venerdì 12 febbraio 2016

BAGAGLIO



Durante l'ultimo viaggio a Cuba mi e' capitata una cosa curiosa, una situazione che un tempo mi avrebbe creato problemi ma che, oggi, avrei potuto affrontare in tutta tranquillita'.
Aeroporto di Holguin.
Arriviamo, tutto ok all'aduana, in 30 secondi sono passato dall'altra parte senza problemi.
Vado a ritirare i bagagli, operazione piuttosto semplice al Frank Pais, visto che, solitamente, arriva un'aereo per volta
Nella maggior parte dei casi scarica quasi sempre solo una parte dei passeggeri, visto che arriva o sta' andando all'Avana dove scenderanno o/e saliranno gli altri.
All'Avana arrivano spesso 3 aerei insieme, recuperare il bagaglio richiede un casino di tempo, non sai mai dove arriva la tua valigia.
A Holguin e' tutto piu' semplice, un paio di rulli di cui solo uno utilizzato.
Comunque inizio a monitorare i bagagli che passano cercando il mio, avvolto nel solito nylon azzurro o verde che faccio mettere da quegli aggeggi a Malpensa.
Passano i minuti e la prima infornata di passeggeri guadagna l'uscita con la sua bella maleta in vista.
Io resto in attesa.
Anche la seconda infornata recupera il suo bagaglio e si avvia verso la calda aire del Caribe.
Restiamo sette-otto pirla in attesa....
Alla fine restiamo in 2, io e un bergamasco incazzatissimo, un “pota” che faceva parte di un gruppo da tour di una settimana.
Senza la valigia era praticamente perduto.
Io ero tranquillo, oddio non e' che mi facesse piacere, ma oramai tutta la mia ropa e' in un armadio a Tunas, la valigia la riempio con cio' che serve per la renta, oppure cibo da sbafare nella casa dove vivo.
Oltre ovviamente ad alcuni pacchetti di caramelle, Nutella come se piovesse e regalitos assortiti.
Nulla che serva veramente, perfino spazzolino, dentifricio, lamette, schiuma da barba e tutto il resto mi aspetta gia' a casa.
Per chi si deve fare una settimana di tour, non avere neanche una mutanda di ricambio, puo' essere un vero problema.
Da alcuni anni, prima della mia sistemazione attuale, avevo imparato a mettere fra il bagaglio a mano almeno un cambio, proprio per una eventualita' simile.
Avevo fatto esperienza dell'unica volta, molti anni fa, quando all'aeroporto di Camaguey non mi era arrivata la valigia.
Sono situazioni che possono rovinare la vacanza, sopratutto se si tratta di un soggiorno breve.
Alla fine ci siamo rivolti ad una funzionaria, che ha fatto una telefonata.
Il bergamasco era sempre piu' incazzato, gli dicevo che a Cuba sono cose che possono succedere ma lui, giustamente, mi ricordava che aveva solo pochi giorni di vacanza dopo un'anno di duro lavoro.
Come dagli torto...
Dopo pochi minuti arriva una telefonata di ritorno, “combinazione” c'erano 2 valigie ancora nello stanzino prima dei rulli....
Le nostre.
Per questa ragione preferisco fare voli con meno scali possibili, piu' scali ci sono piu' esiste il rischio che la valigia prenda strade indesiderate.
Sono sempre molto attento a Malpensa, quando al check mettono la striscetta sul bagaglio con l'aeroporto di arrivo.
Visto che spesso c'e' lo scalo nella capitale, ho sempre paura che appiccichino quella sbagliata proprio sul mio bagaglio.
La fortuna e' cieca ma la sfiga ci vede benissimo.
Comunque e' andata di culo, o meglio e' andata normalmente, ho ritirato la mia valigia e mi sono diretto verso il carro, mentre vedevo il bergamasco correre come un'ossesso verso il bus che lo stava aspettando con tutto il suo gruppo.

37 commenti:

  1. Guidava l’auto. A 8 anni. Il bambino è stato fermato l’altra sera dalla polizia municipale in zona Barriera di Milano. I «civich» non credevano ai propri occhi, come anche il capannello di residenti in zona che si è formato in pochi istanti. Seduto al posto del passeggero c’era il padre. «Ho sbagliato» ha detto soltanto ai vigili urbani, che hanno sottoposto l’auto a tre «fermi amministrativi». In poche parole, quell’auto non potrà uscire dal garage per tre mesi. E il padre del pilota in erba dovrà pagare multe per oltre 5 mila euro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io gli darei premio....8anni e sa guidare?un grande!!!ah ah ah
      Stefano

      Elimina
    2. Se poi ti tampona il premio glielo ritiri?

      Elimina
  2. Grande attesa per lo storico incontro tra Papa Francesco e il patriarca russo Kirill. Il faccia a faccia, il primo della storia tra un capo della Chiesa di Roma e uno di quella ortodossa di Mosca, avverrà oggi all'aeroporto de L'Avana, a Cuba. Successivamente il Pontefice riprenderà il viaggio che lo porterà in Messico per la sua 12esima missione internazionale.
    Il Papa incontra a Cuba il patriarca di Mosca Kirill: storico faccia a faccia
    L'arrivo di Francesco all'aeroporto cubano è previsto per le 14 locali, le 20 in Italia. Alle 20.15, sempre nello scalo "Josè Martì", l'atteso incontro con il patriarca di Mosca e di tutte le Russie, che in questi giorni di trova in visita ufficiale nell'isola. Il colloquio a tu per tu nel salone d'onore dovrebbe durare circa due ore e sarà seguito, intorno alle 22.30 italiane, dalla firma di una dichiarazione comune e dai discorsi dei due capi religiosi.
    Alle 23.10 il congedo tra Kirill e Francesco, quindi alle 23.30 la partenza del volo papale con direzione Città del Messico.
    L'incontro formale con le autorità messicane è in programma per sabato, quando Bergoglio andrà anche al santuario mariano di Guadalupe, il più visitato al mondo, dove celebrerà la messa e renderà omaggio alla Vergine patrona delle Americhe.

    RispondiElimina
  3. a l'avana il ritiro valigie sembra un incontro di lotta libera clandestino,rimanendo in tema di spedizioni bagagli ecc...ho spedito 15 pacchi e in 10 giorni gia sono in consegna,incredibile come si sono velocizzati rispetto anche a qualche mese fa dovevi apettare anche 50 giorni per il ritiro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per spedire hai utilizzato un'agenzia?

      Elimina
    2. La stessa di sempre globestar

      Elimina
    3. Esiste ancora la menata dei 3 kg?

      Elimina
    4. No....adesso hanno diminuito ancora, pacchi al max da 1,5 kg...quindi per spedire 5 kg devi fare 4 pacchi....assurdo, anche se globestar è e resta la migliore secondo me.

      Elimina
    5. Desasiado trabajo per i miei gusti...

      Elimina
    6. Io sono "contrario" a spedire pacchi a Cuba, a meno che non sia estremamente urgente

      Elimina
    7. secondo me il fatto dei 1,5 kg ha giocato a mio favore perche'la gente spedisce di meno e i magazzini non sono piu'stracolmi per i tempi di consegna.

      Elimina
    8. Sicuramente è più semplice trovare i pacchetti

      Elimina
    9. Comunque il pacchetto da 1,5kg non viaggia solo ma 'assemblato 'ad una quantità di altri pacchetti che si chiama Consolidation(consolidata)a cui dogana di Cuba richiede sia allegata una ck list dove si dichiara natura merce e eventuale valore se nuova...globestar (su cui quoto Ivan è senza dubbio la migliore)non spedisce se non ha un tot numero di kg..quindi io penso sia il contrario e cioè i tuoi pacchi arrivano prima perché i magazzini sono pieni e non c'è bisogno di aspettare si raggiunga la soglia kg minimi...visto che blog è molto letto se qualcuno avesse necessità di spedire qualcosa di più voluminoso vi segnalo una agenzia di spedizioni della zona specializzata su Cuba...spedizioniere dott. Calo'
      stefano

      Elimina
  4. El Loco la vacanza inizia quando arriva il bagaglio

    RispondiElimina
  5. Anche io nel bagaglio a mano metto sempre un cambio con un pantaloncino e una t shirt non si sa mai per fortuna non mi è mai capitato ma ad un mio amico si la valigia è arrivata una settimana dopo,ognuno le ha imprestato qualcosa e se l'è fatta andare bene così, ricordo che ha comprato un paio di occhiali da sole alla tienda e giuro le sono durati 2 ore dopodiché le è rimasta in mano la stecca,che robaccia. Ciao dado.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è una cosa che chi sa viaggiare dovrebbe sempre fare

      Elimina
  6. Mi vedo bene con primo scalo in crucconia e secondo nella terra degli aceri...
    Mi girerebbero le palle più che altro per la roba della bimba...

    Simone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più facile che ti riceva Raul in guayabera all'aeroporto Simo che tedeschi e canadesi perdano maleta..io fossi in te sarei moderatamente tranquillo sotto quell'aspetto
      Stefano

      Elimina
  7. Risposte
    1. Vero, ma 450 euro A/R non sono male. In totale 15 ore con l'affidabilità di Lufthansa.

      Elimina
  8. A Cuba ho potuto ritirare la maleta dopo 5 giorni dall'arrivo ( colpa di IBERIA ) e dopo ricerche fatte da me...
    Mi era capitato anche a latitudini diverse : con JAL (che a Francoforte non aveva imbarcato una valigia ) e il giorno dopo avevo , direttamente in camera , la valigia e una lettera di scuse.
    All'atto della denuncia di smarrimento mi avevano dato un buono da 150 $ per l'acquisto di intimo & toilette .

    RispondiElimina
  9. che avrai speso tutto in intimo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto per tapabollos :-)

      Elimina
  10. Maleta persa nel viaggio del matrimonio sia andata(recuperato dopo 3 giorni)che ritorno(mai ritrovato e risarcito)con air france,incredibile con la compagnia top.ci vuole fortuna.paolino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Azz....i francesi ti hanno fatto il regalo di nozze....

      Elimina
  11. Questo delle valige è un tema bollente Milco, può capitare, anche se a me è sempre andata bene,sgrattttttttt!!!!! Però anche io nel trolley che porto dentro l'aereo metto solo vestiti, almeno se non arriva la valigia ho i vestiti che arrivano sicuro, mentre nella maleta da stiva metto sempre tutto il resto, nutella, bagnoschiuma, lamette, scarpe, ecc....a luglio scorso al mio amico airfrance non ha recapitato la maleta a santiago si è dovuto ricomprare tutto, spendendo 400 euro, poi lautamente risarcito con 600 euro appena rientrato in Italia....anche io sto molto attento quando attaccano l'etichetta sulla maleta, ma il problema sono gli operai che caricano le valige, che spesse volte le tirano, rompendole....se vedi la mia sembra che ha fatto la guerra, mi hanno rotto entrambe le maniglie, e non ho mai chiesto il risarcimento, per evitare tutta quella burocrazia e perdita di tempo negli uffici della compagnia, le ho riparate a mie spese, nonostante anche io incarto sempre il trolley grande che va in stiva per non farlo rovinare, ma vedo che serve a poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un tempo viaggiavo con valigie griffate poi visto come me le riducevano sono diventato cliente della Repubblica Popolare.

      Elimina
    2. Non ne vale la pena, perchè le distruggono, e addirittura le aprono per rubare, come accaduto a me all'aeroporto dell'Havana a settembre.

      Elimina
    3. Come aprono per rubare delle valigie?paolino.

      Elimina
    4. Il lucchetto lo rompono altrimenti forzano la serratura

      Elimina
    5. tra parentesi in Oriente le malete made in china si vendono a prezzi assurdi...sarebbero da quotare in borsa come oro o petrolio..
      ah ah ah
      stefano

      Elimina
    6. Pensa che io ne lascio la' una a viaggio....torno solo col bagaglio a mano.

      Elimina
  12. momento tantrico quello del ritiro bagagli a Cuba..da me affrontato con terrore nonostante da sempre divida magliette e biancheria più o meno ugualmente tra quello a mano e quello da stiva,sono quasi sempre stato in 41 viaggi tra gli ultimi a ritirare maleta ,a volte a Holguin ultimo....classico peso lasciato a cane da tartufi per cercarla et voilà,ho assistito a drammi da parte gente all inclusive con maleta persa..in effetti specie a Cuba dove non trovi da comprare ropa non è bello..vi racconto cosa curiosa capitatami a Holguin :ritiro maleta ed ad aspettarmi fuori c'era la allora mia novia bella come il sole,capelli biondi,occhi azzurri,bianca come la leche,vestito tutto bianco..sorriso a 40denti,braccia al collo,beso da via col vento o da qui all eternita' fate vobis..bene avvinghiati di corsa al taxi per hotel..arriviamo al Pernik..veloce disbrigo per la camera lasciamo suo carnet e mio passaporto a reception e di corsa in camera..qui iniziamo amabilmente a discutere di fisica quantistica ed all'apice del discorso un 'illuminazione 'dove pinga è mia valigia da stiva?' ......chiamo mio amico bandolero in lacrime...lui mi rassicura 'mi fiondo mio hermamo no te preoccupe'...
    arriva dopo due ore(ovviamente fino a porta hotel senza che nessuno si permetta di chiedere 'scusi dove va?')con maleta dicendo 'era ancora in spazio appena fuori aeroporto nessuno la ha toccata....sai le mille telecamere...ah ah signori questa anche e non solo es Cuba
    ti abbraccio Milco
    stefano

    RispondiElimina
  13. posso dire una cosa che mi fa tanto tenerezza?i fiocchi colorati che mettono la cubane sulle loro valige ,ricolme a seconda del motivo viaggio di delusione,speranza ,felicità,malinconia etc et ...non so perché ciò mi suscita lastima
    Stefano

    RispondiElimina