sabato 6 dicembre 2014

VIALE DEL TRAMONTO

 

Chiunque ami lo sport, al di la' delle bandiere, e abbia visto Alex Del Piero, per la terza volta, in panchina nel campionato di calcio indiano non puo' non farsi almeno una domanda.
Perche'?
Perche' dopo una gloriosa carriera, a quasi 38 anni ha scelto di fare un paio di anonime stagioni in Australia, da cui e' stato cacciato, per approdare in quel campionato improbabile?
Certo, il denaro.
Pero' parliamo di un personaggio che ha guadagnato, in carriera, cifre folli che dovrebbero bastare per le prossime sue 10 generazioni.
Potrei capire chi ha fatto una carriera normale, la voglia di sgraffignare gli ultimi soldini a qualunque prezzo, ma un grande campione deve sapere che le sue immagini in panchina in un campo indiano faranno il giro del mondo.
Lo sport e' costellato da stagioni di troppo o di rientri agonistici imbarazzanti ed assolutamente evitabili.
Gli ultimi anni di Maldini, Baresi, Costacurta, Mazzola, Rivera ecc sono stati un'insulto alla loro carriera.
Gli ultimi incontri di Ali' gli sono, forse, costati la salute.
I rientri agonistici di Borg, Shumi, Foreman, Spitz, Mennea e di tanti altri non hanno fatto altro che dimostrare che la sabbia nella clessidra del tempo passa inesorabile per tutti.
Il Totti che ho visto col Bayern in casa, sembrava che vivesse alla moviola rispetto alla velocita' che lo circondava.
A Cuba il discorso e' differente.
Quando le nazionali non ti convocano piu', non esistendo i club privati di nessun tipo, la tua carriera e' finita.
Non puoi piu' accedere agli impianti e agli allenatori migliori e, sopratutto, non esci piu', per motivi sportivi, dal paese.
Certo, Alicia Alonso ha ballato fino a 70 anni ma parliamo di un fenomeno assoluto e di una forma di arte non agonistica.
Sicuramente vederla ballare Gieselle a 60 anni non sara' stato lo stesso di vederla a 30.
Al final parliamo di una leggenda inimitabile.
Credo che il denaro sia importante, sopratutto con gli sponsor che ti riempiono d'oro per spingerti a fare un'altra stagione, ma temo che la paura piu' grande sia quella dei riflettori che, a un bel momento, si spengono, inesorabilmente.
Quando hai passato la vita al centro dell'attenzione mediatica e non ti sei costruito nulla al di fuori dal tuo contesto, la paura che festa finisca diventa una sorta di incubo.
Quasi sempre questi campioni, non e' pero' il caso di Del Piero, sposano donne improbabili che restano accanto a loro fino a quando uno spicchio di luce riflessa arrivi dalle loro parti, quando questo non succede piu'...finito jamon, finito amor.
Chi ha saputo scegliersi la donna giusta, ha messo su una famiglia importante, ha programmato, per tempo il proprio futuro, che non sara' da indigente, non avra' paura del momento in cui la carriera sara' avviata la tramonto.
Pochi pero', in quel mondo dorato hanno avuto il cervello di pensare al dopo.
La storia e' costellata di ex campioni che hanno guadagnato in carriera cifre folli, ridotti in miseria pochi anni dopo la fine della loro epopea.
Non sara' sicuramente il caso di Del Piero, pero' queste stagioni di troppo me le sarei evitate, giusto per il dovuto rispetto alla propria storia.

28 commenti:

  1. Ma il totti visto nel nostro campionato fa ancora la differenza.paolino.

    RispondiElimina
  2. Per i soldi questo e altro

    RispondiElimina
  3. Spesso questi campioni , alla vita di tutti i giorni che li aspetta a fine carriera , non sono abituati e cercano di allungare il brodo proprio per paura di ciò che li attende.
    Sono come bambini che hanno avuto tutto e , ad un tratto , gli si leva il giocattolo... alle volte , Pessotto docet , non ce la fanno a reggere quello che per noi è la quotidianità e sbarellano :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vivendo in un mondo ovattato si rischia di non sviluppare gli anticorpi per il dopo

      Elimina
  4. Paolino la cosa non depone a favore del nostro campionato

    RispondiElimina
  5. Certo ma anche il totti visto contro il Manchester e il cska mi pare possa ancora starci,ma il tuo ragionamento lo condivido e penso sia giusto,il tempo passa per tutti.paolino.

    RispondiElimina
  6. Mah.....ammiro Platini, quando non aveva piu' voglia, a 32 anni, ha smesso.

    RispondiElimina
  7. Bell'inizio la Roma, Paolino........

    RispondiElimina
  8. Lascia perdere altro che scudetto. Come sempre. Paolino.

    RispondiElimina
  9. Un rigore inesistente, un gol in fuorigioco. .
    Se la Roma è questa non va' da nessuna parte

    RispondiElimina
  10. E chi pensava il contrario....mica per niente siamo da sempre perdenti.nulla di nuovo.paolino.

    RispondiElimina
  11. Nessuna squadra può lasciare in panca tanti titolari. Troppi scarsi i ricambi

    RispondiElimina
  12. Quindici minuti e già si perde in casa col Palermo
    Quando finirà questo strazio?

    RispondiElimina
  13. Sono d accordo.paolino.

    RispondiElimina
  14. Pareggio di Martinez dopo che la quaglia ha sbagliato un gol a porta vuota.

    RispondiElimina
  15. Per squadre come noi penso che la champions sia un problema perche ci fa perdere punti in campionato e alla fine non si vince nulla,pero i soldi della coppa sono troppo importanti per le societa,quindi un bel casino.paolino.

    RispondiElimina
  16. Il problema e' che ci vorrebbero rose con giocatori veri e non solo giovani di belle speranze e vecchi a parametro zero.

    RispondiElimina
  17. Torino-Palermo 1-2

    Senza parole.....

    RispondiElimina
  18. Uno gol e un punto nelle ultime quattro uscite, un gol nelle ultime quattro partite. Ecco come si presenta in campo il Torino che affornta il Palermo in casa, tra striscioni e cori rivolti alla dirigenza. "A La 7 non pensare, a gennaio vietato sbagliare. Tira fuori i milioni che ci siamo rotti i c.....": un messaggio chiaro ed inequivocabile nel prepartita. E poi ancora dopo pochi minuti: ''Il gobbo nano non lo vogliamo''.

    ATTEGGIAMENTO SBAGLIATO - La Maratona c'è, il resto dello stadio è vuoto. Spento come l'atteggiamento dei granata mostrato sin dal calcio d'inizio. La squadra, condotta per l'occasione dal viceallenatore Sullo, arriva seconda su ogni pallone, lasciando ampi spazi agli avversari. Questi ripartono prontamente e al 16' sono già in vantaggio: El Kaddouri sbaglia lo stop, Dybala recupera e serve dalla parte opposta del campo il compagno Rigoni, il quale fredda Gillet. Uno a zero e palla al centro.

    QUAGLIARELLA SUONA LA CARICA - ll Toro prova a venir fuori alla distanza e lo fa, neanche a dirlo, con Fabio Quagliarella e Bruno Peres. Al 25', su azione di calcio d'angolo, l'attaccante granata anticipa tutti di testa e Belotti salva sulla linea. La sfera carambola ancora sui piedi di Quagliarella che però non centra la porta pur calciando all'interno dell'area. Il tempo scorre e il risultato non cambia, ma l'atteggiamento sì, con il Toro che continua a crescere, minuto dopo minuto.

    SI SBLOCCA MARTINEZ, MA NON BASTA - Falsa partenza, dunque, per la squadra di casa. Che va subito sotto e trova la reazione soltanto dopo i primi 20 minuti. Il classico gol che fa scattare la sveglia. Il pari arriva grazie al giovane Martinez che con una girata in area non lascia scampo a Sorrentino. Poi, quando la gara sembra avviarsi verso un parziale pareggio, ecco che i rosanero passano ancora avanti. Questa volta è Dybala a segnare con uno stop di tacco e un pallonetto assurdo. Nella ripresa, in ogni caso, servirà un approccio diverso da quello visto in avvio. I granata dovranno pressare alto, riacciuffare e ribaltare il match. Perché il pari non serve a nessuno e una sconfitta aprirebbe ad una crisi difficile da gestire.

    RispondiElimina
  19. Certo aston ma noi siamo la roma dai e noi tifosi sappiamo che gia a giocarci lo scudetto e il passaggio in coppa e grasso che cola.comunque questo dybala ha veramente qualita.ma la quaglia.......paolino.

    RispondiElimina
  20. Quaglia sbaglia molto ma e' il solo che cerchi di svegliare quei moribondi guidati da quel...quel....neanche piu' riesco a nominarlo.

    RispondiElimina
  21. 18' GOOOOOOL DEL TORINO! GLIK PAREGGIA! 2-2!

    RispondiElimina
  22. Milco che giocatore Dybala....Zamparini già conta i soldi
    Marco

    RispondiElimina
  23. 39' ANNULLATO UN GOL AL TORINO! POSIZIONE DI DARMIAN GIUDICATA IRREGOLARE. SIAMO DAVVERO AL LIMITE!

    RispondiElimina
  24. Pareggio inutile, la situazione precipita...hasta cuando Ventura?

    RispondiElimina
  25. Ballardini
    Camolese
    Cavasin
    Cosmi
    De Canio
    Del Neri
    Delio Rossi
    Ferrara
    Marino
    Mondonico
    Malesani
    Mutti
    Pillon
    Reja
    Zaccheroni
    Zenga

    RispondiElimina