lunedì 25 aprile 2016

RISPOSTE



BUONA LIBERAZIONE A TUTTI!
Approfitto di questo pezzo per rispondere a chi mi contatta via mail, whastapp e Fb per chiedermi se vale la pena investire oggi a Cuba ed, eventualmente, come poterlo fare.
Inutile ricordare che i recenti accadimenti storici di carattere epocale hanno sviluppato un'interesse per l'isola che va ben al di la' delle potenzialita' e delle esigenze dell'isola stessa.
Molti sanno che ho una casa de renta a Las Tunas, un'agenzia per la prenotazione delle stesse, con un socio, in Italia.
Mi chiedono se sia un investimento che rende, la renta, e mi chiedono consigli se muoversi o meno nella stessa direzione.
Da un lato mi fa piacere, cosi' come apprezzo tutte le richieste di amicizia che mi arrivano su fb, aggeggio che maneggio poco e male, da parte di chi sicuramente e' arrivato al sottoscritto grazie a questo Blog.
Dall'altro si tratta di una responsabilita', di conseguenza invito tutti a prendere molto ma molto con le pinze cio' che scrivo.
Partiamo dal presupposto che l'acquisto della casa de renta da parte mia non e' stata un'operazione speculativa.
La mia parte dei proventi della casa, resta a Cuba.
Non mi serve per vivere, non ne ho bisogno, ho in Italia attivita' che mi consentono di vivere decorosamente pagandomi 3-4 voli e 3 mesi di Cuba ogni anno.
Mi piaceva l'idea di iniziare a fare qualcosa da quelle parti ma non ci rimetto di certo.
Qualche migliaio di cuc ogni anno mi entrano, ogni settimana di visa familiar (invece della casa de renta e di mangiare fuori) lascia nelle mie tasche piu' di 200 euro, e' un'anno e mezzo che non mando piu' un centesimo, non ne hanno bisogno.
Quindi io faccio testo...fino ad un certo punto.
Per molti sono discorsi fatti piu' volte ma e' bene a volte rivedere certe convinzioni.
In questo momento Cuba non e' in grado di soddisfare le esigenze di chi vuole entrare nel mercato minorista o vuole comperare a suo nome una casa.
A meno di non essere residente.
Non ha neppure agenzie in grado di dare una mano.
Proprio l'altro giorno mi e' arrivata una mail (come cazzo l'hanno avuta?) sul come spostare la mia ditta in Bulgaria.
Il tutto con tanto di sito italiano, informazioni, costi, balzelli burocratici, imponibile fiscale (10%) per un eventuale trasferimento di attivita'.
Cuba non ha nulla di cio'
E' tornato da poco da Cuba il mio socio con altre case da inserire ma anche con altre da vendere.
Le modalita', le tempistiche e le metodologie per poterlo fare....non sono cose che intendo condividere, come potrete comprendere facilmente.
Come ho sempre fatto, quando la cosa sara' in piedi ed attiva, ne daro' comunicazione.
Quindi se volete comprare casa o mettere su una piccola attivita' per fare un regalone alla novia va bene, oltre per il momento non andrei.
Mario, il mio amico che ha aperto la spaghetteria e' riuscito a mettere in piedi qualcosa che gli consente di vivere a Cuba, ma lui passa sull'isola 11 mesi all'anno....e ha avuto l'idea giusta.
Facile ma giusta.
I sogni lasciateli ai sognatori, al momento Cuba e' ottima per divertirsi, per conoscerla, eventualmente programmare qualcosa sul lungo.
Se proprio volete fare qualcosa...fatelo all'Avana.
Una casa al Vedado vale 10 volte di piu' di una nel migliore barrio di Tunas.
I soldi vanno presi a chi li ha, i turisti.
Lasciate stare negocios essenzialmente rivolti ai cubani, lasciate che questi ci pensino loro, i cubani.
Meglio mirare un po' piu' in alto.

M&S CASA PARTICULAR CUBA HA AGGIUNTO....UN PALAZZO!

46 commenti:

  1. Sul circuito di Jerez Valentino Rossi (Yamaha Movistar) ha vinto da dominatore il gran premio di Spagna, classe MotoGp, quarta gara del mondiale. Secondo posto per il compagno di squadra Jorge Lorenzo ad oltre 4”, terzo l’altro spagnolo Marc Marquez (Honda Repsol), staccato di quasi 9”. Settimo è giunto Andrea Iannone (Ducati Team).
    Rossi, scattato dalla pole, è rimasto davanti per tutti i 27 giri di gara, aumentando il suo vantaggio su Lorenzo fino a metà gara. A questo punto il campione del mondo ha tentato un recupero che lo ha portato ad avvicinarsi fino ad un distacco intorno ai due secondi e mezzo.
    Rossi però ha reagito, gestendo al meglio la gomma posteriore e riportando il proprio vantaggio a crescere fino al successo sul traguardo. Per Rossi è la vittoria numero 113 in carriera, l’87esima nella top class. Quarto posto per la Honda di Dani Padrosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Goduria al max ieri per Valentino, a questa età ancora asfalta i suoi pivellini avversari.

      Elimina
  2. DA TORO NEWS
    Stamattina mi sono alzata di umore frizzantino, mi sono preparata e ho scelto l’abbigliamento da grandi occasioni: una maglia, trovata tempo fa, con la citazione di Montanelli che riguarda gli Invincibili, frase che molti di noi conoscono a memoria e amano. “Gli eroi sono sempre immortali agli occhi di chi in essi crede. E così i ragazzi crederanno che il Torino non è morto: è soltanto «in trasferta»”. Noi crediamo in quegli eroi, li ricordiamo, ci affidiamo ai racconti delle loro gesta e li onoriamo.

    E’ di questo umore che sono entrata oggi allo Stadio a loro intitolato, appena un po’in ritardo, giusto in tempo per sentire risuonare quella formazione nell’aria, per respirare a pieni polmoni l’emozione e la commozione, per rivedere quei volti e quelle immagini che conosciamo a memoria. Ero commossa e felice. Due ore dopo, mi sono sentita solo stupida.
    Il Toro che si è visto in campo è stato forse più tremendo o inconcludente di altre volte? No. Solito gioco, qualche sprazzo di geniale follia del nostro Bruno Peres, l’impegno, questa volta non sufficiente, di Belotti e un po’di sfortuna di Martinez. A guidare, il solito condottiero Ventura, che si accontenta di gestire una partita sul pareggio e inevitabilmente finisce per portarsi a casa la sconfitta e una buona dose di fischi. Ma tutto questo, dopo che quei nomi, quei grandissimi nomi dal peso specifico del piombo, sono rimbalzati sugli spalti e sui cartelloni, dalle nostre labbra e nelle nostre orecchie, sa di inaccettabile.
    Chi sta insegnando il Toro a questi ragazzi? Perchè è evidente che molti di loro non l’hanno capito, o per lo meno non lo stanno sentendo davvero, forse perchè nemmeno chi lo sta insegnando l’ha davvero capito.
    La rabbia dell’ennesima delusione, in una giornata così importante, mi chiude la gola e mi blocca le mani. Questo campionato sta finendo e, per la prima volta sognando una vera rivoluzione, di questo fatto mi sento davvero un po’sollevata.

    Buonanotte granata…
    Cristina Raviola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicuro che rimpiangerai libidine...alla fine non ha fatto male, ma è normale che dopo tanti anni i matrimoni si logorano, soprattutto per stanchezza o monotonia, come sono sicuro che trovare un altro allenatore che faccia meglio di lui non è facile in Italia, un esempio, non prenderei mai Mazzarri o Pioli al suo posto.

      Elimina
    2. Cinque anni sono un'eternita'
      Arrivederci e grazie.....

      Elimina
    3. Ovvio che è arrivato il momento dei saluti tra libidine e il Toro...è questione di stimoli lo sport, e soprattutto la vita.

      Elimina
    4. Anch'io sono un ammiratore di ventura,comunque questa avventura col Torino era ampiamente alla fine l anno passato,come dice Milco ha già dato,ma cairo non sembra intenzionato a cambiarlo.

      Elimina
    5. Berlusca altro bel fenomeno....

      Elimina
  3. Infatti io penso a divertirmi.Giuseppe

    RispondiElimina
  4. Una casa al Vedado vale 10 volte di piu' di una nel migliore barrio di Tunas, è vero, ma costa anche 10 volte più :-) Resto sempre dell'idea che chi vuole trasferirsi in pianta stabile a Cuba abbia rimesse dall' Italia per mantenersi (pensione, affitti da riscuotere, ecc) oppure abbia un discreto gruzzolo da parte col quale compra casa e renta ai turisti, altrimenti meglio andare 3 volte l'anno de vacaciones y ya....Oppure se uno non ne può più di stare in Italia, ed è arrivato al limite della sopportazione del bel paese, io continuo a non disdegnare l'idea di trasferirsi in Repubblica Dominicana,similissima a Cuba, con molti meno problemi burocratici di Cuba, dove si può addirittura fare negocio senza problemi di doversi sposare o avere un figlio per avere la residenza permenanete che è la chiave che ti apre le porte per comprare casa, un auto, ecc, poi sono sempre scelte soggettive dovute agli stati d'animo ed econimici delle persone, la RD la vedo come una via d'uscita dal bel paese nell'immediato, che si realizza senza problemi, per chi non ce la fa più a stare in Italia, mentre per fare qualcosa a Cuba serve tanto tempo, e soprattutto tanta pazienza, ma partendo sempre dal presupposto che il solo iniziare a fare negocio a Cuba richiede un matrimonio o un figlio, e non è poco, altrimenti meglio continuare a fare il turista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non credere che partite da solo per santo domingo uno è indenne da problemi e ci vive tranquillamente,quando si va a vivere da soli in un paese che non è il proprio la vedo dura,bisogna sempre avere un appoggio della famiglia per inserirsi,per non parlare della tranquillità che si ha a vivere a Cuba in confronto della paura a santo domingo,non cambierei mai la serenità di Cuba solo per avere un negocio migliore altrove,ci vuole equilibrio.

      Elimina
    2. Dominicana similissima a Cuba...dove?
      Ci ho lavorato....lascia perdere...

      Elimina
    3. Milco non parlo di S.Domingo, dove c'è la micro criminalità che si trova in ogni capitale del mondo, compresa l'Havana....parlo di zone turistiche come Las Terrenas, Samanà,ecc, e dico che è similissima nel modo di vivere, di intendere la vita, la gozadera, ecc.

      Elimina
    4. Paolo non parlo di S.Domingo, e secondo me chi non vuole sottostare al "ricatto" di sposarsi o avere un figlio per iniziare a fare negocio a Cuba, e che vuole andare via subito dall'Italia, credo la RD sia la soluzione istantanea che più si avvicina a Cuba.

      Elimina
    5. VACCI, VIVICI UN BEL PERIODO E POI...NE RIPARLIAMO...

      Elimina
    6. A parte il ricatto,ma tu pensi di andare a vivere in un altro paese senza aiuto di famigliari e fare tutto da solo?non è così facile

      Elimina
    7. Paolo ma se uno la famiglia non ce l'ha?
      Io a Tunas ho fatto tutto da solo.
      Cose buone e qualche cazzata....che ci puo' stare.

      Elimina
    8. Vero milco,ma anche tu avrai avuto persone di fiducia su cui affidarti anche solo per un inizio,non è che solo a Cuba perché ti devi sposare per forza ci sono i problemi per inserirsi,penso ci sia sempre bisogno di un aiuto in un paese che non sia il nostro.

      Elimina
  5. hola! in ogni caso sia come regalo alla novia oppure per investimento a scopo di lucro ci vogliono le palle. Per non parlare dei soldi anche in questo ambito eccessivi per il rapporto qualità prezzo di quello che si compra, poi i cavilli burocratici etc . Penso che il regime voglia solo grandi investitori ed istituzionali in determinate zone ( vedi zona desarrollo de mariel) in modo che siano controllati e creino un grande indotto. Per i piccoli avventurieri non è facile e bisogna essere consci dei rischi. Per me l'ideale è come si sta muovendo Milco ovvero la casa la ammortizza in qualche anno e poi col sito si paga i biglietti aerei. Certo se penso quello che ho speso en gozadera una bella casa con piscina in playa del este saltava fuori ma meglio averli goduti che averli regalati. Chao Enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io Enrico ho fatto la tua stessa cosa, solo che in Italia e in viaggi...ho iniziato a lavorare a 21 anni, e negli anni 90 a 21 anni guadagnare 2 milioni al mese di lire era tantissimo,soprattutto per chi come me non aveva ne moglie ne figli da mantenere...ho sputtanato tutto in gozadera in 25 anni di lavoro, tra viaggi e altro, ma non rimpiango nulla, è avere la salute la mia ricchezza, ovvio se fosse stata accompagnata dai soldi che ho sputtanato non mi avrebbe fatto schifo, ma accontentiamoci.

      Elimina
  6. In oltre 40 viaggi la casa e il resto sono sopra i centomila a occhio e croce.
    Il resto l'ho sperperato (George Best docet)

    RispondiElimina
  7. Sempre opportuno trattare alcuni argomenti con chiarezza ed onestá...bravo Aston!!!

    Discorso money...meglio lasciar perdere...se non sono cento poco ci manca...maaa giá é un mondo difficile...almeno non toglietemi la "felicitá" a momenti...

    Il viaggio poi é stato, é e sará per me essenza vitale...

    Freccia

    RispondiElimina
  8. Io racconto ciò che vivo a differenza di chi è ridotto a dover raccontare...ciò che vivo.
    (Occhiolino che si strizza)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah bella questa!

      Elimina
    2. Ti riferisci a qualche forum...???

      Freccia

      Elimina
    3. Ma perche' esistono ancora forum che parlano di Cuba....?

      Elimina
    4. Maaa quando li incroci sulľ Isla Grande...che fanno???svicolano...???

      Elimina
    5. E chi li incrocia?
      Uno e' sparito senza lasciare tracce ne' rimpianti, l'altro lo hanno sfanculato tutti; mogli,donne ed amici.....
      Alla larga!

      Elimina
  9. Ragazzi Air France sta facendo ottime offerte (497 euro A/R)
    in vendita fino al 4 maggio....Partenza : tra il 9 Maggio 2016 e il 20 Giugno 2016 e tra il 15 Agosto 2016 e il 30 Novembre 2016.
    Scatenate l'inferno!!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri ho visto che, per le mie date, me la cavo con 450 o poco piu'....vedremo anche perche' parliamo del 30 ottobre.

      Elimina
    2. Sì Valter stavo giusto guardando anche io il sito della Air France...ci sono voli anche in dicembre a quella cifra!! Partenze anche da Bologna!!! Alessio

      Elimina
  10. Ho visto direttamente sul loro sito, siamo sui 500, su La Habana ovviamente.
    Un po' scomodo l'imbarco a Linate.
    Da Torino i prezzi salgono.

    RispondiElimina
  11. Sarei meno categorico su Santo Domingo...

    ľ amico Frank...persona che stimo...ha lasciato Cuba in parte per le ragioni esposte da Walter...da 5 anni vi staziona parecchi mesi e ne parla bene...

    Claro anche lui é del club "keep calm and fatti i cazzi tuoi"...ma questo ormai mas o meno vale un po' ovunque...

    Freccia

    RispondiElimina
  12. Il problema e' un'altro.
    Un conto e' andare a Santo Domingo per una scelta ponderata, un'altro e' "andare a cercare il posto piu' simile a Cuba"
    Tolto il clima le similitudini sono molto poche.
    A quel punto tanto vale cercare qualcosa di totalmente differente.
    Nulla e' come l'originale.

    RispondiElimina
  13. Sono ď accordo...questo vale in tutti i campi della vita...mai cercare un surrogato.. perché rimarrá sempre tale...

    ...e del Costarica che si dice???

    Freccia

    RispondiElimina
  14. Si dice che, come la famiglia Dini, bisognava andarci 30 anni fa....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei il miglior sponsor di Cuba...

      Mettiamola cosí...dove andresti se mai un giorno dovessero chiudere le frontiere delľ Isla?

      Qualcuno ha detto che tutti i veri viaggiatori terminano la loro vita a oriente?

      Freccia

      Elimina
  15. Mah....ci sono talmente tanti posti che vorrei vedere...Vietnam....Madagascar ecc...

    RispondiElimina
  16. Quest'ultima vacanza è stata differente, diciamo di lavoro.
    Oltre agli storici clienti ristoratori che è stato un piacere rivedere, ho visitato diverse case di renta, parlato con agenzie per organizzare tour e discusso con alcuni proprietari per avere il mandato di vendita sulle loro case.

    Guardando l'amata isola con un occhio meno innamorato e più distaccato vi posso dire senza dubbio che:

    - cuba è cara. una spesa Carrefour riempifrigo (a parte che è ovviamente impensabile) costerebbe almeno il triplo che da noi. la renta di un auto è roba per americani. la benzina. il bere. i ristoranti dell'havana... la lista è lunga
    - a cuba, anche con i soldi, spesso non risolvi. Gli amici ristoratori improvvisano ogni giorno menu nuovi in base a cosa trovano. Quello che trovi nei negozi no sirve
    - cuba sta "investendo" sui grandi numeri. vedi Mariel, rifacimento zona porto Havana, Havana Vieja...
    - la manodopera locale, oltre ad avere i suoi ritmi, è totalmente impreparata e inadeguata ai nostri standard

    Partendo da questi spunti risulta facile condividere la disamina dello scriba. A cuba si va in vacanza. Se si vuol comprare casa la si intesta a qualcuno di fidato e si incrociano le dita. Se poi la si vuole all'havana (tolti i barrios periferici - ma che ci andate a fare??) bisogna cacciare tanti soldi.
    L'investimento nel bar sulla spiaggia lasciamolo ai cinepanettoni dei Vanzina e ai suoi seguaci.

    Un abbraccio.

    Simone

    PS. 5...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io penso invece che ci si possa vivere,comprare una casetta tenendo umiltà e accontentarsi di poco,certo se uno sta bene qua chi glielo fa fare,ma una persona che qua ha molte difficoltà economiche penso possa andare a stare meglio sicuramente,vedi pensionato con 700/800 euro.

      Elimina
  17. Basta mantenere i piedi a terra e la testa sul collo....il resto sono cazzate amici miei

    RispondiElimina
  18. D'accordissimo sul fatto che cuba stia attraendo più interesse del suo effettivo potenziale economico...mat.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Due/tre giorni per avere risposta di disponibilita'da una renta perché non hanno connessione in casa.
      Ma di cosa parliamo?

      Elimina
    2. ...se non si trattesse della nostra amata Isla probabilmente parleremmo di grande bluff...

      Freccia

      Elimina
    3. Infatti Solo noi che frequentiamo Cuba sappiamo bene com è la faccenda e che certe situazioni meglio evitarle perché ci sono troppi problemi.

      Elimina