martedì 19 maggio 2015

ALTO RISCHIO

 Risultati immagini per rischiatutto

Dall'inizio del “nuovo corso” a Cuba, sul web, in special modo nei gruppi dedicati alla maggiore delle Antille, e' tutto un fiorire di potenziali imprenditori che cercano soci per realizzare non sempre ben precisati progetti nella nostra isola.
Ogni tanto ne parlo sul blog, augurando a tutti quelli che ci provano le migliori fortune.
Augurare fortuna non vuol pero' dire che creda molto in quello che leggo e che viene proposto.
Leggo di chi cerca investitori, sul web, per realizzare convenientissimi affari da quel lato del bloqueo.
Non mi sono mai ritenuto un genio, se ho fatto L'Isef e poi la facolta' di scienze motorie invece che ingegneria nucleare, qualche ragione ci doveva pur essere.
Pero' qualche domanda me la sono posta.
Un carissimo amico che ho da antica data e' un'noto avvocato del foro torinese, quando ci si vede per i nostri aperitivi, mi racconta sempre che una delle maggiori entrate che rendono felice il suo iban e' data dalle liti famigliari su contenziosi economici.
Mariti contro mogli, figli contro i genitori, fratelli contro sorelle, zii contro cognati e via discorrendo.
Ora, io che non sono un genio mi chiedo; ma se le societa' fra gente nata e cresciuta insieme fanno questa fine, come puo' essere possibile aggregare un gruppo di sconosciuti per fare business in un paese che e' tutta un'incognita in cui la sola cosa certa e' che non ci sono cose certe?
Sicuramente il promotore della situazione ha avuto incontri al vertice; col console, l'ambasciatore, poi il sottosegretario, il ministro quello che volete voi.
Mi permettete pero' di avere un piccolo margine di dubbio, intanto sulla reale destinazione dei quattrini e poi sull'eventuale riuscita del progetto.
Perche' un conto e' una casa de renta con una sciura che se ne occupi, un'altro sono progetti importanti e ambiziosi.
Se la renta va male, resta la casa, se il resto va male...pazienza....anche se credo di essermi un minimo tutelato mettendo una certa distanza fra il negocio e il “resto”.
Alla fine a Torino, per un garage ci vogliono 50 mila euro...ma di cosa stiamo parlando?
Il problema e' che manca uno “storico”.
Magari e' un mio limite ma non conosco non solo nessuno che a Cuba abbia fatto i soldi veri, ma neanche chi sia riuscito e ricavare le risorse per vivere a uno standard europeo.
Lasciando perdere uno sputtanato e cabarettistico “agente segreto”, sapevo di Goracci, autore del libro “ad est dell'Avana”, che per un periodo lavoro' come skipper a Guardalavaca.
Poi c'e' Marco, il direttore di hotel che per un certo periodo scrisse sul nostro blog (dove sei finito?).
Entrambi pero' mi pare, a un bel momento furono lasciati a casa o rinunciarono a proseguire il lavoro.
Poi qualcuno ha venduto viaggi e pacchetti turistici....sappiamo come e' andata a finire...
A Las Tunas conoscevo e conosco uno che faceva sculture col vetro, ma mi pare la cosa non abbia funzionato un gran che.
A gennaio ho parlato con il proprietario di un ristorante italiano, sempre a Tunas aperto da poco.
Era in affitto, aveva speso quasi 30 mila euro per fare il locale, il denaro stava entrando ma era lui a occuparsi della cucina rimanendoci rintanato 16 ore al giorno, a causa del fatto che non si trovava gente di fiducia che garantisse un certo livello di qualita'.
Se devo stare 16 ore ai fornelli allora resto in Italia.
Con questo voglio dire che, a mio avviso, il momento e' adatto per piccoli e mirati investimenti, magari personali senza coinvolgere tutto il mondo.
Mondo a cui, prima o poi, bisognera' rendere conto.
Questi progetti collettivi mi lasciano pieno di dubbi, anche perche' conosco certe dinamiche.
Anche chi ha messo l'1% vuole contare e ha il diritto per farlo, visto che quell'1% per lui magari era il frutto di tanto sudato lavoro.
Come la metti d'accordo tutta quella gente?
Nota a margine sui gruppi FB su Cuba, mi pare stiano facendo la fine dei forum, gente che insulta, altri che abbandonano, altri ancora che insultano chi abbandona.
Mah.....oramai se hai qualcosa sul web la sola forma di gestione e' la tolleranza zero, gruppo chiuso e fuori subito chi entra solo per rompere i coglioni.
Il resto sono solo chiacchiere senza distintivo.

34 commenti:

  1. El Loco mi sembrano cose da matti

    RispondiElimina
  2. Santa Fè- Oramai le discussioni finiscono sempre in caciare senza senso, questo grazie alle tv che hanno sdoganato reality e trasmissioni dove la buona educazione è l'ultima cosa che fà audience, alcuni confondono seriamente la realtà dalla finzione.
    La democrazia in rete non esiste, e quindi tolleranza zero senza se e senza ma.
    Per quanto riguarda gli affaristi..stiano bene in guardia perchè a Cuba c'è poco da scherzare e pochissimo da guadagnare, lascino un portone bene aperto in Europa (o da altre parti) e si accontentino della qualità rispetto alla quantità.
    Se mi permetti lo sfogo, ultima nota sportivo-giudiziaria MOLTO DOLENTE..Sassari Torres coinvolta nel calcioscommesse.
    Chi la fà l'aspetti! Domenica strombezzavamo festeggiando la retrocessione dei cagliaritani ed oggi...strombazzano a Cagliari.

    RispondiElimina
  3. Solitamente i personaggi piu agguerriti in rete sono quelli che fanno una vita di merda.
    La palestra qua' va in quella direzione.
    Ok Cuba ma piedi ben saldi a terra.
    Il calcio e lo specchio della societa. Perche stupirci?

    RispondiElimina
  4. Santa Fè- I miei progetti a Santa Fè sono rimasti gli stessi, i lavori vanno avanti, parruccheria e forse un buco fronte spiaggia dove servire cafecito y cerveza, giusto per fare qualcosa quando sarò in pensione. (tra 17 anni se non cambiano le cose)
    Divideremo la vita tra Sardegna e Cuba, la bimba che oggi ha 5 anni deciderà ovviamente gran parte del nostro futuro, per il momento comincia ad assaggiare la pista di atletica di Sassari, poi un giorno con la camiseta cubana correrà all'Habana e......sognare non costa nulla!
    Spero che studi, magari lingue per lavorare all'Habana, e che domani si innamori di un cubano onesto e che la ami come io amo la madre, spiacente per la Sardegna ma gli auguro di vivere ai caraibi.
    Tutti i miei progetti sono in quella direzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche i tuoi mi sembrano progetti saldamente piantati nella terra

      Elimina
  5. A Cuba chi si accontenta stragode...almeno negli affari...

    Forever blog...tutto il resto è noia...

    Freccia - Asocial Network

    RispondiElimina
  6. Cazzate ne abbiamo fatte tutti ma lo sapevamo che il rischio c'era.
    Prendersela poi con qualcun'altro che ci ha intortato a parole mi sembra aggiungere un che di grottesco alla faccenda.
    Poi ognuno e' dueno del suo borsillo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me la rete e il blog sono un momento di benessere nella giornata di lavoro, una sorta di pausa caffè che non bevo, per staccare da una riunione noiosa, mentre sono in coda in autostrada...

      un po' come la corsa serale oppure i momenti con il cane...

      se però in questo momenti dovessi pure incazzarmi con un imbecille frustrato e represso che probabilmente ha visto Cuba in cartolina...behhhhh allora fanculo...mi troverei un altro spazio...

      ripeto forever Blog...Social is dead!

      Freccia

      Elimina
    2. Credimi e' la stessa cosa per me, 10 minuti al mattino e poi seguirlo, per quanto possibile, dal movil.
      Pero' per molti il web e' la sola occasione per provare ad essere diversi da cio' che natura ha concesso...
      Spesso non molto...

      Elimina
  7. Caro Milco,
    da tempo tu sai come la penso sull'argomento. In italia ho avuto la sfortuna di imbattermi in un socio che mi ha barbato quasi 50 mila euro 10 anni fa. Poi ho incontrato il mio attuale socio e va tutto a gonfie vele. Ero giovane e mi sono bruciato. Poi con l'esperienza le cose sono andate nel verso giusto. Come in tutto.

    Essere soci all'1% di Fiat, Unicredit & C. è un conto. Essere soci all' 1% di fantomatiche società nostrane vuol dire rischiare a fronte di nulla. Mi tengo stretto il mio notebook ed il mio cabezon.

    Simone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se e quando possibile meglio soli.La palestra è un discorso diverso. Da solo è una prigione

      Elimina
    2. Simon i soldi vanno e vengono...come le donne per dirla alla Aston...la dignità quella MAI...

      simile tua disavventura con un ex socio...non a caso l' altro giorno scrivevo che in questa vita tutto è instabile...soprattutto certi esseri umani...

      tuttavia con la razionalità, certi valori ben saldi, il supporto di pochi veri amici e nel mio caso la Splendida...quando ti rialzi sei più forte di prima...molto più forte...senza per questo l' illusione di ritenersi invincibili...

      Che gran bella palestra che è la vita!

      Adelante!

      Freccia

      Elimina
    3. Non e' importante quante volte cadi ma quante ti rialzi.
      Gia' cadere e' un privilegio, perche' vuol dire che si era in piedi.
      Alla maggior parte della gente questo privilegio e'...sconosciuto.

      Elimina
    4. queste tue parole mi son proprio piaciute...le faccio mie...grz.

      Freccia

      Elimina
    5. Se non si ha, ogni volta, la forza di ripartire di strada se ne fa pochina.

      Elimina
  8. Il calcio italiano precipita di nuovo nell’incubo calcioscommesse. E questa volta, purtroppo, non potremo dire che è una questione di «mele marce». La Polizia di Stato ha eseguito decine di fermi in tutta Italia nei confronti di calciatori, dirigenti e presidenti di club. L’accusa è associazione a delinquere finalizzata alla frode sportiva.
    Sono una cinquantina i fermi emessi. La nuova indagine sul calcioscommesse (condotta dagli uomini del Servizio centrale operativo e della Squadra mobile di Catanzaro) avrebbe accertato l’esistenza di due diverse associazioni criminali in grado di alterare i risultati degli incontri di Lega Pro e di Serie D. In manette sono finiti anche due dirigenti del Monza Calcio: Mauro Ulizio (oggi dirigente Pro Patria) e l’attuale direttore sportivo Gianni Califano.
    I poliziotti di Catanzaro hanno operato nelle province di Catanzaro, Cosenza, Reggio Calabria, Bari, Napoli, Milano, Salerno, Avellino, Benevento, L’Aquila, Ascoli, Monza, Vicenza, Rimini, Forlì, Ravenna, Cesena, Livorno, Pisa, Genova e Savona. Fra i personaggi coinvolti nell’indagine, oltre a calciatori ed ex, presidenti e dirigenti di club, figurano anche soggetti stranieri, un presunto appartenente alla cosca Iannazzo, potente clan della ’ndrangheta operante nella provincia di Lamezia Terme, e un poliziotto. Il direttore dello Sco (Servizio centrale operativo) Renato Cortese ha definito «esorbitanti le ramificazioni della ’ndrangheta non solo nei settori classici in cui operano le cosche ma anche nel mondo dello sport».
    Era proprio indagando sulla cosca Iannazzo di Lametia Terme che gli uomini della Mobile di Catanzaro e dello Sco centrale, hanno scoperto il mondo delle partite «alterate». Ne hanno documentate ben 15 di Lega Pro e 13 di Lega nazionale dilettanti. Partite dei campionati appena terminati, mentre sono in corso i gironi di promozione e retrocessione. In tutto le squadre coinvolte sono 33. Non si può quindi parlare di «mele marce» ma di un sistema. Nelle oltre 1.300 pagine del fermo di polizia, si racconta tutto, le partite truccate, i soldi, i riferimenti.
    Sono una trentina i club coinvolti nel giro di partite truccate. Tra di essi Pro Patria, Barletta, Brindisi, L’Aquila, Neapolis Mugnano, Torres, Vigor-Lamezia, Santarcangelo, Sorrento, Montalto, Puteolana, Akragas e San Severo. Ci sarebbero quindi le cosche calabresi dietro alcune delle presunte combine di partite dei campionati di Lega Pro e Cnd venute alla luce con l’inchiesta. Ad alcuni indagati vengono contestate le aggravanti mafiose e transnazionali. L’inchiesta ha preso il via grazie alle intercettazioni di Pietro Iannazzo, ritenuto elemento di vertice dell’omonima cosca che opera a Lamezia Terme, arrestato giovedì scorso in una operazione della polizia contro la ’ndrina. Il procuratore federale Stefano Palazzi ha preso contatto con la Dda di Catanzaro per avere informazioni sull’inchiesta «Palazzi - ha detto il procuratore di Catanzaro Vincenzo Lombardi - ha sottolineato che operazioni del genere provocano sfiducia negli appassionati di calcio, ma al tempo stesso creano anche fiducia perché sono la dimostrazione che c’è chi lavora per ripulire questo mondo».
    Quella degli Iannazzo, secondo i magistrati della Direzione distrettuale antimafia, è una cosca «d’élite della mafia imprenditrice» dedita agli affari, ma anche capace di scatenare una guerra con altre consorterie per mantenere il proprio predominio sul territorio. Nel corso dell’operazione condotta la settimana scorsa da squadra mobile di Catanzaro, guidata dal dottor Rodolfo Ruperti, sono state una quarantina le persone arrestate, tra le quali alcuni imprenditori. È stato captando alcune conversazioni di Pietro Iannazzo nel corso di quella indagini che gli investigatori hanno saputo delle combine su varie partite dei campionati di Lega Pro e Cnd per alterare i risultati al fine di ottenere vincite cospicue con le scommesse.

    RispondiElimina
  9. INCONTRI PER CUI È STATO ACCERTATO IL CONDIZIONAMENTO

    Hinterregio-Neapolis del 7 settembre 2014

    Sorrento-Montalto del 12 ottobre 2014

    Neapolis-Montalto del 26 ottobre 2014

    Monopoli-Puteolana del 2 novembre 2014

    Montalto-Frattese del 2 novembre 2014

    Due Torri-Neapolis del 2 novembre 2014

    Neapolis-Akragas del 9 novembre 2014

    Neapolis-Sorrento del 23 novembre 2014

    Brindisi- San Severo del 23 novembre 2014

    Andria-Puteolana del 23 novembre 2014

    Pomigliano-Brindisi del 14 novembre 2014

    Pisa-Torres del 29 ottobre 2014

    Juve Stabia-Lupa Roma del 1 novembre 2014

    Santarcangelo-Aqualia del 15 novembre 2014

    Grosseto-Santarcangelo del 22 novembre 2014

    Aquila-Savona del 23 novembre 2014

    Prato-Santarcangelo dell’8 ottobre 2014

    Cremonese-Pra PAtria del 15 dicembre 2014

    Monza-Torres del 17 dicembre 2014

    Bassano-Monza del 21 dicembre 2014

    Torres-Pro Patria dell’11 giugno 2014

    Pro Patria-Pavia del 17 giugno 2014

    Aquila-Tuttocuoio del 25 marzo 2015

    Aquila-Santarcangelo del 29 marzo 2015

    Barletta-Catanzaro del 1 aprile 2015

    Aversa-Barletta dell’11 aprile 2015

    Vigor Lamezia-Paganese del 12 aprile 2015

    Barletta-Vigor Lamezia del 19 aprile 2015



    I CALCIATORI COINVOLTI

    Astarita Salvatore, ex calciatore dell’Akragas

    Pignatta Luciano Ariel, calciatore del Sorrento

    Carotenuto William, calciatore del San Severo

    Izzo Pasquale, calciatore della Puteolana

    Marzocci Emanuele, calciatore della Puteolana

    Ridolfi Giacomo, calciatore del Santarcangelo Calcio

    Di LAuro Fabio, ex calciatore

    Garaffoni Mirko, calciatore del MAceratese

    Giampà Domenic, calciatore del Catanzaro



    ALLENATORI

    Costantino Francesco Massimo, ex allenatore della Torres

    Di Napoli Arturo, allenatore del Vittoriosa Stars (Malta) ex Savona calcio

    Tosi Marco, ex allenatore del Pro Patria

    Solidoro MAssimiliano, ex collaboratore tecnico del Savona

    Corda Ninni, allenatore del Baretta



    I DIRIGENTI SPORTIVI COINVOLTI

    Moxedano Mario, presidente del Neapolis

    Ciccarone Antonio, direttore sportivo del Neapolis

    Capitani Domenico, presidente della Torres

    Nucifora Vincenzo, ex direttore sportivo della Torres

    Flora Antonio, presidente del Brindisi

    Morisco Vito, direttore generale del Brindisi

    Daleno Savino, dirtigente del Brindisi

    Di Nicola Ercole, direttore sportivo de L’Aquila

    Molino Francesco, direttore sportivo del Comprensorio Montalto Uffugo

    Palermo Antonio, dirigente del Comprensorio Montalto Uffugo

    Somma Paolo, direttore sportivo del Sorrento calcio

    Pagniello Maurizio Antonio, ex calciatore ed ex presidente del Trento

    Bingham Dennis Patrick, imprenditore inglese, amministratore unico e legale rappresentante dell’A.C. Monza Brianza 1912

    Califano Gianni, direttore sportivo del Monza

    Ulizio Mauro, ex direttore sportivo del Monza

    Arpaia Claudio presidente del Vigor Lamezia

    Maglia Fabrizio, d.s. del Vigor Lamezia

    Bellini Felice, responsabile marketing Vigor Lamezia

    Ortoli Armando, d.s. del Catanzaro

    Iannazzo Pietro, ex d.s. del Sambiase



    PROCURATORI SPORTIVI

    Ruga MAuro

    Piraino Daniele

    Sampino Giuseppe

    Ascari Eugenio - Procuratore e agente FIFA



    ALTRI INDAGATI

    Moxedano Raffaele, fratello di MArio

    Ciccarone Vinicio, fratello di Antonio

    Ciardi Daniele, magazziniere del Sant’Arcangelo

    Aruci Erikson, amico di Fabio di Lauro

    Benini Stefano, uomo di fiducia di Carluccio

    Solazzo MArcello, uomo di fiducia di Carluccio

    De Palma Diego, uomo di fiducia di Fabio Di LAuro

    Dan Ioana Delia, interprete legata a Ulizzio

    Pietanza Raffaele, uomo di fiducia di Carluccio e Slazzo

    Annis Gimmi, uomo di fiducia Carluccio e Solazzo

    Caliufano Bruno, padre del d.s. del Monza Gianni

    Cenni Massimo, coinvolto sequestro per estorsione

    La Ferla Sebastiano, uomo di fiducia di Bellini Felice

    Poggi Raffaele, uomo di fiducia di Malisi

    Scarnà Alberto, sovrintendente della Polizia di Stato in servizio presso la Questura di Ravenna

    RispondiElimina
  10. Santa Fè- Per quanto riguarda la Sassari Torres le partite erano già state inchiestate tantè che la società ha diramato il seguente comunicato:
    Comunicato ufficiale Torres Calcio -
    In merito all’ultima inchiesta sul calcioscommesse che vede in parte coinvolta la Sef Torres, la Società rossoblu, nella persona del presidente, Domenico Capitani, intende dichiarare quanto segue:
    “Ho ricevuto un avviso di garanzia rispetto all’inchiesta su illecito sportivo ma sul piano personale non ho assolutamente nulla da temere perché nulla ho fatto. Sono nello stesso modo convinto dell’integrità del nostro ex tecnico, Massimo Costantino, sul quale metto la mano sul fuoco.
    Per quanto riguarda l’ex direttore, Enzo Nucifora, confido che le sua situazione venga chiarita al più presto e non ho motivi di pensare che possa in alcun modo aver determinato i risultati delle tre partite già oggetto di indagini della Procura federale e per le quali la Torres era stata già ascoltata a tempo debito.
    Parliamo della gara vinta in casa 4-0 con la Pro Patria, della sconfitta per 3-0 contro il Monza e di una gara di Coppa Italia contro il Pisa per la quale lo staff tecnico aveva deciso, per motivi legati alla distanza del ritiro, di far giocare molti ragazzi della Berretti arrivati dalla Sardegna. In quest’ultima occasione tutti sapevano di questa circostanza e d’altronde era già successo l’anno prima, contro il Frosinone, quando perdemmo 5-1 con la squadra di ragazzi. E in estate, ancora in Coppa Italia, abbiamo affrontato e vinto con l’Aversa Normanna in versione Juniores. Una scelta, quella di far giocare i giovani, legata spesso alle distanze e all’esborso di spese rappresentate per noi dalla Coppa. I risultati spesso sono scontati ma, forse, certe gare non è nemmeno il caso di quotarle.
    Ribadisco che non c’è alcuna preoccupazione da parte mia legata a comportamenti illeciti dei tesserati della Sef Torres e auspico che tutto venga chiarito nelle sedi opportune”.
    Speriamo bene..mi dispiacerebbe davvero tanto poichè sia la Torres che il Toro non hanno mai avuto l'onta di questo disonore, parlo da sportivo e di cuore in questo momento non sto pensando minimamente alle penalità ma solo alla vergogna mediatica di vedere la mia Torres associata al calcioscomesse e a questa lista di camorristi.

    RispondiElimina
  11. In lega pro c'e' gente che porta a casa, quando li porta 1000/1500 euro al mese.
    La carriera e' breve e la tentazione tanta.....

    RispondiElimina
  12. Per protesta non si giocherà la finale di Coppa Italia di calcio femminile tra il Brescia e il Tavagnacco, in programma sabato prossimo. La decisione è stata presa da Aic e Aiac al termine dell’incontro di oggi a Milano fra calciatrici e tecnici, in rappresentanza delle squadre di A e di B, per discutere della situazione in cui versa il calcio femminile, dopo la polemica per le dichiarazioni del presidente della Lega Dilettanti, Belloli.
    AIC E AIAC SOLLECITANO DIMISSIONI BELLOLI – Aic e Aiac sollecitano le dimissioni del presidente Carlo Belloli, finito nella bufera per le dichiarazioni sul movimento femminile (“basta con queste quattro lesbiche” le sue parole), e sottolineano che “è giunto il momento, dopo 30 anni di inefficienza e immobilismo, di dare autonomia al calcio femminile uscendo dalla Lega Nazionale Dilettanti. Ciò permetterebbe di gestire tutto il movimento dal vertice alla base attraverso una filiera unica”. Infine, le componenti tecniche chiedono con forza alla Federcalcio “di essere coinvolte in maniera attiva in questo processo di cambiamento”.
    LA PANICO: "SERVE LEGA AUTONOMA" - Le calciatrici italiane danno "per scontate le dimissioni" del presidente della Lega Nazionale Dilettanti Felice Belloli, chiedono "di avere una lega autonoma" ed invitano i colleghi a "un gesto di solidarietà, anche solo un Tweet, per mostrare che il mondo del calcio é unificato". Lo ha chiarito Patrizia Panico, attaccante del Verona e della Nazionale. "Vogliamo un incontro con Tavecchio, giocheremo la finale di coppa Italia solo se verrà detto pubblicamente che dobbiamo diventare autonome - ha spiegato la giocatrice -. Abbiamo chiesto all'Aic di coinvolgere anche i ragazzi, che esprimessero la loro solidarietà anche con un tweet. L'avevo sollecitato anche settimana scorsa ma chi per un motivo e chi per un altro non l'hanno fatto. A parte
    Gabbiadini, perché sua sorella é una calciatrice".
    PRESIDENTE FIPAV: “FRASE NON BELLA” – Intanto sulla vicenda dice la sua anche Carlo Magri, presidente della Fipav: “Quando si parla di pallavolo le donne sono un valore aggiunto non solo importante, ma determinante. Noi abbiamo grande ammirazione per il mondo femminile. La frase del presidente Belloli sul calcio femminile? Forse non voluta, ma certamente non bella”.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara'....io so solo che un caro amico ha ritirato la figlia quindicenne che giocava in porta in una squadra del torinese....proprio per questa ragione....

      Elimina
  13. Santa Fè- Ora rivelo un chisme di un "addetto ai lavori", pare che varie squadre portino fior fiori di giocatori stipendiati dalle bande criminali, questi giocatori (difensori e delanteros) non segnano o fanno segnare a seconda delle direttive, poi cambiano squadra durante l'anno in corso e proseguono le malefatte..pare che siano sempre gli stessi giocatori in modo da non coinvolgere, e quindi retribuire, gli altri compagni di squadra.
    Tutto questo mi è stato svelato dal torneo scorso ma pare che la cosa vada avanti da tempo.
    Propongo il carcere per frode e risarcimento ai danni di migliaia di tifosi, restituite i soldi degli abbonamenti, delle trasferte e del tempo sottrato alla famiglia..BASTARDI MERCENARI

    RispondiElimina
  14. Per vendere una partita bastano 3 giocatori....non di piu'.
    Il porblema e' che compagni e allenatore li sgamano subito e se la cosa non salta fuori e' perche' tutto il sistema e' omertoso.

    RispondiElimina
  15. Santa Fè- Questi sono i nostri figli, figli della cultura dell'arraffare senza guardare in faccia nessuno, questo è il prodotto dell'educazione non impartita per correre dietro al lavoro e guadagnare denaro per acquistargli smartphone e nike..peccato che nel correre ci sia scordati di impartire ai nostri ragazzi l'ABC dei valori sportivi che valgono anche nella vita, ovviamente la frode è sempre esistita ma non a questi livelli e in tutti gli sport.
    Se non si insegna da piccini che il sudore, e solo con quello, si ottiene qualcosa, allora è finita, spero che mia figlia oltre che a domandarmi a soli 5 anni perchè il Toro degli invincibili è volato in cielo (badi bene che non mi chiede perchè è caduto dal cielo..), apprenda anche il valore di essere, come il nostro Toro, eternamente secondo ma sempre felice di arrivare al traguardo pulito e con la maglia fradicia di sudore, come l'ultimo derby..quando mi ha chiesto perchè lacrimavo nonostante avessimo vinto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda prova a mescolarti fra i genitori in una partita di calcio di bimbi....poi mi dici qualcosa....

      Elimina
  16. I soldi veri partendo da zero non li fai a Cuba e ormai in nessuna altra parte del Mondo. Con l'apertura dell'isola al turismo americano e a tutto il sistema i soldi li faranno quelli che ne avranno già moltissimi da investire per villaggi turistici,hotel e altre cose di questo tipo. Pablo

    RispondiElimina
  17. la negrita aveva "fiutato l'affare" e l'altro giorno mi ha inviato una mail perchè le dessi 100,00 euro per aprire un negocio... Gli ho risposto che neanche a Cuba si possono avviare delle attivita con royalties così ridicole.. quindi nisba.P68

    RispondiElimina
  18. In effetti con 100 euro non so che negocio poteva aprire...

    RispondiElimina
  19. A cuba qualcuno i soldi veri li fa, solo che non rende pubblica la cosa e se la tiene per sé, come é giusto che sia. Chi parla di grosse cifre pubblicamente, mi lascia sempre perplesso. Mat.

    RispondiElimina
  20. Buon pet lui. Che se li goda....

    RispondiElimina
  21. Ciao a tutti.

    Milco, sono Alessandro; entrato stamattina nel gruppo di whatsup.

    Un nostro connazionale che guadagna bene all'Avana - sino a tre anni fa c'era ancora - io l'ho conosciuto; una splendida casa particular coloniale al Vedado, e l'ultima volta che l'ho visto un fuoristrada bianco parcheggiato in giardino. Uno standard di vita più da S. Domingo o da Brasile che da Cuba, dove è arrivato nel 1993 o 1994. Poi ha aperto un ristorante a Miramar. Deve anche avere le amicizie giuste, sia cubane che all'ambasciata italiana.
    A casa sua sono stato nel mio primo viaggio a Cuba, anno 2000.


    RispondiElimina
  22. Se hai i ganci giusti tutto e' possibile.

    RispondiElimina