lunedì 9 maggio 2016

MARE E GOZADERA



Una delle maggiori difficolta' che chi e' amante del mare ma anche della gozadera a Cuba si trova ad affrontare e' quello di riuscire a conciliare, in qualche modo, le due cose.
Solitamente se c'e' il mare....manca la “vita” e se c'e' “movimento” la battigia e' lontana decine se non centinaia di km.
Forse, e dico forse, fa eccezione Cienfuegos, ma non ne sono cosi' sicuro.
Nella capitale se vuoi il mare devi andare a Guanabo o a playa del' este, localita' non lontanissime dalla citta' ma che comunque devi raggiungere con un mezzo di trasporto e almeno una mezzora di tempo, se non di piu'.
A Santiago la playa piu' vicina e' Siboney, dove il mare e' forse peggiore di quello che bagna Borghetto Santo Spirito.
Noi “tuneri” abbiamo Puerto Padre ma anche qua' occorre fare dei distinguo.
La citta' e' a 12 km dalla spiaggia piu' vicina, 12 km di strada sterrata attraversata da capre, bovini ed ogni altra sorte di quadrupede.
In citta' c'e' una disco che funziona nei fine settimana, per il resto se non entri nel giusto giro di tortilleria, passi le serate a darti roncolate sui maroni.
Le spiagge sono belle e si mangia del gran pesce, ci sono anche case de renta dove devi rinchiuderti dopo le 16.30, quando la costa diventa proprieta' esclusiva dei mosquitos.
A quel punto devi tornare a Tunas ma e' una sfacchinata da fare, al limite, una volta ogni settimana e non di piu'.
Holguin dista dal mare la stessa distanza di Tunas, Camaguey il doppio, Ciego non e' esattamente sulla costa, Matanzas ha Varadero vicina dove comunque e' meglio andarci gia' con una donna perche' in loco trippa per gatti non se ne trova molta.
Molti, al primo viaggio a Cuba, chiedono a M&S casa particular una location a Varadero, uomini soli e senza compagnia.
Sono convinti che si tratti, per vita notturna, di una sorta di Rimini o Forte dei Marmi mentre la realta' e' completamente diversa, cosa che noi spieghiamo con dovizia di particolari
Quindi fondamentalmente al mare, se si decide di passarci dei giorni, bisogna mettere in preventivo il fatto che, dopo il bagno di sole, resta poco altro.
Occorre andarci con una fanciulla che pero', se non e' una giusta, rischi di ritrovarti sui maroni per giorni e giorni senza possibilita' di alternative.
La faccenda di separare turisti e cubani evitando di creare luoghi di mare dove ci fosse anche un po' di “vita” e' sempre stato un vecchio pallino del Comandante en Jefe.
In fondo Varadero e' nata proprio per questa ragione.
Si ipotizzava una location esclusiva per i turisti, dove cubani avessero avuto poco o nessun accesso.
Anche a Las Tunas, dopo anni in cui ogni sabato sera era una gran festa per il centro della citta', il tutto e' stato spostato al la feria.
Un luogo dove noi stranieri non andiamo, visto che e' terreno fertile per tutti i campesinos che scendono dal monte con tanto di machete imboscato, per passare il fine settimana riempiendosi di alcool come i lumini di olio.
Ovviamente la cosa non ha funzionato, i cubani tutto sommato vanno dove vogliono cosi' come un certo tipo di turisti, che ritengono importante vivere la Cuba restando a contatto ogni giorno con la sua gente.
Resta la difficolta' di trovare dei posti di mare dove ci si possa anche divertire dal tramonto in poi.
I cayos sono bellissimi, Cayo Coco, Cayo Guillermo per non parlare di Guardalavaca, Playa Pesquero, Santa Lucia ecc.
L'elenco potrebbe essere ancora lungo ma la costate e' data dalla lontananza dai luoghi in cui davvero c'e' la movida cubana allo stato puro.
A quel punto si cerca una soluzione di compromesso come Santiago e La Habana con viaggi giornalieri da e per le spiaggie piu' vicine.
Le Rimini o S.Benedetto del Tronto per fortuna, o purtroppo non ci sono per non parlate di Palma de Majorca, Lanzarote, Ibiza ecc...
Forse e' proprio perche' non ci sono luoghi simili che amiamo Cuba, ma vi confesso che se, oggi, si riuscisse a trovare una via di mezzo sarebbe davvero un bel salto di qualita'.

M&S CASA PARTICULAR HA AGGIUNTO UNA CASA

30 commenti:

  1. Per me Cuba senza il mare non esiste. Giuseppe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se parli di vacanze brevi hai ragione

      Elimina
  2. Dedicar el segundo domingo de Mayo a llenar de afectos a las madres es una tradición que, se ha asegurado por mucho tiempo, comenzó en Cuba allá por 1920, en el pueblo habanero de Santiago de las Vegas. La localización exacta de su origen no ha estado exenta de polémica, pues orgullosos tuneros han defendido la primacía de la nororiental ciudad de Puerto Padre como el sitio que primero en el archipiélago agasajó a las madres en un día específico.
    “Pues no, ni un sitio ni el otro”, me dice atrevido ante el micrófono Armando Arsenio Céspedes Calderín, profesor jubilado, guionista y colaborador asiduo de la radio. “Fue aquí en Santiago de Cuba” y lo dice con contundencia.
    Céspedes es un rastreador, un perseguidor de extrañezas, un buscador de cosquillas que, como diría un profesor de la Universidad de Oriente, “no se va con la de trapo” y sigue el rastro del tema que investiga hasta las últimas consecuencias.
    “En 2011 —cuenta con entusiasmo— en una sección sabatina en la que hacía preguntas curiosas a los oyentes, lancé la pregunta para alimentar la polémica y las personas empezaron a llamar, a contestar lo que habitualmente se repite en este caso. Hasta que para mi sorpresa un señor me dijo que fue en Santiago de Cuba, en la Primera Iglesia Bautista. Pero eso yo no lo he encontrado en ningún lugar, le dije creyendo que se trataba de una confusión, pero el oyente no tenía ninguna duda.
    “Eso está en las Crónicas de Carlos Forment, el día 12 de mayo de 1918, me respondió con seguridad, busque y verá que no le miento. Le aclaré que sin verificar el dato no podía dar por cierta su respuesta, que al aire diría que así lo afirmaba él, pero le prometí que investigaría y así lo hice. Y en efecto, busqué en las Crónicas de Santiago de Cuba, de Carlos E. Forment Rovira, en el tomo dos de la edición publicada en el 2006 por Ediciones Alqueza de la Oficina del Historiador de la Ciudad. Y allí estaba. Te puedo mostrar incluso el texto porque traigo una copia en mi bolso.”
    Me enseña entonces la nota que dice textualmente: “Día 12. Hoy, por primera vez en Santiago, se celebra el ‘Día de las Madres’ correspondiendo al segundo domingo del mes de mayo. Este homenaje es de origen norteamericano, en cuya nación se practica desde hace diez años con el nombre de ‘Mother’s day’, celebrándose especialmente en las escuelas públicas y privadas, así como en las dominicales, por disposición del gobierno de esta nación. El General Pershing, jefe de las tropas yankees que pelean en Europa dictó hace días una orden recordando a sus soldados envíen mensajes a sus madres. En Santiago se conmemora la fecha con actas de plegaria en la iglesia Bautista y con una fiesta infantil en que figuran recitaciones y discursos alusivos”.

    RispondiElimina
  3. “Pero allí no termina la historia —insiste Céspedes y anticipo, porque algo lo conozco, que el texto de Forment no sería la clave definitiva—. Quise ir un poco más allá y busqué entonces en el Diario de Cuba, que era el periódico más importante de la ciudad en aquella época. Fui a la biblioteca, encontré el ejemplar del diario del lunes 13, es decir de un día después, y encontré la reseña periodística. El periódico plantea, en efecto, que el Día de las Madres se celebró en la Primera Iglesia Bautista, recoge todo lo que se hizo y todo lo que dijo, hace ya exactamente 98 años, es decir, dos años antes que en Puerto Padre y que en Santiago de las Vegas. ¿Qué te parece?”.
    Después de tanta certeza, ¿qué ha hecho Céspedes con los resultados de su pesquisa?¿Por qué a pesar de la evidencia se sigue repitiendo año tras año la información errada?.
    “Yo no he dejado de decirlo —me contesta categórico a estas nuevas preguntas—. Lo he dicho en la radio santiaguera y en todos los espacios en que he tenido la oportunidad. Incluso le entregué a la Iglesia Bautista este trabajo, con las fotografías incluidas, porque me pareció que así debía ser. Y al hacerlo pude incluso descubrir otros detalles que no aparecen en el periódico y que se atesoran como memoria de la Iglesia. Por ejemplo, el protagonismo que tuvo en el hecho Sara País, hermana mayor de Frank País por parte de padre, que estudió Pedagogía en Estados Unidos y que fue promotora de la iniciativa en Santiago de Cuba.”
    Céspedes calla entonces. Entiende que entiendo que la pelota ha pasado a mi terreno, que me corresponde decidir si me uno a su empeño y hago por divulgar el hecho allí donde encuentre mentes receptivas. “Si lo vas a hacer —me dice finalmente—, hazlo por respeto a la verdad y no por chovinismos baratos. A fin de cuentas mañana podría descubrirse que se celebró primero en Vertientes o en Cumanayagua, y sería injusto ocultarlo para que Santiago de Cuba conserve la primacía”.
    Armando Arsenio Céspedes

    RispondiElimina
  4. hola! hai toccato il punto dolente ovvero coniugare le due cose mare e gozadera. Da anni per questo ho scelto Guanabo o playa del este dove in pochi minuti sono in capitale oppure sto fermo li dato che dopo anni mi sono fatto un giro bueno e personalmente sono meglio poche ragazze fidelizzate che sanno lavorare che cambiare tipa ogni sera in disco per un rato. Playa del este è anche interessante perchè si possono trovare sistemazioni ottime a livello di cuba ovviamente come villa los pinos o tarara che offrono case singole indipendenti ( anche con piscina) dove sono solito passare 3 gironi con delle tipe che meritano, stessa cosa quando voglio andare a los jardines del rey ( cayo coco, spettacolare la strada sopraelevata )ovvero prenoto in loco qualche giorno con chi merita. Secondo me la gozadera pura ossia movida con cambio diario di gnocca non ha più senso a Cuba ormai anche li è tutto troppo massificato e manca la professionalità de las jineteras, se si vuole cambiare 3 tipe al g meglio stare in bordelli europei. Bello l'appartamento aggiunto a Las Tunas, ottimo il fatto dell'indipendenza totale, cosa rara in provincia. Se fosse vicino a la capitale ci farei un giro, ma se riusciamo a coincidere le date ci troveremo per un trago quando atterrerai a la habana. chao Enrico

    RispondiElimina
  5. Ciao Milco, non hai menzionato Trinidad che a mio avviso è un discreto mix di mare e gozadera....certo playa Ancon non è paragonabile ai vari cayos ma è bellina....certo la vita notturna è minore rispetto ad altre realtà ma oltre ai vari ristoranti ci sono un buon numero di locali per il dopo cena....Alessio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai assolutamente ragione.
      Mi dicono però che le renta,storicamente,siano poco....elastiche.

      Elimina
  6. Ognuno ha i suoi gusti.
    A Playa del este piena di emuli di Boldi e Cristian de Sica preferisco per tutta la vita le discrete battigie di Puerto Padre

    RispondiElimina
  7. sai che con me su questo tema sfondi una porta aperta sono allergico agli ita.....i, comunque come in tutte le località si concentrano negli stessi posti quindi basta baipassare la farandula e si sta benissimo in quella zona. Puerto Padre, come giustamente ricordi, è famosa per essere un gran vivaio di seguaci de mariela castro...ja ja ja ja Chao Enrico

    RispondiElimina
  8. È anche un posto tranquillo dove se eviti l'estate puoi ancora trovare una spiaggia tutta per te o quasi

    RispondiElimina
  9. Ciao, anche per Guantanamo e provincia é la stessa cosa: prima spiaggia disponibile ad almeno 1/2 di auto. Se invece parliamo di Baracoa, il tempo si riduce a 1/4 d'ora cubano (Baracoa però non é proprio il centro del mondo), e se per questo neanche Guantanamo. Però constato che ci sono veramente pochissimi italiani, almeno per gli anni di frequentazione che ho io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Baracoa ha una vita....tutto sommato limitata, va bene per 2/3 giorni...poi e' il momento di andare.

      Elimina
    2. A Baracoa ci passo 40 giorni ogni anno tra dicembre e gennaio... devo dirti Milco che si sta benissimo, pochissimi italiani, città sempre viva la sera in centro, e poche rotture di maroni...sarà che io ho il mio giro oramai, che non sono un pesce fuor d acqua, ma devo dirti che ci passo molto volentieri quei giorni ogni volta, poi quando hai i tuoi riferimenti per ogni cosa, le tue conoscenze, tutto è più facile.

      Elimina
    3. Certo questo vale per ogni localita'....

      Elimina
  10. Fra 18 giorni sarò a Cienfuegos, anche li per andare in spiaggia ci sono 20 minuti di carro da fare... non ci sono mai stato, sarà la mia prima volta, vamos a ver... Santiago ha spiagge vicine, solo che sono piene zeppe di cubani a gozare, ubriachi, mentre a Baracoa per andare in spiaggia devi fare 20 minuti di carro, sia per playa Manglito che Maguana...Guardalavaca in cui ero 4 mesi fa ha tutto li, solo che se non si alloggia negli hotel la sera non si sa cosa fare, perché le discoteche sono tutte negli hotel, e per chi renta un abitacion la sera non resta che una partita a domino tracando una bottiglia di ron.... Penso non è facile conciliare plaga e movida tutta in un unico lugar, forse Cienfuegos si potrebbe avvicinare, a fine giugno al mio rientro vi racconterò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La playa piu' vicino a Santiago e' Siboney...lasciamo perdere....

      Elimina
    2. Esatto infatti io vado sempre a Caleton Blanco, ci si arriva in 15 minuti ma si sta da Dio, anche per questo rentiamo sempre il carro.

      Elimina
  11. Io abito a 15 minuti da Playa del Este ,tanta gozadera, poi dipende, cosa si intende per gozadera , tanti poliziotti che girano dalla mattina alla sera, tra un trago e un mojito godono pure loro, con il bottino pieno a fine giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti credo che fare il policia in quei luoghi sia piuttosto ambito....

      Elimina
  12. se ve que sabes mucho mija.......diciamo che almeno personalmente gozadera non vuol dire movida anche perchè a cuba solo in capitale ci sono varietà di locali che si avvicinano al concetto. Dove vado rmai da anni trovo un ambiente con servzi ( sempre limitato a la isla ) ed ho il giro di compagnia giusta, come dice sempre Milco ad ognuno la sua cuba . Enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Armi'.....forse non si e' notato ma ad Enrico la gnagna non dispiace ahahahaha

      Elimina
    2. ahahahahahahah Enrico El Singador del gruppo :-) miticoooooooooooo

      Elimina
  13. Buonasera a tutti! klm a/r fino ai primi di dicembre a 590... non male. Presumo quindi anche airfrance... Buona serata a tutti!
    Daniela

    RispondiElimina
  14. Coao hai ancora trovato questi prezzi sul sito Klm?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, mi è arrivata e-mail oggi ma non so quanto dura l'offerta o da quando è attiva. io purtroppo posso partire solo dopo metà dicembre e le offerte finiscono il 7... sigh!

      Elimina
    2. Azz....dicembre non è il miglior mese per volare ma si fa quel che si può...

      Elimina
    3. esatto si fa come si può... io a dicembre sono ferma 15 giorni a lavoro così ottimizzo. Per quel bachiller per cui ti avevo chiesto aiuto... sta già viaggiando verso l'Europa (arriverà in Olanda, me lo spediranno in Italia ed io lo porterò in Spagna!!) grazie comunque per la tua risposta. Daniela

      Elimina
  15. Bene....mi dispiace di non esserti stato d'aiuto

    RispondiElimina
  16. Hola Milco....io essendo un amante dell'Havana,riesco benissimo a mischiare le due cose....Base in Centro Habana o Vedado...sveglia verso 11-12....poi 3-4 ore a Playa del Este(Evitando la zona Tropicoco...) rientro verso le 17...un giretto e una bevuta in Havana vecchia... sigaro sul Malecon verso il tramonto...poi...casa,doccia...cena e disco...Insomma...in 15-20 gg...quasi tutti i giorni a Playa del Este e un paio di Cayos(l'ultima volta ho fatto Cayo Levisa e Caletta Buena a Playa Giron)...il mare lo adoro...ma dopo 3-4 ore,mi rompo i cabbasisi...blanco79

    RispondiElimina
  17. Come dicono a Roma....ma chi t'ammazza a te?

    RispondiElimina