settimane sono tornato volentieri qua'.
    Clima a parte. . .

    RispondiElimina
  17. Pero non mi sembra abbia una squadra per fare meglio,certo che tu sei deluso dal gioco io vedo i risultati.domenica la vedr.paolino.

    RispondiElimina
  18. Con questa squadra e il suo luminare se arriviamo agli ottavi e ci salviamo in campionato è grasso che cola

    RispondiElimina
  19. Il Luminare si è scusato coi tifosi per la figuraccia. Mancava solo che tirare di nuovo fuori la menata del "percorso di crescita". . .

    RispondiElimina
  20. ciao Milco e bentronato,per confermare il tutto queste due righe mi sono arrivate ieri da Jaguey Grande " si tú puedes que me mandes unas pilas mediana y de la más finas para la linterna y si puedes algo de sazón y algunas pastillitas (dado italiano) o comino para la comida que aquí están perdida" questo pueblo credo che sia più o meno come il tuo.... ciao taxidriver

    RispondiElimina
  21. Amico mio come vedi non ho inventato nulla

    RispondiElimina