venerdì 30 gennaio 2015

IL GATTO E IL SACCO

 

Inizio con un piccolo consiglio per coloro che amano leggere notizie su Cuba in un contesto sano e pulito e non in mezzo al liquame.
Ci sono 2 pagine FB che sicuramente alcuni di voi gia' frequentano che parlano della nostra isola.
E' possibile, come avviene qua' sopra, leggere di gente che chiede consigli, racconta esperienze, mette in comune le proprie sensazioni.
Questo senza il pericolo che il decerebrato di turno si permetta di fare stupide ironie.
Si tratta di Italiani a Cuba e Amici di Cuba.
I miei migliori complimenti per coloro che se ne occupano in modo fattivo insieme all'esortazione di lasciare sempre fuori dall'uscio la basura che infesta parte della blogsfera “cubana”.
A proposito di condivisione di progetti ed esperienze....
Prima di partire vi avevo accennato al fatto che avrei buttato un'occhio su un'altra possibile attivita' che mi sarebbe piaciuto tenere sott'occhio a Cuba.
Ricorderete il discorso del gatto e del sacco.
Si tratta dei paladar.
Lo so che, tempo fa, avevo detto che non era esattamente il mio campo, ma l'uomo e' un animale che apprende facilmente, basta che ne abbia voglia.
Al final se vogliamo fare un piccolo gruzzoletto a Cuba i soldi vanno presi da chi li ha e non certo dai cubani.
A Tunas, secondo me, la faccenda e' fin troppo inflazionata.
Tre ristoranti gestiti da italiani mi sembrano perfino troppi, a quelli aggiungiamone altri 5/6 che lavorano discretamente, in alta temporada, ed e' chiaro che la fetta di torta che aspetta ad ognuno non deve essere grandissima.
Sul discorso paladar si sentono pareri discordanti.
C'e' chi dice che lavorano e chi afferma che, anche nella capitale, il 70% e' destinato a chiudere.
Come sempre dipende da come vengono fatte le cose.
I tre ristoranti italiani di Tunas sono molto diversi fra loro; uno e' il classico gestito in modo...altalenante da un'amico, un'altro vede il proprietario-cuoco in cucina mentre il terzo e' attualmente di moda, ha appena aperto, con tanto di buttadentro in giacca e cravatta all'ingresso.
Ho girato, ho parlato coi gestori, sono andato a mangiarci, ho valutato pregi e difetti di ogni struttura.
Il grosso vantaggio e' che si spende relativamente poco per metterlo in piedi.
A cio' possiamo aggiungere il costo irrisorio della mano d'opera e quello decisamente contenuto, dei prodotti.
Le difficolta' sono nell'avere a che fare con gente geneticamente non portata al lavoro e alla cortesia, scarsa professionalita' e necessita di sapere bene a chi rivolgersi.
Opinione personale, un menu' con decine di piatti, la stragrande maggioranza dei quali mangeranno solo i cubani e' una cazzata.
Bruschette, 3/primi, 2/3 secondi e il flan.
Bon.
Ovviamente cucina italiana, piatti che cambiano quasi ogni giorno e venerdi spaghetti ai frutti di mare e pesce alla griglia.
Se ne parlo e' perche' gia' mi sono mosso, ho gia' la persona, italiana, con cui farlo e abbiamo gia' identificato il locale.
Non a Las Tunas....ma ne parleremo quando il gatto....
Certo un paladar non e' una casa de renta.
Nella renta e' sufficente una duena sveglia, gli metti la divisa della mondialpol e sei a posto.
Il paladar, col grano che gira ad ogni ora e la merce da reperire nella speranza che il cuoco non sia en resaca deve prevedere la presenza costante, a turno, di uno dei soci altrimenti chao pescao.
Ci stiamo seriamente pensando, anzi siamo gia' oltre il pensiero, quando sara' il momento ne parleremo in modo approfondito.
Chiaramente, se...se...se... la cosa richiedera' un impegno da parte nostra costante, una presenza sull'isola piu' assidua, questo tenendo conto che, con ogni probabilita', a Tunas apriremo, in estate, il secondo cuarto de renta.
La strada e' ancora lunga ma....non ho fretta.
A proposito...questa volta tocca a me chiedervi qualcosa.
Avete una dritta su a chi devo rivolgermi per spedire un container?
Magari anche qualche notizia sui prezzi.
Grazie

13 commenti:

  1. Una mia conoscente si era affidata a Sinibaldi traslochi per mandare un container a Cuba per i prezzi non so ma hanno un bel sito,a lei la spedizione è andata ok,scusa ot ma in blue panorama il mangiare è sempre del livelli infimo che conosciamo o un pò è migliorata?

    RispondiElimina
  2. Ti vedo lanciato. STEFANO

    RispondiElimina
  3. Entrambe di Zena :
    www.sefigroup.it
    www.delta-srl.it

    Un container da 40 sei sui 4000 / 4500 euri spedito a L'Avana

    RispondiElimina
  4. Milco sul gruppo facebook "Cuba incanto" c'è un mio amico, Gianni Montanari, che spedisce un container l'anno a Cuba da anni, contattalo e parla con lui...
    Ti ho scritto una mail per avere info su una cosa.....Grazie!

    RispondiElimina
  5. In zone sature i paladar sono più una rimessa che un vantaggio, a Santiago fuori città direzione mare,e Barracoa, ne ho visti pochissimi...quelle sono zone ancora buone per aprire paladar, ovviamente non fanno al tuo caso.

    RispondiElimina
  6. Ciao MILCO.
    penso conoscerai il sito: www.italia-cuba.it.
    loro mandano container 2 volte all'anno.
    se vai alla sezione "i circoli dell'associazione", ce ne sono vari anche in Piemonte.
    provai a chiamare tempo addietro per delle info (volevo mandare un carro a cuba... robe da matti!! lasciam perdere). mi diedero tutte le info del caso.
    spero di esser utile
    FABIO

    RispondiElimina
  7. Grazie Fabio sei stato molto gentile. Mi informerò
    Per il carro a Cuba i tempi non sono ancora maturi.

    RispondiElimina