sabato 27 maggio 2017

M&S MAGGIO



Com'era largamente previsto e prevedibile, con l'arrivo della baja temporada a Cuba anche le richieste nei confronti di M&S CASA PARTICULAR CUBA hanno subito una flessione.
Una flessione rispetto ai mesi precedenti ma rispetto allo scorso anno, dove da maggio a fine agosto avevamo fatto poco o niente, stiamo ancora comunque lavorando discretamente.
Sopratutto in questi giorni di fine mese.
“Lavorando” e' un termine di forzatura visto che si tratta di una sorta di divertimento.
Da meta' marzo a meta' settembre la stagione turistica a Cuba, almeno secondo canoni che pero' stanno diventando antichi, soffre la baja temporada.
La clientela europea approfitta del bel tempo nel vecchio continente per restare a casa, oppure spostarsi verso Italia, Spagna e Grecia con voli e situazioni a corto raggio e, sopratutto, low cost.
Anche se meno di un tempo i voli verso Cuba ad agosto continuano ad essere piuttosto cari, chi puo' viaggia in altri periodi.
Ecco, appunto, chi puo'.
Avendo operato per oltre 30 anni nei villaggi turistici di mezzo mondo, conosco piuttosto bene la clientela di agosto.
La piu' salassata e complicata di tutta la stagione turistica.
Parte per Cuba, ad agosto, chi non puo' farlo in altri periodi dell'anno, nella maggior parte dei casi si tratta di lavoratori dipendenti o di chi opera nel terziario, anche se questa tipologia di persone oramai, ad agosto, si ritrova a dover tenere l'attivita' aperta visto che, almeno a Torino, con la chiusura della Fiat non chiude piu' tutta la citta'.
Da ragazzo, ad agosto, Torino era davvero “neanche un prete per chiacchierar...”
Solitamente la clientela di luglio/agosto programma la vacanza con larghissimo anticipo.
Mentre chi viaggia in altri periodi, nella maggior parte dei casi, prenota con un anticipo limitato, la clientela dei mesi estivi inizia a muoversi a febbraio, tanto non e' che possa variare piu' di tanto da quelle date.
Solitamente, per il tipo di lavoro svolto, il budget e' piuttosto risicato essendo gia' stato assaltato dal costo del volo.
L'ironia della cosa e' che nel periodo in cui tutto e' piu' caro viaggia la gente che puo' spendere meno.
Quindi si rivolge a M&S, ad altre situazioni come la nostra, gira sul web, contatta le case direttamente, si muove, raffronta i prezzi, ahorra el peso ecc....
Sia chiaro la mia non e' una critica ma semplicemente il racconto di un'esperienza che stiamo vivendo.
Mentre in altri periodi dell'anno viaggia gente che ti paga anche commissioni importanti senza battere ciglio, consapevole di spendere per avere una vacanza organizzata di tutto punto, alla clientela di luglio/agosto e' un problema anche solo chiedere poche decine di euro.
Poi magari, per voler fare di testa loro, si ritrovano le case prenotate occupate da altri o situazioni bel lontane da quelle per cui pensavano di aver pagato poco.
Quando non devono poi affidarsi al solito taxista chulo di turno.
Evito di fare riferimenti sulle regioni da cui proviene la maggior parte di questo tipo di turismo...non voglio alimentare inutili e sterili polemiche.
Alla fine ognuno e' dueno del proprio borsillo, anche se sarebbe saggio, a 9000 km da casa, evitare di lanciarsi all'avventura.
Essendo quello estivo un turismo di gente che, in pochi giorni, vuole visitare il maggior numero di posti possibili, stanno andando piuttosto bene i tour, non a caso Simone ha inserito nel sito una serie di proposte di vacanza itinerante in funzione dei giorni disponibili.
Il tour classico, come gia' vi avevo raccontato, e' quello Habana-Cienfuegos-Trinidad, magari se c'e' tempo con una disgressione verso Vinales...che e' dalla parte opposta, ma tutto si puo' fare.
C'e' chi vuole attraversare tutta Cuba, chi arriva a La Habana ma riparte da Hoguin, chi arriva direttamente a Santiago ecc....
Noi siamo a disposizione, oramai il meccanismo e' ben oliato; una mail e un whatsapp rappresentano il grosso del lavoro.
Poi la cosa puo' andare a buon fine o meno ma questo vale per ogni periodo dell'anno.....anche se in altri periodi la gente e' un tantino piu'...brillante.
Certo che, se uno di noi 2 fosse a Cuba con un carro per spostare i turisti....che vecchiaia che passeremo...

22 commenti:

  1. DA CUBAORA

    Incontrare quando meno te lo aspetti Enrique Iglesias: la magia dell’Havana sta anche in questo.

    In una normale giornata di inizio gennaio, quando la Capitale ancora sta smaltendo apparentemente sonnecchiosa gli ultimi flussi di turisti venuti a Cuba per festeggiare il Capdodanno, qualcosa di poco consueto sta succedendo nella calle Teniente Rey.
    L’11 gennaio 2017, a poche decine di metri dalla Plaza Vieja, che recentemente ha ritrovato il suo massimo splendore con la conclusione dei restauri dei palazzi che circondano il perimetro rettangolare, su un pullman rosso fuoco vedo ballare sul tetto a ritmi di salsa-regetton Enrique Iglesias, una delle star indiscusse della musica mondiale assieme al cantante cubano Descemer Bueno.
    I due cantanti ballano sulle note di “Subeme la Radio”, la canzone che sta spopolando anche in Italia in queste settimane e che si appresta a diventare con ogni probabilità l’hit dell’estate.
    La folla in delirio ma rispettosa del lavoro dell’artista e dello scarso servizio d’ordine segue da vicino le riprese del nuovo video mentre un drone sorvola le loro teste. Le case, alcune fatiscenti, e i loro proprietari vivono il loro momento di gloria, diventando la scenografia di un video che oggi conta su YouTube circa 317 milioni di visualizzazioni.
    Compito ben più arduo sarà invece quello di battere il record dello stesso Iglesias registrato con Bailando insieme allo stesso Descender Bueno e ad un altro straordinario fenomeno della musica cubana, il gruppo Gente de Zona, con il video che che conta addirittura 2 miliardi di visualizzazoni sul social network di Google.
    Intanto proprio ieri Enrique Iglesias, che pochi giorni fa ha compiuto 42 anni, ha tenuto un concerto straordinario a Bologna e stasera a Milano parte del suo «Sex and Love Tour». Pienone in entrambi i casi alla Unipol Arena di Casalecchio di Reno e al Mediolanum Forum di Assago. La star ha salutato con un Tweet il suo pubblico di Bologna.
    L’Havana è diventata negli ultimi due anni un set a cielo aperto, oltre alle pop star che hanno girato o fatto grandi concerti, anche le grandi major cinematografiche non hanno saputo resistere alla tentazione di una scenografia così suggestiva come quella della capitale cubana.

    RispondiElimina
  2. Nella serata di mercoledì, la città venezuelana di Socopó, nello stato Barinas, è diventata una delle "tendenze" delle reti sociali per un supposto massacro mai avvenuto.
    Alle dieci di sera (ora venezuelana), Freddy Superlano, deputato del partito d'estrema destra fondato dal golpista Leopoldo Lopez, Voluntad Popular, ha cominciato a twittare sulla presunta morte di otto persone da parte di "squadre della morte".
    La condivisione virale (oltre due mila in poco tempo) delle reti sociali hanno trasformato questa bufala in "notizia" senza nessuna foto, testimonianza. Niente.
    Socopó è un luogo di difficile accesso. A quasi 700 chilometri di Caracas, nella frontiera con lo stato montuoso di Merida. E Superlano ha continuato a scrivere su Twitter, alimentando la dose di panico per il "massacro in corso". Anche se parlava di "molti morti", "detonazioni con arma da fuoco", "corpi nelle strade", poi specificava: "Attendiamo conferma prima di riferire in modo veritiero."
    Al quinto twitt in meno di un'ora, Superlano ha incolpato l'intelligence dello Stato per il presunto orrore in corso. Addirittura, dopo aver scritto il numero delle vittime presunte, ha dato anche un hastag all'operazione del governo #OperaciónTunTunXLaPaz.
    Ma c'è di più, in seguito, sempre sulle reti sociali, il deputato ha segnalato come il comandante della Guardia Nacional Bolivariana (GNB), Antonio Benavides Torres, fosse nella città di 62 mila abitanti e che avesse attivato un piano di militarizzazione della zona. A partire da questa informazione falsa è aumentata la preoccupazione della popolazione e in alcune zone di Caracas gli oppositori al governo di Maduro sono tornati a manifestare.
    Dopo nove diversi twitt in cui parlava del massacro contro la popolazione, Superlano ne ha scritto un altro in cui affermava che atetndeva la conferma per i presunti fatti e non avrebbe scritto più.
    Ronald Aguilar, sindaco oppositore di Antonio José de Sucre, limitrofo a Socopó, ha scritto sempre sulle reti sociali come non ci fosse nessun ferito agli ospedali e ha invitato alla calma.
    Ma a partire delle informazioni del deputato dell'estrema destra è iniziato a circolare un audio in cui si ascoltava un uomo che stava nel mezzo di un attacco contro civili e parlava dell'orrore che stava vivendo. "Ci sono feriti, aiutateci per favore", gridava la voce mentre si ascoltava di sottofondo un pianto e grida di varie donne. Una in particolare si ascoltava. "Lo hanno ucciso".
    Dopo l'audio, è stato il turno di una foto a divenire virale sulle reti sociali. Una foto utilizzata in un articolo dal quotidiano spagnolo El Mundo in una sparatoria a Sinaloa e Nuevo Leon, in Messico, nel 2009. Chiaramente era la "prova" visiva del presunto eccidio a Socopó.
    'El Nacional', uno dei vari giornali in mano alla destra venezuelana, ha pubblicato la notizia falsa accompagnata dall'immagine del Messico del 2009.
    In seguito, scoperta la bufala, il quotidiano venezuelano ha eliminato la foto e cambiato il titolo.
    Il deputato del PSUV, Diosdado Cabello, la stessa notte di mercoledì ha smentito che fosse avvenuto un massacro nella zona. Ha spiegato come il comandante della GNB lo avesse informato che nella zona fosse morto un uomo, appartenente ad una banda criminale, che ha attaccato i militari che pattugliavano la zona. In seguito, Benavides ha pubblicato sul suo account Twitter la spiegazione della vicenda.
    Sempre nella notte di mercoledì, Benavides ha tenuto una conferenza stampa per informare sulla cifra dei feriti a Barinas e sull'arresto di 107 arresti per le violenze dei giorni passati. Una delle vittime è Miguel Ángel Bravo Ramírez, 25 anni, abitante di Socopó, che secondo il Ministerio Público è morto per l'impatto di due proiettili in mezzo ad una protesta dell'opposizione.

    RispondiElimina
  3. E' evidente che si muove ad agosto chi non puo' farlo in altri momenti dell'anno. Giuseppe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sopratutto le famiglie dove devono combaciare le ferie di entrambi i coniugi e la scuola dei figli.

      Elimina
  4. Gugu Marino
    Adi ma gli hotel dove li fanno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah non chiederlo a me, non sono esperto di Guanabo.

      Elimina
  5. Credo che in questo periodo storico il vero business sia il carro più che la casa. Lavorando bene parliamo di 2500 cuc al mese puliti.
    Simone M&S

    RispondiElimina
  6. Gia'....pensa solo coi tour che abbiamo da qua' ad agosto...

    RispondiElimina
  7. hola! a proposito di vacanze, domani parto per la habana del este solito giro solite cose ma è quello che voglio quindi ok.
    que viva el bollo cubano. chao Enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Azz....siete tutti in viaggio...e io a tirare il carretto...:-)
      Passala bene ci si aggiorna al rientro.

      Elimina
  8. ESTATE 2017
    Dalla prossima settimana possiamo dire che si entra fragorosamente nell'estate 2017.
    Il caldo, in effetti, sarebbe gia' da luglio.
    Sara' un'estate molto impegnata, non ho in programma viaggi o cose simili, preferisco, come e' noto, altri periodi.
    Alla fine la socia cubana spedisce a finire la casa a Camaguey il marito.
    Ha trovato un buon ingaggio come animadora cubana alle Cupole di Cavallermaggiore, ottimo salario e tutta l'estate impegnata.
    Quindi in palestra ci potremo contare poco o nulla.
    L'altro socio c'e' 3 sere la settimana quindi, insieme ad un istruttore, la sala pesi mi tocca quasi per intero.
    I corsi proseguiranno fino a fine giugno, alcuni anche a luglio.
    Agosto aperti anche se con orario ridotto.
    Comunque ci vedremo tutti 3 in settimana per definire l'estate e sopratutto l'impostazione della nuova stagione che partira' a settembre.
    M&S come scrivevo in questo post, dopo un paio di mesi sonnacchiosi, a fine maggio pare essersi ridestata, l'estate incombe, speriamo in bene.
    Dopo un anno di stop dovuto al ginnasyo, questo verano riprendero' l'animazione in un paio di piccoli campeggi in Liguria.
    Una cosa molto meno impegnativa che in passato, ma che va fatta bene.
    Visto che abbiamo definito i contratti in settimana c'e' da correre....
    Luglio e Agosto, non molti ragazzi, ma occorre muoversi perche' come dice Tiziano Ferro “L'estate e' tornata”.
    Poi ci sono gli allenamenti, gli amici, le partite, le donne, la casa, Birillo ecc....la vita di sempre.
    Estate in trincea, bene cosi'.

    RispondiElimina
  9. Graziano Griffone
    Come ti ho già detto è molto tempo che non frequento più il nord di cuba e comunque su questo argomento non sono molto informato. Ho una mezza idea dei prezzi a Tunas e Puerto Padre ma niente di preciso anche se mi interessa l'argomento ma visto che come straniero non posso comprare niente a Cuba non me ne sono occupato, se andrò a passarci la pensione vedrò dal vivo sul posto ma non potendo comprare non ci sto dietro alla cosa.

    RispondiElimina
  10. In settimana credo postero' qualcosa sul fatto di andare in pensione a Cuba.

    RispondiElimina
  11. Torino (4-3-3): Hart; De Silvestri, Rossettini, Moretti, Barreca; Acquah, Valdifiori, Baselli; Falque, Belotti, Boyé. A disp. Padelli, Castan, Carlao, Ajeti, Avelar, Molinaro, Benassi, Lukic, Obi, Gustafson, Iturbe. All. Mihajlovic

    Sassuolo (4-3-3): Consigli; Gazzola, Cannavaro, Acerbi, Peluso; Sensi, Magnanelli, Biondini; Berardi, Defrel, Politano. A disp. Pomini, Pegolo, Letschert, Antei, Lirola, Missiroli, Pellegrini, Aquilani, Mazzitelli, Matri, Iemmello, Ragusa. All. Di Francesco

    RispondiElimina