martedì 1 dicembre 2015

DA MARIO

 

Avevo gia' parlato della spaghetteria di Mario, a Las Tunas, prima di partire, ora vi posso dire che e' il locale che ho frequentato di piu' durante questo mese passato nel grande caimano.
Facciamo un passo indietro.
Gennaio 2015, con Mario e un'altro amico che ora e' a Tunas e, visto che e' stato macellaio e cuoco con le palle, gli sta' cucinando la carne 2 volte la settimana, andiamo a vedere il locale che era gia' paladar cubano ma che non stava funzionando.
Io ci vado piu' che altro per curiosita', non penso certo di gestire un'attivita' dove entrano soldi ogni mezzora vivendo a Cuba per 3 mesi all'anno e poi, viste le dimensioni, il locale va bene per un solo borsillo.
Alla fine Mario decide di lanciarsi, con poche migliaia di euro ristruttura un minimo, ci fa un bel bagno e acquista quello che serve per partire.
Ha la RP e DEVE riuscire a vivere con quello che gli entrera' dal negocio.
Saggiamente decide di limitare l'attivita' alla spaghetteria, al massimo 2 bruschette e la macedonia, come dicevo in questi periodi, grazie all'altro nostro amico, un paio di giorni la settimana carne.
Ho mangiato un'arrosto con le patate e una milanese coi fiocchi manco fossi in un ristorante ai Navigli.
Da Mario si mangia Pasta, pasta italiana tassativamente.
6/7 tipi di pasta differente, solitamente spaghetti e penne, si parte dalla classica pasta al pomodoro per passare alla carbonara, la amatriciana giungendo alla puttanesca, al ragu', coi gamberetti, nero di seppia e, quando ci sono, ai funghi.
Il costo va dai 2 ai 4,5 cuc per piatto.
Diciamo che con 6,5/7 cuc ti fai una pasta elaborata, una birretta e un caffe'.
La clientela al 80% e' italiana ma non mancano i canadesi e qualche cubano che vuole fare il figo con la donna portandola in un locale italiano.
Ovviamente parallelamente agli amici come il sottoscritto che ne parlano bene e portano gente si e' messa in moto la macchina del fango.
I soliti sfigati che spalano merda su tutto e tutti.
C'e' chi pagando la carbonara 3,5 cuc piu' 80 centesimi per il parmigiano ( che a Cuba e' prezioso come l'oro) e' poi andato a fargli le pulci su quanto valeva quel piatto.
E' come se io andassi qua' al ristorante, pagassi 15 euro una bistecca di fassone ma poi mi lamentassi sul fatto che se andavo dal macellaio la pagavo 7 euro.
Cazzo allora sto' a casa e non vado a mangiare fuori.
Come sempre chi sostituisce i fatti alle pugnette da' fastidio e crea invidia che e' sempre una brutta bestia.
Il locale e' estremamente spartano, 5 tavolini per 20 posti, diciamo che e' perfetto per 2 spaghi veloci non certo per portarci la donna o volere fare lo splendido.
E' aperto dalle 11 alle 14 e dalle 19 alle 22.
Ha 4 cameriere, 2 per turno, che lavorano 15 giorni al mese portando a casa fra salario e mance una settantina di cuc, non mi sembra poi cosi' male.
Ovviamente trovarne che abbiano voglia e' tutto un'altro discorso, visto che ne aveva sfanculate un paio ci ho mandato una mia amica, cameriera da anni, quando sono andato via le cose giravano bene ma non si puo' mai dire....
Potrebbe mario fare di piu'?
Forse...ma chi glielo fa fare?
In fondo lui deve tirare fuori quello che serve per viverci, le cose gli stanno girando decisamente bene, gli incassi pur non essendo enormi vanno dagli 80 ai 120 cuc al giorno, 6 giorni la settimana.
Ora in dicembre e gennaio dovrebbe girare ancora meglio.
Qualcuno dice che e' un po' caro, ma il piacere di mangiare 2 spaghi in un'atmosfera italiana con la musica di Battisti di sottofondo vale qualche cuc in piu'.
Altrimenti, ripeto, una la pasta se la cucina a casa e poi mi dice cosa ha speso...
Dopo che ho deciso di mangiare qualcosa a pranzo ( nei prossimi giorni vi diro' il perche') ero cliente fisso per una bruschetta o una doppia macedonia.
Di sera ci si ritrovava alle 21.30 in chiusura per un traco e 2 chiacchiere fra amici.
Questo pezzo e' una cortesia nei confronti di un'amico, io non ci guadagno nulla, pago come voi.
Come sa bene Aronne Piperno il Marchese del Grillo non chiede mai sconti.
Paga o non paga.....e io pago.
Oggi coppa Italia in casa col Cesena, guadagniamoci il derby.

45 commenti:

  1. L’Inter perde dopo due mesi, il Napoli torna capolista solitario dopo più di 25 anni. Il big-match del San Paolo, che ha nuovamente ridisegnato la vetta della Serie A, ha però detto altre cose.
    1. Fattore Higuain
    Il Pipita ha segnato due gol e Handanovic gliene ha negato un terzo. È il più forte giocatore del campionato, di gran lunga. In casa non sbaglia un colpo da maggio, ê capocannoniere con 12 gol a un terzo di stagione. Se tiene fino a maggio, il Napoli è a metà dell’opera-scudetto. Specie se anche Reina, ieri decisivo in extremis su Miranda, continua così.
    2. Rabbia Mancini
    Dice il tecnico nerazzurro: “Fossimo rimasti in undici non avremmo perso di sicuro. E forse avremmo persino vinto”. Manca la controprova, ma la verità è che dopo il doppio giallo a Nagatomo, forse esagerato ma certamente causato dalla sventatezza del nipponico, l’Inter ha giocato meglio. L’ha fatto a partire dal 2-1 di Ljajic, quando il Napoli s’è fatto prendere dall’ansia e ha rischiato di compromettere una partita per un’ora abbondante controllata in scioltezza. È ancora una volta l’ex capolista ha dato il meglio senza Icardi, uscito dopo l’intervallo.
    3. Livello diverso
    Il Napoli ha confermato automatismi da squadra vera, con un portiere, un regista (Jorginho) è un centravanti di valore assoluto. Gioca a memoria, è squadra vera, anche se ieri ha concluso meno del solito per la brutta serata di Insigne e qualche sbaglio di troppo nell’ultimo passaggio. L’Inter, invece, ha dato il meglio quando ogni schema era saltato. Nel finale giocato 10 contro 11, con dentro tutti assieme Perisic, Brozovic, Ljajic, Jovetic e Biabiany. Prima, aveva patito in modo esagerato il pressing azzurro.
    4. Campionato avvincente
    Quattro squadre in quattro punti. Il campionato continua a essere bellissimo e ad alternare la capofila. Ora guida il Napoli, che ha vinto otto delle ultime nove partite ed è in serie utile da 18 match, inclusa l’Europa League. Prima di chiudere l’andata riceverà ancora la Roma, poi però nel ritorno avrà tutti gli scontri diretti in trasferta. Ê ancora tutto aperto, insomma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onore ai vinti...soprattutto perché hanno dimostrato di avere le palle...

      P.S.: terza espulsione per doppia ammonizione su 14 incontri...vamos...

      Freccia

      Elimina
    2. Espulsione severa ma il giapu è un pollo.
      El Pepita poi....

      Elimina
    3. E pure Pepe Reina alla fine e anche in generale..pare sciocchezza ma quanto vale avere un leader nello spogliatoio e Pepe è il leader,quello che mi preoccupa è il calo finale,in mezzo non può rifiatare nessuno..ma siamo primi e sono felice
      stefano

      Elimina
    4. Se volete un cambio con citofono Padelli basta dirlo...ve lo porto io....

      Elimina
  2. massimo gramellini

    Ma che senso ha camuffare il Natale da festa dell’inverno? Chi in coscienza si può considerare offeso o emarginato da «Tu scendi dalle stelle»? Perché la visita di un vescovo a una scuola multietnica di Sassari viene bocciata dal consiglio degli insegnanti con la solita, stucchevole e a questo punto irritante storiella del «rispetto di tutte le sensibilità»? Sulla vicenda aleggia un gigantesco equivoco che porta a confondere la religione con l’identità. Ho conosciuto un mangiapreti formidabile che cantava «Tu scendi dalle stelle» nel coro del quartiere e non passava anno senza che sulle sue guance laiche non si parcheggiasse una lacrima: pensava alla nonna che gliel’aveva insegnata da bambino. E ho ascoltato noti smoccolatori discettare con proprietà e passione di dipinti sacri. Il cristianesimo è una parte fondante della nostra storia. Spiritualmente mi sento molto attratto dalle religioni orientali, ma mi darebbe fastidio se la scalinata del Gange si spostasse sul lungotevere davanti a Castel Sant’Angelo (per quanto, come sporcizia, ormai siamo lì).
    Chi approda in Italia per migliorarsi la vita o per istinto di sopravvivenza può confessare la religione che gli garba, perché anche il liberalismo fa parte della nostra identità. Ma deve accettare senza troppi turbamenti il fatto di non essere precipitato sulla Luna, ma arrivato in una terra che ha alle spalle, e sulle spalle, millenni di memoria. Se le nostre usanze lo irritano, si faccia in modo di spiegargliele, trovando i punti di contatto con le sue. Ma se si rinuncia a farlo per compiacerlo, non si diventa più accoglienti. Soltanto più vili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Santa Fè- Questa idiota, (P)preside della Scuola a 300m da dove lavoro, non comprende il confine tra rispetto e integrazione, 122 alunni su 250 sono extracomunitari? e cosa vuol dire? diciamo invece che lei non è credente e ha pensato bene di prender la palla al balzo per farsi notare.
      Sassari è LA CITTA' DEI CANDELIERI patrimonio dell'Unesco, vietiamo anche la discesa che scioglie il voto alla Madonna per ringraziarla di aver salvato la città dalla peste cosi il mondo (islamico)sarà integrato completamente.
      Nel mio ufficio c'è un crocefisso, che vengano con qualche "circolare" per farlo togliere..
      Mi schiero con Salvini e La Russa (non l'avrei mai pensato!)
      e sono distante da quei laici comunisti e radicali che sono sempre lì pronti ad assaltare la chiesa, quella buona ovviamente.
      VERGOGNA.
      PS- ovviamente parlo dei pseudo-comunisti e non di coloro che sono onesti culturalmente come te.

      Elimina
    2. Ho lavorato in tanto mondo rispettando usi e religioni.
      È troppo chiedere lo stesso per casa mia?

      Elimina
    3. Piú filosofia nutrimento dello spirito...meno religione oppio dei popoli...

      a cominciare dalle scuole...

      Un abbraccio

      Freccia

      Elimina
    4. Le religioni sono un illusione indispensabile per l'anima umana

      Elimina
    5. Santa Fè- Filosofia nutrimento dello spirito..prego per te và :)

      Elimina
    6. Se lo....spirito e di annata....perche no?

      Elimina
    7. Santa Fè- Quello è sotto spirito!

      Elimina
    8. Avere un credo religioso per alcuni é sicuramente un grande aiuto...sono tuttavia convinto che si puó sopravvivere lo stesso serenamente senza averne uno...

      Detto questo siamo certi che sia onesto impartire lezioni di religione a bambini e ragazzi??? Soprattutto nei confronti delle loro giovani menti non ancora completamente sviluppate causando un effetto cosí forte e duraturo da esser poi difficile da estirpare???

      Freccia

      Elimina
    9. Aggiugo....
      Un conto sono il rispetto degli usi e delle tradizioni di un popolo,un altro è...la religione di stato figlia dei patti lateranensi fatti col Duce

      Elimina
  3. Un'investimento di poche migliei di euro mi pare adeguato.STE

    RispondiElimina
  4. A prescindere da questo occorre la RP e VIVERE A CUBA.

    RispondiElimina
  5. Se, com'é vero, il locale ha 20 posti, perfetto per 2 spaghi veloci e con 6,5/7 cuc ti fai una pasta elaborata, una birretta e un caffe' (anche meno)... gli incassi giornalieri sono o potrebbero essere ben maggiori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....se ci fossero sempre 20 persone sedute ai tavolini....
      La mia palestra tiene 500 persone ma visto che abbiamo aperto da 3 mesi siamo a 160...per ora.
      Il commercio funziona cosi'.

      Elimina
    2. No Milco, se ci fossero sempre 20 persone gli INCASSI, tra i due turni, sarebbero il doppio di quelli che hai calcolato

      Poi in un ristorante, e particolarmente in quelli votati ad una cucina semplice, come i "2 spaghi veloci" dell'amico Mario, é mooolto facile fare piú servizi in ogni turno
      Se ne potrebbe fare anche uno all'ora. Considerando anche che le specifità del locale non invogliano la gente a restare molto oltre il tempo necessario
      COCOLOCO

      Elimina
    3. Io ho parlato di 20 posti a sedere non di 20 posti sempre occupati.
      Magari fosse così....per Mario

      Elimina
  6. Una notizia che scuote l’ambiente dei “Vinotintos”: Josef Martinez, assieme altri 14 compagni di nazionale, rifiutano e di conseguenza rinunciano a partecipare ai prossimi impegni della selezione venezuelana. Il motivo è da ricercarsi a staff e personaggi ai vertici della Federazione, ritenuti inadatti a ricoprire i propri ruoli, da parte dei giocatori stessi. Una vera e propria forma di protesta, un boicottaggio a tempo indeterminato. O meglio, sino a quando determinate persone non saranno sollevate dal proprio incarico. Il rifiuto avviene con una lettera redatta dai giocatori stessi e, oltre ad esser stata inviata a chi di dovere, è stata condivisa sui vari profili social dei protagonisti in questione.
    “Accettiamo le critiche sportive relative alle nostre prestazioni con la Nazionale e ci assumiamo come squadra la responsibilità di questi risultati. Ma non accettiamo per nessun motivo le dichiarazioni del presidente della Federazione Calcistica Venezuelana, Laureano Gonzalez, rilasciate in un’intervista al Diario Lider il 25 novembre 2015 e nelle quali ha affermato che noi giocatori ‘Studiassimo un piano per portare all’esonero del tecnico della Nazionale’.
    Queste dichiarazioni sono totalmente false e violano il nostro onore e la nostra reputazione, attentano i nostri valori come persone e come professionisti ed ancora di più contro un gruppo di giocatori che da 8 anni competono al massimo livello basandosi sulla coesione di gruppo, sul senso d’appartenenza e sui valori umani. Allo stesso tempo, manifestiamo una grande delusione per la mancanza d’appoggio del corpo tecnico della nostra azionale davanti a queste accuse.
    Durante la nostra carriera abbiamo appreso codici etici sportivi, e situazioni e differenze sono state manifestate e risolte in spogliatoio e non pubblicamente come fatto dalla Federazione. A differenza del comportamento di alcuni dirigenti, abbiamo sempre conservato la voglia di lottare fino all’ultimo punto per ottenere il nostro obiettivo principale: qualificarci al Mondiale di Russia 2018, sapendo bene cosa questo possa significare per noi. Mentre la Federazione Venezuelana viene comandata dagli attuali dirigenti, il nostro sogno di partecipare ad un mondiale viene compromesso dalla mancanza di capacità che sinora è stata mostrata in generale. Noi giocatori non siamo d’accordo sul fatto che l’attuale direzione della FVF continui a comandare, visto che non è negoziabile il modo in cui siamo stati trattati e come sia stato maneggiato il progetto di andare al Mondiale. Come squadra, pensiamo sia necessario questo cambio dirigenziale perchè non si perda il lavoro realizzato da più di 8 anni. A questo punto delle eliminatorie sudamericane per il Mondiale di Russia 2018, un cambio è vitale.
    Ripetiamo nuovamente che non è negoziabile la nostra integrità, e che il danno fatto può essere solo riparato rinnovando la dirigenza della FVF. Non possiamo continuare in un ambiente danneggiato da questi dirigenti. Allo stesso tempo, vogliamo comunicare che i soldi percepiti in questo periodo e quelli che ci saranno riconosciuti verranno destinati ad una fondazione che stiamo creando insieme ai giocatori qui nominati, con l’obiettivo di aiutare i nostri giovani e sviluppare scuole sportive nel nostro paese”.

    RispondiElimina
  7. Ciao Milco,
    ritengo che il tuo amico Mario abbia fatto un buon investimento, giustamente dimensionato. Se qualcuno pensa che sia tanto spendere 8 cuc per una buona pasta, una birra e un caffè, bhe quel qualcuno per me è solo cacca e non conta.

    Se dovessi aprire anche io un locale lo farei esattamente così. Forse un po' più curato e con qualche antipasto. Ma per l'inizio va benissimo così.

    Chiaro che se parli della capitale un paladar del genere chiude dopo una settimana. Per la majoria dei cubani ed i pezzenti di cui sopra sarebbe caro, per gli "agiati" una bettolaccia. Ma la capitale non è tutta Cuba.

    Ti abbraccio.
    Simone

    PS. Tremendo trabajo en estos dias... credo anche grazie al blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Santa Fè-Giusto appunto..Simone ti ho inviato il passaporto per la proroga, dovrebbe arrivare entro domani.

      Elimina
    2. AAAAALLLLLTTTTTT!!!!!
      Si tratta del Simone di Torino non di quello di Cubacenter

      Elimina
    3. Santa Fè- Pardon.

      Elimina
    4. Il vostro scriba alle medie durante le ore di religione,si alzava e con tanto di esonero andava a fare compagnia al bidello....

      Elimina
  8. Piccolo investimento per discreti risultati.
    Non è poco.
    Cosa ci azzecca il blog col tuo trabajo?
    Spiega...

    RispondiElimina
  9. Sono stato contattato da un importante dirigente della tv cubana per una collaborazione. In questi giorni stiamo parlando di lavoro e di futuro. Tracciando il suo contatto tramite gli strumenti analitici di Google, ho scoperto che è arrivata a me tramite il tuo blog. E poi lo sappiamo che il tuo blog è letto anche laggiù...
    Va bhe, se tutto va bene, ti pagherò un piatto di spaghetti da Mario ;)

    RispondiElimina
  10. Sono almeno un paio di anni che più di una persona mi ha....avvisato che il blog ha anche un certo tipo di lettori sia di qua' che di là.
    Iniziando da Gioia Minuti e lo staff di Granma in italiano.
    Cubavision è un ottimo contatto.
    Tienici informati...
    Da Mario....? Col cazzo.
    Mi aspetto una cena al Cambio....

    RispondiElimina
  11. Non succede, ma se succede, sarai mio gradito ospite all'Habana in un posto da favola. Io, te e due belle mulatte. Altro che Cambio in mezzo alle madame

    Simone

    RispondiElimina
  12. Già mi piace....
    Mi raccomando il davanzale....

    RispondiElimina
  13. Il buon Liga cantava " ci vediamo da Mario, prima o poi"....Riuscirò una volta a beccarti a Tunas lo stesso periodo che sono io a Cuba?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Febbraio- Marzo con ogni probabilità...

      Elimina
  14. Ho avuto il piacere di conoscere Mario, persona perbene, piacevole e umile alla quale auguro il meglio. Credo che pagare 3-4cuc per una Pasta fatta a regola d'arte dall'altra del mondo sia una cifra più che onesta e non criticabile. Agli spala merda dico di provare a mettersi in gioco come imprenditori per capire realmente come gira mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amico mio cosa vuoi che si rimetta in gioco certa gente?
      Ricordo con piacere il nostro pranzo

      Elimina
  15. Bell'investimento..poca spesa molta resa..con casa comprata siamo già sopra a quella che io ritengo soglia minima x vivere in provincia,poi immagino che nei periodi di magra possa decidere di prolungare orari apertura e sfuttare il costume dei cubani(che contagia pure noi yuma in loco)di mangiare a tutte le ore(o serve permesso x stare aperto di più?)..ti chiedo qualche curiosità :cucinero è lui in persona?ingredienti tutti reperiti a tunas e provincia?pasta Agnesi?e ultima cosa a me piace molto ciò che ha fatto e gli orari (tu sai i miei )no mi spaventano ,di un paladar io ho sempre temuto il ruolo da vivandiere che o lo fai tu o sei rovinato..qui però mi pare sia discorso diverso non è da fare giro dei mercati vista tipologia del ristorante ..confermi?molto bene tuo amico
    ciao
    stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora.
      Gli orari resteranno gli stessi
      Cucina lui,cucina a vista
      Parmigiano funghi secchi e altro arriva dal bel paese
      Pasta Agnesi

      Elimina
  16. P.s.:io aggiungerei spaghetti alle vongole..sono un maestro..e pasta al pesto...ma se pesto lo trovi su vongole ho dubbi...anzi no..ci sono quelle in scatola...legge gli permette aumentare tavoli?bene molto bene..forse uno che ce l'ha fatta
    stefano

    RispondiElimina
  17. Un tavolo in più non ci sta'.
    Pesto si trova anche se i cubani...
    Vongole?
    Ostiones...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E lo so..ricordo mia moglie guardarlo con schifo infinito il pesto..ostiones per carità di Dio

      Elimina