mercoledì 2 marzo 2016

NUOVO TURISMO



Questo non vuol essere uno spot pubblicitario.
M&S CASA PARTICULAR ha iniziato la sua attivita' e i primi risultati vanno ben al di la delle nostre piu' rosee aspettative, tanto che con Simone stiamo parlando sul come organizzarci meglio, visto che entrambi siamo in ben altre faccende affacendati.
Ma non e' questo il punto.
Avendo a che fare con richieste di prenotazioni, alcune anche un po' bizzarre, ci troviamo a dover operare con un paio di mondi ben distinti.
Da una parte il nuovo turista italiano di Cuba.
Nuovo perche' chi frequenta l'isola da anni, si presume che abbia i suoi riferimenti, solitamente frequenta sempre gli stessi posti e le stesse case, difficilmente avra' bisogno di noi, anche se mai dire mai....
Il nuovo turista italiano e' giovane, parliamo di parecchie generazioni successive rispetto alla gente, fra la vita e la morte, che vediamo bivaccare sulle panchine delle varie citta' cubane.
Giovane che non e' mai stato a Cuba o al massimo c'e' stato una volta.
Ha letto, si informa, naviga in rete, sceglie il volo piu' adeguato alle sue esigenze, magari non comodissimo.
Ritiene che l'isola, storicamente, si trovi in un punto di passaggio fra cio' che era e cio' che sara'.
Con ogni probabilita' e' piu' interessato a cio' che era, perche' teme che cio' che sara' potrebbe non piacergli.
Viaggia rigorosamente sull'Avana con una puntata a Varadero.
Tutte le prenotazioni che abbiamo soddisfatto, con relativo pagamento di commissione, sono state per la Capitale e per il piu' noto polo balneare dell'isola.
Scelta comprensibile.
Chi si approccia a Cuba per la prima volta e' difficile che voglia andare a Las Tunas o a Bayamo, a meno di non avere robuste conoscenze in loco, leggasi altri italiani amici che ci vivono.
Il nuovo turismo e' rivolto sopratutto nella capitale, al limite, in un secondo viaggio pensera' all'oriente del paese, al limite....
Nessuno, dicasi nessuno ha mai accennato alla gnocca, alla possibilita' di portarla in casa e cose simili.
Si tratta di gente che vuole conoscere Cuba, ripeto giovane e porbabilmente con una decorosa vita sessuale nel bel paese.
Poi magari qualcosa a Cuba capita, ma trattasi di effetto collaterale non di motivazione principale.
Le difficolta' nascono nel contatto con la controparte cubana.
Problemi essenzialmente di comunicazione e di tempi.
Anche in questo caso parliamo di una nuova Cuba, completamente differente dalla precedente.
Chi ha la connessione in casa, tenuto conto delle ore di differenza, ci risponde seduta stante, in questo caso tutto si svolge in modo rapido e coinciso.
In caso contrario i tempi si dilatano.
Noi mandiamo la mail di disponibilita', quasi sempre mentre a Cuba e' madrugada.
Molte case non hanno nauta ma mail di differente tipo, quindi devono andare in una zona wi fi per revisare el correo.
Cosi' si perde una giornata
Si prendono il loro tempo, parliamo sempre di cubani...un paio di giorni dopo, se siamo fortunati arriva la risposta.
In altri casi ce ne vogliono 3-4.
A quel punto se la casa e' disponibile alla cifra concordata si conclude, altrimenti si manda la comunicazione ad un'altra casa e ricomincia il carnevale.
Se poi il cliente vuole fare 3 giorni a La Habana, 3 a Varadero, 2 a Trinidad e poi di nuovo 3 nella capitale vi lascio immaginare il troiaio di mail che devono partire e arrivare.
Occorre assolutamente che la connessione sia disponibile in modo immediato e direttamente a casa, oppure che ci sia wi fi in molte zone in modo da velocizzare il tutto.
Da un lato una nuova tipologia di turisti dall'altro una nuova stirpe di piccoli imprenditori.
Fra l'altro sono davvero tante le case con un sito personale fatto anche in modo decoroso, anche questo e' sintomo di un nuovo approccio al mondo.

M&S Casa Particular ha aggiunto una nuova casa

48 commenti:

  1. Un giocatore cubano ha cambiato nazione senza scappare. Ha firmato un regolare contratto che lo lega a una squadra di calcio messicana e la terza divisione non è mai stata così affascinante.
    Per Maykel Reyes è una nuova frontiera, nessuno nato a Cuba ha avuto questa possibilità dal 1961 a oggi. Chi ha lasciato la lega amatori, ha salutato pure il Paese. Almeno 30 giocatori sono fuggiti e si sono trasferiti negli Stati Uniti, non certo per il successo planetario o per guadagni immensi solo per poter sfruttare il proprio talento. Hanno usato viaggi, trasferte, tornei all’estero per pianificare una vita alternativa, hanno fatto la valigia e non sono più tornati indietro. Maykel invece si è mosso libero e sereno e può rientrare quando vuole, soprattutto può giocare in nazionale, una squadra che fatica a scalare la classifica Fifa proprio perché le sue stelle non hanno mai avuto la possibilità di fare esperienze importanti in campionati competitivi.
    Reyes e il compagno Abel Martínez, che deve ancora debuttare, hanno raggiunto il Cruz Azul a gennaio dopo uno stage di prova e sono ovviamente rimasti bloccati nella burocrazia. Essere pionieri è sempre una fatica. Dubbi, scartoffie, passaggi mai attraversati che non possono certo trasformarsi in pratiche abituali al primo colpo. La macchina congelata da 55 anni non è ripartita subito e il fatto che Reyes sia una stella di Cuba non ha aiutato. Gli sportivi più importanti stanno su una lista protetta e per muoversi hanno bisogno di permessi extra. La storia si è incastrata nei timbri. I due hanno aspettato, Martinez attende ancora, ma Reyes ha messo insieme 35 minuti con la maglia di un club di professionisti. Un momento chiave per la distensione. E per gli stipendi futuri.
    Un giocatore pagato dallo stato a Cuba riceve circa 20 dollari al mese, in Messico il salario medio nelle categorie inferiori è di 325 dollari al mese. Cuba è già fuori dalle qualificazioni per i Mondiali del 2018, non ha un pass per la Coppa America ed è abituata a stare fuori dalle grandi competizioni. Sono rimasti ai margini a guardare gli altri giocare a pallone perché chiusi nel proprio campo non potevano far crescere il movimento. Rayes ha tirato i primi calci all’aperto e ha dato l’esempio: non sta ancora in una grande squadra, ma è già una grande mossa.

    RispondiElimina
  2. Il Torino non riesce ad avere continuità di risultati, dopo il successo contro il Palermo ed il comunque deludente pareggio contro il Carpi, è arrivata la sconfitta nel match contro il Milan. Inoltre dopo la sconfitta contro il Milan alcuni calciatori hanno trascorso la notte in una discoteca milanese. Secondo quanto riporta calciomercato.com intorno alle quattro del mattino, sono stati avvistati il capitano, Kamil Glik, i centrocampisti Joel Obi e Afriyie Acquah e l'attaccante Josef Martinez: i quattro granata uscivano dalla discoteca "The Club". I tifosi già delusi dalla squadra per il rendimento in campionato non hanno risparmiato le critiche sui social.

    RispondiElimina
  3. Vero nuova generazione di turisti..ma io dubito che ameranno Cuba come la ho amata io ,sia perché Cuba è già cambiata e loro certe atmosfere non le vivranno mai sia perché li vedo più predisposti ad un turismo tradizionale...sul piano imprenditoriale hai ragione ..necessita connessione ad internet in tempo reale..ma non credo ci siamo troppo lontani..buona notte
    stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Stefano,
      la penso come te. Il fatto è che parliamo di turisti che ogni anno cambiano un paio di mete. Probabilmente non cercano in un posto quello che noi abbiamo trovato. Anche io fino a qualche anno fa non son mai tornato due volte nello stesso posto. Ho visto tutta l'europa e il nord africa. Tanti bei posti ma nulla che mi sia rimasto nel cuore.

      Simone

      Elimina
    2. Aspettiamo prima di dare giudizi.
      Magari faranno il nostro stesso percorso...chi lo sa?

      Elimina
    3. Quoto in tutto Simone,mi fa piacere sei della mia stessa idea amico mio,io Simo ti dico la verità come te ho girato mezzo mondo..non tanto l'Africa ma praticamente tutto il sud e centro america e un po' di Asia e l'unico posto a parte Cuba dove appena salgo su scaletta aereo di ritorno vengo assalito dalla voglia di tornare è Barcellona,dove ho tanti ricordi belli e brutti...una volta una mia vecchia amica modella della Maison a Cuba(ora ex modella) mi disse una frase che mi resta scolpita nella memoria 'insieme abbiamo riso tanto,abbiamo pianto tanto,ma non abbiamo mai passato momenti banali'....io la translo ai luoghi questa frase ..mai a Cuba e Barcellona ho sprecato il mio tempo..vi abbraccio ragazzi
      stefano

      Elimina
  4. Ciao Milco,
    il target di M&S è quello che ci eravamo prefissati prima di partire con questo progetto. Non censire case da 15 CUC aiuta a tenere fuori dalla porta certa gente che creerebbe solo problemi.

    Simone

    PS. Italo è davvero una figata rispetto alle freccie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un po' come lasciare la basura fuori dal blog.
      Aiuta a vivere meglio...

      Elimina
  5. Mi pare davveri che si parli di un nuovo tipo di turismo. Ste

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La nostra attuale esperienza ci sta' dimostrando che e' in arrivo a Cuba un tipo di turista che, fino a poco tempo fa, frequentava l'isola saltuariamente.
      Ne' puttanieri inverecondi, ne' gente da villaggio turistico.
      Sta' arrivando , oppure numericamente sta' aumentando, il nuovo turista “cubano”.
      Giovane o comunque di mezza eta', senza nessuna voglia di farsi ingabbiare dal turismo ufficiale.
      Un discreto numero di richieste arriva da donne, spesso madri che si portano in giro i figli.
      Non vogliono soggiornare in hotel ma cercano una casa particular, una per citta' in modo di poter godere al meglio la propria vacanza.
      Molti temono di essere in ultimo tempo utile perche'ì “quando arriveranno gli americani tutto cambiera'”
      Dicono loro...

      Elimina
  6. Santa Fè- Caro Milco inoltro a te e agli amici una splendida versione di Space Oddity ambientata in un'ambiente "spaziale"..https://www.youtube.com/watch?v=KaOC9danxNo

    RispondiElimina
  7. hola! sono d'accordo con te, il nuovo turismo è impazzato dopo il 17 D per paura che cuba cambi radicalmente, ma non solo da qui come testimoniano i prezzi dei voli aerei. Viaggio a la isla dal 2004 e la differenza rispetto ad oggi la noto, mi immagino per gente che la frequenta dal periodo especial. Comunque anche quando sarà massificata manterrà le proprie caratteristiche bellezze con più servizi e magari anche più cara. Capitolo gnocca non voglio tirarmi le critiche ma quello è il motivo principale almeno per me oltre alla cubania perchè se fosse solo per i paesaggi / mare meglio Lampedusa. Secondo me il fatto che questi nuovi turisti non abbiano menzionato la gnocca nelle prenotazioni è questione di budget, già per un italiano giovane farsi una vacanza ai caraibi fuori dal todo incluido è costoso figuriamoci se si mettono a la busqueda de mujeres, ormai sappiamo tutti che il prezzo è più o meno universale e non si risolve con la comida o la buena vida nemmeno in oriente. Quindi con casa compartida magari carro compartido cibo in paladar qualche serata di ballo tipico te la cavi con 60 cuc al dia mentre se vuoi divertirti con l'altro sesso sono decisamente altri prezzi non neghiamolo. Personalmente quando faccio il turista spendo e mi diverto, quando vedo che molti dovrebbero stare a casa ma fanno il passo più lungo della gamba ed anche per questi come ai cuori teneri dovrebbero chiudere le frontiere. chao Enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Enrico ho girato tanto mondo.
      Ti posso assicurare che c'e' tanta gente che viaggia per scopi diversi.
      Tieni conto che molti nuovi viaggiatori sono giovani e non sanno bene come funziona Cuba.

      Elimina
    2. Lampedusa stato due volte. Stupenda!
      Ma adesso dire che è meglio di cayo Santa maria, playa pilar e compagnia bella mi sembra esagerato.
      Poi, chiaro, se uno si ferma solo a megano e tropicoco...

      Simone

      Elimina
    3. Oggi a lampedusa rischi di fare il bagno in mezzo alle salme...

      Elimina
  8. OT. Mentre cazzeggio in attesa del cliente ho dato uno sguardo al Corriere.it
    Trump prossimo presidente degli USA. Credo che il bloqueo se ne starà li ancora per un po...

    Simone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Santa Fè- Non scherziamo..ritengo difficile che al ballottaggio possa vincere sulla Clinton o su Sanders, poi nella vita può succedere di tutto ma fossi un residente Usa non starei tranquillo con Trump presidente.

      Elimina
    2. Anche io sarei preoccupato e a quanto pare lo sono pure gli yankee moderati

      Secondo Simon Rogers, ex datablogger del «Guardian», la ricerca della frase «Come trasferirsi in Canada» è aumentata del 350 per cento nelle ultime ore. La marcia di Donald sulla Casa Bianca è ormai inevitabile?

      Da corriere.it

      Simone

      Elimina
    3. Ricordiamoci sempre che, oggi, al mondo non comandano piu' capi di stato e primi ministri.
      Comandano fondi monetari e banchieri...
      In Usa poi ci sono poteri talmente forti che il presidente ha poteri ben limitati.
      Penserete mica che per 8 anni abbia governato Dabliu Bush?

      Elimina
    4. Trump ha già detto che l' embargo non serve a nulla e che se fosse per Lui già non esisterebbe da anni. Attenzione a Rubio e Cruz..Beppe

      Elimina
    5. Ciao Simo ,difficile però per Trump ..i sondaggi lo danno perdente sia contro Clinton che contro Sanders,poi Trump non mi pare particolarmente anti cubano..mi pare ce l'abbia più verso altri
      Stefano

      Elimina
    6. Ricordiamoci del paio di milione di cubani aventi diritto al voto...

      Elimina
    7. Paio di milioni quasi tutti in Florida...stato decisivo da sempre (insieme all'Ohio)nella corsa presidenziale..giusta osservazione..
      stefano

      Elimina
  9. Probabilmente potra' essere il candidato repubblicano, avendo sgominato i vari gusanitos cubano americani, ma dalla Clinton le prende.
    E' il momento, dopo el negher, di un presidente statunitense donna.

    RispondiElimina
  10. E' proprio vero che il turismo verso Cuba é cambiato. Anni fa mi approcciavano ammiccando e , neanche tanto velatamente , mi chiedevano come , dove , e a quanto poter trovar trifola .
    Ora i figli e i nipoti degli stessi mi chiedono del Mausoleo di Martì o della casa di Camilo.

    RispondiElimina
  11. Santa Fè- I primi due posti che ho visitato a Cuba son stati la Plaza della Revolucion e il giorno seguente Villa Clara Mausoleo del Chè, poi mi son ripreso..poi ci son ricaduto, il viaggio di nozze a Santiago e via al Moncada!

    RispondiElimina
  12. Risposte
    1. Ma Simone non è tuo amico? Giuseppe

      Elimina
    2. Certo ma non sempre la sua esigenza di vendere e la mia di comprare collimano.

      Elimina
  13. Santa Fè- Buon prezzo, quanti giorni?

    RispondiElimina
  14. Come immaginavo, Milco l' idea che avete avuto è fantastica, bravi! Io ho un amico che ha un B&B a Venezia e anche Lui ha deciso di tenere i prezzi un po' alti per levarsi di torno la "basura". Li vedo i giovani che arrivano a Cuba, sono simpatici, tranquilli. Voglia di fare un viaggio e vacanza, spesso accompagnati da consorte. Meta gettonata oltre che L' Havana, anche Santiago soprattutto per la sua storia. Poi dopo il ciclone è stata rimessa in sesto molto bene. Un consiglio, oltre usare le mail, perchè non usate gli SMS, il costo è irrisorio,sia dal Italia che da Cuba. Beppe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti stiamo iniziando a usare anche quelli Beppe

      Elimina
  15. Milco se posso...nella prima mesata di M&S, largo circa, di quanti contatti e soprattutto prenotazioni parliamo?

    Non é semplice curiositá...

    Freccia

    RispondiElimina
  16. Togli i primi 15 giorni dove non eravamo su google.
    Contatti ti risponde Simone.
    Una quindicina di richieste, sei concluse positivamente 5 in trattativa.
    In 15 giorni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Freccia,
      scrivimi una mail e ti rispondo.

      Simone

      Elimina
  17. Varadero & Avana, un classico. Anch'io avevo cominciato così, nel lontano '96. Azz, passati vent'anni !!
    W Hillary
    Renato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. René siamo in due allora...

      eee pensa che dovevo essere in Sri Lanka invece sono finito a Varadero + La Habana...

      Sliding Doors...

      Freccia

      Elimina
    2. Tu pensa che io sono finito all'Havana a 19 anni perché il mio amico Lulu'(pace all'anima tua amico mio..mi manchi)apassionato ippico aveva solo 9.000lire...e non 24.000 lire e mi fa 'giochiamo a società la tris a Bologna a girare 3-4-6-17....arrivano 6-4-3 ..Netzuche'-Octavia lb -Nimegua...9milioni e passa delle vecchie lire....tu pensa come sarebbe cambiata la mia vita e quante cose mi sarei perso nel bene e nel male se quel giorno non avessi avuto in tasca 15.000lire...
      stefano

      Elimina
    3. Un amico di nome Lulu'....e' tutto un programma.
      Pace all'anima sua....

      Elimina
    4. Stefano...
      eee gggià c' erano ancora le lire...eee i dollari in quel di Cuba...e soprattutto io poco più che ventenne...

      sembra ieri ed invece...

      meglio guardare avanti...

      Adelante!

      Freccia

      Elimina
  18. Il soli pirla che il primo viaggio lo ha fatto a Tunas è il sottoscritto.
    2000

    RispondiElimina
  19. Preso boleto
    Un paio di settimane da metà marzo....
    MIL-HOG 660 con visa e seguro....

    RispondiElimina
  20. Complimenti!!!si sta realizzando proggetto di dividere vita tra qua e Cuba! Su che sito Milco?
    Stefano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo press tour...
      Poi fino in autunno..nisba...

      Elimina