martedì 17 febbraio 2015

IL SACRO RIPOSO

 Risultati immagini per pennichella

Un'altra delle cose che, chi vuole aprire una casa de renta, deve tenere in considerazione e' che la renta diventera' l'attivita' principale della casa.
Ricordo che, quando acquistai l'immobile, dissi che era per noi e che, eventualmente, avremo aperto un cuarto de renta, ma che la priorita' sarebbe stata, appunto, la casa per noi.
Un mio vecchio capo villaggio diceva sempre che, le cose degli uomini ,durano il tempo che impieghiamo a scriverle, poi terminano.
E' stato cosi' anche in questo caso.
La mia affermazione sul fatto che, prima sarebbe stata la nostra casa e poi la renta ,si basava sul mio essere stato cliente, per 14 anni, di case de renta.
Come molti di voi amo vivere il giorno, quindi anche se arrivavo alle 5 del mattino, era raro che mi alzassi oltre le 9.
Al limite facevo due ore di pennica al pomeriggio.
In pratica mi svegliavo con la casa, le mie 3 duenas storiche non hanno mai fatto nessuna fatica, ne' inventato accorgimenti particolari per compiacermi.
Il pensare che tutti i turisti fossero come me e' stato l'errore di base.
Il nostro primo cliente, un'amico, aveva abitudini di vita e di vacanza completamente differenti.
Arrivava dalla farandula alle 6 del mattino e si alzava alle 2/3 del pomeriggio.
Se abbiamo una casa de renta, siamo tenuti a rispettare quelle norme, non scritte, che tanto amavamo quando eravamo semplici clienti.
La prima di queste regole e' il silenzio.
Gia' e' difficile, a Tunas ma direi in tutta Cuba, trovare barrios dove qualche cazzo di vicino non si metta a martellare alle 7 del mattino se non prima.
In piu' ci sono gli stramaledetti galli che a tutte le ore, senza alcuna regola, strillano e rompono i coglioni.
Quindi all'interno della casa ci deve essere silenzio, giustamente, fino a quando il cliente non si sveglia.
Occorre parlare a voce bassa, niente tv accesa, niente stereo e musica a palla, se arriva gente di visita deve anch'essa parlare a voce bassa e via dicendo.
Ripeto tutto normale e giusto, la buja va bene da una certa ora in poi, quando dormiamo, noi turisti, abbiamo il diritto di poterlo fare in santa pace.
Dopo 2 giorni a parlare sottovoce, muovermi a passo di leopardo o come se camminassi sulle uova ho deciso che tutto cio' toccava a fanciulla e famiglia.
Cosi' mi sono trasferito in casa dei suoceri a meno di 100 metri dalla renta.
Una grande camera, ma direi tutta la casa per me, senza limitazione alcuna.
La fanciulla se non era di “turno” nella casa era con me, altrimenti mi godevo la beata solitudine.
Al mattino mi svegliavo quando volevo, la casa tutta per me; la fanciulla a scuola, la suegra nella renta, il suegro al lavoro, una figata galattica.
Fondamentalmente la realizzazione del sogno di sempre.
Mi facevo il caffe (spesso me lo macinavo in un tornio d'altri secoli) poi la colazione, accendevo lo stereo o la televisione al volume che volevo, facevo entrare in casa i cani dal patio e giocavo con loro.
Bellissimo.
Avere due case a disposizione con la visa familiar e' una cosa che permette questo ed altro.
Quindi chiunque vuole entrare nel discorso della renta, a meno che le stanze non siano in un'altra provincia, si ricordi che sta' gestendo un'attivita' commerciale legata al turismo.
In quanto tale valgono le regole che, da sempre, regolano questo tipo di negocio.
In casa, l'altro giorno, per 3 notti, e' arrivato un venezuleano fuggito da un'altra casa dove c'era casino a tutte le ore.
Gente che gridava, bambini che frignavano, porte sbattute e nessuno che tutelava il suo benessere di sacrosanto vacanziere.
E' bene che chi si mette in questo negocio sappia che non sara' mai la SUA casa.
Semplicemente sara' una casa de renta.
Se si hanno alternative, come capita a me, e' un bene, altrimenti occorre...aguantare.

44 commenti:

  1. Off topic: http://www.cubanite.net/blog/?p=423

    Forse dire che ce ne siano centinaia è esagerato, ma comunque l'idea che condividemmo a suo tempo pare riscuota un certo successo.

    Simone

    PS. Millionaire di questo mese titola: 15 buoni motivi per trasferirsi a Cuba ora!

    RispondiElimina
  2. ehehehe. Articolo farlocco solo per vendere copie.
    A completezza del discorso sulle gelaterie ti segnalo questo interessante articolo di Havana Times. http://www.havanatimes.org/sp/?p=96827

    Simone

    RispondiElimina
  3. Ho paura che Cuba stia diventando di moda

    RispondiElimina
  4. Per due volte ho cambiato casa proprio per il casino. Giuseppe

    RispondiElimina
  5. PATRIZIO.da Napoli. Buongiorno signor Aston, un amico mi ha indicato il suo sito perche' sto pianificando le prossime vacanze estive magari a Cuba. Me ne hanno parlato bene perche' io sono vedovo e mi mancano pochi anni alla pensione. E' vero che nell'isola potrei trovarmi una bella ragazza in eta' giovane come piacciono a me, magari univesitaria, fidanzarmi in casa e, se tutto va bene portármela a Napoli col beneplácito dei suoi genitori? E' vero che ho i miei hanni ma li porto bene e stobbene económicamente. Non mi vergogno se mi piace la gnocca fresca? grazie per una sua gentile risposta

    RispondiElimina
  6. Caro Patrizio benvenuto sul blog
    Come dico spesso ogni testa è un piccolo mondo
    Non posso che farle i migliori auguri per il suo. . . Progetto

    RispondiElimina
  7. IO ERO FIDANZATO CON UNA BRAVA GUANTANAMERA. Ho chiesto il visto turistico per lei con colloquio a marzo 2013, ho fatto la pratica tramite il consolato cubano di napoli, non l'ho avuto purtroppo. A lei hanno detto che dovevo riprovare a maggio e che ci avevo rimesso solo il costo del visto. Io ci ho rimesso 1.200 €: visto + passaporto a lei + biglietto aereo rimborsato al 40% + polizza sanitaria assicurativa + spedizione + bonifico a lei per soggiorno e viaggio all'havana. Nel modello avevo scritto novia-fidanzata: ho sbagliato? Lei davanti al municipio cubano era fidanzata con un tedesco, che poi ha formalmente rotto. A noi ci fermò la polizia e la registrò come la mia fidanzata a gennaio 2013. L'unica via è sposarmela per farla venire in Italia? Vorrei prima provare con una convivenza qui e vedere se andiamo d'accordo qui e si adatta qui... Che mi consigliate? Ci sentiamo ancora, ci vogliamo bene....Grazie, Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fabio ho spostato qua' il tuo commento sul post VISTI NEGATI
      Ricordo a te e a tutti che non serve postare commenti su post datati, al massimo postate su argomenti di due giorni indietro altrimenti nessuno leggera' cio' che scrivete.
      Postate in argomenti recenti anche se andate fuori tema.
      Grazie

      Elimina
    2. Ciao Fabio.
      L'unica è insistere col visto. Magari non fare il biglietto aereo prima, se proprio devi... fa una prenotazione.
      Io un paio di volte la feci falsa. Nel senso, che presi un foglio con una prenotazione reale e ci cambiai i dati. Tanto non la controlla nessuno a meno che non la riempi di errori grossolani. Tipo AzzurroPanorama come compagnia aerea.

      In ogni caso la convivenza qui, con una cubana, non ti serve assolutamente a capire niente.

      Elimina
    3. Condivido
      La convivenza col classico invito serve a poco o nulla.

      Elimina
  8. Io riproverei con un visto turistico,va bene scritto novia.

    RispondiElimina
  9. Risposte
    1. Si, tutto bene,ci sentiamo presto,estoy en la construccion!!

      Elimina
  10. Oggi se non si hanno legami famigliari è difficili ottenere il visto.paolino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispetto a qualche anno indietro è tutto più complicato

      Elimina
    2. Oramai accettiamo solo clandestini.

      Elimina
    3. Il problema e' che facciamo le leggi per proteggerci dalle orde che arrivano dal nord Africa e i cubani ci finiscono dietro con tutte le scarpe...

      Elimina
    4. Infatti, si vede come ci proteggono le leggi.
      Roma è invasa dai cingalesi. I nordafricani oramai li andiamo a prendere direttamente noi.

      Elimina
  11. In ogni dove, tutto è sempre più maledettamente complicato, sarà forse perchè: "Motus in fine velocior" (Il moto è più veloce verso la fine)? No, nessuna intenzione di essere negativo, solo una lucida constatazione dei fatti. Ciao Aston, ti seguo sempre.
    luciano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte una fine può essere la base per un buon inizio

      Elimina
  12. Sicuramente penso che il matrimonio faciliti tutto, non posso credere che ad una moglie neghino il visto per andare da suo marito, oppure quando si ha un figlio e non si è sposati, questo ve lo dirò io personalmente tra qualche tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti sposi solo per Cuba. . . Mi auguro. . .

      Elimina
    2. Per moglie o figli non ci sono problemi sia a venire qua che a parti inverse noi per ottenere la residenza permanente in Cuba.Paolino

      Elimina
    3. Parli di situazioni famigliari?
      Perche' la RP ce la possono negare per mille motivi.

      Elimina
    4. Certo,se una persona non ha avuto problemi con la giustizia,se ha moglie cubana o figli la rp è una certezza.paolino.

      Elimina
    5. La rp la riconoscono solo se moglie e figlio sono residenti a cuba. Mio figlio ha un pre e per avere la rp come padre dovrebbe tornare residente a cuba. Franz

      Elimina
    6. La rp si ottiene solo se la moglie o il figlio cubano sono residenti a cuba. Mio figlio vive con un pre( permiso de residencia a l'exterior) in Italia, io come padre posso avere la RP solo se ritorna residente a Cuba. Si spera ove il miracolo revoca del blokeo si concretizzi che tutta questa cervellotica burocrazia sparisca poco a volta. Un saluto all'amico Milco. Franz

      Elimina
    7. È un piacere ritrovarti caro Franz

      Elimina
    8. Certo franz tutto chiaro,io intendevo non si hanno problemi se marito e moglie vadano a Cuba per la residenza permanente e in più con i figli,intendo a vivere tutti insieme a Cuba.paolino.

      Elimina
    9. Il meccanismo della della nueva ley d'emigracion è simpatico, un cubano residente può rimanere fuori dal paese 2 anni senza problemi per la residenza cubana. Quindi anche la permanente per noi consente d'assentarsi da cuba per massimo 2 anni mantenendo la rp riconosciuta grazie al figlio o moglie cubano. E' da chiarire se possono i cubani prorogare per altri 2 anni al consolato senza far ritorno alla madre patria. Sembra che per la seconda proroga si pagano i famigerati 40 euro mensili al consolato: sull'ulteriore proroga biennale non sono certo,la ley è del gennaio 2013. Quindi per mantenere la rp basta tornare ogni 2 anni senza obbligo di permanenza a Cuba. Franz

      Elimina
  13. Ci sono regole precise da rispettare e oltre a questo vi sono direttive che arrivano dall'alto sul numero di visti rilasciabili dall'ambasciata.

    Grazie a Valentina di Laloma Viaggi, ho scoperto che mi avrebbero sicuramente rifiutato la visa della suegra, poichè sono in black list per 5 anni, avendo a suo tempo (4 anni fa) invitato la mia compagna che poi non è tornata nei tre mesi previsti.

    Questa ad esempio è una regola che non tutti conoscono. C'è ne sono molte altre. E' necessario che tutte vengano rispettate per ottenere il visto.
    Purtroppo, a volte, pur avendole rispettate tutte, per le direttive dall'alto può arrivare un rifiuto.

    Non credo che rapporti di parentela possano influire più di tanto.

    Simone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, dopo un mancato rientro nei termini di legge ci sono 5 anni dietro alla lavagna.

      Elimina
    2. Certo che se uno ha fatto inviti precedenti bisogna che siano andati a buon fine rispettando i tempi del rientro altrimenti vai in lista nera e non ti passano gli altri.io con la suegra sempre rientrata nei tempi giusti non ho mai avuto problemi.

      Elimina
  14. Buongiorno è possibile che qualcuno mi aiuti a capire se ti rimane la RP dopo aver divorziato e se puoi intestarti una casa comprándola dopo il divorzio?

    RispondiElimina
  15. Se hai un figlio non ci sono problemi. Altrimenti, non subito ma la perdi. A quel punto è bene trovare qualcuno per. . . Ripetere la cosa

    RispondiElimina
  16. Matrimonio con cubana residente, richiesta di RP che una volta ricevutala consente l'acquisto della casa da parte dello straniero sposo o padre di cubano. Se la moglie ha una casa di propietà o porzione della stessa dove può riparare in caso di divorzio, il giudice non assegna la metà della casa acquistata dallo yuma alla moglie divorziata. La casisitica è recente ma la rp dovrebbe rimanere anche con il divorzio a maggior agione avendo una casa aquistata che rimane di propietà del yuma.In caso di figlio la rp è blindata. Franz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesco fidati. Me lo ha confermato la jefa dove mi danno la Visa. Se non ci sono figli, non subito, ma in caso di divorzio la perdi. Il problema come sai è. . . Risolvibile

      Elimina
    2. la casa di propietà sicuro non si perde. Franz

      Elimina
  17. Cavolo ti ringrazio per l'informazione ma non è una bella notizia.. e davvero complimenti per la serietà del blog.. spero un giorno di venire a las tunas e arquilar tu casa. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La serietà non è grazie a me ma per merito della bella gente che condivide la propria esperienza con altri
      Ti aspetto a Tunas

      Elimina