venerdì 10 aprile 2015

PREVENTIVI

 Risultati immagini per muratori a cuba

Sto' seguendo, con interesse, l'evoluzione dei lavori nella casa agramontina del mio socio, dove nascera' il nostro paladar.
Come scrivevo giorni fa, l'architetto ha modificato l'idea che il mio socio aveva sul come dividere casa e ristorante.
I cuarti de renta saranno posizionati da un lato della proprieta', mentre il paladar non sara' piu' sotto il ranchon ma all'interno della stessa, con vista dalla strada.
La cosa ha una sua logica, se uno sta' rentando un cuarto e vuole andare in camera con la bigioia frusta di turno, non e' tenuto a farsi vedere da chi mangia.
I tavolini che si vedono dalla strada sono una buona pubblicita'.
Il ranchon sara' piu' piccolo e fara' parte della casa e non del paladar.
Quando il mio socio mi disse, al momento dell'acquisto, la spesa che pensava di affrontare per ristrutturare, gli dissi subito che mi sembrava sottostimata.
Che le spese differiscano dai preventivi non e' solo una cosa cubana, chiunque abbia fatto fare dei lavori in Italia sa di cosa parlo.
Pero' a Cuba tutto e' piu' complicato.
Quando, ai tempi della mia boda-lampo, feci costruire la mezza casa che poi rimase alla mia ex signora affrontai questo tipo di problemi.
Malgrado il fatto che il 90% dei rompimenti di coglioni se li sia presi lei, ricordo che una cosa che fosse una semplice non accade mai.
Intanto occorre trovare il materiale di costruzione.
Se c'e' il cemento non trovi i mattoni, se trovi i mattoni manca la sabbia, se trovi la sabbia mancano le sbarre di ferro di supporto e via discorrendo.
Quindi passi le giornate a cercare quello che manca con pochissimo margine di trattativa una volta che, miracolosamente, trovi quello che cerchi.
Per questo dico che costruire in citta' come Las Tunas e' piu' caro rispetto a La Habana.
Nella capitale lo stesso tipo di materiale lo trovi da 10 persone che, a diverso titolo, lo vendono.
Quindi hai margine per trattare, se uno vuole troppo vai da un'altro.
A Tunas, se per miracolo trovi quello che cerchi, devi prenderlo subito oppure, mezzora dopo, se l'e' gia' portato via qualcun'altro.
Oggi le cose sono migliorate, con fatica ma le cose si trovano, 10 anni fa chi ha costruito mi raccontava che ogni due giorni andava a Holguin o a Camaguey per cercare cio' che da noi non si trovava.
Puo' capitare che chi deve farti il lavoro non abbia tutti gli attrezzi necessari per farlo.
Ad esempio la macchina per tagliare le piastrelle.
Dovra' affittarla da un collega, puo' darsi che oggi la trovi disponibile ma domani no.
Di conseguenza il lavoro finisce alla calende greche...
Se hai gente che ti lavora in casa, oltre che pagarla, la devi pure sfamare....
L'almuerzo (el desajuno...la merenda....) fanno parte del pagamento del lavoro, quindi devi trovare una signora che cucini e ti devi occupare di fare la spesa per comperare il cibo che serve.
Solitamente la mano d'opera si paga in funzione del lavoro finito, o di parte di esso.
Quando finiscono una camera li paghi per quello che hanno fatto anche se', puntualmente, qualche soldo adelantado te lo chiedono sempre.
Se poi' c'e' di mezzo il carnevale li perdi per giorni e giorni...
Per quanto riguarda il preventivo che ci chiedono, mettiamoci bene in testa che esiste il doppio tariffario.
Uno per i cubani e uno per i culi bianchi.
Questo a prescindere dal fatto di essere amici, frequentare Cuba dai tempi di Batista, capire come funziona, ecc ecc...
Siamo yuma, di conseguenza abbiamo soldi, di conseguenza possiamo pagare.
Faccio un'esempio concreto.
Alcuni amici, per farsi tinteggiare la casa, hanno speso dai 15 ai 20 cuc a camera, pintura esclusa.
Una barzelletta se confrontato a quanto spendiamo in Italia, ma decisamente caro se si pensa che siamo a Cuba.
La renta l'ha tinteggiata un negrito che lavora col suegro, quindi non ha lavorato per me...ma per lui.
Sette locali di sette colori diversi.
Ci ha messo 3 week end portando lui la pintura che, sicuramente, sgrafignava dal lavoro.
Alla fine mi ha chiesto per tutto il lavoro, 120 mq, la bellezza di ….60 cuc....pintura incluida.
Aveva pure paura di avermi chiesto troppo....ma in realta', ripeto non lavorava per me ma per il suegro.
Se prendevo un'altro col mio culo bianco, con la pintura probabilmente non sarebbe bastato il triplo.
Anche questa e' Cuba.

16 commenti:

  1. El Loco preventivi e spese reali non coincidono mai

    RispondiElimina
  2. Confermo...eccome se confermo...

    P.S.: Dalla foto intravedo il Kiki‘s club...quando si faceva strada un po' di nostalgia li' un buon campari si trovava sempre...

    Freccia

    RispondiElimina
  3. Poi dai a me del criptico....ahahahahaha
    Con le costruzioni che esperienze hai avuto?

    P.S. Si...e' Varadero....

    RispondiElimina
  4. Io ho fatto la tua stessa esperienza ma mi e' successo anche di peggio. Sette muratori piu' due elettricisti e due fabbri (costruttori di gabbie per la sicurezza, di ferro, non ricordo come li chiamano), tutti insieme per diversi giorni a mangiare e bere. Con risultati scarsi e scadenti nonostante il trottare che ci hanno fatto fare alla ricerca di tutto il materiale. Corse perche' ti chiedono le cose all'ultimo momento, corse alla ricerca , spesso infruttuosa e quindi fermi per l'attesa, preghiere e speranze, illusioni, disillisioni, e persino umiliazioni. Squadra di muratori che non dispone di scala, di muletto, di tagliapiastrelle, di carriola, ecc. Praticamente nudi e hanno fama di essere tra i migliori di Santiago. Figurati gli altri! Settimane e settimane per fare un bagno, mesi per alcune finestre, i pavimenti e poco piu'. Non mi mettero' mai piu' in una cosa del genere perche' l'esperienza e' stata completamente negativa e il cubano, per il quale fino allora portavo stima e rispetto, ho imparato a conoscerlo bene per quello che e': ti risparmio il mio giudizio attuale.
    Pensavo di poter vivere a Cuba ma mi hanno fatto cambiare idea. hanno cercato di fregarmi e derubarmi in tutti i modi possibili e immaginabili, tutti quanti. Sai come mi sentivo? Esattamente come un vitello in mezzo a un fiume pieno di pirania famelici che mi attaccavano e dioravano da ogni lato: e non sto esagerando.
    Una mia vicina, una ragazza cubana sposata con un italiano di Padova, impegnata anche lei in una costruzione análoga, non passava giorno che non venisse a piangere e lamentarsi per le stesse ragioni. Alla fine si e' beccata un esaurimento nervoso, ha dovuto piantare tutto li' e scappare, raggiungendo il marito in Italia. Per il momento non aggiungo altro. Questa in sintesi la mia esperienza in quel di Cuba, che ovviamente non mi sento di consigliare neppure al mio peggior nemico. - YUMA

    RispondiElimina
  5. Tutte cose ampiamente viste. Sono arrivato alla conclusione che occorre comportarsi come loro.
    Se non finisci entro domani vai a casa e prendo un altro
    Essere persone per bene a volte può essere un grande errore
    Detto ciò si trova anche gente capace e volenterosa

    RispondiElimina
  6. Per queste cose ci vuole una infinita calma ed una buona dose di malizia.
    Comunque quelle poche volte che ho avuto bisogno di qualcuno ho sempre evitato di farmi vedere,fino alla fine dei lavori e mi è sempre andata bene.Quando poi compaio alla fine devi vedere la faccia che fanno.......

    RispondiElimina
  7. Mirco, credi davvero che questi non sappiano che dietro a tutto ci sia uno Yuma?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè se prendi i dovuti accorgimenti riesci ad uccellarli.Poi non può sempre andare bene,il cubano è furbo.....

      Elimina
    2. Sei più rapido di fantomas. . .

      Elimina
  8. Milco occhio a non far tomare troppa cerveza agli operai durante i pasti, a casa di una mia amica a Camaguey una mattina è venuto un negrito per fargli dei lavori a casa, ma dopo mezz'ora era già ubriaco e ha dovuto mandarlo a casa, facendogli perdere tempo e denaro perchè i cuarti doveva rentarli...
    Quando prevedete di finire il paladar a Camaguey? A dicembre torno di nuovo a Cuba e dovrei fare la solita sosta tecnica a Camaguey, magari vengo a mangiare da voi..

    RispondiElimina
  9. Non ne ho idea Valter a Cuba mai fare progetti su tempistiche

    RispondiElimina
  10. rientrato adesso dall' Oltrepò Pavese...gran territorio...

    Aston non è questione di essere criptico...come al solito fotografi al meglio la situazione e quindi non mi resta che quotare al 100%...

    ti dico solo che mia moglie si è vista arrivare:

    l' albagnil già ubriaco prima di iniziare i lavori...e poi gli ispettori con picozze per rompere le fondamenta della casita...(correva l' anno '98...era un' altro periodo)

    penso possa bastare...

    Ultima esperienza di pochi anni fa:
    per mettere una rete in giardino e costruire un piccolo muretto che dividesse la casita dal quarto de renta si sono presentati due "ingegneri civili" con tanto di disegno e materiali vari...peccato per i ritmi di lavoro...tempo impiegato: quasi una settimana...

    l'unica che sa il cazzo riesce a far le cose per bene, ma solo per lei...è mia suocera...quella vecchia bastarda massona!

    Freccia

    RispondiElimina
  11. Te li raccomando gli ingegneri civili....
    Due giorni dopo che avevamo preso la renta si presentano a casa dicendo che il garage non poteva aprirsi verso l'esterno in base ad una nuova e non precisata legge....
    Invadeva il marciapiede....

    RispondiElimina
  12. Domani incontro Obama-Castro...ci siamooooo...

    Freccia

    RispondiElimina
  13. Ne parliamo lunedi'....stiamo sul pezzo.

    RispondiElimina