mercoledì 10 giugno 2015

RITROVARE DIGNITA'

 Risultati immagini per pensionati italiani in bulgaria

Ieri sera, dopo che in Veneto in 25 giorni, ho visto in tv solo la finale di Champions (ed e' stato un bel vedere...), ho passato la serata davanti al piccolo schermo.
Dopo un interessante film documentario sulle sommosse di Seattle nel 1999 contro il W.T.O. stavo facendo un po' di zapping finendo su Ballaro'.
Da tempo ho una forte idiosincrosia per qualunque trasmissione che ospiti i politici, semplicemente non li reggo piu'.
Ieri pero' sono capitato sulla trasmissione proprio mentre era in onda un servizio su un fenomeno che, oramai, ha preso piede nel nostro paese, visti i chiari di luna, credo lo prendera' sempre piu'.
I pensionati che, per motivi economici, decidono di andare a vivere altrove.
In quel servizio, nello specifico, si parlava della Bulgaria.
Grazie ad un'avvocato che si occupa di tutti i cavilli legali e le prime necessita' logistiche, centinaia di nostri connazionali hanno alzato le tende per andare a vivere in quel paese.
Non parlo di uomini soli, anche se qualcuno c'era, ma di marito e moglie che, una volta arrivati all'eta' della pensione e constatato che con quella non ci si vive da noi, hanno deciso, dopo una vita di lavoro di riprendersi la propria dignita'.
Dopo 6 mesi in cui risiedi in quel paese ti arriva la pensione lorda, la Bulgaria non richiede che un pensionato straniero paghi le tasse nel suo paese.
Gli anziani intervistati hanno confermato che la vita da noi era diventata insostenibile.
In Bulgaria con 500 euro al mese pagavano affitto, bollette, cibo e cena al ristorante in media due volte la settimana.
Non e' neanche il caso di fare paragoni col nostro desolato paese.
Non parlo di gente che ha scelto, per il caldo, la gnocca e tutto il resto di andare a vivere in qualche paradiso tropicale, ma di gente che ha scelto di lasciare l'Italia per un paese non esattamente di prima fascia.
Un paese pero' dove con una pensione di 1000 euro al mese e' possibile non solo di vivere decorosamente ma, come diceva una coppia, di inviare 200/300 euro alla figlia rimasta in Italia in gravi difficolta' economiche.
Come mi diceva il tipo dei container quando lo avevano chiamato, oramai e' un esodo di gente che lascia il nostro paese.
A Cuba pero' una situazione simile e' ancora lontana da venire.
Intanto al turista, perche' e' con quello status che si entra nel paese, non e' consentito di affittare una casa privata.
Per quello ci vuole la Rp, di conseguenza prima occorre il matrimonio con una cubana.
I 500 euro rappresentano la cifra da me piu' volte indicata, necessaria per una vita tranquilla e senza grilli per la testa, a patto di avere una casa.
Se invece devi andare in una renta, mangiare per due e togliersi ogni tanto qualche sfizio e' chiaro che una cifra simile non basterebbe sicuramente.
E' possibile farsi accreditare la pensione a Cuba, ma non conosco se sia esentasse ne' la tempistica necessaria per risolvere il problema.
Pero' siamo sempre li', ci vuole la Rp conseguente ad un matrimonio.
Quindi la coppietta di vecchiarilli italiani che volesse intraprendere questa strada, troverebbe tutta una serie di problemi sul suo cammino.
Se invece hai risolto il problema della RP tramite matrimonio o riconoscimento di un figlio allora e' possibile vivere, volendo, con quella cifra, anche se parliamo di un uomo solo e non delle coppie di pensionati che vedevo ieri nella trasmissione.
Cuba dovra' pensare bene a questa opportunita', se certe pratiche diventassero piu' agili l'isola verrebbe sicuramente presa d'assalto da centinaia di migliaia di pensionati, desiderosi di trasferirsi in quel paradiso in pianta stabile.
La possibilita' di affittarsi una casa a cifre decorose, poter vivere con la propria compagna senza dover mettere in piedi rapporti improbabili solo per un papel.
Entrerebbero a Cuba tanti ma tanti bei soldi mensili che verrebbero spesi interamente nel paese.
Certo che e' una cosa che fa schifo, come sottolineava ieri uno degli intervistati, dopo una vita di lavoro, dover lasciare il proprio paese e i propri affetti per finire in un paese del cazzo come la Bulgaria solo perche' il tuo paese non ti consente una vita in linea con le piu' elementari esigenze di decoro.

28 commenti:

  1. Sono tanti i motivi per visitare la Bulgaria: la buona cucina, i monumenti archeologici, le coste sul mar Nero, le foreste, i festival nella valle delle rose, le gite lungo il Danubio, gli sport invernali, ma in particolare alcuni gioielli artistici dichiarati Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO come le chiese di Ivanovo (provincia di Ruse) che testimoniano con i loro affreschi l’influenza dell’arte bizantina interpretata con caratteristiche bulgare.
    Ma ora molti stanno pensando alla Bulgaria anche in un'altra chiave, infatti è da molti considerata come il paradiso "low cost" dei pensionati italiani che si trasferiscono a vivere all'estero. Cerchiamo di capirne di più.
    Lingua ufficiale: bulgaro
    Moneta: lev (Bgn); cambio 1,9567 lev per 1 euro (dicembre 2011)
    Forma di governo: repubblica parlamentare
    Rapporti con l'Italia: la convenzione con l'Italia è stata sottoscritta il 21 settembre del 1988 ed è entrata in vigore il 10 giugno 1991. Non risultano invece accordi tra l’Italia e la Bulgaria per lo scambio di informazioni e per l’effettuazione di verifiche fiscali simultanee.
    La Bulgaria non rientra nelle liste contenute nei decreti ministeriali del 4 maggio 1999, del 23 gennaio 2002 e del 21 novembre 2001 e le loro successive modifiche che individuano i Paesi e territori a fiscalità privilegiata per quanto riguarda rispettivamente le persone fisiche, l’indeducibilità dei componenti negativi e le controlled foreign companies.
    La tassazione delle persone fisiche
    L’imposta sulle persone fisiche è regolata dall' “Income Taxes on Natural Persons Act” entrato in vigore nel 2007 e che ha subito importanti modifiche già nel 2008. A partire dal 2008 la Bulgaria ha introdotto una flat tax unica del 10% che ha sostituito le precedenti aliquote progressive dell'imposta sul reddito (20%, 22% e 24%). L’imposta grava su tutti i redditi delle persone fisiche ovunque prodotti per i residenti e su quelli prodotti sul territorio per i non residenti.
    E’ considerato residente chi:

    ha un domicilio permanente nel territorio nazionale;
    è presente sul territorio per più di 183 giorni in un anno;
    è inviato all’estero per conto di entità residenti;
    ha i propri interessi vitali nel territorio.

    Guida fiscale BULGARIA.

    Costo della vita in Bulgaria
    In Bulgaria il costo della vita è molto più basso rispetto al costo della vita in Italia.
    Ma quanto costa effettivamente vivere in Bulgaria?
    Prima di tutto bisogna specificare che il costo della vita all'interno di una nazione, varia in base alla singola zona. Se è vero che nella capitale, il costo della vita è più economico rispetto alle città italiane, nei paesini fuori dalle città principali, il divario è più alto.
    Analizziamo ora il costo medio della vita a Sofia, capitale della Bulgaria.
    Elencheremo quindi le voci base, tralasciando le spese extra, soffermandoci quindi solo sulle cose di cui non possiamo fare a meno. Tenete presente però che con l'ingresso nell'unione europea queste cifre dovranno subire un aumento (anche se sicuramente non sarà tantissimo).

    affitto dai 200 euro in su al mese
    cibo 90 euro
    riscaldamento 170 euro (a questa spesa si può ovviare con l'acquisto di un radiatore elettrico in camera da letto ed in sala).
    internet+cell 25 euro
    acqua/elettricità/gas 70 euro
    trasporti 30 euro
    Uscite 1 o 2 volte a settimana, senza eccedere 50 euro

    RispondiElimina
  2. Per darvi un' idea più precisa della spesa che potreste trovarvi a fare ogni giorno, ecco il prezzo indicativo dei generi alimentari di largo consumo:

    Pane ........................................... 0,50 € al kg.
    Latte .......................................... 0,50 € al l.
    Yogurt ....................................... 0,50 € - 500 g.
    Patate ........................................ 0,35 € al kg.
    Legumi ...................................... 0,70 € al kg.
    Carne ......................................... 3,50 € al kg.
    Formaggio bianco .................... 2.00 € al kg.
    Formaggio giallo .................... 3.50 € al kg.
    Suino cotto .............................. 4.00 € al kg.
    Salumi ....................................... 3,50 € al kg.
    NB: Formaggio Parmigiano, Grana Padano, Pasta, Spaghetti, succo di pomodoro ed altri prodotti italiani costano quanto in Italia.
    Clima della Bulgaria
    Se voleste visitare il paese prima di trasferirvi, la primavera, l'estate e il mese di settembre sono ottimi periodi. Il clima è di tipo continentale, paragonabile a quello dell’Italia settentrionale: gli inverni sono rigidi (la temperatura può restare sotto lo zero anche per settimane nei mesi di dicembre e gennaio), mentre le estati sono calde (la temperatura supera facilmente i 30 °C nei mesi di luglio e agosto). In genere sono molto lunghe e piovose le mezze stagioni. Il clima è relativamente più mite e temperato lungo la costa del mar Nero.
    Assistenza sanitaria in Bulgaria
    La situazione sanitaria, sebbene ormai in via di miglioramento, è ancora problematica sia per le perduranti ristrettezze di bilancio che per la scarsità di dotazioni e la qualità delle strutture. Pertanto, sebbene debba registrarsi, in generale, una buona preparazione e professionalità del personale medico e infermieristico, il livello complessivo dell’assistenza sanitaria è tuttora ben al di sotto dei livelli italiani. I cittadini italiani possono ricevere le cure mediche previste dall'assistenza sanitaria pubblica locale se dispongono della Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM), che è il retro della Tessera Sanitaria nazionale (TS) o della Carta Regionale dei Servizi per le regioni Lombardia, Friuli Venezia Giulia e Sicilia; in alternativa, rivolgersi alla propria ASL per richiedere il certificato sostitutivo provvisorio.
    È consigliabile stipulare un'assicurazione sanitaria che copra anche il rimpatrio in caso di necessità.
    Guida alle informazioni e consigli utili della Bulgaria
    Riassumendo il quadro generale possiamo sicuramente dire che la Bulgaria presenta dei grandi vantaggi per chi è in cerca di un "paradiso low cost". Ovviamente, a nostro avviso, questa non deve essere l'unica variabile da considerare nel momento della scelta del paese dove andare a vivere con la propria pensione.

    RispondiElimina
  3. Santa Fè- Quando scegli di lasciare volontariamente la propria nazione è un conto ma quando ti vedi costretto diventa davvero triste.
    Altri connazionali , miei conoscenti, puntano anche alle bellezze asiatiche dove con poco si vive bene, Thailandia in primis, altri si son fiondati nella Rep.Dominicana (lì però esiste palpabile il problema della sicurezza, tantè che un mio conoscente ha venduto casa al mare con ristorante perché non stava più serena e temeva per l'incolumità della famiglia, ora con la crisi stà dilapidando quello che ha guadagnato perché puntare sulla ristorazione è un azzardo e pensa di ripartire con destinazione Berlino) certo è che se non hai spirito d'avventura, e soprattutto sei anziano e abitudinario, diventa tutto molto faticoso e malinconico.
    In effetti probabilmente la Bulgaria o l'Albania diventano mete dove "provvisoriamente" si può vivere serenamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E con tua moglie....italiana. mica tutti sono come noi.....

      Elimina
  4. Troppo freddo. Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Santa Fè- Freddo sicuro ma perlomeno riesci a pagarti il riscaldamento della dimora..da noi devi sperare che arrivi rapidamente la primavera.

      Elimina
    2. Con la pensione che prendero se dovessi contare su quella al massimo in Ruanda

      Elimina
    3. Anche perché i costi sono davvero bassi

      Elimina
  5. Prima di dire che è un paese del cazzo ci farei un salto.
    Mio padre ha costruito un grande stabilimento a Plovdiv qualche anno fa. Io ci sono stato un paio di volte (inverno ed estate). Clima simile al nostro, città decisamente pulita, bella e ordinata (soprannominata la Firenze bulgara), cibo fantastico, gente disponibile e figa fuori da ogni tipo di paragone.

    Poi chiaro che per un vecchietto stare nel proprio paese con gli affetti vicino non ha prezzo, ma la Bulgaria è un gran bel paese così come la maggior parte dell'est europa.

    Simone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La definizione è di due bulgari che conosco e vivono qua'

      Elimina
    2. Santa Fè- Conosco 60(milioni) di italiani che definiscono l'Italia un posto della minchia..
      Battute a parte ogni paese ha dei luoghi meravigliosi da visitare, mio padre nacque in Albania, durante la guerra nel 40 a cui mio nonno prese parte, e visitandolo nella rete mi sono accorto che l'Albania non è quella dei barconi con i disperati a bordo ma una nazione in evoluzione con boschi e baite meravigliose.
      Naturalmente il giudizio è soggettivo per qualsiasi cosa ma personalmente se dovessi essere costretto ad emigrare, e come nel caso del post per sfamare mia figlia, andrei senza indugio anche ad Haiti, naturalmente non farei salti di gioia..

      Elimina
    3. De Biasi il tecnico della nazionale delle Aquile ha descritto Tirana, oggi, come una bella e moderna citta'.

      Elimina
  6. Ciao, io ho ditta lavoro e conoscenze piu' o meno buone in bulgaria..... Plovdiv.
    Scusami mi spiace dirlo ma decisamente molto meglio delle nostre citta' medie per pulizia, sicurezza servizi ecc ecc...... non c'e' paragone qui ormai e' un Mer....
    Sto' pensando anche io ormai di portare fuori in questa nazione i miei interessi perche' si vive meglio con meno e non e' assolutamente male ad un tiro di schioppo da italia e se ti piacciono le fanciulle c'e' una ottima ma veramente ottima scelta...... ma gli manca il calore dei caraibi.... e non e' poco.
    Cittadino del mondo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scrivi con un nick solo.....

      Elimina
    2. Concordo con Cittadino del Mondo.
      In quei due mesi trascorsi con mio padre a Plovdiv mi sono trovato benissimo. L'idea che abbiamo in italia di certi paesi è totalmente diversa dalla realtà.
      Poi chiaramente i bulgari criticano la bulgaria, i romeni la romania e gli italiani l'italia.

      Simone

      Elimina
    3. Cuel gran genio del mio amico...il mio meccanico e' stato in Bulgaria 6/7 anni fa e al ritorno uso' lo stesso termine da me usato.
      A meta' degli anni 80 visitai l'Ungheria e la DDR, in entrambi i paesi mi dissero che la Bulgaria fra i paesi del blocco socialista era il piu' arretrato.
      Magari avra' fatto passi da gigante....

      Elimina
  7. Vanno in Bulgaria credendo di risparmiare ma poi quando hanno problemi di salute che cazzo fanno? corrono in Italia a farsi curare ........ finchè si è giovani si può esporare il mondo ma dà pensionati bisogna trovare un paese con un buon servizio sanitario.
    Italy love

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si saranno farri due conti in croce....

      Elimina
  8. Con i soldi in tasca l'Italia è il paese più bello del mondo,ho viaggiato in più di trenta Paesi e da Maggio a Settembre non mi viene in mente nessun posto più bello sulla faccia della terra e con la stessa qualità di vita. Pablo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Santa Fè- Pablo se permetti, con i soldi in tasca sto meglio nella Marina di Hemingway a La Habana, la qualità della vita poi è ovviamnete condizionata dal fattore dinero.
      Sarà che comincio a soffrire di nostalgia di quell'isoletta ma non riesco, nemmeno sotto tortura, ad essere imparziale!

      Elimina
    2. Coi soldi in tasca si vive ben pure in Lesotho....

      Elimina
  9. Quando dici che Cuba dovrebbe iniziare a pensare a questa opportunità scrivi parole sante...dovrebbe anche iniziare a pensare a vendere macchine e moto a prezzi di mercato,a permettere connessione a internet (tanto ormai i cubani sanno tutte le notizie,etc .etc....problema è che siamo visti come polli da spennare e basta e così il paese perde una grande opportunità...sulla Bulgaria beh...non il posto più allegro della terra onestamente ma si vive dignitosamente ed i servizi ci sono;tornando a Cuba tu Milco fossi ministro del turismo tra le tante cose da fare non toglieresti per esempio le anacronistiche strutture da guerra fredda della dogana cubana?porte senza maniglie,specchi etc etc..ma dai....a noi scafati fa ne caldo ne freddo ma alla famigliola con bimbi in vacanza all inclusive?..vabbeh...ciao Milco
    stefano

    RispondiElimina
  10. Mah.....se uno ha girato un po' di mondo a queste cose puo' essere abituato.
    Per la dogana...sono le paranoie di un certo tipo di paese....

    RispondiElimina
  11. Khedira se sta' bene è un grande acquisto. ...

    RispondiElimina
  12. Milco un pensionato italiano può vivere lo stesso a Cuba anche senza RP, con la carta di credito preleva lasciando la pensione in Italia,ma l'importo deve essere alto, perchè se deve pagare anche la renta con mille euro non ci fa nulla....Sarei curioso di sapere la tassazione cubana sulle pensioni, un giorno che sarà possibile accreditarle a Cuba, chissà se sarà conveniente come la Bulgaria..

    RispondiElimina
  13. Si ma ogni tre mesi devi uscire e sono soldi

    RispondiElimina
  14. Caro Amico, prima di poter pensare a come vivere da pensionato, devo trovarmi un lavoro... alla veneranda età di 46 primavere. Intanto mi godo la natura delle montagne abruzzesi e molisane che in questa stagione non hanno niente da inviadiare a località più rinomate. Quindi mi divido tra i libri e la bici. Buona estate a tutti. P68

    RispondiElimina
  15. Caro Pedro goditi la stagione. Il vento buono arriverà

    RispondiElimina