martedì 3 marzo 2015

A CHI PRENDERLI?

Risultati immagini per cuc cubani

L'argomento e' gia' stato ampiamente trattato, ma due milioni di turisti americani in arrivo, in caso di sollevamento del bloqueo, possono giustificare una chiacchierata in piu'.
Ieri si parlava del fatto che casa de renta e paladar sono le due soluzioni piu' ovvie ( ci sarebbe anche il discorso sui trasporti, magari lo affronteremo un'altra volta) se si vogliono fare investimenti mirati e, tutto sommato, limitati.
L'alternativa e' fare societa' con lo stato, ma in questo caso ballano ben altre cifre e ben altri rischi.
Se voglio delle ciliegie, e non le voglio acquistare, devo andare dove ci sono gli alberi di ciliegie di qualita', nella specifico da queste parti, a Pecetto.
Allo stesso modo se voglio mettere in piedi, a Cuba, attivita' che possano garantire un reddito decoroso, occorre rivolgerci ad una fetta di mercato che abbia i mezzi adeguati per rispondere a questa esigenza.
Quindi i turisti o comunque gli stranieri.
Paladar e renta possono garantire un reddito se si rivolgono sopratutto a questo tipo di clientela; nel primo caso un minimo di 200 cuc al giorno, nel secondo 500 al mese.
Parlo di minimo sindacale, poi ovviamente ci sono le spese di cui occorre tenere conto.
Per un certo periodo ho creduto anche io a quella cazzata della middle class cubana.
Probabilmente esiste una classe di cubani che ha possibilita' economiche importanti, occorre pero' tenere conto della mancanza di un certo tipo di cultura.
Quella che porta a spendere per le cose belle.
100 pesos per una carbonara fatta bene a Cuba e' una cifra che si puo' spendere, ma per loro, per i cubani, saranno sempre preferibili 4 Bucanero.
Il 90% della clientela dei paladar e' composta da stranieri ed e' per questa ragione che il negocio va' rivolto a loro.
Poi se vengono anche cubani con la famiglia va bene, ma non bisogna farsi troppe illusioni.
Negli anni abbiamo discusso su attivita' da mettere in piedi, da rivolgere sopratutto ai cubani.
Il gelato a chi non piace?
Ha senso pero' comperare l'attrezzatura in Italia, portarla giu' coi costi che conosciamo, affittare un locale, metterlo a posto per poi combattere con chi fa pagare 1/3 pesos cubani a pallina?
Certo la qualita' e' differente ma il cubano sa apprezzare queste differenze o basta che mandi giu?
Sento parlare di gente che vuole aprire negozi di pizza al taglio.
Benissimo a chi non piace la pizza?
Ma si puo' combattere con chi, per 5 pesos, riesce a farla decorosamente o perlomeno ad un livello adeguato per i gusti cubani?
Anni fa, ricorderete, pensai a mettere su un ginnasio.
Inizialmente volevo farlo rustico, poche centinaia di cuc per della ferraglia da mettere in un patio.
Quattro ore al giorno in cui avevo qualcosa da fare, ovviamente senza pensare al guadagno, che sarebbe stato irrisorio.
Poi si e' parlato di privatizzare quello de la peluqueria, ne ho parlato col mio amico profesor.
Feci 2 conti.
Con 15 mila euro, il mio amico che rigenera attrezzi a Torino, mi consegnava una palestra con tutto l'essenziale per lavorare.
Mettiamone altri 5000 per farla arrivare a destinazione fra container e propine varie.
Ipotizziamo di portare a 5 cuc al mese il mensile.
Il cubano non batte ciglio se deve sputtanarsi 40 cuc per un paio di jeans farlocchi, ma fargliene spendere 5 per la propria salute e' un impresa.
Calcolando che avrei dovuto dividere con prof, mettendoci dentro le spese, in quanti secoli sarei rientrato dall'investimento?
Se il negocio che si vuole mettere in piedi e' destinato sopratutto ai cubani beh....lasciamolo fare a loro.
Coi turisti il grano entra pulito, costante e continuo.
Certo, come sto' spiegando a chi gestisce la renta, devono togliersi dalla testa l'abitudine che, quando non c'e' nessuno, sia sufficiente mettersi sull'uscio aspettando la Divina Provvidenza.
Occorre che si muovano, facciano conoscere il servizio, si diano da fare.
Battaglia lunga, ma che, con pazienza e costanza, si puo' vincere.

32 commenti:

  1. FRANZ Il Napoli domenica PPPPRPRRRRRRRRRRR!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finchè si perda con il toro ci può stare. MA DAI NON COLORATI IL DOLORE SAREBBE MORTALE. Onore al difensore che ha segnato di più in EUROPA. Comunqque il Napoli è ancora in corsa per il 2 posto in campionato. Domani la prima partita nella semifinale di coppa Italia, e un ottavo abbordabile con la Dinamo Mosca. Il Toro con lo Zenit la vedo dura. Ma se ripete la stessa partita all'arma bianca di Bilbao tutto è possibile. Franz

      Elimina
    2. Inaccettabile il vostro torero camomillo che alle interviste risponde a monosillabi

      Elimina
  2. EL LOCO
    Penso che lo stato ancora non permetta gelaterie e pizza al taglio particular

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei, vedo che a Tunas affittano locali per ristoranti e bar...

      Elimina
  3. Attraverso alcune amicizie della mia compagna ti confermo che la middle class cubana esiste (quella che si vede in habanastation per capirci). Vivono essenzialmente all'Havana (playa, miramar) hanno stipendi allineati ai nostri e un tenore di vita paragonabile a quello occidentale.
    Ma in fondo sono sempre cubani e preferiscono spendere soldi per i vestiti e per i weekend a Varadero che per altro.

    Simone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una curiosità Simone, chi sono questi cubani middle class? Militari?
      L.

      Elimina
    2. Militari, governo o gente dello spettacolo.
      Alcuni lavorano per aziende canadesi nel ramo idrocarburi e costruzione case prefabbricate.
      Simone

      Elimina
    3. Amministratori di aziende, manager turistici, gente che ha la "firma" ecc ecc

      Elimina
    4. Esattamente.

      Elimina
  4. Evidentemente in Palestina questa gente è più difficile da trovare

    RispondiElimina
  5. Credo che questo fiorire di attività particular (parlo di quelle serie come la tua e non del chioschetto che vende cd pirata) spingerà los duenos a trovare escamotage per emergere sugli altri. Alcuni punteranno sulla qualità, cercando di reperire materie prime di qualità, altri sulla diversificazione del servizio, altri ancora sul marketing.

    Quindi, tra un po' di tempo, anche i nuovi imprenditori potrebbero divenire (per altri business naturalmente) una fonte di reddito.

    Simone

    RispondiElimina
  6. Concordo in pieno
    Tu al gelato non pensi più?

    RispondiElimina
  7. No, Milco.
    Alla fine mi sono reso conto che il mio lavoro è quello che mi piace di più e che so fare bene.
    Tutto dipende esclusivamente da me, non devo rendere conto a nessuno e nessuno lo deve rendere a me. Mi basta il mio notebook e una connessione.
    Se poi riesco a mantenere anche alcuni miei clienti attuali il gioco è fatto.

    Ho già fatto un lavoro da qui per un cubano. Il tizio ha portato i soldi cash al suegro. Tutti contenti, anche io che ho lavorato gratis.
    Il sito l'ho fatto in due ore guardando la partita e bevendomi una birra. Più di così mi sembra di essere presuntuoso.

    Simone

    RispondiElimina
  8. Vedrai che a breve ci troveremo a bere un traco al caldo sole del Caribe

    RispondiElimina
  9. Lo spero tanto e so che lo potremo fare.

    Ps. In questi giorni ti chiamo perchè ho bisogno di chiederti una cosa.

    RispondiElimina
  10. Preferisco mille volte la Palestina al nord caro Milco....a nord tutti sparlano della Palestina, ma vedo che nei fatti, nell'umiltà, e in tutto il resto non c'è paragone, pensano di offendere gli orientali chiamandoli Palestina, non sanno che gli fanno solo complimenti.
    Per un buon negocio credo sempre che vada rivolto solo ai turisti, e in zone dove loro pullulano, altrimenti è solo una rimessa unita al rompimento di maroni.

    RispondiElimina
  11. Ma sai dipende...
    Chi ha sempre viaggiato nella capitale si trova meglio li'...dipende da quello che uno cerca.
    Tieni conto che tenti che parlano male della Palestina poi, gratta gratta, arrivano da li'.

    RispondiElimina
  12. Esatto, confermo....ogni volta che mi fermo a dormire dalla mia duena di fiducia a Jaguey Grande mi ripete sempre la stessa solfa, che in Palestina i ragazzi non studiano, non sono acculturati, che non sono di buone famiglie, ecc ecc....poi la sera vai a fare un giro nelle discoteche di Jaguey Grande trovi un troiaio pazzesco...va beh, passiamo ad altro.....Milco sapete nulla voi di questo?

    http://www.micocoliso.com/2015/03/cambios-en-leyes-de-la-aduana-de-cuba.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiedi qua a cento cubani da dove arrivano e vedi quanti ti rispondono Avana centro

      Elimina
  13. I leghisti più sfegatati spesso hanno origini del sud italia.

    SImone

    RispondiElimina
  14. Un po' come succede in Italia insomma va'....Noi dei sud siamo i Terroni e poi scava scava i "razzisti" peggiori sono quelli che avevano i nonni, se non i genitori, del paesino dell'Aspromonte...
    L.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricorda che si è sempre i terroni di qualcuno

      Elimina
    2. Eh Milco vallo a dire a quelli che cantano "Va' Pensiero" con la mano sul petto!
      L.

      Elimina
    3. Oramai è folklore e nulla più

      Elimina
  15. In merito alle nuove norme sulla tassa di uscita in vigore dal 1 aprile 2015, ricevo e pubblico:

    Tassa di uscita Cuba

    La tassa di uscita Cuba a partire dal 01 aprile 2015 dovrà essere pagata prima della partenza all'agenzia che emette il biglietto aereo per Cuba. Questa norma governativa è stata attuata direttamente dal governo Cubano.
    Se la pratica solo volo per Cuba è prenotata direttamente con la compagnia aerea charter, la tariffa è di circa 22 euro, mentre con i maggiori tour operator Italiani la tariffa è di 25.99 euro. Nei casi in cui il biglietto sia stato emesso con volo di linea per Cuba, air france, aeroflot, air europa, condor lufthansa, la tassa di uscita è già inclusa nella tariffa del biglietto.
    Il pagamento della tassa di uscita Cuba effettuato alla agenzia che emette la prenotazione per Cuba, è una buona soluzione per evitare file interminabili alla ECASA (Empresa Cubana de Aeropuertos y Servicios Aeronáuticos S.A.) presso gli aeroporti Cubani.

    RispondiElimina
  16. Alla fine la paghiamo comunque

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, ma preferisco il male mionore, pagandola col volo, anzichè fare lunghe code dagli usurai legalizzati in aeroporto.

      Elimina
  17. Sarà un altro dei costi in più del biglietto

    RispondiElimina