giovedì 21 gennaio 2016

TASSE



Anche a Cuba e' il momento di pagare le tasse.
Le tasse a Cuba hanno il compito, secondo il governo, di permettere il mantenimento dei servizi basici per la popolazione.
Quest'anno l'ingresso di presupuesto dalle tasse si incrementa del 7%.
Il 62% dell'ingresso va a sostenere la salute pubblica (29%), l'educazione (23%), le forze dell'ordine e l'esercito, l'amministrazione dello stato (19% con la difesa), la previdenza sociale (16%) , la cultura e lo sport (5%).
Ovviamente molti di questi ingressi arrivano dai lavoratori per cuento proprio, in questa categoria rientrano, ovviamente, anche le case de renta, quindi Grande Torino.
Il percorso tributario a Cuba ha avuto un'andamento altalenante negli anni.
Non avendo l'amministrazione statale manager di provata esperienza internazionale su cui contare, hanno spesso dovuto improvvisare, a volte senza sapere bene cosa stavano combinando.
Tasse sproporzionate al mercato interno hanno fatto si che migliaia di possibili contribuenti restituissero la licenza, impossibilitati a far fronte al balzello economico.
Si e' andati a braccio, per tentativi, imboccando una strada per poi tornare indietro cercandone un'altra, per poi tornare in quella precedente e via discorrendo.
Indicativamente il discorso della dichiarazione del reddito si ramifica sostanzialmente in due direzioni.
Imposta fissa e dichiarazione giurata.
Nel primo caso rientrano, ad esempio, le case de renta.
Noi paghiamo 35 cuc per ogni cuarto, mentre se uno rentasse un'intera casa i cuc sarebbero 30 per cuarto.
Questo e' un fisso da pagare, a prescindere dal fatto che il cuarto stia o meno lavorando.
A questo si aggiunge un 10% di quanto mensilmente e' riportato sul libro che ogni duena deve tenere.
Ovviamente se un cliente paga 20.....e' ben difficile che sul libro venga riportata quella cifra.
Diciamo pero' che fra fisso e percentuale, seguridad sociale e imposta sull'insegna mensilmente si paga intorno al 15% di cio' che entra.
In piu' c'e' una sorta di conguaglio di fine anno, che ancora non abbiamo quantificato.
Se la vedra' il boss con la nostra tenedor de libri (commercialista), abbiamo messo da parte un fondo per questa situazione.
Comunque c'e' poco da improvvisare tutto e' scritto nel libro.
Lo stesso discorso per i bicitaxi, pagano un fisso mensile, cosi' come lo pagano altre categorie che hanno una specifica licenza.
Diverso il discorso della dichiarazione giurata.
Un ristorante, ad esempio, dichiara un tot di ingresso annuo.
Ovviamente sono palle, ma palle cosi' grosse che lo stato non puo' abboccare.
Di conseguenza non si fida, controlla mandando ispettori.
Questi valutano la grandezza del locale, quanta gente ci puo' mangiare, quanta effettivamente lo frequenta nelle ore di punta e ultima cosa da chi e' gestito.
Se c'e' un culo bianco o un cubano che ha portato il grano da fuori la mano rischia di appesantirsi.
A quel punto, come fosse una sorta di studio di settore, e' lo stato che stabilisce quanto quel ristorante debba pagare.
Vi dico solo che nella capitale, in centro, ci sono locali che stanno pagando di tasse 700/800 cuc AL MESE.
Molta gente apre attivita' o pensa di farlo senza valutare questi parametri, a volte l'epilogo di una storia e' gia' scritto nel prologo.
Mi sono rotto i coglioni della Postapay, ieri ho richiesto a Deutsche Bank la ricaricabile DB contocarta.
Una ricaricabile a zero costi a parte 3 euro se ricarichi con Sisal, che ha un iban, quindi puoi appoggiarci bonifici, puoi prelevare da Cuba a costo zero, fino a 500 euro al giorno per un massimo di 5000 mensili.
Sono passato ieri e oggi, via sms, mi e' gia' arrivato il pin, la carta mi arrivera' nei prossimi giorni via posta.

36 commenti:

  1. massimo gramellini

    Il macho in tuta Sarri che dà del finocchio al collega Mancini - per eccesso di shampoo e ostentazione di cachemire in luogo pubblico, immagino - viene difeso dai bastian contrari e da chi pensa che i panni sporchi si lavino in famiglia, e se non si lavano è meglio perché la puzza fa l’uomo vero. Anche Mancini la pensava così un tempo, poi è andato ad allenare in Inghilterra e ha visto che un altro mondo è possibile. Invece molti di noi (a giorni alterni anch’io) sono convinti che lo stadio sia uno sfogatoio dove è legittimo ciò che altrove è vietato, un ruttodromo in cui il maschio italico libera gli istinti più turpi per poi tornare rigenerato alla vita civile. Se sta sugli spalti deve potere tirare fumogeni, ricattare presidenti, insultare arbitri, minacciare di morte i propri giocatori e augurarsi quella degli avversari. Se invece sta in campo deve potere provocare, simulare, attingere agli stereotipi sul mestiere della sorella dei rivali e sulla loro scarsa virilità. Per tutti vale una sola regola: l’omertà. Chi come Gasperini fa i nomi degli ultrà violenti, o chi rende pubblica una frase omofoba come Mancini, è chiamato quasi a scusarsi per avere rotto il patto.
    Questo è il calcio, da noi e per noi. Ma allora smettiamo di lamentarci per gli stadi vuoti e il clima di guerra incombente. Se vogliamo le famiglie e il pubblico del rugby, bisogna rassegnarsi a compiere uno scatto nella scala evolutiva. Non serve indossare il cachemire, signor Sarri. Basta smettere di considerare la buona educazione e l’autocontrollo una debolezza o, direbbe lei, roba da froci.

    RispondiElimina
  2. Dal Sassuolo al Sassuolo sono passati 39 giorni. Prima del rinvio per nebbia del 12 dicembre c’era un Toro in gran salute, reduce da 7 punti in tre partite. Dopo quattro sconfitte di fila (coppa compresa) e il 4-2 sul Frosinone, l’1-1 di ieri sera al Mapei Stadium sembra aver ridato ai tifosi granata una squadra di nuovo in palla, propositiva e sicura di sé. “Possiamo riprendere il discorso interrotto - dice Ventura -. Ho rivisto voglia di giocare e di divertirsi. Avessimo chiuso avanti 2-0 il primo tempo non ci sarebbe stato niente da dire. Invece, in coda abbiamo preso un pari un po’ così...”. Ma il Toro della prima metà di gara è davvero stato molto diverso da quello di troppe partite smorte dell’ultimo periodo. Alla seconda uscita di coppia, Immobile e Belotti hanno fatto meglio del debutto contro il Frosinone.
    Benassi e Zappacosta, schierati al posto di Baselli e dello squalificato Peres, hanno dato finalmente segni confortanti in tandem. E dalle loro incursioni sono arrivati i pericoli maggiori per i neroverdi. Il Toro ha avuto il torto di non concretizzare le occasioni create, ma la strada sembra di nuovo quella giusta. E nella ripresa non ha quasi mai rischiato di subire il sorpasso da una squadra che peraltro si giocava la possibilità di avvicinarsi ancora di più alla zona Europa League.
    Il peggio sembra passato, insomma. Dal Sassuolo al Sassuolo il Toro ha perso due posizioni in classifica, scendendo dal nono all’undicesimo posto, ma oggi ha un Immobile in più (”Bello sentirsi di nuovo importante”), ha ritrovato Maksimovic e il piacere di far gioco. Attento dietro, rapido nel ribaltare l’azione e pericoloso con il suo nuovo tandem che può solo migliorare. Domenica, all’ora di pranzo, altra verifica importante in casa della Fiorentina.

    RispondiElimina
  3. EL LOCO Se vogliono investitori non devono esagerare con le tasse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che per il momento...si possono aguantare.

      Elimina
  4. Alberto_Ciao Aston, scrivo poco ma sono un assiduo lettore del tuo blog, complimenti, ho visto il tuo accenno di oggi alla prepagata Deutsche Bank ma tu hai già verificato che in cuba il prelievo è gratis? Anche io ho la stanchezza da PostePAy...

    RispondiElimina
  5. Ciao Alberto
    Me l'ha consigliata Simone Piras titolare di Cubacenter che in questo momento e' a Cuba per lavoro e la sta' utilizzando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alberto_Allora andrò a vedere come funziona, grazie!

      Elimina
  6. A proposito di casas particulares stavo leggendo un articolo recente in cui si spiegava che da dicembre scorso l'Havana e altre famose destinazioni come Trinidad e Viñales sono letteralmente prese d'assalto da turisti e gli alloggi cominciano a scarseggiare con conseguente aumento dei prezzi e competizione tra le casas. Qualcuno a Cuba in questo momento o che è appena tornato può confermare questa impressione? Pablo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un mio amico (italiano) ha una casa particular a Trinidad dal 2012 e posso confermarti che i turisti sono in continuo aumento e mi ha confermato lui stesso di aver aumentato sia il costo delle camere (ne ha 3 per i turisti) sia il costo dei pasti (dovuto anche all'aumento del costo delle materie prime). Alessio

      Elimina
    2. Se mi invii la mail lo contatto per inserirlo nel nuovo portale per le case de renta che sarà on line a giorni

      Elimina
    3. Ciao Milco, lui ha già due siti (fatti da lui stesso) uno della sua casa particular e l'altro simile al sito che state per mettere on-line anche voi solo che è ancora allo stadio embrionale nel senso che non ha ancora messo on-line le case con cui ha già dei contatti....e con le quali già collabora. Come vedi non ho mai nominato ne il nome della casa ne tantomeno il sito perchè non mi sembra corretto utilizzare il TUO blog per fare pubblicità a lui anche se è un mio amico. Alessio

      Elimina
    4. Qualche cliente in più male non gli farà. Se vuoi contattami orienteavana@libero.it
      Ciao

      Elimina
  7. Te lo confermo io hotel sold out e problemi a trovare auto da rentare

    RispondiElimina
  8. Santa Fè- Non avrei mai immaginato che lasciassi la carta italiana per quella tedesca..ora è certo che il muro è davvero caduto!
    Il tuo post sulle tasse da 700-800 dollari è inquietante, un sacco di denaro e zero servizi (basura-agua- etc etc)davvero tanti se consideri anche gli stipendi del personale, chiuderanno un sacco di localini e ristoranti che hanno un budget limitato.
    Vabbè vuol dire che opteremo sui papassini e sui mirti(cortados)!

    RispondiElimina
  9. Infatti come mi raccontava l'amico italiano di Gugu molti locali aprono ma altrettanti chiudono.
    Per quanto riguarda la visa....sto' piano piano riducendo al minimo la mia presenza nelle banche nostrane.
    Poi,fedele alla linea, fingo trattasi di una banca della DDR...

    RispondiElimina
  10. http://cuba.realigro.it/vendita/immobili/

    Ciaoooooo

    Freccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi anche chao pescao....

      Elimina
    2. ciao Freccia,ok che Cuba è di moda..ok che i cubani chiedono quanto serve loro e non quanto vale una casa..ok anche che non essendoci un mercato regolato i prezzi sono selvaggi..ok tutto..ma francamente per quello che è Cuba oggi io vedo prezzi folli..se sono io che dico sciocchezze Vi prego dirmelo...oltretutto se non hai rp neanche puoi intestarti un bene..mah...
      Stefano

      Elimina
    3. Oggi una casa discreta in un buon barrio della capitale non costa meno che una equivalente in Italia

      Elimina
    4. concordo appieno Milco...non trovo però sia logico...cioè io vedo case a Miramar o Vedado che costano quanto una a Posilippo....chissà se a Cuba qualcuno in alto loco sta pensando di far pagare una tassa sulla proprietà a stranieri con rp che possiedono un bene immobile
      Stefano

      Elimina
    5. Stefano....parliamo di una delle location migliori al mondo...
      I prezzi saliranno ancora.
      La cuccagna era prima

      Elimina
  11. gran caos organizzativo dell ' "agenzia delle entrate cubana", oltretutto pensavo francamente che complessivamente fossero meno i balzelli da pagare a Cuba,se poi ci metti che non si ha in cambio alcun servizio non la vedo facile per un piccolo imprenditore che voglia trasferirsi in pianta stabile là e vivere del suo buisness..poi Cuba deve risolvere sto benedetto problema della proprietà privata,quello è l'incentivo vero che fa partire economia su isola..sai per caso se un pensionato italiano che prenda residenza in cuba facendosi accreditare li pensione sia soggetto a pagamento imposte cubane?
    ciao Milco
    stefano

    RispondiElimina
  12. Anzi prende di più di pensione.
    Per questo l'Inps vuole inchiappettare i pensionati che si trasferiscono all'estero

    RispondiElimina
  13. Comunque è proprio vero la faciloneria con la quale molti di noi(ed io mi ci metto in testa ..tu sai perché..)ci lanciamo in avventure senza analizzare pro e contro fino in fondo...ottimo post..se poi a qualcuno non piace perché lo riporta con i piedi per terra poco male..ben fatto Milco
    ciao
    stefano

    RispondiElimina
  14. Mah....avendo un'attività a Cuba a differenza dei mille parolai posso darvi dati concreti e reali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La chiusura di centinaia di attività che erano state aperte con tanto entusiasmo, qualche anno fa dai piccoli imprenditori cubani, fa parte delle selezione del mercato, duro e crudo come è nella realtà.....ma è il sinonimo di una discreta vivacità dell' imprenditoria locale.

      In effetti in questa situazione di passaggio da un'economia totalmente pubblica e nazionalizzata, ad una semi - capitalistica, era inevitabile questa crisi di rigetto iniziale.

      Le scorse vacanze di Natale ho notato a L' Avana, circa cinque negozi specializzati in corsi di insegnamento della lingua inglese, vari uffici di di CONSULENZA FISCALE ( compilazione MODELLO di dichiarazione giurata - DJ 07/08 ) e CONSULENZA AZIENDALE ( che insegnano a fare l' imprenditore ) oltre a negozi che vendono i programmi software per uffici.

      E tutto un mondo nuovo che si sta facendo strada, ma è significativo il fatto che molti che consideravano il lavoratore cubano come incapace di avere un' attività autonoma siano rimasti delusi dalla tanta voglia di fare, dal tanto entusiasmo e da tanti piccoli successi imprenditoriali personali.

      Nel 2015 ( riferiti ai redditi del 2014 )
      l' amministazione fiscale dello stato Cubano ( ONAT ) ha incassato 3.825.000.000,00 Pesos, e rispetto ai reddidi del 2014 ( riferiti al 2013 ) vi è stato un incremento di 1.000.000.000,00 Pesos.

      68.000 aziende dichiarano un reddito inferiore nettamente a quello stimato dall' Amministrazione.

      Lo scorso anno il 67% delle aziende private cubane ha pagato in anticipo le imposte ( entro il 28 febbaio, rispetto al terrmine ultimo del 30 aprile ) per godere dello sconto del CINQUE PER CENTO........

      LE AZIENDE PRIVATE A CUBA REGISTRATE SONO 496.000.

      In uno Stato in cui l' economia sommersa è ancora molto rilevante, il giro d' affari dei piccoli imprenditori, a seconda dell' abilità, e della professionalità e della specializzizione di ciascuno, comincia a dare i primi segnali importanti di presenza nell' ambito dell' economia nazionale.

      CELESTE HENRY

      Una cosa è certa

      Elimina
    2. Vedi che se non perdi tempo a tirare guano sull'isola riesci anche a scrivere cose sensate e ADDIRITTURA condivisibili?
      Sarà l'aria sana che si respira qua' sopra...

      Elimina
    3. Ognuno sogna la propria Cuba ideale, come la vorrebbe vedere tra qualche anno, e penso che anche tu non sia rimasto fermo al SOCIALISMO SOTENIBILE di RAUL CASTRO, ma pensi ad una soluzione con una visione più ampia ed evoluta.

      Io la sogno INDIPENDENTE, MODERNA MA NON OMOLOGATA, in cui le Tradizioni e le caratteristiche paesagistiche siano mantenute intatte in simbiosi con un maggiore libertà politica e culturale.

      Ricordati che le mie critiche sono rivolte principalmente al regime castro - marxista, ma non a CUBA come Nazione per quello che ha rappresentato nella storia e quello che puo diventare nei prossimi anni.

      Molti sono pessimisti e pensano che diventi una nuova "Florida Cay", ma non hanno fatto i conti con i Cubani, e con le grandi potenzialità e il valore molto sentito di AUTONOMIA e DIFFERENZIAZIONE sia a livello politico, che culturale che sono presenti in larga parte della SOCIETA' CIVILE, la quale ha dato un grande esempio nell' affrontare con coraggio e determinazione la prima apertura economico commerciale concessa dal governo comunista.

      Togliiti anche tu un po di prevenzione nei miei confronti e parti dal presupposto che sia che tu amiamo l' ISLA GRANDE.

      CELESTE HENRY

      Elimina
    4. La prevenzione è figlia del tanto fango che hai scagliato contro Cuba dove ti è stato consentito farlo.
      Qua' mi pare che l'atteggiamento sia diverso forse perché diverso é il contesto.
      Quindi per ora avanti così

      Elimina
    5. A "RIDANGHETE".....come dicono a Roma.

      Mi piace, il " per ora" .......avanti, ADELANTE, ma lo accetto perchè questa è tu casa......

      Certo al Barrio io sono ospite, ripettoso, e continuo a scrivere tuttora, MA MAI CONTRO CUBA, pittosto mettendo in evidenza gli abusi di potere e i privilegi del ceto politico, militare e burocratico dominante e l' imbarazzante situazione di stallo, politica economica e culturale del castro - marxismo con la sua evoluzione esportata nel chavismo altrettanto catastrofica, motivata da tanti fattori di macroeconomia ma gurdando " OLTRE " perchè è finito il suo ciclo che come tutti fenomeni politici e culturali hanno la loro ascesa, apice e ridimensionamento.

      Ricordati che ADELANTE si può tradurre sia come " Avanti" ma anche come " OLTRE".

      Oltre gli steccati ideologici e culturali ed esistenziali CUBA sarà veramente Cuba, quando gli esuli potranno abbracciarsi con quelli rimasti nell' Isla Grande.

      Un grande Avvocato americano, tuttora vivente, ( protagonista del film " IL PONTE DELLE SPIE " ancora in programmazione ) un giorno fu incaricato da Kennedy per trattare la liberarazione dei cittadini arrestati dopo " L' INCIDENTE " ( non ridere.....gli americani li hanno illusi e poi abbandonati all' ultimo momento ) della Baia dei porci.

      L' incarico di questo avvocato, consisteva nella liberazione un centinaio di " controrivoluzionari " , ma riuscì a convincere Fidel a liberarne migliaia......

      CELESTE HENRY

      Elimina
    6. Ve bene tutto ma sulla destra in basso trovi una falce e martello.
      Domani si inaugura la sede torinese di CSP.
      Il nome? STALINGRADO e io aggiungo NON UN PASSO INDIETRO.
      Quindi ricorda sempre dove ti trovi prima di pigiare INVIO

      Elimina
    7. Certo, ma un po di sano confronto è salutare, tenendo conto che si sta giocando nel tuo salotto di casa, con i tuoi ricordi e i tuoi ideali e una pallonata troppo forte puo rompere qualche quadro d' autore a te caro.

      A proposito, salutami il Dott. Marco Rizzo, che apprezzo moltissimo perchè ha saputo sacrificare una facile carriera politica nella sinistra di oggi, pur di mantenere fede ai vostri ideali.

      Mi è piaciuto il suo commento su " AFFARI ITALIANI " di lunedi' sul crollo della borsa.

      dove dice che " si sta assistendo alla proletirazzione del CETO MEDIO. I piccoli impreditori e i commercianti e gli artigiani scompaiono. Ma stanno scomparendo anche le medie imprese. TUTTO E' IN MANO alla grande distribuzione, alla grande finanza e al grande commercio".

      Per avvalorare la sua tesi, cita una tesi di Marx, della CADUTA TENDENZIALE DEL SAGGIO DI PROFITTO, determinato dall' abbattimento progessivo dei PREZZI , per favorire il grande monopolio capitalistico.

      CELESTE HENRY

      Elimina
    8. Beh....Marco che non so se sia dottore, ha il vitalizio di parlamentare europeo....il sacrificio ha pagato

      Elimina
  15. Ma non è che questo mega afflusso di stranieri dell'ultimo anno è dovuto anche a chi nella isla ci va per valutare situazioni reali di investimento? Naturalmente tutta gente che entra con la VISA turistica ma intanto fa ricerche di mercato,di prezzi,valuta situazioni e possibili commerci.
    Parlo di persone e società che hanno i soldi veri non chi vuole investire nella casetta particular o nel paladar da quindici posti a sedere. Pablo

    RispondiElimina
  16. Quel tipo di turista sara', restando larghissimo di percentuale, l'1%.
    Per ivestire anche solo in una casetta particular o in un paladar da 15 posti ci vogliono i mezzi e le palle.
    C'e' chi ha entrambi e chi continua a guardare il mondo che gli scorre davanti dalla sua cameretta.

    RispondiElimina