martedì 21 aprile 2015

SCELTA NON FACILE

 Risultati immagini per volare con bambini piccoli

La scorsa settimana abbiamo parlato del problema degli ospedali e di quale incidenza potrebbe avere, su di noi, nel caso di una scelta di vita in direzione cubana.
Se la scelta coinvolge soltanto noi vale il detto, a me caro, “mangiato io, mangiato tutti”.
Quando parto per Cuba, per brevi o lunghi periodi, la procedura e' piuttosto semplice; auto e scooter in garage, frigo sbrinato, stacco i contatori, mi vengono a prendere e chao pescao.
Se invece il viaggio, parziale o definitivo, coinvolge tutta una famiglia, i problemi sono di ben altra natura.
Ricordo che, un po' di tempo fa, feci il viaggio, verso la Habana da Malpensa, con un'amico del blog, sua moglie cubanita e due bambini piccoli.
Blu Panorama e otto ore di ritardo...
Otto ore in una saletta angusta dell'aeroporto.
Mi sono buttato da una parte, messo le cuffiette e ho ascoltato musica, quando sono in partenza nulla mi puo' turbare.
Loro hanno passato il tempo a rincorrere i piccoli.
Tenere 2 bimbi piccoli, per otto ore, in uno spazio limitato e poi per altre 11 in volo e' un impresa che dovrebbe garantire, una volta passati dalla parte delle radici delle margherite, per i genitori un posto direttamente a lato di S.Pietro.
Vedo spesso in aereo scene simili, se mai avevo un barlume di idea di dare una continuita' alla mia stirpe, me lo faccio passare subito.
Se dovessi trasferirmi definitivamente a Cuba, con 2 valigie avrei risolto il problema, ma per una famiglia con un paio di bambini si tratta di un trasloco vero e proprio.
A quel punto tanto vale prendere un container.
Se si decide di trasferirsi definitivamente a Cuba e si hanno dei bimbi piccoli, occorre affrontare, seriamente, il problema dell'istruzione e della sanita'.
Questi due servizi saranno anche gratuiti ma sono anche....quelli che sono...... almeno se parliamo di standard a cui siamo avezzi.
Fino a quando parliamo solo di noi o della nostra meta' cubana allora e' un discorso, coi bambini di mezzo occorre allargare, di molto, i nostri orizzonti.
Un mio conoscente, due anni fa, decise di fare il grande salto, portando, anzi riportando moglie e figlio a Cuba.
A parte il fatto che dopo un' anno si sono separati, dopo 10 vissuti insieme in Italia.
Finiti i viaggetti verso il bel paese e la vita comoda lei lo ha mandato por la pinga.
Come dicono a Cuba “finito jamon, finito amor”.
Comunque lui mi diceva che con la prima elementare fatta dal figlio in Italia, a Cuba, alla primaria, campava almeno per 3 anni, tanto era diverso il livello di insegnamento.
Bisogna poi pensare, seriamente, alla possibilita' che il figlio o i figli si ammalino seriamente.
Ci si puo fidare di quelle strutture sanitarie e dei giovani dottorini che le popolano?
Ripeto noi possiamo anche correre il rischio, ma e' giusto farlo correre anche ai nostri figli?
A livello scolastico si puo 'prendere un tutor che affianchi il bambino, magari un'insegnante di inglese, ma con la sanita' c'e' poco da fare, gli ospedali quelli sono.
Anche per questa ragione dico sempre che le scelte vanno soppesate bene, valutando pro e contro.
Occorre pensare anche al bene dei figli, la scelta e' unicamente di noi adulti, ma poi le conseguenze rischia di pagarle chi non ci ha mai chiesto di fare un simile passo.
Aggiungo anche che per fare un passo di questo tipo, a Cuba, occorre avere una casa propria e indipendente.
Sconsiglio chiunque, come lo sconsiglierei in Italia, di optare per la casa della suegra.
I suoceri, storicamente, in ogni parte del mondo, tendono a mettere il becco ovunque, a Cuba questa tendenza e' amplificata dalla possibilita' concreta di avere maggiori benefici o/e di salire prontamente sul nostro groppone.
Il mio conoscente si e' separato anche perche' oltre a dover riempire il proprio frigorifero, doveva occuparsi anche di quello dei suoceri.
Ogni famiglia a casa sua....

51 commenti:

  1. EL LOCO i figli devono essere il centro del nostro mondo

    RispondiElimina
  2. Infatti. A volte mi pare che molti se ne dimentichino

    RispondiElimina
  3. Caro Milco,
    questo post mi tocca da vicino.
    Per quanto riguarda l'avion quando la piccola aveva 10 mesi andò tutto quasi liscio pur con BP. Quando di mesi ne ha compiuti 22 e il viaggio lo ha fatto sola con la mia signora pare sia stata una sorta di via crucis per tutti i passeggeri.
    Sono fiducioso per quest'anno, quando di anni ne avrà compiuti 3. Vamos a ver...

    Discorso molto più delicato è quello di trasferirsi in pianta stabile. Al container abbiamo già pensato (dalle ultime che mi arrivano pare si possa caricare anche il carro di proprietà), alla scuola pure (qualche istituto privato di buon livello all'havana c'è), ma la sanità e la casa con los suegros rimangono grandi e gravi punti da smarcare.

    Se il passaggio definitivo ad una nuova vita deve essere fatto bisogna anche e soprattutto tenere presenti le esigenze dei bimbi. Un conto è spostarli prima che vadano a scuola, altro invece è trasferirsi quando loro hanno già i loro amichetti.

    Il tempo stringe amico mio...

    PS. Stamattina mi ha svegliato un rompicoglioni di un merlo. E' la primavera o hai cambiato pennuto?

    Simone

    RispondiElimina
  4. Più crescono più è complicato, per il carro mi andrei a informare bene
    Domani è giorno di volatili

    RispondiElimina
  5. Carro di proprietà????? Mi sapete spiegare meglio??Davvero si può portare? E per il container come funziona?
    Comunque per la scuola si risolve, insegnate extra, magari anche di inglese...
    Discorso sanitario: dottore extra, se poi ti serve anche la struttura, clinica e soldini.
    Casa assolutamente di proprietà con la sola famiglia, alla larga suoceri fratelli e compagnia bella.
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carro di propietà, non se ne parla. Pensate che a me hanno rotto le palle e ho dovuto pagare tra tasse e propina più di 200 CUC per un decespugliatore con motore a scoppio. Il solerte funzionario insisteva che il motore poteva servire per una moto, non dico altro. Il container è sempre una bella rottura, comunque diciamo che passa. Il problema e il vero costo, è portarlo a casa a Cuba. Usando Almacenes Universales, costa tantissimo quasi un dollaro a KM. Si può trovare un particolar, sbattendosi molto. Beppe

      Elimina
    2. Infatti hanno sempre paura che ogni motore finisca attaccato a una bicicletta

      Elimina
  6. Il carro suona strano anche a me ma forse mi sono perso qualcosa.
    Per il container siamo sui 3500 euro chiama una agenzia e chiedi
    Hai ragione sul tutor per quanto riguarda la sanità di quali cliniche stiamo parlando?

    RispondiElimina
  7. Per quanto riguarda il discorso container si parla di una rottura di coglioni immane.L'ultima volta che ho partecipato ad un invio di donazioni si parlava di una spesa minima di 8000€ solo per l'invio.Il camionista viene e ti dà 2/3 ore al massimo per caricarlo.Bisogna dettagliare il contenuto.All'arrivo devi aprirlo in presenza di un funzionario della dogana che ovviamente vuole la sua "polpetta".Auguri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci avevano pensato per il ristorante ma abbiamo lasciato perdere. Compriamo in loco

      Elimina
    2. Errata corrige:il prezzo è più o meno 3500 come già detto,la rottura di palle rimane invariata però.....

      Elimina
    3. container da 40 piedi.

      Elimina
    4. In effetti con ottomila sposti tutta casa tua comprese le fondamenta

      Elimina
    5. Tieni anche conto che è possibile utilizzarne e pagarne solo una parte

      Elimina
  8. Video riguardante la truffa del tipo di Torino:
    http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-5eecc88d-2dd9-4d99-a3df-e9075f0051bf.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma le storie piu' eclatanti su agenzie estafadoras sono ancora da venire....ad agosto ne vedremo delle belle .... preparare la vaselina per il botacaca :-)

      Elimina
    2. Ma comprare il biglietto direttamente dalle compagnie aeree sembra brutto? beppe

      Elimina
    3. Anche ma basta anche una agenzia seria e ce ne sono a migliaia

      Elimina
    4. Buongiorno a tutte le persone che sono state truffate da Marco Machieraldo della Tropical Tour. Sono Andrea Celletti il titolare della Under The Tuscan Sun Tour. In merito alla vicenda "Machieraldo Marco - Tropical Tour" vorrei confermare la nostra totale estraneità da tutto cio' che questo personaggio ha combinato nel mondo del turismo. Il nostro Tour Operator è stato contattato a gennaio 2015 da Marco Machieraldo (questo personaggio ignobile) al quale -ahimè - abbiamo dato la possibilità di utilizzare il nostro titolo di Direttore tecnico di ADV (Agenzia di Viaggi). Machieraldo Marco ha pagato il nostro titolo solo con i primi 2 bonifici (febbraio e marzo) per poi sparire. Durante l'ultimo contatto su Facebook imprecava per trovarsi in difficoltà con soldi e biglietti aerei non andati a buon fine e allo stesso tempo ci rassicurava con la promessa che ci avrebbe pagato tutto il dovuto (ad oggi non ha onorato il contratto firmato con noi e siamo vittime di un mancato pagamento per un totale di Euro 2.500). Lo abbiamo cercato e lo stiamo cercando. Abbiamo già sporto denuncia. Come vittime di un mancato pagamento non onorato (nonostante il contratto), coltiviamo la speranza che Marco Machieraldo non abbia utilizzato impropriamente il nostro nome, inventando ed inviando documenti di Viaggio e conferme di servizi inesistenti e non emessi dalla nostra società. Per coloro che - eventualmente - trovassero il nome della nostra agenzia stampato su biglietti o voucher, contattateci pure a: andrea@underthetuscansun.it - www.underthetuscansun.it Io e tutto il nostro staff, siamo a Vostra disposizione in quanto truffati come voi.

      Elimina
    5. Comunque una conoscente mi ha detto che solo in provincia di modena ci sono 150 denunce a suo carico,per un totale di circa 300mila€.

      Elimina
  9. È sempre bello leggere del tuo sano ottimismo caro Gigi

    RispondiElimina
  10. casa ok,

    scuola esiste soluzione (comunque a La Habana credo che una delle migliori sia la Scuola Spagnola),

    dottore (colpo di culo, mio cognato è un medico noto dalle sue parti e nel giro quelli bravi e preparati si conoscono tutti...parlo per esperienza...il tutto a suon di congrua propina chiaramente)

    container...io ero rimasto ad almeno 6.000€...sul carro non sono aggiornato...

    aggiungo due cosette all' apparenza banali ma non troppo:

    1. dopo due mesi a Cuba, una volta disintossicati dallo stress, il rischio di rompersi la minchia è reale...senza un' attività che impegni la giornata il giusto...

    2. con l' infinità di gnagna pronta e disponibile che gira da quelle parti il matrimonio potrebbe saltare ed insieme tutto il resto...

    Sui due punti occorre lavorare...

    Freccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amico mio lo dico da una vita. Due mesi senza fare nulla io non li reggo. Troppo presto per la bocciofila

      Elimina
    2. però le bocce quelle si...

      azzo ma vedi che torniamo al punto 2...

      non c'è via di scampo...

      Freccia

      Elimina
    3. "Stadio senza pubblico è come donna senza seno"
      Vuja Boskov

      Elimina
  11. Risposte
    1. Altro passo importante. Tornano i paisa'...

      Elimina
    2. su R.it Rampini scrive "Un viaggio apri-pista, che prepara quello di Obama? Insieme a Cuomo parte una mega-delegazione di 20 imprenditori, un evento senza precedenti, la prima volta che il capitalismo yankee rimette piede all'Avana dalla guerra fredda."

      indietro non si torna...

      Freccia

      Elimina
    3. Infatti se si muove un personaggio di quella caratura...non e' por gusto.

      Elimina
  12. Per il carro sono notizie che mi giungono dal mio amico appena tornato dopo tre mesi di permanenza. Non ho modo di verificarle.
    Pare inoltre che sul container si possa caricare insieme alla propria auto, un certo numero predefinito di cose (es. una cucina, due letti, un salotto...). Sto parlando del caso in cui il cubano torna sull'isola in modo definitivo e ha sei mesi di tempo per inviare il container.

    Simone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È quello che hanno detto a noi. Oggi il container lo può inviare solo il cubano che rientra a titolo definitivo e ha sei mesi per farlo. Il carro penso proprio che non si possa

      Elimina
  13. "Possono importare come menaje de casa i cittadini stranieri che acquisiscono la residenza cubana a partire dalla data di rilascio del documento di identità cubano

    I cittadini cubani che cancellano il loro permesso di residenza all'estero hanno sei mesi di tempo per importare il loro menaje de casa

    Resta inteso che, salvo in rari casi eccezionali, non è possibile importare a Cuba vetture neanche come menaje de casa."

    Freccia

    RispondiElimina
  14. Come dicevo, o hai la residenza o sei un cubano che rientra, a titolo definitivo, nel paese.
    Per gli altri...ciccia

    RispondiElimina
  15. Concordo con aston,la cosa veramente necessaria è la casa indipendente per il resto le altre situazioni si risolvono,io e mia moglie fin da subito eravamo d accordo che la casa era indispensabile in caso di fuga.paolino.

    RispondiElimina
  16. Io alterno.
    Quando nella renta abbiamo clienti sto' dai suoceri, altrimenti nella renta.
    Ma e' un discorso a parte...

    RispondiElimina
  17. Certo però la casa di renta... che esci e al ritorno è tutto magicamente pulito e riassettato.
    Buttalo via.

    RispondiElimina
  18. Perche' tu pensi che, a Cuba, i mestieri nella casa li faccia io....?

    RispondiElimina
  19. eee all' occorrenza la Luisa cucina pure...e non solo...jajaja

    Freccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero tu non stia parlando della Luisona di Stefano Benni.....

      Elimina
    2. ...della Signora Luisa che arriva presto, finisce presto, e non pulisce mai il water!

      segue il celebre spot degli anni 80':

      - Signora Luisa! Ah, grazie di essere venuta!

      - Luisa comincia presto, finisce presto e di solito non pulisce il water

      - Non lo pulisce?

      - No, perché nel water mette una schiuma attiva

      - Una schiuma attiva nel water?

      - Sì, Gled Magic Water

      - Gled Magic Water…

      - Rinfresca ad ogni scarico. Venga! Gled Magic Water ad ogni scarico produce una schiuma attiva che previene le macchie e dà un gradevole profumo. Gled Magic Water, la “schiumattiva” che mantiene il water pulito e profumato.

      P.S.:
      invece di Publitalia...tra poco avremo Publicuba

      NON scherziamo...per favore!

      Freccia

      Elimina
    3. La Luisona.

      Al bar Sport non si mangia quasi mai. C'è una bacheca con delle paste, ma è puramente coreografica. Sono paste ornamentali, spesso veri e propri pezzi d'artigianato. Sono lì da anni, tanto che i clienti abituali, ormai, le conoscono una per una. Entrando dicono: «La meringa è un po' sciupata oggi. Sarà il caldo». Oppure: «E' ora di dar la polvere ai krapfen». Solo, qualche volta, il cliente occasionale osa avvicinarsi al sacrario. Una volta, ad esempio, entrò un rappresentante di Milano. Aprì la bacheca e si mise in bocca una pastona bianca e nera, con sopra una spruzzata di quella bellissima granella in duralluminio che sola contraddistingue la pasta veramente cattiva. Subito nel bar si sparse la voce: «Hanno mangiato la Luisona!». La Luisona era la decana delle paste, e si trovava nella bacheca dal 1959. Guardando il colore della sua crema i vecchi riuscivano a trarre le previsioni del tempo. La sua scomparsa fu un colpo durissimo per tutti. Il rappresentante fu invitato a uscire nel generale disprezzo. Nessuno lo toccò, perché il suo gesto malvagio conteneva già in sé la più tremenda delle punizioni. Infatti fu trovato appena un'ora dopo, nella toilette di un autogrill di Modena, in preda ad atroci dolori. La Luisona si era vendicata. La particolarità di queste paste è infatti la non facile digeribilità. Quando la pasta viene ingerita, per prima cosa la granella buca l'esofago. Poi, quando la pasta arriva al fegato, questo la analizza e rinuncia, spostandosi di un colpo a sinistra e lasciandola passare. La pasta, ancora intera, percorre l'intestino e cade a terra intatta dopo pochi secondi. Se il barista non ha visto niente, potete anche rimetterla nella bacheca e andarvene.

      Elimina
  20. Eh, ma tu sei da solo. Per noi quando è vacanza, deve esserlo per tutti.
    Anche se mia moglie almeno i piatti li deve fare perchè quando viene la signora a pulire e trova la cucina sporca "le da pena".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro per me l'altra parte è già in loco e ritiene che certe cose siano di sua competenza. Per fortuna

      Elimina
    2. Ho impiegato tanto a fare capire a mia moglie che quando siamo in vacanza e abbiamo gente che lavora per noi, pagata, lei non si deve sentire in colpa perché qualcosa è fuori posto, i vestiti non sono ordinati o i piatti della sera prima sono ancora nel lavandino.

      Quando andavo in vacanza con la novia italiana la casa era un tale bordello che quella volta che abbiamo avuto ospiti, prima di aprire la porta, sono dovuto correre a cacare nel salotto così gli ho potuto dire che erano appena venuti i ladri a svaligiare casa.

      Elimina
    3. Tienila stretta. . . Quella attuale.

      Elimina
  21. Con l'aria che tira non riesco a bastare neanche a me stesso poi sono troppo amante della mia libertà. In ogni caso sono sempre piaciute le coppie miste e anche qualche cafèole', peccato che spesso lasciano il tempo che trovano.P68

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Pedro ognuno ha i propri gusti, proprio questo e' il bello

      Elimina
  22. Ciao confermo 3500/4000 euro un 40 piedi fino a L'Avana con 3 ore di posizionamento a casa vostra..

    Riguardo una famiglia con figli, una follia per me crescere un figlio a cuba fuori L'Avana e senza mandarlo in scuole private nella capital, vuol dire segnarne in negativo l'educazione scolastico culturale

    Mat.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah...io queste splendide scuole private nella capitale non le ho viste.
      I programmi di insegnamento sono statali, che sia Capitale o campo...quelli sono.

      Elimina