mercoledì 10 dicembre 2014

MAMIFERO NACIONAL

 

Il maiale, come ben sapete e' veramente, per il cubano, il mammifero nazionale.
Rappresenta il plato fuerte sulle tavole dell'isola, questo non soltanto a Capodanno.
Chiunque abbia un minimo di patio, un cortile, uno spazio aperto, si costruisce un piccolo corral dove almeno potere allevare un'animale.
Per venderlo o per consumarlo.
E' anche un piccolo investimento economico che, a distanza di pochi mesi, sicuramente e senza grossi rischi, puo' rappresentare un guadagno sicuro.
La mia fanciulla, prima di conoscermi, o meglio, visto che mi conosce da lustri, prima di frequentarmi, si e' comprata la bicicletta, allevando e poi vendendo 2 maiali.
Tenete conto che un lechon costa circa 20 cuc e si puo' rivendere, dopo pochi mesi, a seconda del peso raggiunto, a 60/70.
Se sono soltanto due, l'alimentazione non ha un costo proibitivo, il sanchocho e' formato da tutto cio' che non si mangia in casa ma che, ovviamente a Cuba, non si butta.
Avevo anche pensato di farne allevare una decina ma ora, col prezzo calmierato dello stato a 16 pesos la libbra, non e' il momento, in futuro vedremo anche perche' si tratta di 4 palanche e nulla piu'.
Del maiale non si butta via nulla, questo e' il suo punto di forza, una volta ucciso viene pulito e aperto.
Tutte le interiora, alcune delle quali qua' non utilizziamo, hanno un loro perche'.
La manteca, ad esempio viene ottenuta proprio dalle interiora dell'animale, con la pelle si fanno i chicharrones e via discorrendo.
Cose che per noi sono un po' problematiche da mandare giu', per loro sono prelibatezze.
Cucinarlo rappresenta il clou di ogni festa, sicuramente 'e meglio mandarlo a cuocere, con 20 pesos si risolve, e magari viene anche piu' buono e con qualche spezia dentro, ma si perde il gusto di fare qualcosa in comunita', fosse solo anche girare lo spiedo.
La gente, per il fine anno, compera il maiale con mesi d'anticipo, per pagarlo meno perche' sotto data il prezzo, lievita notevolmente.
Allevare anche solo uno o due maiali in citta' sta' pero' diventando un problema.
Il discorso e' legato al decoro urbano, allo scarico dell'acqua e alla puzza che a qualche vicino puo' dare fastidio.
Dal suegro, che ne aveva 3, sono arrivati gli ispettori, lui e' riuscito, non so e non voglio sapere come, a dimostrare che gli scarichi sono esterni e che il corral e' tenuto, nei limiti consentiti da questo tipo di animale, pulito.
Quando ero giu', in settimana quando il suegro andava a lavorare, la moglie e/o la fanciulla si occupavano della pulizia del corral e di dare da mangiare.
Ve la immaginate una giovane italiana che pulisce la merda da un corral per maiali?
Il procedimento non e' poi cosi' facile, ci vuole una manghera, un bel bastone per far spostare gli animali e tanta...velocita'
Si perche' quando riempi di cibo il ciotolone, se non ritrai subito la mano si mangiano pure quella.
Morsicature, graffi e dentate sono all'ordine del giorno.
Quando ero giu' il padre ne ha ammazzato uno, mi ha chiesto se volevo dargli una mano.
Ora, va bene tutto ma mettermi ad ammazzare maiali non rientra fra le priorita' di un soggiorno a Cuba.
Sorridendo ho declinato, e cosi' e' venuto l'antico abuelo a dare una mano con tutta la sua secolare esperienza.
Fra l'altro hanno una femmina in un corral al campo che pesera' una mezza tonnellata, una roba enorme che ha lo scopo di riprodursi e che per questa ragione, probabilmente morira' di vecchiaia.
Una cosa che non mi piace e' che viene cucinato appena ucciso, senza permettere alla carne, come accade da noi, di decantare per un paio di giorni, smaltendo le tossine.
Lo mangio volentieri perche' e' parte di una fiesta ma non paragoniamolo a una nostra porchetta con tutti gli aromi che ci mettiamo, perche' si tratta di una guerra persa prima ancora di essere iniziata.
El puerco; mamifero nacional,

16 commenti:

  1. Il mio piatto preferito. Stefano

    RispondiElimina
  2. Ma perché c'é sempre un negro a girar lo spiedo ??? :-)

    RispondiElimina
  3. Sai che me lo chiedo sempre anche io?

    RispondiElimina
  4. OT ....INCREDIBILE...

    Andava troppo piano sulle strisce pedonali ed è stato multato dai vigili. Lui è un pensionato di 85 anni, che alle molte primavere sulle spalle aggiunge anche un’andatura un po’ claudicante. E’ possibile quindi che la sua traversata dell’incrocio tra corso Torino e corso Bosio, a Pinerolo, nel Torinese, non sia stata delle più celeri. Ma quando si è visto staccare la sanzione di 41 euro, anche l’anziano è caduto dalle nuvole. Attraversare troppo piano un incrocio non è una contravvenzione al codice della strada. Attraversare con il rosso però sì, ed è infatti quella la dicitura che si legge sul verbale della polizia locale. Poco conta se l’anziano avesse iniziato la sua traversata con il verde ma fosse arrivato all’altro capo della strada quando il semaforo era già rosso. Una dinamica tutta da verificare visto che il verbale non specifica se lo stop ai pedoni fosse già scattato quando l’anziano si è messo in marcia.

    L’impianto che regola l’incrocio dura una manciata di secondi, dicono in paese, tanto che l’anomalia è già stata segnalata più volte anche in Comune. Se per camminare sulle strisce stando dalla parte delle regole bisogna affrettare il passo, non
    stupisce che il pensionato si sia trovato suo malgrado nel pieno di una contravvenzione. Lui non ha voluto fare storie. Ha pagato la multa al comando dei vigili entro cinque giorni per poter contare, almeno, sullo sconto. La sua “lentezza” alla fine gli è costata solo 28,70 euro.
    “Il verbale c’è e dubito che il signore stesse passando con il semaforo verde”, commenta il comandante della polizia municipale di Pinerolo Ermenegilda Aloi.

    RispondiElimina
  5. Guarda Aston che anche dalle mie parti del maiale non si butta via niente.Comunque non ho capito il paragone finale.Se ti riferisci alla carne in sè è più buono il maiale cubano,ovvio che se mancano le spezie è più saporito il nostro.

    RispondiElimina
  6. Mirco io parlo da profano
    Volevo dire che la loro carne la trovo migliore ma che la cucinano sempre in un solo e unico modo
    Una porchetta col gusto e gli aromi di quella di Ariccia se la sognano

    RispondiElimina
  7. Milco io mi sono sempre adattato e mi piace vivere "a lo cubano", però su alcune cose ho dei limiti, come nel caso del maiale...se parliamo di pesce fresco ne mangio a quintali, ma di carne no...poi come lo cucinano loro non mi piace, ne assaggio quando mi capita un pezzettino solo per rispetto...la porchetta di Ariccia è tutta un altra storia, ne mangerei anche una intera, ma credo sia solo questione di abitudine, e soprattutto quando la fame c'è ti abitui a mangiare anche i sassi, e con l'andazzo che c'è in Italia credo quei tempi non siano lontani.

    RispondiElimina
  8. Invece io sono un carnivoro. Evito la mucca che a Cuba non serve. Però il pollo è davvero buono

    RispondiElimina
  9. Valter contattami via mail per cortesia

    RispondiElimina
  10. Que rico el chicharron. P68

    RispondiElimina
  11. Buoni ma sono una delle cose più grasse al mondo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè se tu pensi che non sono altro che le cotiche cotte nello strutto.....vedi te....Io le cotiche le preferisco con i faglioli.....altro che.

      Elimina