lunedì 11 gennaio 2016

BANCHE



La prima cosa che mi ritrovo a fare al mattino del mio primo risveglio a Cuba e' andare in banca.
Solitamente vado in quella di fronte alla sede del Partido tunero per cambiare denaro e prendere la marca da 40 cuc necessaria per chiedere la visa familiar.
Essendo fuori dal pueblo e' meno frequentata o meglio ci vanno i cubani che hanno un mezzo per spostarsi, questo produce gia' una bella selezione.
Se invece, durante la vacanza devo cambiare una cifra non importante vado, in centro, al banco internazionale.
Rispetto alle altre banche hai un punto in meno di cambio ma entri in una banca come si deve.
Aria condizionata, poltrone per attendere quei 2 minuti prima che sia il tuo turno e personale gentilissimo.
Nulla a che vedere con le altre banche tunere.
Rispetto a 10/15 anni fa la situazione e' drasticamente cambiata, prima in banca su 10 persone 9 erano stranieri e una cubana, ora la percentuale e capovolta.
A noi, giustamente, non ci fanno piu' passare prima, quindi ci tocca aspettare in ambienti spesso caldissimi ( l'aire eta' rota...) avendo a che fare con personale non sempre preparatissimo.
Nella banca di fronte al partito e' arrivato un grande schermo e hanno iniziato a dare i numerini.
Quando arrivi c'e' un tizio che ti stampa il tuo, poi aspetti che sul video appaia per poter accedere al servizio.
Ovviamente fanno casino, spesso saltano i numeri quindi e' sempre una buona idea chiedere chi e' l'ultimo...
Da un paio d'anni ci sono alcuni bancomat in giro per la citta', credo sia l'ultima provincia ad aver messo a disposizione della clientela questo servizio.
Chiaramente cambio in cuc, per quanto riguarda i cup cambio dai banditi por la calle a 24.
Da un paio d'anni non uso piu' la carta di credito, la porto dietro ma preferisco muovermi col contante per tutta una serie di ragioni non sempre riferibili.
Di conseguenza sarebbe importantissimo per me aprirmi un conto in una banca cubana.
A questo giro ho chiesto in 2 istituti di credito se era vero che anche gli stranieri senza la RP avevano la possibilita' di aprire un conto.
In un banco mi hanno detto...che non sapevano, in un'altro di ripassare che si informavano.
Eppure non era una domanda cosi' complicata.
Avevo letto da qualche parte che c'era questa possibilita', volevo verificare se la cosa era attuabile o se si trattavano delle solite cazzate in libera uscita.
A La Habana ho chiesto al Gugumarino che, sorridente, mi ha mostrato il suo bancomat del Banco Metropolitano.
Lui non ha la RP e sono gia' 2 anni che ha aperto il conto.
Quindi la cosa e' fattibile ma soltanto in questa banca, almeno cosi' mi e' sembrato di capire.
Fra le altre cose i tassi d'interesse non sono per nulla da buttare via.
Per depositi in cuc di 60 mesi danno il 4,25% mentre per quelli in cup a 72 mesi ben il 7%.
Per periodi minori le percentuali, ovviamente, sono inferiori ma sempre interessanti.
La domanda che mi viene in mente e' una sola; chi garantisce il correntista?
In Italia, bene o male, se una banca va dal culo lo stato ancora si fa carico di salvare i correntisti ( non certo i titoli come abbiamo potuto vedere ultimamente), non e' detto che la cosa duri ancora a lungo ma per il momento e' cosi'.
Ma se a Cuba il banco dove ho il grano va dal culo chi mi garantisce?
Certo il banco e' dello stato ma questo dovrebbe farmi dormire sonni tranquilli?
Al prossimo viaggio comunque correro' il rischio aprendo un conto, iniziando a metterci qualcosa, vediamo come si muoveranno le cose.
Anche perche' non sarebbe male.....avere qualche bel soldino al sicuro e disponibile per ogni evenienza in una banca cubana.
Si possono fare anche i bonifici da qua', ma non so se sia il caso....

39 commenti:

  1. Questa notte la signora Maria Teresa Tomaselli andrà a ballare al Banana di Los Cristianos. Sotto le luci colorate della pista, brillerà l’unico gioiello che le è rimasto. «Me l’ha regalato il mio ex marito. E’ il nostro anello di fidanzamento. Quando stavo per vendere anche questo, pur di riuscire a pagare le bollette, ho capito che era il momento di scappare dall’Italia». Quando la signora Tomaselli balla, la cagnetta Jasmine aspetta dietro alla porta di casa. E con 800 euro di pensione maturata in 29 anni di lavoro a Massa Carrara, più 200 euro ricavati con piccoli lavoretti da sarta e rammendatrice, la vita può ancora avere un senso. «Non sopportavo più la spada di Damocle delle tasse, dei conguagli, delle ingiunzioni. Mi si chiedeva più di quanto umanamente fossi in grado di dare. Ho dovuto portare al Compro Oro tutti i regali di infanzia, i braccialetti di mamma e papà. L’Italia è la mia patria, mi vengono i brividi solo a pensarci. Ma non ce la facevo più. Qui posso vivere. Adoro il piccolo terrazzo del mio nuovo appartamentino. Adoro poter passeggiare fino all’una di notte tranquilla. Amo ballare al Banana e quando parte la musica non vedo più niente e nessuno».
    Vive sola a Los Cristianos, sull’isola di Tenerife, alle Canarie, l’ultima lembo d’Europa occidentale fra l’Africa e il Sud America. «Non è vero. Vivo con Jasmine, quindi non sono sola. E poi, ho molti nuovi amici. Prendi Nives, per me è una sorella, è stata lei ad insegnarmi lo spagnolo». La signora Tomaselli è una dei 19 mila italiani esuli al caldo in mezzo all’Atlantico, a cercare tasse più basse e una specie di dolcezza perduta. Attenzione: 19 mila sono quelli ufficialmente registrati all’Aire, l’associazione per i residenti all’estero. Ma in realtà gli italiani sarebbero quasi 60 mila, con un incremento esponenziale negli ultimi tre anni.
    Per capire quello che sta succedendo, basta andare a chiedere a Rosa Cavaliere dell’agenzia «Canarie per te, la casa degli italiani». Presidia un ufficio nuova di zecca nel centro storico di Puerto de la Cruz. «Ogni giorno ricevo in media dieci nuovi contatti. Sono persone che vogliono scappare. Ma se fino a qualche tempo fa, erano quasi tutti pensionati. Ora mi cercano giovani coppie. Madri anziane che vorrebbero piazzare i figli laureati e disoccupati. Come se qui fosse facile trovare lavoro…».
    Se in Bulgaria e in Tunisia la tassazione per i pensionati è pari a zero, se anche il Portogallo ha appena introdotto una legge che permette di incassare l’intero assegno lordo per i primi dieci anni di residenza, questa delle Canarie è un’altra storia. È qualcosa che assomiglia a una rivincita, se non proprio a una vendetta. Tutti cercano una seconda vita. La tassazione parte dal 15%. I titolari di pensioni minime non devono fare la dichiarazione dei redditi. Non c’è l’Iva sui beni di consumo, essendo considerata una «zona ultra periferica». La benzina costa 80 centesimi al litro, una cena al ristorante 12 euro. E si capisce bene che nel 2016 possa essere una rivoluzione anche ricominciare a mangiare pesce fresco.
    Il Nord è verde. Meno devastato dal cemento. Il Sud è pieno di palme piantate contro la desertificazione. Giganteschi transatlantici scaricano croceristi pallidi in ciabatte. Su tutta l’isola non esistono termosifoni. A gennaio la temperatura non scende sotto i 14 gradi.

    RispondiElimina
  2. Tutte le novità più rilevanti vengono raccontate agli italiani dal mensile «Leggo Tenerife», 7 mila copie cartacee e 35 mila digitali. L’ha fondato nel 2013 Bianca Leonardi con il marito Franco, due imprenditori scappati dal Lago di Garda. «Abbiamo deciso di partire alla terza rapina, quando abbiamo constatato che neppure le inferriate e le telecamere servivano a scoraggiare i ladri». Il giornale va bene. Ma ultimamente neanche a Tenerife si può vivere completamente in pace: «Stanno arrivando anche italiani poco seri. Ladri di polli. Che truffano sulle case in affitto. Che si vendono gli arredamenti degli altri. Sono triste quando gli amici spagnoli me lo fanno notare».
    È la moltiplicazione degli esuli. Pensionati. Disperati. Imprenditori. Vincenzo Spizzichino, fiscalista internazionale, è partito da Roma per venire a fare consulenza qui. «Nel giro di due anni, ho aperto tre uffici. I clienti sono in aumento. Non più i soliti ristoranti. Ma produzione di cachemire, import-export di vino, distribuzione di prodotti alimentari, web marketing. Molti imprenditori, strangolati dalle tasse italiane, si stanno trasferendo alle Canarie».
    Una volta, erano solo persone come Giacomo Augugliaro, con quello sguardo dolce e ironico alla Mastroianni. «Ho fatto tutta la vita l’insegnante di matematica. Mia moglie ha nostalgia di Ladispoli, io nessuna. Con 1300 euro di pensione, la mia, stiamo bene in due. Per 500 euro affittiamo una casa stupenda in un condominio con tre piscine. Vado personalmente a fare la spesa e ho notato che, con la giusta razionalità, qui risparmi fino al 40 per cento rispetto all’Italia». Ah, l’Italia. E’ ovunque. Le pizzerie con il forno a legna. Le canzoni alla radio. E quella volta che la moka esplose piena di caffè nel cucinino della signora Tomaselli. «Ho tenuto queste macchie sulla parete come fossero un’opera d’arte», racconta.
    Al Sud ci sono intere zona abitate da pensionati italiani. Solo a Los Cristianos, 5 mila. E poi, certo, c’è un signore di Belgrado in carrozzella che fissa il mare azzurro e nero: «Viaggiando ho scoperto una cosa. Tutto il mondo è lo stesso schifo». C’è un’infermiera di Glasgow che sta prendendo informazioni per trasferirsi definitivamente. Le gelaterie, una dietro l’altra, con slavine ai gusti Kinder e Oreo. Due coniugi di Liverpool impegnati con le parole crociate sulla spiaggia. «Long holiday», dicono sorseggiando succo d’ananas. Sono qui per un vacanza di sei mesi, per il momento. Poi si vedrà. Sbarca una comitiva di norvegesi. Passa una signora di Bruxelles, così abbronzata e magra. Tiene il barboncino Lilly in un passeggino per bambini, mentre cammina avanti e indietro per mantenersi in forma. L’affitto di una mobility car - piccole monoposto elettriche onnipresenti - costa 20 euro al giorno. Un massaggio ai piedi, 15 euro. C’è la chirurgia estetica laser. C’è l’osteopata all’angolo con l’ufficio postale. Cure dentarie. Check-up cardiaci. Ci sono guardie di sorveglianza privata e discoteche dedicate, come il Banana.
    Quando partono i lenti, certe volte scende una lacrima. La signora Tomaselli è la stella di Los Cristianos. Nessuno balla con il suo trasporto. E alla fine, fra chi si commuove di nostalgia e chi spera di innamorarsi ancora una volta, oltre alla fuga degli italiani, ti colpisce la latitanza dell’Italia. Come abbiamo potuto perdere la partita imprenditoriale del secolo? Quella per l’industria che accudisce la terza e la quarta età.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai toccato un tema attualissimo. credo che non ci sia un solo taliano che non ci abbia pensato almeno una volta. Molti, sempre piu' numerosi, scappano, proprio SCAPPANO da questa Italia marcia fino al midollo. Si badi bene che non mi fa' piacere dire cio', tutti preferiremmo vivere nel bel paese una vita serena e felice. Mafia, politici corrotti dal primo all'ultimo, ingiustizie sociali, crimini impuniti, uno stato borbónico governato sempre peggio che sta' precipitando sempre piu' in basso come qualita' della vita. La gente non puo' piu' fare figli perche' non vede piu' un futuro sereno. La gente onesta e i meno abbienti vengono quotidianamente tartassati e pagano per tutti. Odiosissime caste di politici, funzionari pubblici, dipendenti statali coinvolti nel malaffare, personaggi pubblici dello spettacolo, della televisione, non si salva nessuno dei cosidetti VIP, arroganti, prepotenti ladri e bugiardi. Che cosa resta da fare a un onesto PD (non partito democrático, ma Povero Diavolo) se non, quando puo', fuggire da questa Italia per cercare altrove una vita migliore? - YUMA

      Elimina
    2. Per una volta sono daccordo con te

      Elimina
    3. Grazie per questa volta ma attento a non sbilanciarti molto. Siamo sulla stessa barca e se ci si sbilancia troppo rischiamo di cadere entrambi in acqua. E purtroppo credo che ne tu ne io sappiamo nuotare molto bene in questo genere di acque. Con affetto, YUMA

      Elimina
    4. Non so in quale acque tu sia ma ti assicuro che nelle mie nuoto piuttosto bene

      Elimina
    5. Mi riferivo alla situazione di cui sopra, la povera Italia di dolore ostello... ostaggio di politici e delinquenti, che appunto, fa acqua da tutte le parti. - YUMA

      Elimina
    6. Mah..occorre costruirsi la propria nicchia e diversificare le fonti di reddito
      Resta il paese dove reperire risorse per progetti....lontani

      Elimina
    7. riguardo Tenerife e Portogallo,il tutto risulta maledettamente interessante...fin troppo interessante il che è sintomo di quanto stia diventando invivibile sto paese.....i politici sfruttano la rassegnazione della maggior parte dei pensionati italiani che preferiscono sempre più tirare la cinghia piuttosto che abbandonare i luoghi della loro vita...ciao Milco
      Stefano

      Elimina
    8. Il Portogallo...
      Pensa che ha persino medici cubani in missione...

      Elimina
  3. EL LOCO I problemi nascono quando bisogna portarli fuori

    RispondiElimina
  4. Mah....dipende...io non parlo di portare via chissa' quanto....

    RispondiElimina
  5. Ciao Milco, bentornato in questa valle di lacrime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi lutto, non commento sulla Isla.
      Per il duca bianco.

      Elimina
  6. Banco metropolitano, apre conti anche a stranieri senza nessun problema. Consiglio aprire il conto in moneta nazionale. Il Cuc non si ancora per quanto tempo ci sarà. Beppe.

    RispondiElimina
  7. Ho letto
    Per fortuna le opere dei grandi sopravvivono a loro

    RispondiElimina
  8. Ciao Milco,
    mi aggancio al discorso delle banche per dare un info che può essere sia di aiuto ad alcuni.
    Ho dovuto rifare la postepay della suegra perchè era scaduta. In posta mi hanno consigliato un nuovo prodotto. Si tratta di Postepay Evolution, prepagata ricaricabile con Iban. Permette di fare e ricevere bonifici oltre alle solite funzioni di una postepay tradizionale. Costa 10 euro all'anno.
    Il vantaggio è che la puoi ricaricare anche da conto corrente con un bonifico comodamente seduto a casa, senza andare in posta o tabaccheria.
    Ho deciso di farla ed ho sbagliato. Infatti con tale carta a Cuba non si può prelevare dai bancomat ma bisogna entrare nel banco, farsi tutta la coda e poi prelevare dallo sportello con la signorina che il più delle volte non ci capisce una pinga.


    Simone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se posso dare il mio contributo: si tratta di due circuiti diversi. La postepay classica appartiene al circuito Visa che a Cuba è accettato anche dagli sportelli automatici mentre la postepay evolution appartiene al circuito Mastercard che essendo più blindato e quindi più sicuro, implica il fatto che non sia possibile effettuare un prelievo agli sportelli automatici. Questo vale quindi per qualsiasi tipo di carta anche al di fuori di postepay.
      Saluti a tutti.
      Daniela

      Elimina
  9. Ma in Italia siamo garantiti ?????
    Banca Etruria docet e... fresca di stamattina :
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/01/10/coop-la-trappola-del-prestito-sociale-che-la-banca-ditalia-finge-di-non-vedere/2355817/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti ho specificato "per il momento"

      Elimina
  10. Un saluto affettuoso anche al povero Silvano Islagerona da Gallarate che cacciato da ogni forum e gruppo su Cuba tenta,da anni,disperatamente di mettere il naso qua'.
    Ovviamente senza successo ahahah

    RispondiElimina
  11. Ciao milco ben tornato ti garantisco che i bonifici si possono fare,non tutte le banche lo fanno ad es ING non lo fa per via del bloqueo ma deutsche Bank lo fa io ho mandato i danari con DB di mio fratello.ciao dado

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so Dado
      Ho ripescato il commento fra gli spam magari butta un occhio al pc

      Elimina
  12. Ciao, l'argomento banche mi "tocca" dato che lavoro dentro a questo mondo. Sull'apertura di un conto anche senza avere la residenza permanente, confermo che si può fare con il banco Metropolitano. Un caro amico l'ha aperto (solamente a lui intestato) un pò meno di 2 anni fa e ci ha fatto transitare tutti i bonifici per mettere a posto la casetta a Playa de l'Est (parliamo di circa 55000,00 €). Non ha avuto nessun problema. Lo mantiene tutt'ora per bonificare alla suocera eventuali aggiuntivi. Per quanto riguarda le spese di bonifico, parlo solo del caso FinecoBank, sono 9 € (da fare per telefono il bonifico) più il denaro che si utilizza per assicurare che i pitiklines arrivino (denaro che prende la parte cubana (circa 25-30 €)). Sull'altro fatto, cioé la garanzia statale sui conti correnti fino a 100000,00 €, bail-in o no, vorrei portare l'attenzione sul fatto che in Italia, ci sono depositi (somme sulle quali sarebbe estesa la garanzia) per circa 650/700 miliardi di € tra liquido in conto corrente, assegni circolari e Conti di Deposito. Se uno va in internet e si scarica l'ultima relazione del fondo di garanzia, dove sta scritto che il fondo ha circa 2-3 miliardi di garanzia (per altro quest'anno completamente usati per salvare le 4 banchette del PD), capisce bene che non esiste nessuna GARANZIA per i depositi in banca! E' chiaramente una cosa su cui ci si arrabatta inutilmente! Ma questo avviene in tutto il monndo da quando di é dato il potere alle banche di "stampare" denaro sennza più l'obbligo di convertibilità in oro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gian una tua opinione su bank of binary?

      Elimina
  13. Se intendi la piattaforma di trading su opzioni, non entro nel merito del rischio dell'operazione! Le opzioni sono delle scommesse. Ognuno é libero di farsi male con lo strumento che preferisce! Se invece parliamo di controparte, cioé tu e il broker, io ne sceglierei uno di rinomata fama internazionale mondiale, controllato da qualche autorità seria, tipo Sec o Fsa inglese, non a Cipro, Gibilterra o Malta. Poi tu mi potrai rispondere che anche gli americani fanno truffe a go go; vero. Allora trovati un broker italiano e sei a posto. Se non sono stato chiaro ti chiamo

    RispondiElimina
  14. Tutto chiaro era una mia curiosità da profano

    RispondiElimina
  15. aston, dei 24500 comedores obreros esistenti nel 2009 nell'isola grande quanti sono stati cancellati? i giornali cubani non se ne occupano piu'e, poichè il salario medio nel 2015 è arrivato a quota 700 cup, sospetto che in questi 700 pesos ci sia anche l'indennità di sostituzione dei comedores, ossia 15 cup al giorno, anche se questa indennità non è considerata salario.

    RispondiElimina
  16. Esatto
    Il boss è jefe di un impresa di costruzioni.
    Su 45 cuc di salario 13 sono la compensazione per la comida

    RispondiElimina
  17. ciao Milco,poco meno di tre anni fa non mi fecero storie a aprire conto al banco popular de ahorro in Holguin in cuc da non residente,poi beh gli eventi non ne permisero ne' richiesero utilizzazione fattiva...ora non so..certo che gli interessi sono importanti ,concordo sull'aprirlo in cup...io credo che a medio termine Cuba proporrà sul mercato anche titoli di stato...dici mia convinzione una sciocchezza?,ti confesso che per pigrizia utilizzo cadeca,quelle degli hotel non hanno mai coda...certo li cambio ancora più basso..buen dia lavoratore!!ah ah
    Stefano

    RispondiElimina
  18. Mah....i tassi possono interessare sul lungo....nel breve meno

    RispondiElimina
  19. Ciao Milco, ben tornato in patria!! Articolo molto interessante, non sapevo che si potesse aprire un conto corrente bancario senza avere la RP. Alessio

    RispondiElimina
  20. Ciao io lo avevo letto ma solo ora ho avuto la conferma da chi lo ha aperto.

    RispondiElimina
  21. Le banche cubane stanno gradualmente avendo piú solidità infatti Sace assicura ora i crediti alle imprese italiane se queste vendono a cuba ed il pagamento é lettera di credito emessa da Banca Cubana. Non dico di stare tranquilli, ma non vedo questo rischio particolare per somme medio basse... Anche perché lo sviluppo futuro cubano passa anche dal dare maggiore credibilità e il discorso banche é fondamentale. Non mi azzarderei a fare cose con grosse cifre, 1 perché qui da noi si può facilmente essere messi sotto tiro dalla finanza, 2 perché anche a Cuba se uno si bonifica 100.000 euro in un colpo, ti chiedono magari cosa ci fai con tutti quei soldi en la isola. mat.

    RispondiElimina
  22. Infatti Mat parlavo di cifre al di sotto dei 10 mila euro.

    RispondiElimina