lunedì 15 dicembre 2014

QUALCOSA DA FARE

 

Come accennavo, giorni fa, un mio carissimo amico, partito da un po' di mesi , con signora, per andare a vivere in uno dei paradisi del pianeta, a inizio 2015 rientrera' fra le uggiose brume padane, per riprendere la vita di prima.
Ha sempre continuato, da laggiu', a gestire la sua attivita' in Italia, anche se e' sempre l'occhio del padrone che ingrassa il cavallo, mai quello dei dipendenti
Quando mi comunico' la sua intenzione di mollare tutto ed andare al caldo, gli feci i migliori auguri ma anche una domanda.
Non e' un po' troppo presto?”
E' piu' giovane di me, un lavoratore, ha cercato di fare qualcosa dov'era ma, ricordiamoci bene, mettere in piedi qualcosa in giro per il mondo non e' esattamente come fare una gita in campagna.
Quindi rientra, magari cerchera' di vivere con meno stress, godendosela un po' di piu'.
E' il discorso di sempre.
A Cuba, giusto per tornare in tema, a quest'ultimo giro, dopo un mese ero gia' bello che stufo.
Una volta finito il grosso dell'arredamento della casa, le ultime due settimane sono passate molto piu' lentamente di come passano i giorni quando siamo laggiu'.
Anche perche', parliamoci chiaro, siamo andati laggiu', per anni per la gnocca.
Quell'attivita' ci occupava quasi tutto il tempo; cercarla, trovarla, frequentarla, uscirci a cena ecc.....
Oggi, che quell'attivita' e' diventata, per me, estemporanea ed episodica mi ritrovo un casino di tempo libero da occupare.
Ora che la casa e' finita, a giorni aprira' la renta, mi ritrovero' al prossimo giro, a gennaio, ad avere di nuovo poco da fare.
La fanciulla, fra le altre cose, dovra' occuparsi della casa, studiare e frequentare l'universita' e mi ritrovero' di nuovo a fare il fancazzista a zonzo per la citta'.
Per tutta una serie di ragioni il 2015 sara' un anno di vacanze brevi; probabilmente 4/5 di 2 settimane ciascuna, questo dovrebbe mettermi al riparo dalla noia.
Oggi come oggi la prospettiva di passare 2 mesi a Cuba mi atterrisce alquanto, anche perche' qua' c'e' da fare, nel breve ma sopratutto in prospettiva.
Quando leggo di gente giovane che vorrebbe mollare tutto e andare a vivere, in pianta stabile, a Cuba resto sempre un po' perplesso, sopratutto se si tratta di gente che ha sempre lavorato.
Se uno non ha mai fatto un cazzo nella vita, allora Cuba e' il posto ideale per continuare quello stile di vita.
Ma chi e' abituato a combattere le proprie quotidiane battaglie, pur in un contesto non facile come il nostro, non ce lo vedo passare lunghi periodi seduto al portal.
Se combatti le battaglie puoi anche perderle, se non le combatti le perdi di sicuro.
Mi sono chiesto e continuo a chiedermi cosa farei tutto il giorno vivendo a Cuba.
Certamente non il dueno di una casa de renta, e' roba da femmine e una femmina che se ne occupa gia c'e'.
Dovrei trovarmi un'occupazione decorosa e, nei limiti, redditizia, che mi tenesse occupato magari senza mandare in disperazione il mio iban.
A tutt'oggi non saprei dove indirizzarmi; non sono uomo da ristorante o paladar, neanche tipo da stare dietro ad un bancone.
Magari, se le cose si evolvessero, avere la rappresentanza di qualche prodotto italiano per Cuba.
Parlo la lingua, so fare con un pubblico e ho bastante faccia da culo.
Sarebbe un lavoro che consentirebbe di viaggiare, un carro, benefit e la caretera cubana sotto le ruote.
Mi rendo pero' conto che si tratta di un discorso, eventualmente, in divenire.
Altre cose non mi vengono in mente, parlo di situazioni per cui valga la pena di trasferirmi in pianta stabile.
In mancanza di tutto cio' mi tengo quello che ho qua'; un'estate importante in prospettiva, che gia' da gennaio dovra' essere preparata e la ricerca di una situazione sportiva importante da gestire per i prossimi anni.
Capisco chi, come Walter che e' partito sabato e stara' via 40 giorni, fa un viaggio all'anno e deve sparare, nel breve tutte le cartucce.
L'ho fatto per anni ma oggi molte cose sono cambiate.
Da un lato in meglio; una persona decente, una casa, un' attivita' ma dall'altro lato si e' un po', inevitabilmente, perso l'entusiasmo degli anni andati.
Nulla di male, la vita e' anche questo.
Comunque a gennaio vado.

30 commenti:

  1. La vita è cosi col passare degli anni cambiano le situazioni e le esigenze. Paolino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cambiano proprio le esigenze amico mio.

      Elimina
  2. Cuba e' cambiata e, ovviamente, siamo cambiati anche noi.

    RispondiElimina
  3. Ciao MIlco.
    Nella capitale stanno cambiando un sacco di cose.
    Vengono aperti locali sia diurni che notturni del tutto simili ai nostri.
    Dal ristorante fusion alla piccola bottega che realizza i muffin.
    Gli stessi locali notturni si rinnovano nell'aspetto e nella musica e sembra sempre di più di essere a Miami (cercate su youtube il video del Don Cangrejo per capire di cosa parlo).

    Anche nel mio settore stanno nascendo le prime realtà di desarrollo web y grafico.

    Di questo passo, poichè anche io dopo due settimane a fare nulla perdo la pazienza, credo che qualche opportunità di impegnare il tempo ci sarà.

    Simone

    RispondiElimina
  4. Gente come noi con le mani in mano non sa stare

    RispondiElimina
  5. un mesetto in inverno lo farei, portando la bici e facendo un pò di km al caldo. P68

    RispondiElimina
  6. A gennaio infatti oltre a una valigia piena di cose per la casa porto anche una delle mie bike per poi lasciarla la

    RispondiElimina
  7. Ciro contro gli innominabili in Champions

    RispondiElimina
  8. Hanno piu culo che anima,il borussia dai.......paolino

    RispondiElimina
  9. Non credere hanno fatto un gran girone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai aston io parlo di bayern real barca chelsea,certo che la rischiano grossa lo stesso ma il culo c è e si vede.paolino.

      Elimina
  10. Tre mesi di mare e vento girovagando tra la maggiore delle Antille e le altre minori, ovviamente su di una barchetta a vela e avendo come punto di appoggio una casetta a Trinidad.
    Questo è' quello a cui lavoro.
    I parenti cubani sono simpaticissimi...ma il lavoro e' un altra cosa, preferisco non avere questioni di dinero con persone non abituate a gestirlo e quindi i casini sarebbero inevitabili.

    RispondiElimina
  11. Discorso assolutamente condivisibile.

    RispondiElimina
  12. Se proprio mi immagino do dover sudare a Cuba..mi vedo solo a portare per mare i turisti per ammortizzare le spese del barco veliero.
    È visto che in fondo sono sempre un comunistaccio, non mi dispiacerebbe insegnare in qualche scuola rurale.
    Ovviamente tutto con calma, molta calma.
    Ho la fortuna di aver avuto la possibilità' di stabilire quanto lavorare e quanto guadagnare, quindi non scapperei mai dall'Italia.
    Però' in questo momento se mi immagino a fare due bordi a largo di Maria la Gorda...hay que Llolar.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti la fuga dall'Italia non rientra nei miei programmi.
      Il tuo progetto non e' male, se te lo faranno mai fare...ricordati Goracci e "A est dell'Avana"

      Elimina
    2. Ad oggi se vuoi navigare nelle acque cubane per gli stranieri non ci sono problemi, per i cubani...beh loro semplicemente non ci possono andare in barca, eccetto pescatori e militari.
      Per noi oggi ci sono solo i Marina statali con prezzi di ormeggio leggermente inferiori ai nostri, comunque non economicissimi.
      Se però porti un natante e con la r.p. Ti iscrivi come pescatore si può' combinare qualcosa.
      Ti ringrazio del consiglio librario, poter usufruire delle esperienze altrui nelle nostre esperienze cubane e' uno dei tratti migliori della tua "Isola nel Sole"..

      Elimina
    3. E ' UN LIBRO DATATO CHE E' SEMPRE PIACEVOLE LEGGERE

      Elimina
  13. Young Boys-Everton
    Torino-Athletic Bilbao
    Siviglia-Borussia Moenchengladbach
    Wolfsburg-Sporting Lisbona
    Ajax-Legia Varsavia
    Aalborg-Brugge
    Anderlecht-Dinamo Mosca
    Dnipro-Olympiacos
    Trabzonspor-Napoli
    Guingamp-Dinamo Kiev
    Villarreal-Salisburgo
    Roma-Feyenoord
    Psv-Zenit
    Liverpool-Besiktas
    Tottenham-Fiorentina
    Celtic-Inter

    Bene, sfida fra uomini col Bilbao, due tifoserie orgogliose del loro essere un'altra cosa.

    RispondiElimina
  14. L'é dura come el fer :-(

    RispondiElimina
  15. Risposte
    1. No, passare il turno

      Elimina
    2. Lo avevo capito. . comunque non siamo partiti male

      Elimina
  16. Noialtri siamo abituati a FARE. Star seduti su un balance a tomar un trago va bene per un po, poi ti stracci i marroni...
    Renato

    RispondiElimina
  17. Giusto
    E questo a prescindere dalla qualità della compagnia

    RispondiElimina
  18. Il problema è anche che quando sei giù diventi un bancomat ambulante per la famiglia e la situazione ben presto degenera poi se come dici ti Milco non vai più giù all'avventura i pomeriggi giorno dopo giorno sono sempre più duri da passare..sono sincero io nel mio ultimo viaggio a settembre da soltero dopo tanti anni sono stato bene ma quante volte puoi ripeterlo visto il costo?oltretutto vivere un mese da paese dei balocchi quando torni è deleterio,ora a gennaio farò due settimane tranquille in Oriente piscina mare tarde al bar con corte dei miracoli stop,buona serata
    Marco

    RispondiElimina
  19. Mah....con una casa tua e i parenti fuori dai coglioni non e' che spendi poi cosi' tanto.

    RispondiElimina
  20. ciao Aston ma soluzioni per acquisto casa che nn prevedano i cubani nn ce ne sono.
    ho esperienze a me vicine che mi trattengono da comprare una bella casa al sole cubano.
    antonio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No.
      Ci vuole il matrimonio...poi la Residenza e a quel punto meta'del tutto e; tuo.
      Al momento non ci sono alternative

      Elimina