lunedì 20 luglio 2015

PARTE DEL PROGETTO



Sul blog e sul gruppo WhatsApp dello stesso, il Vascello (chi fosse interessato a prenderne parte mi puo' inviare il suo numero; orienteavana@libero.it) si parla spessissimo di imminenti partenze per Cuba.
Il classico conto alla rovescia di najana memoria.
C'e' chi lo attiva per l'ennesimo viaggio e chi per un trasferimento definitivo in pianta stabile dall'altro lato del, si spera al termine, bloqueo.
E' un meccanismo inevitabile.
Ci sono passato anche io, alla fine il tempo trascorso in Italia fra un viaggio e l'altro si trasformava in un interminabile conto alla rovescia, che iniziava appena finiva un viaggio e si sbarcava in un'uggiosa Malpensa piena di nebbia.
La domanda a quel punto, in quel preciso frangente, era ed e' sempre la stessa; CHE CAZZO CI FACCIO QUA'?!?!?!
Ancora l'altro giorno sul Vascello si parlava delle date di partenza di ognuno e di quanto mancasse al fatidico giorno.
Le donne, inutile nasconderlo, hanno il loro bravo merito, inutile spiegarne i motivi.
Invece, da parte di chi il familion ce l'ha in Italia, vedo meno frenesia e soprattutto la preoccupazione dei costi di spostare tutto l'amabaradan dall'altra parte dell'oceano.
Da alcuni anni a questa parte mi trovo a vedere le cose in maniera un tantino differente.
Cuba e' parte di un progetto di vita a media scadenza, francamente andare a Cuba per una semplice vacanza non e' piu' una cosa che mi toglie il sonno.
Gl ultimi viaggi hanno sempre avuto un'obiettivo, uno scopo, appunto un progetto.
Prima l'esperienza brevissima del matrimonio, poi l'acquisto della casa oggi de renta, quindi i pochi lavori che ci abbiamo fatto, l'arredamento da scegliere e da inseguire, l'apertura dell'attivita' e lo sviluppo della stessa.
Il prossimo step vertera' sull'opportunita' o meno di raddoppiare la renta con un secondo cuarto.
Secondo cuarto che esiste gia' arredato di tutto punto, ma che, al momento e' occupato dalla fanciulla e dalla madre che cuidano i clienti.
Si trattera' di vedere se rentare tutta la casa senza la duena o se costruire sulla placa.
Va fatto, perche' le cose girano e i tempi sono maturi, occorrera' solo vedere quando e come.
Sono convinto che la vita di un uomo, se vuole avere senso ( sia l'uomo che la vita) debba avere orizzonti lontani o almeno, come dicevo a medio raggio.
Ora la priorita' e' rappresentata dal finire bene la stagione, anche il cane se vogliamo e' un progetto, poi ci sara', il 31 agosto, l'apertura della Fly Gym, a ottobre, finalmente, volero' a Cuba per il primo dei 3/4 viaggi della prossima stagione.
Oltre al lavoro nella renta dovro', probabilmente buttare un occhio a Camaguey alla casa del mio amico che procede nei lavori in funzione del possibile prossimo paladar.
Anche se questo non e' ancora un progetto delineato nei tempi e nei modi.
Non voglio dire che mi rompero' le palle, o che andro' giu' per lavorare (ho troppo rispetto per questa parola) ma semplicemente verifichero' lo stato e la marcia delle situazioni che si stanno muovendo sull'isola, che oramai viaggiano alla pari con quello che ho messo in piedi in Italia.
Cuba non e' piu' soltanto un luogo da gozadera, anche se non cessera' mai di esserlo, ma anche e sopratutto il mio futuro, il luogo dove probabilmente tutto finira', l'altra parte della mela che rappresenta la vita di ognuno di noi.
Detto questo, ho e continuo ad avere il massimo rispetto per chi intende Cuba come una vacanza per divertirsi il piu' possibile, scorre troppa acqua sotto il mio ponte per permettermi di pensarla in modo differente.
So che per molti di voi i progetti futuri sono diventati un'esigenza primaria, l'incerto presente europeo quasi ci obbliga a pensarla in questo modo.
Quindi finisco il lavoro estivo, apro la palestra e poi mi imbarco per portare avanti quelli che, da sogni, stanno diventando o sono gia' diventati realta'.

22 commenti:

  1. Avelar, due volte Quagliarella, Bruno Peres e il baby Baselli nel primo tempo, Stevanovic, Maxi Lopez ed Amauri nella ripresa. Il Toro si diverte contro il piccolo Sondrio (8 a 0), squadra di serie D salita fino al quartier generale granata di Bormio per impegnare i ragazzi di Ventura nel primo test di stagione dopo la passeggiata di venerdì nel trofeo della montagna.
    Dentro al successo del Toro c’è il pieno di indicazioni, almeno per questa prima parte di preparazione. In attesa di capirne di più sui tempi di inserimento degli ultimi arrivati, appare evidente come la squadra che sta nascendo preveda Vives o Gazzi nel ruolo di centrale là in mezzo, con Acquah (o Benassi quando arriverà) sulla destra ed Obi (o Baselli dopo mezz’ora di gioco) sulla sinistra. Ventura ha consegnato ad Avelar la corsia di sinistra e non ha risparmiato a Bruno Peres gran parte della fatica sulla destra (il brasiliano è uscito soltanto a venti minuti dalla fine).
    Queste prime uscite di stagione, spesso, nascondono trabocchetti imprevisti ed il fatto che Glik e soci ne stiano uscendo senza la pur minima ammaccatura è senza dubbio un buon segnale. Da applausi molte giocate o buone intenzioni dei granata: Quagliarella ha fatto sobbalzare gli oltre mille tifosi presenti sulle piccole tribune con una rete in mezza rovesciata, Maxi Lopez per la consueta foga sotto porta e Bruno Peres per le ormai note accelerazioni. Il prossimo appuntamento in campo è in agenda per mercoledì (ore 17) quando il Toro affronterà il Savona: da un avversario di serie D si passerà ad uno di Lega Pro.

    RispondiElimina
  2. L’abbandono dei cani è «un reato e un costo etico ed economico» che si stima possa pesare 200 milioni all’anno sulla comunità. La pensa così la Lav (Lega antivivisezione) che in vista dell’arrivo delle vacanze estive mette insieme numeri e cifre su questo fenomeno, tanto che in questo periodo dell’anno si arriva a «punte massime del 25-30%», anche se «oltre il 30% dei cani viene abbandonato dopo l’apertura della stagione venatoria» con le vittime che si contano in ’’80.000 gatti e 50.000 cani’’ abbandonati ogni anno.
    Per cercare di arginare il reato di abbandono di animali, la Lav invita cittadini e istituzioni a fare prevenzione come le adozioni `consapevoli´ dai canili, la sterilizzazione (per evitare riproduzioni fuori controllo).
    Secondo la Lav «le punte massime di animali abbandonati si registrano nel periodo estivo (25-30%), quando la partenza per le vacanze pone il problema di `sistemare´ il quattrozampe, ma oltre il 30% dei cani viene abbandonato subito dopo l’apertura della stagione venatoria. Si stima che ogni anno in Italia siano abbandonati una media di 80.000 gatti e 50.000 cani, più dell’80% dei quali rischia di morire in incidenti, di stenti o a causa di maltrattamenti». Non finisce qui. Perché «oltre a essere un reato, l’abbandono porta a un dispendio di denaro pubblico che ricade sull’intera collettività: considerando che per ogni cane ospitato in canile ogni comune paga circa 1.000 euro all’anno, e nei canili italiani ci sono circa 200.000 quattro zampe». Tra le proposte della Lav per porre un freno ci sono per esempio il libero accesso di cani e gatti nei luoghi pubblici e nelle strutture turistiche.

    RispondiElimina
  3. Per me è solo vacanza. Giuseppe

    RispondiElimina
  4. DAL BLOG DI UNO DEI MIEI RIFERIMENTI CULTURALI...PASQUALE DI MOLFETTA, IN ARTE LINUS.

    Mi ricordo la prima (e unica) volta in cui ho incontrato Berlusconi. Era il settembre dell’89, a quei tempi la televisione poteva ancora permettersi di organizzare i grandi galà di presentazione dei programmi della stagione, quelli con tutti i volti del canale riuniti sullo stesso palcoscenico. Adesso non si usa più, anche perché ci sarebbe ben poco da presentare. Di fatto a un certo punto arriva il Cavaliere (allora) e, scusandosi in modo affabile per averci costretti in studio di domenica pomeriggio, racconta, a parziale consolazione, di non aver dormito due volte nello stesso letto negli ultimi dieci giorni e di non aver dormito proprio nelle ultime 48 ore. Probabilmente era una balla ben raccontata, ma mi torna in mente spesso nella mia esistenza da girovago. L’unica differenza è che io a letto sono sempre da solo. O con mia moglie, certo. Il bello è che di natura sarei uno stanziale, mi piace coltivare le mie cose e le mie passioni. Ma ultimamente va così. In attesa del definitivo trasloco sono partito per Riccione venerdì pomeriggio, avrei potuto anche saltare ma erano già dieci giorni che non vedevo Miki. Col quale ho un debito di tempo e di cose non fatte. Con Filippo sono stato in un sacco di posti, specie negli ultimi anni. Con Miki meno, per motivi ovviamente anagrafici. Ma adesso che sta crescendo sento che devo impegnarmi per passare più tempo con lui. Ho deciso che andremo due o tre giorni a fare trekking da qualche parte, in tenda. Da soli io e lui. Quando gliel’ho proposto mi ha abbracciato così forte che mi sono emozionato. Adesso devo studiare itinerari e tutto il resto, devo procurarmi il materiale e soprattutto imparare ad usarlo. Sono stato campeggiatore, ma l’ultima volta credo fosse il ’76. Si accettano consigli, di qualunque tipo. Ci aspetta una bella avventura. Un tranquillo weekend di pianura.

    RispondiElimina
  5. Gozadera pura a cuba lavorate voi che siete giovani :-))
    saludos.
    Loco

    RispondiElimina
  6. Esatto....come tu ben sai per il catetere c'è tempo....

    RispondiElimina
  7. Grande stima per chi parte nei mesi di Luglio e Agosto, non si respira in Italia figuriamoci a quelle latitudini, poi se in casa della suegra non si ha il climatizzatore è la fine.... L'estate italiana la preferisco a quella cubana, per tanti motivi, Cuba la preferisco quando da noi è inverno...infatti penso che a settembre troverò comunque caldo, ma penso e spero mai come in luglio/agosto.

    RispondiElimina
  8. Vero, gia' a settembre si schiatta di calore....solitamente evito di andare in giro, perfino in scooter nelle 2 ore piu' calde del pomeriggio.
    ovvio che scappare dal frio e il cielo sulla testa e' meglio

    RispondiElimina
  9. Milco ora che sono andato un mese ad aprile e maggio Santiago mai stata sotto i 36 gradi...non oso immaginare Luglio/agosto che forno sia...Ma se uno ha le ferie in quel periodo deve adattarsi per forza.

    RispondiElimina
  10. Qualcuno di voi ha mai volato con Iberia? A Settembre vado con KLM, mentre a dicembre vado con Iberia, ma non ci ho mai volato....avete consigli/suggerimenti da darmi cui fare eventualmente attenzione tipo pasti, bagagli, ceck in ecc?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Unica accortezza a Madrid ai cubani ripesano bagaglio a mano
      Stefano

      Elimina
    2. Ricordo che prendevo una specie di treno per raggiungere il gate

      Elimina
    3. Io quando andai a Madrid era un bus ma interno alla pista non esterno al terminal come a Mxp e questo bus ti lasciava davanti al gate che sarebbe poi stata porta d'imbarco,un treno io lo ho preso a Francoforte con Condor
      Stefano

      Elimina
    4. Il problema di Iberia per noi Palestini è che arriva alle 21 e alle 22 parte l'ultimo Viazul e lo si perde

      Elimina
  11. Se a qualcuno può interessare con Iberia, dal 11 dicembre al 22 gennaio 533 euro...io ho visto partenza da Bologna, non so se partendo da altre città il prezzo è lo stesso.
    E' un prezzone ragazzi, io l'ho già preso da tempo, non pensateci troppo su per chi è sicuro di partire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prezzone si e si vola bene in b747..problema per me impossibile comprare biglietto no ho sicurezza ferie
      Stefano

      Elimina
    2. A me il post di oggi fa porre la domanda :è meglio vivere Cuba come vacanza o come un proggetto x il futuro?io dico la seconda ma causa eventi della vita le ultime volte come vacanza...e posso permettermi osservazione?cuba perde fascino se la vivi senza una situazione stabile e senza la speranza di costruirci un futuro...no dico diventa come Santo Domingo o la Thai ma insomma...ciao Milco
      Stefano

      Elimina
    3. Tenuto conto del periodo è un bel prezzo

      Elimina
    4. Oggi sono del tuo parere Stefano magari anni fa la pensavo in modo differente

      Elimina