venerdì 21 novembre 2014

UN VIAGGIO OK

 

Come mi ha ricordato la signora che mi ha dato la visa familiar, quest'ultimo si trattava del mio 33esimo viaggio in 15 anni, nella maggiore delle Antille.
Non c'e' necessariamente una correlazione fra il viaggio e la vacanza o il soggiorno che sia, ma arrivare e partire bene e' una cosa che aiuta tutto il contesto.
Questo giro, dal punto di vista di voli e spostamenti, e' stato semplicemente perfetto.
Devo dire che, tolto qualche caso, da questo punto di vista sono stato sempre piuttosto fortunato.
Alla fine, alla partenza, ho deciso di andare in aeroporto in auto.
Visto che il soggiorno era di un mese e mezzo e non facendo parte della nutrita schiera dei milionari del web, quelli del club “una tucola con due cannucce”, ho cercato un parcheggio che, per un periodo piuttosto lungo, non si portasse via un rene.
Alla fine ho optato, per la prima e non ultima volta, per il Ceria Park a Robecchetto con Induno.
E' un filino piu' lontano, dallo scalo rispetto ad altri parcheggi, ma il costo e' ottimo.
25 euro di fisso e poi 1 euro al giorno.
Per 43 giorni ho speso 68 euro, meno della meta' di quanto chiedevano gli altri.
Va bene se si ha una macchina con qualche anno addosso, il park e' scoperto ma per il resto ottimo servizio.
Navetta precisa e puntuale.
Volo BP, solita coda per il check e solito paninazzo mangiato prima dell'imbarco.
Da anni non mangio quel primo untuoso e plastificato che rifilano in volo, tolto quello, resta ben poco quindi e' bene organizzarsi.
All'andata scalo a La Habana, dove ho subito verificato che il cambio euro-cuc stava de pinga.
Sul volo ho trovato un'amica che rientrava da un invito di ben....15 giorni nel bel paese, qualcosa non deve aver funzionato a dovere, capita.
Ho trovato anche un conoscente che ha voluto dividere con me il particular che veniva a prendermi ad Holguin.
Le cose, allo scalo holguinero, rispetto alla pesadilla di qualche anno fa, sono decisamente cambiate.
Sara' stata la canzone di Candido oppure il fatto che il turismo e' una boccata d'ossigeno diventata vitale, fatto sta' che in un minuto ero ad aspettare il bagaglio.
Nessun controllo all'uscita e fanciulla sorridente e bellissima ad attendermi.
Anche il particular del mio amico, quello che e' venuto a prendermi, non ha avuto rompimenti di coglioni con la policia in aeroprto, tutto ok.
Al rientro ho avuto il culo di entrare in aeroporto proprio nel momento in cui iniziavano il check e sono parssato per primo.
Il volo d'andata e' arrivato puntuale, cosa incredibile per quella compagnia.
Il ritorno e' addirittura arrivato in anticipo cosa che non accadeva dai tempi delle trasvolate di Italo Balbo.
Questo malgrado che si sia partiti in ritardo, un passeggero, non hanno detto se cubano o italiano, si e' presentato completamente ubriaco ed e' stato fatto sbarcare.
Hanno dovuto cercare e scaricare il suo bagaglio.
All'andata volo strapieno, al rientro ero nella corsia centrale e avevo 3 posti tutti per me per una roncata di livello biblico.
Volo d'andata, di giorno, che non finiva mai e volo di rientro, di notte che e' durato nulla.
30 gradi alla partenza da Holguin e 11 gradi in Malpensa, ecco questo gia' mi e' piaciuto di meno...

15 commenti:

  1. Ottima la dritta del parcheggio. Stefano

    RispondiElimina
  2. È scoperto ma per periodi medio luoghi va bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai un amico da quelle parti puoi lasciare l'auto anche sotto casa sua, e farti accompagnare, e risparmi anche quei 70 euro, comunque sempre meglio il parcheggio a pagamento che fare il barbone sui treni o mezzi pubblici con mille maletes al seguito da trasportare.

      Elimina
    2. Ho buoni amici da quelle parti ma prendo il carro proprio per non rompere le palle a nessuno
      A volte mi sono anche divertito usando i mezzi

      Elimina
  3. Mi ricordo che io per 15gg al coperto ho pagato sui 75....Buono a sapersi per il prossimo viaggio.
    Comunque anche io all'arrivo alla capitale ci ho messo veramente poco ad uscire dall'aeroporto,tipo 20 minuti.Mi avevano segnalato la valigia (c'era una playstation) e pure il bagaglio a mano (cianfrusaglie varie) ma alla fine non mi hanno chiesto nulla.

    RispondiElimina
  4. Nella capitale arrivano tre aerei per volta è una bolgia. Facile uscire senza problemi

    RispondiElimina
  5. Io Milco partirò il 13 dicembre fino al 18 gennaio, 35 giorni...volerò con Air France andata e KLM al ritorno, ed ho trovato un prezzo ottimo per il periodo di altissima stagione, 790 euro compreso di assicurazione, e partirò da Bologna col solito scalo e cambio a Paris...Io che sono a 45 minuti da Bologna mi faccio accompagnare, e venire a riprendere, ho sequestrato un collega per questo :-)
    Spero che il cambio sia migliore per quando arrivo, oggi è a 1,20 circa, e che il clima migliori, perchè ad oggi a Cuba mi dicono che piove ed è frio....Non sò quanto hai speso tu con BP, ma vedo che i prezzi in qsto periodo sono vere rapine, si parte dai 950 euro in su, io ho avuto un culo pazzesco,ma smanettavo da mattina a sera sul web in cerca del prezzone, e considera che ho comprato il volo 10 giorni fa, anche se penso che gli aerei non saranno così pieni perchè continuano ad arrivarmi offerte (rapine) da Airfrance e Klm, sintomo che non li hanno riempiti.

    RispondiElimina
  6. Ci vuole pazienza quando si cerca un volo
    ottimo prezzo per la stagione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e soprattutto un gran culo

      Elimina
  7. Milco, anche se non ti conosco personalmente nutro per te rispetto e anche un certa affettività...
    Ma dopo un giorno di duro lavoro torno a casa e leggo il tuo blog.
    Mi immedesimo nelle comuni sensazioni di chi frequenta quelle latitudini
    E un sentimento puro e netto: INVIDIA
    Come disse Francesco Ferrucci "Maramaldo tu uccidi un uomo morto"

    RispondiElimina
  8. La ragione per cui tanta gente, ogni giorno, si raduna attorno a questo
    blog è perché condivido emozioni e sensazioni che tutti noi, che amiamo Cuba, proviamo.

    RispondiElimina
  9. Spero anch'io di tonare presto a rivivere in prima persona certe situazioni, che anche nel disagio da te descritto e che ho provato sulla mia pelle in più occasioni sono preferibili alla routine italiana nella quale, da troppo tempo, sono costretto a rimanere.P68

    RispondiElimina
  10. Tranquillo. Tornerà il tuo momento

    RispondiElimina
  11. Cuba è di gran moda: la compagnia aerea Blue Panorama, molto attiva sulle rotte fra l’Italia e l’isola, registra in anticipo il tutto esaurito per l’alta stagione dell’inverno 2014/15 e programma un volo addizionale su Cuba.
    «Questo volo addizionale durante le Festività di fine anno - spiega Franco Pecci, fondatore e numero uno di Blue Panorama Airlines – si aggiunge a quello già previsto per la Repubblica Dominicana. Per entrambi prevediamo di raggiungere il “sold out” nelle prossime 2 settimane. Ottimi segnali che ci fanno ben sperare per il 2015».
    Blue Panorama Airlines conferma per la stagione invernale l’intera programmazione di lungo raggio per i Caraibi - sia da Milano che da Roma – con voli per Cuba, Giamaica, Repubblica Dominicana e Messico; dall’aprile 2015 diventerà operativa, oltre al consolidato servizio per Cancun, la novità del collegamento da Milano Malpensa a Mérida.
    Cuba in particolare viene raggiunta da Est ad Ovest con 8 servizi settimanali distribuiti fra L’Avana, Cayo Largo, Santa Clara-Cayo Santa Maria, Holguin, e Santiago, ai quali si aggiungerà da Natale la novità assoluta del volo per Cayo Coco, isola ricca di fascino e perla dell’arcipelago Jardines del Rey.

    RispondiElimina
  12. Alla faccia della crisi. P68

    RispondiElimina