domenica 1 febbraio 2015

POVERO ZIO FESTER!

 

L'immagine del miglior dirigente sportivo italiano che, dopo aver preso insulti allo stadio, a S.Siro, a seguito dell'eliminazione in Coppa Italia con la Lazio, sale su un treno, va a Roma e citofona a casa di un giocatore tutto sommato mediocre per offrirgli un contratto da 5 mesi senza nessuna prospettiva maggiore sicura, fotografa in pieno il triste momento del nostro calcio.
Galliani, senza un'euro in tasca e' comunque riuscito a portare a casa Destro, Cerci, Bocchetti e Antonelli, scusate se e' poco.
Certo si sono accorti, al Milan, che Cerci non corre ma anzi, quando hanno la palla gli altri e' il maggior tifoso dei suoi compagni...
Che dire sul povero Inzaghi che l'altra sera aveva l'espressione del tacchino inseguito dal cuoco?
Non posso che ripetere quanto scrissi a proposito di Ferrara, Gattuso e Liverani.
Puoi essere anche stato un grande calciatore ma se non hai esperienza di panchina, gestire 25 calciatori, che sono 25 aziende, non e' per nulla facile.
In piu' si trova in mezzo alla ormai epocale guerra fra la Berluschina e Galliani.
L'Inter, sempre a quasi zero euro, sta' ribaltando la squadra eliminando i maratoneti a favore di gente che sappia fare 3 palleggi di fila.
Era il caso, prima dell'inizio del campionato, rinnovare il contratto a Mazzarri per 3.5 milioni all'anno?
Cio' che e' accaduto a Parma e' figlio di quanto dicevamo in estate quando non ebbero la licenza Uefa.
Il ciccio bomba ne ha fatte di tutti i colori, probabilmente si e' imboscato il grano e ora le conseguenze sono queste.
Di Cassano non parlo....non ne vale la pena.
Burlando, governatore della Liguria ha sollevato sospetti sulla solidita' economica di Ferrero.
In effetti i ciclisti doriani stanno spendendo il 30% in piu' rispetto al fatturato di quella squadra.
Lui e' stato produttore e gestisce dei cinema, mi pare poco per tenere in piedi una societa' di calcio, vedremo in un non lontano furturo.
Chissa' chi c'e' dietro, come sarebbe utile sapere chi si nasconde dietro Paparesta a Bari...
Il Toro viene da 7 risultati utili consecutivi, tre vittorie e 4 pareggi, con in mezzo la sciagurata eliminazione, in casa con la Lazio, dalla Coppa Italia.
Questo dimostra che sarebbe bastato sostituire i due davanti con gente decorosa per poter puntare di nuovo, in un campionato cosi' sgualfo, all'Europa.
Maxi Lopez per quel poco che lo abbiamo visto e' punta vera anche se non capisco come al Chievo potesse fare panchina a Meggiorini.
Vediamo oggi e domani se il braccino mandrogno ci regala ancora qualcuno.
Intanto oggi affrontiamo la Samp, una delle migliori squadre del campionato, sara' dura...ci mancava solo Eto'...
Ieri sera, a mio avviso, e' terminato il campionato.
Malgrado aiuti reiterati e ripetuti ogni partita da parte degli arbitri la Roma ha mollato, l'effetto Garcia e' finito.
Quest'anno piu' che allenare ha banfato, peccato perche' la squadra e' fortissima ma dopo la scoppola in casa col Bayern non si e' piu' ritrovata.
Forse sara' il caso di mettere da parte qualche vecchia, immobile bandiera per ripartire in modo differente.
Certo che se dai via Destro e poi metti Florenzi a fare il centravanti qualcosa non funziona.
Lo scudetto lo vinceranno ancora quelli la'.....da uomo di sport dico che e' giusto cosi', da tifoso di una Leggenda dico...Pinga.
Bolelli e Fognini, 56 anni dopo Pietrangeli e Sirola, hanno vinto, nel doppio maschile un torneo dello slam.
Australian open.
Se Fognini avesse in testa anche solo un neurone funzionante, che giocatore sarebbe!

21 commenti:

  1. Sono nella palestra del palasport di Giaveno ad allenarmi malgrado la Gripe
    C'è una manifestazione di bambini della pilota. Ad Avigliana è molto popolare. Aria di casa. . .

    RispondiElimina
  2. Da romanista mi trovi d accordo su quello che dici della roma,ma io dico anche che molti giocatori sono stati sopravalutati,non vedo un grande giocatore,forse l unico e' l olandese purtroppo rotto,ma il resto vedo poca roba,tanti mezzi giocatori,la juve ha dei campioni e' un altra faccenda.paolino.

    RispondiElimina
  3. I gobbi hanno anche mezza squadra di italiani in campo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero e sicuramente a giugno ne prendono un altro molto forte ZAZA,certo che a toglierci pogba e tevez......paolino.

      Elimina
    2. Il Sassuolo sta' vincendo con l'Inter dovrebbe essere salvo
      Zaza potrebbe partire subito. Tevez ha un altro anno di contratto.

      Elimina


  4. Il meglio della serie A si gioca all’Olimpico, almeno considerando la forma di Torino e Sampdoria. Negli ultimi due mesi le squadre di Giampiero Ventura e Sinisa Mihajlovic sono quelle che, considerando gli scontri diretti della 21esima giornata, hanno totalizzato più punti di tutti: 25. Tra i due, hanno fatto ancora meglio i granata che negli ultimi sette turni hanno cambiato marcia imprimendo al loro cammino una velocità da terza della classe. Da quando hanno perso il derby a fine novembre, Glik e compagni hanno centrato 3 successi e 4 pareggi: solo Juve e Lazio hanno saputo fare di più.



    Oggi il Toro spera di incassare in casa l’ottavo risultato utile di fila, anche se l’avversario si chiama Sampdoria, cioè un club tornato super ambizioso grazie ad una campagna acquisti rampante e impreziosita dalla stella Eto’o. L’allenatore granata è tentato a riproporre l’impianto di squadra che ha sbancato Cesena e poi la Milano nerazzurra, cioè con Martinez confermato dal primo minuto accanto a Quagliarella, e Maxi Lopez (che ancora non ha i 90’ nelle gambe) ancora in panchina ma pronto ad entrare nel secondo tempo. L’unico vero ballottaggio sembra essere quello per un posto sulla corsia esterna: Molinaro si deve guardare dal ritorno di Bruno Peres, che a San Siro era assente per squalifica e adesso scalpita. In mezzo al campo Gazzi, che festeggia il rinnovo del contratto fino al 2016, sarà ancora affiancato da Benassi e Farnerud, mentre El Kaddouri sembra destinato ad un’altra panchina.



    In difesa torna Bovo: l’ex del Genoa prende il posto di Maksimovic che non è stato neppure convocato a causa del riacutizzarsi del dolore muscolare che l’aveva costretto ad uscire anzitempo dalla sfida contro l’Inter. In porta c’è Padelli, con secondo Castellazzi: il visto per arruolare Ichazo, acquistato in settimana al posto di Gillet (finito al Catania), non è ancora arrivato.

    RispondiElimina
  5. 2-0 ancora la Quaglia su rigore. Era ora che ne buttassimo dentro uno

    RispondiElimina
  6. Toro davanti alle milanesi.....pero'.....e 9 risultati utili,ottimo ventura.paolino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Calma siamo solo al primo tempo. Ventura ci ha messo venti partite per capire come giocare senza i due dello scorso anno

      Elimina
  7. Ciao milco! Grande quaglia. Noi si soffre.
    Anche io ho qlache news. Sono in trattativa con un importante gruppo tedesco che ha intenzione di aprire una sede all'havana.
    Si occupano di gestione della mobilità.
    Se va in porto un progetto che sto seguendo per loro ad Abu Dhabi, ci sono discrete possibilità che mi tengano in considerazione x l'havana.

    Le cose si muovono.
    Simone

    RispondiElimina
  8. Grande Simone. Come dico sempre bisogna muoversi e cercare le opportunità. Non aspettarlè

    RispondiElimina
  9. Sinisa domani li mette a posto.paolino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gabbiadini e 'stata una grave perdita e domani va via anche Gastaldello...
      Domani?
      Questi tornano a Genova a piedi.

      Elimina
  10. Preso con diritto di riscatto Alvaro Gonzalez dalla Lazio

    RispondiElimina
  11. Aston cosa dici ora di Ventura? Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che dico da anni. Allena il Toro ma non è il MIO allenatore. Inoltre mancano 12 punti alla salvezza. Piedi per terra!

      Elimina
  12. Un Toro bello, concreto e spettacolare batte all'Olimpico la Samp di Sinisa Mihajlovic con un sonoro cinque a uno, porta a otto i risultati utili consecutivi e, cosa importantissima, guadagna la parte sinistra della classifica, indicata come uno degli obiettivi a inizio stagione.

    Eh sì, perché, nonostante le dolorose partenze estive di Cerci e Immobile, dopo aver assaporato la gioia dell'Europa League per la squadra granata era dura ritornare nell'anonimato della lotta alla salvezza, un po' come quando, dopo aver guidato una Ferrari, ti ritrovi su una Panda.
    E invece il terzo successo di fila, il più roboante dopo quelli di misura rifilati a domicilio a Cesena e Inter, riporta il Toro nelle zone nobili della classifica.
    Come nel pareggio interno contro il Milan, i granata hanno costruito diverse palle gol, con la differenza che, questa volta, le hanno sfruttate.
    Nulla da eccepire su una squadra attenta in difesa, aggressiva in mediana e cattiva in attacco, capace di battere una Sampdoria in forma e di renderla piccola piccola, nonostante i blucerchiati non siano praticamente scesi in campo con la testa, su ammissione del loro stesso tecnico.
    Nella giornata perfetta, oltre alla tripletta di Quagliarella, è arrivato anche il primo sigillo in campionato di Amauri.
    Insomma tutto fantastico, tutto come nelle favole. Ora però sarà da evitare un brusco ritorno alla realtà, a partire dalla delicatissima sfida di sabato a Verona contro l'Hellas, squadra che non vive un buon momento ma che può indubbiamente risultare ostica. I granata affronteranno la trasferta scaligera senza lo squalificato Gazzi, in una prova che dirà davvero se di svolta si tratta oppure no.

    RispondiElimina