giovedì 30 aprile 2015

BENVENUTO NEL CLUB

 Risultati immagini per VECCHIO ARRAPATO

Da parecchio tempo mi alleno e frequento la palestra di un'amico all'interno del palasport di Giaveno, a pochi km da dove vivo.
Ci vado al mattino, siamo piu' o meno sempre gli stessi, un giro di temba belli massicci e di gente che, sul lavoro, fa i turni.
Uno di loro, e' un rubicondo signore quasi settantenne, che non manca un giorno.
Il tipo ha tirato su, nei decenni e facendosi un mazzo cosi', la piu' grande impresa edile della zona, che alcuni anni fa ha lasciato al figlio, continuando a seguirla...in seconda battuta.
Visto che il lavoro qua' latita, ben prima della crisi, hanno iniziato a lavorare anche in Romania.
Il tipo economicamente sta' molto bene, il mese scorso ha preso l'ultimo modello di Mercedes, non me ne intendo ma credo che non sia ancora neanche in vendita, ufficialmente.
Quando va in Romania, a Bucarest pernotta in un hotel da 200 euro a notte, puteria e tutto quanto il resto.
Un paio di mesi fa mi chiedeva di Cuba e della possibilita' di lavorare, nel suo ambito, nell'isola.
Gli ho detto, intanto di farsi un giro per conoscerla, e poi che il momento non e' ancora propizio e che, forse, nel suo ambito, la concorrenza locale sarebbe stata difficilmente, per i costi, superabile.
Cosi' 3 settimane fa, col figlio, la moglie e la nuora si sono recati, per una vacanza nella maggiore delle Antille.
Prima di partire gli ho ricordato che, andare a Cuba con la moglie, e' molto ma molto peggio che andare all'Oktoberfest con la Peroni nel bagagliaio.
Ieri e' tornato in palestra, dopo la sua solita oretta di pilates e' piombato in sala corsi, mi ha visto e non mi ha mollato piu' per tutta la mattinata.
Solitamente, in palestra, fra una serie e l'altra, oltre che chiacchierare inserisco e rispondo ai commenti del blog.
Ieri mi seguiva praticamente da un'attrezzo all'altro raccontandomi per filo e per segno le avventure vissute nelle 3 settimane nella maggiore delle Antille.
Essendo una persona assolutamente piacevole e' stata una mattinata del tutto divertente.
Si sono fatti 10 giorni a Varadero, altri 10 all'Avana ovviamente in un hotel di livello.
A Varadero ha conosciuto la solita ballerina d'ordinanza, con cui e' riuscito a combinare qualcosa aggirando il bloqueo della moglie e il divieto per le fanciulle di empatarsi coi turisti.
Mi sono immaginato questo omino arrampicato su una negrona statuaria.
Poi ha fatto una serie di escursioni, alcune con le donne della famiglia, altre solo col figlio, dove sicuramente si e' divertito di piu'.
Gli ultimi 4 giorni la moglie, che nel frattempo non aveva mangiato solo la foglia ma tutto il fienile, non lo ha piu' mollato un'attimo impedendogli ulteriori momenti ludici.
Mentre mi raccontava, con persino un'eccessiva dovizia di particolari, le sue imprese, vedevo i suoi occhi accendersi.
Questo quasi settantenne, benestante uomo di mondo che il mondo lo ha girato tutto, parlava di Cuba come un bambino parla del suo vasetto di Nutella.
Ancora una volta, la milionesima, Cuba ha colpito nel segno.
Davvero sembrava un bambino perdutamente innamorato di qualcosa che ha appena sfiorato nel suo lato piu' turistico e se vogliamo meno popolare.
Cuba e' questo.
Mi parlava, esattamente come Alessandro spiegava in un post sul suo blog, che si fermava a guardare le cubane semplicemente camminare.
Non aveva mai visto donne, di tutte le eta', colore e tamagno camminare in quel modo.
Sta' gia' programmando un modo per poterci tornare, sicuramente inventando Dio solo sa quale balla per la moglie, allo scopo di ritagliarsi un paio di settimane per tornare laggiu'.
La prossima volta fanculo hotel e Varadero, solo La Habana con tutte le sue tentazioni.
Non e' che prima che partisse gli avessi detto molto, soltanto che, conoscendolo, avrebbe trovato aspetti dell'isola che....gli sarebbero piaciuti e da cui avrebbe fatto una certa fatica ad allontanarsi.
Ovviamente di lavoro, gru, muletti, cazzuole, cemento, pintura e cose simili non abbiamo neanche parlato....
Cuba non sbaglia un colpo ragazzi miei.
Benvenuto nel club...

20 commenti:

  1. Già me lo vedo, Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È capitato, magari in modo diverso, a ognuno di noi

      Elimina
  2. la sola maniera di guardarti negli occhi delle cubane vale tutto un viaggio.p68

    RispondiElimina
  3. al guardarti negli occhi se poi aggiungono un mi amor...il gioco è fatto...almeno per il neofita...

    ragazzi è da mmmò che ripeto: "tira più un pelo di figa che un carro di buoi"...

    Freccia

    RispondiElimina
  4. Non dirlo a me che sono un fan di Cetto la qualunque. . .

    RispondiElimina
  5. Cuando te miran las morenas
    te hacen perder la rason
    porque' tienen in sus ojos
    el fuego de la pasión.
    Ricordi.. amici cari... ricordi per me (casado). beato chi puo'
    YUMA

    RispondiElimina
  6. La conoscete? peccato che l'ho imparata in Peru?. pero' si adatta moltissimo anche a Cuba. - YUMA

    RispondiElimina
  7. Come è già che diceva l'autore del vecchio e il mare al protagonista nel film Havana. . . ?

    RispondiElimina
  8. DA LA ISLA GRANDE

    Riflessioni su Cuba: un "yuma" all'Havana
    Da qualche settimana ho conosciuto in rete una persona molto simpatica Niki (mario serio), che guida un forum sul sito Turisti per Caso. Innamorato e legato a Cuba come me, ci siamo scambiati diverse mail, oggi mi ha mandato questo suo scritto che illustra con emozione il primo impatto di uno "straniero" che arriva all'Havana, e che si innamora dell'Isla Grande.
    Come spiegare il mio amore per L'Avana
    La prima sensazione arrivando senza il pesante scafandro del turista, che tutto addolcisce e tiene a debita distanza è la paura.
    La paura di una città maestosa e misteriosa dove l'affollamento si divide tra la staticità più immobile e l'affannoso rincorrersi.
    La confusione di un idioma sconosciuto
    La diffidenza che porta ad aver paura della gente che ti guarda fisso e ti fotografa con gli occhi e a grande distanza già scopre la tua provenienza senza arrivare a vedere i tuoi tratti somatici, solo attraverso il deambulare o la postura.
    Superato questo terribile primo impatto che quasi ti costringe a tornare nei giardini recintati proprio a te dedicati, ti fai un pò avanti, ti fai un pò audace.
    Personalmente, per scoprire una nuova città preferisco partire dal basso, dai locali più infimi, dai posti meno raccomandabili, dalle stradine più oscure.
    E poi d'incanto, il ragazzo di colore dalle fattezze del lottatore greco e dalla faccia segnata dal macete ti propone lo scambio del braccialetto di plastica del medesimo colore chiedendoti il significato delle parole incise sul tuo, dal tavolo di un uomo dal grande sigaro e dall'aspetto del boss malavitoso annoiato arriva un bicchierino di rum, forse a premiare l'audacia dello straniero arrivato fin lì.
    Ed appena fuori un'altro ti avverte del tuo marsupio aperto e ti raccomanda di starci attento.
    (sono stato derubato anch'io perchè chi sopravvive rubando non ha nazione e non guarda l'altrui nazionalità)
    Ed ancora camminando un altro quasi ti salva dal precipitare in una classica buca del marciapiede...
    Fino ad arrivare ad aiutare una vecchina che ti chiede una mano per attraversare una trafficatissima strada e dopo aver compreso con difficoltà la richiesta, prenderla per mano e fermando le auto portarla sull'altro lato della strada ricevendo il bacio più dolce del mondo.
    Per finire a camminare finalmente sciolto in quel fiume umano, a dribblare buche sui marciapiedi, a farti ustionare l'anima reggendo gli sguardi delle donne anche anziane, a vivere l'angoscia e la speranza, l'insoddisfazione e la sommessa ribellione, la noia e l'allegria, il caldo e le tempeste quasi fossi anche tu un cittadino.
    E ti trovi il tuo santo personale il tuo orisha, a cui offri le cose che ti piacciono di più, qualche sigaretta una lattina di birra, e che spolveri la mattina prima di uscire per strada.
    E ti dicono che i tuoi nonni vivevano pressappoco così nel tuo pese, ma io lo posso vedere solo qui, seduto su questa piazza, con alle spalle l'enorme statua di ferro di Don Chisciotte e del suo fido Ronzinante, fumando Popular, e a volte, offrendo Bucanero allo sconosciuto passante.
    E soprattutto ti accorgi che la parte più bella di te la lasci sempre lì, dall'altra parte dell'enorme mare....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preferisco questa ricostruzione alla solita storia della mignotta che ti fa girare la testa. O almeno mi ci riconosco di più.
      Ho perfino aiutato le vecchie ad attraversare!

      Elimina
    2. È normale dopo tanti viaggi riconoscersi in situazioni più normali. Comunque tutti siamo passati da quello stadio

      Elimina
  9. Ebbene sì,passeggiare da soli sul malecon o meglio ancora per 23 da soli non ha prezzo,anche solo per guardare appunto come camminano e gli sguardi delle fanciulle.....

    RispondiElimina
  10. Ma poi, cazzo, sei a La Habana!

    RispondiElimina
  11. ...a quell'eta hay que estar cuidado allo sciopone.... :-))))

    RispondiElimina
  12. Figurati. È uno di quei vecchi piemontesi che fanno colazione con le acciughe al verde.

    RispondiElimina
  13. Sorrido e penso che avete ragione, ometti. Le donne cubane hanno un qualcosa di magnetico che noi non avremo mai! Parlo di fascino eh.
    Per contro, fatemi dire che vale anche per i mulattoni della isla :D e sto sempre parlando del fascino!

    RispondiElimina
  14. Mah. . sarà che non ho grande occhio in materia ma questa cosa dei mulattoni mi sembra una fiaba con poca attinenza con la realtà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai scherzando vero??? Belli come a Cuba li ho visti solo a Miami, ed erano cubani :P
      Scherzi a parte, sono molto belli davvero. E io l'occhio in materia ce l'ho!

      Elimina
  15. Io invece butto l'occhio....verso altri orizzonti...

    RispondiElimina