lunedì 20 aprile 2015

IL TERZO PAPA

 Risultati immagini per Papa francesco

Gli organi di stampa di tutto il mondo hanno riportato la notizia di una nuova visita papale a Cuba.
Il tutto si andrebbe ad inserire nel nuovo contesto in cui l'isola sta' vivendo, da dicembre scorso ad oggi.
Se la notizia venisse confermata, com'e' probabile, sarebbe il terzo Papa in visita alla Cuba Castrista e Socialista.
Dopo il polacco e il nazista ora arriva il latino.
L'arrivo del Papa polacco fu un evento storico.
Il primo segnale che Cuba si apriva al mondo e il mondo si apriva a Cuba.
Era caduto il blocco socialista, l'isola aveva un disperato bisogno di uscire dall'isolamento.
Ricorderete le storiche immagini di un Fidel elegante ed in abito civile che andava ad accogliere il polacco ai piedi della scaletta dell'aereo.
Quell'incontro, a cui segui quello del Comandante en Jefe in Vaticano, sanci' la fine dell'ostracismo castrista nei confronti, non solo della chiesa cattolica, ma di tutte le religioni.
Venne sancito un patto in cui il regime permetteva, ufficialmente, la diffusione della fede a patto che i baciapile, nelle loro omelie, evitassero di mettere il naso dove non dovevano metterlo.
La cosa, almeno fino ad oggi ha funzionato bene.
E' giusto ricordare che, da ben prima di quell'incontro, nell'isola operavano gia' le sorelle della confraternita di Madre Teresa di Calcutta che, varie volte, aveva visitato Cuba.
La Rai, per la copertura dell'evento, mando' quel servo, quella merda di Del Noce.
Servo perche' e' un servo, merda perche' era nel consiglio di amministrazione del Toro di Cimmimerda, quello che falli' miseramente.
C'era chi sosteneva che quella visita papale sarebbe stata occasione, per imprecisati gruppi di dissidenti, di scatenare rivolte di piazza.
Invece fu proprio Fidel, con un colpo di genio, a dire alla gente di scendere in strada per festeggiare l'illustre ospite.
Il popolo cubano, come sempre, ubbidi' in massa.
Ricordo la merda che si aggirava col microfono per le vie della Avana, intervistando la gente per strada.
Siete qua' per contestare il regime vero?”
L'intervistato lo guardava stranito e rispondeva; “Para nada, siamo qua' perche' ce lo ha detto Fidel e perche' vogliamo vedere il Papa”.
La merda passava a un'altro intervistato da cui otteneva la stessa risposta.
Non ricordo bene se ero a Cuba quando venne il nazista in visita, oppure arrivai pochi giorni dopo la sua partenza.
Moltissima policia, bandoleros che avevano sospeso i loro negocios e puteria sparita.
Questo e' il male delle visite papali, molta policia e un controllo stretto su tutto.
La visita del nazista non ebbe l'impatto della volta prima, diverso il momento storico ma sopratutto diverso il protagonista, anzi i protagonisti perche', nel frattempo, il potere era gia' passato a Raul.
Ora arriva Francisco, prevedo un enorme bagno di folla.
L'argentino ha fatto molto per la normalizzazione dei rapporti fra Cuba e gli Stati Uniti, Francisco ci ha messo la faccia piu' di una volta.
Poi e' un latino, un uomo di quel continente, parla lo stesso idioma e ha vissuto le stesse esperienze.
Mi e' persino simpatico.
Chi segue il blog sa quanto disprezzo ho per i riti finti e falsi di un certo tipo di chiesa.
Allo stesso modo disprezzo gli ecclesiastici ospiti fissi delle trasmissioni televisive, quelli che vanno a cantare o altre menate simili. 
Questo al di la' del fatto che io ritenga tutte le religioni un grande inganno...indispensabile per il genere umano.
Amo pero' i preti e le suore missionarie, che prestano servizio nelle latrine del mondo.
Sono con i religiosi della Teologia della Liberazione, con le sorelle di Madre Teresa, con i preti operai, con i sacerdoti che rischiano la vita nelle zone piu' pericolose del nostro paese combattendo con la mafia e la camorra.
Io penso che a questo mondo esista solo una grande chiesa che parte da Che Guevara e arriva fino a Madre Teresa....”

28 commenti:

  1. Questo Papa è una cosa speciale. Giuseppe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro è uno che fa i fatti

      Elimina
  2. cocotimba - Anche a me non piacciono molto i preti e odio a morte, se permesso, i fanatici religiosi. Ritengo questi ultimi una peste per l'umanita'; li considero infatti responsabili dei piu' efferati crimini e delle piu' sanguinose guerre di sempre. All'opposto, per quanto riguarda i cristiani, rispetto e onoro i missionari e le suore, che tanto hanno fatto e fanno per i poveri e non solo. Un discorso a parte merita questo papa Francesco, tanto umile e carismático, di un'empatia e un'intelligenza speciali, tali da farlo risultare in molti casi addirittura piu' simpático ai non credenti (perche' non si aspettavano che la Chiesa cattoloca romana (con tutti i suoi intrighi, altezzosita' , sfarzi e responsabilita' che la caratterizzano da sempre), potesse di questi temoi partorire un tal, direi, santuomo (ho usato un termine che racchiude in se tutte le grandi positive aratteristiche che contraddistinguono, a mio parere, questa grande figura).
    SECONO TEMA: da quello che dici, caro Milco, sul cambio euro- dollaro (0,90)! non credo a questo punto che riusciro' a fare l'investimento che tanto mi stava a cuore a Cuba perche' , se ci arrivavo pochi mesi fa' con i soldi contati, ora, che mi viene a costare oltre il 35 per cento in piu', e' diventato una mission impossible. Peccato Come dici tu, ho lasciato passare il treno e ora con gli americani alle porte, non credo che ci potro' piu' pensare, neanche in futuro. Ciao pescao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo i casini dei preti pedofili alla chiesa serviva uno come Francesco per recuperare credibilità. Per il resto benefico di aver preso casa a oltre 1.30.
      Con questo cambio avrei lasciato perdere

      Elimina
  3. Ieri grande Valentino, bene la Ferrari, bene il tennis. . . Peccato per il calcio.

    RispondiElimina
  4. l'incontro con wojitila si ebbe nel gennaio del 1998, sei anni dopo la modifica alla costituzione con la quale cuba da atea divenne una repubblica laica.
    Perciò già nel 1998 c'era libertà di professare il proprio credo religioso.
    Il papa polacco,però, secondo molti giornalisti doveva servire a scardinare il sistema politico cubano, dal momento che l'amico di walesa, secondo loro, aveva scardinato quello sovietico.
    Come se il pontefice polacco avesse un forte legame con dio, quale?, e potesse usarlo contro fidel castro e il suo governo.
    In realtà quel viaggio servì a fidel per irrobustire il suo governo, reduce dal periodo speciale.
    Il viaggio, invece, del pastore tedesco è stata una visita senza molte aspettative da parte dei giornalisti presenti, che è servita ad irrobustire ancor di piu' il potere di raul. Se il nuovo papa dovesse andare a cuba, allora si potrebbe affermare che l'isola grande è meta turistica di grande importanza, considerato che in 17 anni vedrebbe ben tre pontefici calcare il suolo cubano.

    RispondiElimina
  5. Certo ma il viaggio del polacco rappresentò una vera e propria svolta.

    RispondiElimina
  6. Ultime news dall'isola.
    Prezzi in salita per le case della capitale, conseguenza della micro bolla speculativa 2013-2014 e del cambio sfavorevole.
    Come conseguenza si segnala un mercato immobiliare congelato.
    Le previsioni vedono una stagnazione fino alla fine di quest'anno.

    Sei i cubani iniziano a tirarsela diventa dura per chi vuole comprare casa (me compreso).

    Simone

    RispondiElimina
  7. Chi è veramente interessato a vendere abbassa le penne e. . . Vende

    RispondiElimina
  8. Comunque in italia attualmente la voce più di sinistra sembra essere proprio quella del papa,e qui ho detto tutto.........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Standing ovation per me mirco.
      Io non sono credente, ma ieri l'angelus del Papa mi ha commossa a dismisura perchè si è visto come abbia abbandonato la parole che stava leggendo per andare a braccio. Parlava in merito all'ennesima sciagura del mare e si sentiva che le sue parole salivano dal cuore ed erano estremamente sincere e sentite.
      Pam

      Elimina
    2. Finalmente un Papa che si ricorda di essere anche e sopratutto un pastore di anime e non solo un politicante

      Elimina
  9. Hai detto drammaticamente tutto anche se Gesù è stato il primo Comunista della storia

    RispondiElimina
  10. Non solo,il primo profugo,il primo immigrato......

    RispondiElimina
  11. Oltre il primo figlio di padre non certo

    RispondiElimina
  12. il catastrofico cambio a 0,90 + Francesco a Cuba per la definitiva spallata al bloqueo...

    il dado è tratto cari ragazzi del vecchio continente...

    Freccia

    RispondiElimina
  13. Chi ha comperato ha comperato, chi non lo ha fatto. . . Buona casa de Renta. . .

    RispondiElimina
  14. eee allora buona casa de renta a tutti con la maxi offerta 7 notti al prezzo di 6 sconto 30% se prenoti ora...ancora pochi posti disponibili...

    Freccia

    RispondiElimina
  15. Arriveremo anche a questo. . .

    RispondiElimina
  16. E' per me un'onore oltre che un'immenso piacere sapere che oltre a Mina', Marco Rizzo e altri protagonisti della nostra cultura anche un GRANDE come Giancarlo Ginestri (Gin) sia un frequentatore di questo umile bar.
    Ringrazio chi di dovere per la segnalazione.

    Da: "ginestri.gianfranco@libero.it"
    > A: "g.mina@giannimina.it"
    > Cc: giorgiooldrini@gmail.com
    > Data: 20 aprile 2015 alle 0.03
    > Oggetto: FURONO UCCISI DUE ITALO-CUBANI A PLAYA GIRON (BAIA DEI PORCI) :
    > REYNALDO e RAFAEL ---
    >
    > ....
    >
    >
    >
    > --FURONO DUE I GIOVANI ITALO-CUBANI AD ESSERE UCCISI IL 19 APRILE 1961 DAI
    > MERCENARI INVASORI ALLA BAIA DEI PORCI (PLAYA GIRON) --- I LORO NOMI SONO
    > REYNALDO MANDINA E RAFAEL CARINI --- -VEDI QUI >>>-
    > http://unisolanelsole.blogspot.it/2012_05_27_archive.html---

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inchiniamoci al maestro Gin...

      Da oggi cari ragazzi abbiamo tutti quanti maggiori responsabilità!

      Freccia

      Elimina
  17. Chissà che il futuro non ci riservi altre belle sorprese.

    RispondiElimina
  18. Ma com'é che ste notizie storiche tu le sapevi ? Sicuro che sei.....lengua :-)

    RispondiElimina
  19. Zione la pensiamo uguale uguale, sia sulla chiesa (sono andata in una scuola cattolica, ho avuto l'occasione di vedere la merda dal dentro) che su papa francisco!

    RispondiElimina
  20. Mi fa piacere.
    Bella mia mi stai un po' latitando sul blog.....

    RispondiElimina