mercoledì 2 agosto 2017

M&S LUGLIO




Il mese di luglio e' passato.
Ancora agosto e termina il periodo in cui abbiamo a che fare con un tipo di clientela...particolare, che con Cuba e coi viaggi non ha molto a che vedere.
Siamo en baja temporada, dopo un giugno sonnacchioso luglio ha manifestato, per M&S CASA PARTICULAR CUBA un buon risveglio.
Risveglio che ha coinvolto gli italiani, abituati a fare tutto all'ultimo momento.
Nelle due ultime settimane di luglio sono arrivate molte richieste, alcune siamo riusciti a soddisfarle, altre no in quanto, per agosto, buona parte delle case sono sold out.
Varadero e Guanabo neanche a parlarne.
La clientela di questi periodi, tolte non molte eccezioni, come gia' vi avevo raccontato, ha risorse economiche limitate ma molte pretese, spende quello che puo' nel solo periodo dell'anno in cui riesce a staccarsi dal lavoro.
La richiesta spesso era quella di trovare case che non costassero troppo, nessuna casa di lusso ci e' stata richiesta in questi ultimi mesi, (eccezion fatta per una 2 giorni fa), questo e' un fattore indicativo, in inverno almeno 2/3 richieste al mese per case di quel tipo ci arrivano.
Molte richieste di tour, alcuni improbabili, altre richieste per uno o due giorni che sempre o quasi sempre lasciamo cadere.
Abbiamo soddisfatto diverse richieste di ragazze o donne che viaggiano da sole.
Non immaginate il solito rudere in cerca del big bamboo....abbiamo mandato in giro per Cuba delle gnagne da paura.
Ragazze molto ma molto ma molto carine che, da sole o in compagnia, stanno visitando la perla del Caribe.
Fra l'altro ottime clienti.
Si affidano a noi per tutto, pagano senza fare storie e sono entusiaste di affrontare questa loro estate on the road.
Davvero il turismo sull'ìsola e' in fase di grosso cambiamento.
Poi ci sono i fenomeni....certo....
Un tipo di Catanzaro mi chiede una casa di Guanabo che costa 45 al giorno ma mi dice che vuole spendere al massimo 25.
La mia risposta.....Port au Prince.
Un altro mi chiede un cuarto per 2 giorni a Cienfuegos ma specifica che dovrei presentargli un ventaglio di possibilita' che poi lui, eventualmente, sceglie.
Due giorni......Port au Prince.
Un'altra mi chiede 3 cuarti per dicembre ma specifica che e' solo un esperimento per vedere come funziona il sistema.
Port au Prince...
Insomma, come in ogni altro settore del vivere comune....e' pieno di pazzi, di perdigiorno col problema di tirare sera.
Port au Prince.
Sono perdutamente innamorato degli svizzeri.
Fanno la loro richiesta, dettagliata e precisa, tu gli fai delle buone proposte trovando delle case ottime per le loro esigenze, pagano senza battere ciglio subitissimo, e ti ringraziano piu' volte per aver risolto loro il problema.
Gran paese la Sfizzera!
La percentuale di transazioni andate a buon fine in rapporto dalla provenienza etnica dei clienti ci racconta che il 90% sono del nord Italia.
Non so come mai, nessuno ci legga cio' che non scrivo, ma con i potenziali clienti del sud Italia c'e' sempre qualche problema.....non e' una nostra opinione ma un dato di fatto.
Forse viaggiano di meno, forse pagare una commissione....non rientra nelle loro corde, forse....non saprei.
In questa estate indaffaratissima, con Simone facciamo mezza settimana a testa, io me ne occupo quando sono in Piemonte, appena scendo in Riviera ci pensa lui.
Abbiamo eliminato un paio di case dove i nostri clienti ci avevano segnalato qualche disservizio e ne abbiamo inserite alcune davvero da urlo.
L'asticella si e' alzata, sotto i 30 cuc al giorno, commissione esclusa, praticamente non prendiamo in considerazione case nella capitale.
Se si vendono a meno....c'e' qualche problema, problema che lasciamo risolvere ad altri.
Giusto per capirci abbiamo sistemato un cliente in una casa da sogno en plaza vieja, a 150 cuc al giorno per una settimana.
La casa e' quella che vedete nel link sotto il post, e' di un italiano, 150/170 al giorno esclusa la nostra commissione, pagamento anticipato dell' intera cifra tramite bonifico e in caso di rinuncia 15% trattenuto per il disturbo.
Prendere o lasciare, anche questa e' l'Avana oggi.
Simone mi ha presentato il bilancio economico da gennaio ad oggi, diciamo senza entrare nei dettagli che ogni mese, a testa, salta fuori volendo uno di quei voli barati che ho preso per la isla a marzo....non male....per ora.
Parliamo di un qualcosa che, in questi mesi, per me e' un terzo “lavoro” fatto inviando qualche mail.
Vediamo agosto come va, la temporada baja e' entrata nella sua ultima fase.
Per fortuna.
Oggi fine alle 14 in palestra e poi via dalla canicola, destinazione mare...a lavorare. 

M&S CASA PARTICULAR HA AGGIUNTO UNA CASA

40 commenti:

  1. Il Tribunale Supremo di Giustizia venezuelano ha revocato gli arresti domiciliari e deciso per il ritorno al carcere degli oppositori Leopoldo López e Antonio Ledezma per "non aver adempiuto alle condizioni imposte affinché si mantenessero gli arresti domiciliari".
    Il passato 31 luglio, due tribunali di controllo a Caracas, hanno revocato le misure concesse a entrambi dopo aver accertato il non rispetto delle condizioni imposte dalla giustizia per l'ottenimento degli arresti domiciliari.
    Inoltre, secondo informazioni dell'intelligence venezuelana, entrambi gli oppositori avevano un piano di fuga "per il quale e con l'urgenza del caso si sono immediatamente attivati i procedimenti corrispondenti", ha dichiarato il Tribunale Supremo di Giustizia in un comunicato.
    Secondo il Tribunale Supremo di Giustizia, le condizioni imposte a Lopez non gli permettevano di realizzare nessun tipo di proselitismo politico a causa della sua sentenza che prevede la "squalifica politica".
    Lopez ha, al contrario, attraverso le reti sociali non riconosciuto il governo di Nicolás Maduro e il risultato delle passate elezioni per l'Assemblea nazionale Costituente.
    Nel caso di Ledezma, il Tribunale aveva imposto come condizioni l'obbligo di astenersi da emettere dichiarazioni su qualunque mezzo, condizione che non ha rispettato, e per questo le sono state revocati gli arresti domicialiari.
    Uno dei mediatori del governo con l'opposizione, Jorge Rodriguez, ha spiegato in una conferenza stampa dello scorso lunedì che Leopoldo López si era formalmente impegnato alla pace per ottenere gli arresti domiciliari. "Fu l'unica cosa che gli hanno chiesto. Non mantiene la parola. E' un essere umano senza onore", ha affermato Rodríguez.
    Secondo quest'ultimo, la rottura dell'impegno con la Commissione Verità, organo creato da Maduro per investigare sui crimini commessi durante le violenze dell'opposizione e aprire un dialogo con quest'ultima, si deve ad una diatriba interna con il dirigente oppositore radicale Henrique Capriles Radonski. "Tra Leopoldo Lopez e Capriles c'è una lotta molto forte, e se Lopeza avesse mantenuto la sua parola e avesse invocato un percorso di pace come promesso, Capriles lo avrebbe definito un traditore e sarebbe stato lui ad appropriarsi del bottino della violenza dell'opposizione", ha concluso Rodriguez.

    RispondiElimina
  2. Sottoposto da giorni a una gragnuola di colpi sotto la cintura da parte di Macron (con Renzi che ogni tanto dà la sua coltellatina “amichevole”), il povero Paolo Gentiloni non ha trovato di meglio che fare il duro con Maduro. Queste le sue parole riportate dall’ Ansa, dopo un’intervista al Tg5:

    “In Venezuela c’è una situazione al limite della guerra civile e di un regime dittatoriale. Una realtà che non riconosceremo: non riconosceremo l’assemblea costituente voluta da Maduro”. “Ricordiamo che ci sono 130mila italo venezuelani in condizioni molto precarie. Ci muoviamo dunque sul piano diplomatico e su quello della difesa dei nostri connazionali“.

    Il presidente del consiglio conto terzi, di uno Stato che “riconosce” cani e porci, che fa affari con monarchie assolute che non ammettono alcun partito politico, nessun Parlamento, nessuna opposizione, nessuna Costituzione, ecc (l’elenco è lungo, ma basta cominciare dal Golfo Persico), riesce a dire che “non riconoscerà” un’Assemblea Costituente votata nonostante l’”opposizione democratica” abbia dato fondo a tutte le violenze possibili per impedirla.
    Un’Assemblea Costituente, come quella italiana del dopoguerra, per riscrivere la Costituzione insieme a tutti quelli che ne vogliono discutere (nessuno era espluso dalla partita, la destra golpista – semplicemente – no scelto il “non voto” (come si vede, non sempre “l’astensionismo attivo” è “rivoluzionario”; dipende…).

    Pensate a cosa sarebbe successo, qui in Italia, se un gruppo di poliziotti in motocicletta fosse stato colpito con una granata messa in attesa del loro passaggio. Con gli attentatori al lato della strada che filmano l’esplosione e poi si mettono a festeggiare…

    Prima di lasciare andare la fantasia, pensate a Minniti e al “decoro urbano”… poi scatenatevi pure!

    RispondiElimina
  3. Non posso fare altro che confermare.
    La poca conoscenza della rete (Frassica dopo il TG che ci spiega ogni sera il funzionamento di internet dice tutto) porta alla diffidenza. Tutti i clienti stranieri (esclusi i cubani e gli spagnoli) non hanno mai creato problemi. Vuoi un servizio adeguato, lo paghi adeguatamente. Metodo di pagamento elettronico. Cazzo siamo nel 2017...

    Simone M&S

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema e' che chi viaggia poco e male e' convinto che per il poco che paga...tutto sia dovuto.
      Comunque un buon luglio tutto sommato

      Elimina
  4. OT. Ieri passaggio al consolato cubano a Milano per le pratiche che (si spera) porteranno me e la mia famiglia ad avere RP e trasferirci a Cuba entro qualche mese.

    Arriviamo alle 9.10.
    Ci viene assegnato il numero giallo 12.
    Alle 9.40 siamo ancora al numero giallo 1.
    Temperatura nel salone di circa 40 gradi. Finestre chiuse. Odori tipo guagua.
    Alle 10.00 siamo al numero giallo 2.
    Hanno aperto i finestroni. Ora la temperatura è scesa a 38 gradi. Ventagli in mano alle mami che viaggiano a più non posso.
    Mi figlia si sta scocciando. La cubanita anche.
    Decido di prendere la piccola e scendere a bermi un caffè.

    Già che ci sono entro in un paio di agenzie di pratiche cubane a poca distanza per fare qualche domanda.
    Mi spiegano tutto. Mi danno i papeles. Chiaramente il biglietto da visita per i successivi servizi di traduzione/legalizzazione dei documenti.

    Sono le 10.30. Chiamo la cubanita. A che numero siamo? Al 2...
    Scendi amore, ho risolto tutto in 10 minuti.

    Tutto il mondo è paese.

    Simone M&S

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con Cuba di mezzo...le scorciatoie sono d'obbligo.

      Elimina
  5. Milco tu operi nel turismo, sai bene che a luglio e agosto viaggia un certo tipo di turista. Giuseppe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dirlo a me.....
      Pero' pensavo che richieste di essere messi in 4 in una camera a Cuba me le sarei risparmiate.
      Forse fa bene Airbnb a far pagare a persona...

      Elimina
  6. hola! Difficile accontentare "turisti" itagliani con relativi budget balcanici frutto della latrina in cui viviamo. Infatti quelli dei paesi veri come la svizzera non danno problemi. Sulle turiste sessuali orami il vecchio mito delle obese bianche è passato, ora il target sono ragazze/donne in forma e con soldi. In merito conosco istruttrice di fitness ( 37enne ) che è solita farsi un paio di mesi all'anno da turista in brasile zona bahia con una regola: massimo 25 anni minimo 20 cm .... Anche a Cuba ultimamente vedo donne di questo target accompagnate da negrones fuertes. D'altronde un pò per uno jajajaja chao Enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho mandato a Varadero una delle più gettonate star del Burlesque...

      Elimina
  7. per Simone: quindi stai per fare il grande passo? nel caso , visto che bazzicherai la zona de la capital, ci incontreremo per una obama ( visto che quelle nazionali sono in estinzione). Enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Enrico. Ormai siamo partiti. Burocrazia con i suoi tempi, acquisto casa, avviamento attività. Ci vorrà un po', ma ormai il dado è tratto. Lascio con soddisfazione Renzi, Berlusconi ed Equitalia...
      Simone M&S

      Elimina
  8. Complimenti per la vostra attività.
    Tra qualche mesetto, forse un anno, anche io ho in ballo una cosetta con la mia casa cubana. Vediamo che succede però con questa faccenda del blocco delle licenze per le nuove casas particulares e altre attività. Forse momentaneo..voi sapete di piu a riguardo?saluti a tutti
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non leggere troppo in giro....a Tunas continuano a dare licenze senza problemi

      Elimina
  9. Riguardo la residenza Simone, che ti hanno detto al consolato? È obbligatorio iscriversi all'Aire? A me hanno dato info molto discordanti. Chi dice che è obbligatorio (compresa la cancellazione al proprio comune italiano di residenza) chi dice di no.
    Vale

    RispondiElimina
  10. Non credo obbligatorio. In ogni caso io la farò. Serve per farsi rilasciare dalla propria ambasciata duplicati di documenti, certificati...
    Simone M&S

    RispondiElimina
  11. Riguardo il blocco penso sia vero (anche se spero di no), perché pare sia stato publicato sulla geceta oficial. Lo hanno dato come momentaneo e sto cercando di capirci qualcosa in più. Riguardo l'Aire ok, anche se poi col comune italiano dove si risiede come ci si comporta, anche a livello burocratico o di tasse..non so anche qui bisognerà informarsi bene. Grazie mille per le risposte.
    Vale

    RispondiElimina
  12. Come hanno potuto constatare alcuni vips, o presunti tali, la legge italiana in materia e' piuttosto chiara.
    Non puoi risiedere in 2 luoghi.
    Se risiedi a Cuba e lo comunichi al tuo comune, di fatto, non sei piu' risiedente nel nostro paese, con onori ed oneri che questo comporta.
    Quindi l'iscrizione all'Aire e' obbligatoria.
    Detto questo, vista la lacunosita' dei rapporti e delle informazioni, in ogni settore, fra Italia e Cuba non conosco nessun italiano con RP a Las Tunas che abbia rinunciato alla residenza italiana.
    Questa mia, sia chiaro, non e' istigazione a deliquere....giusto per capirci.

    RispondiElimina
  13. milco secondo me non li vale 150 a notte.....ma se glili danno è giusto che chieda cosi tanto...piuttosto vado al cayo barra abierta e x 2 persone spendo molto meno....e c'è mare e piscina..sarà che a me la habana no me gusta....saluti

    RispondiElimina
  14. Mah....se calcoli i prezzi ďi certi hotel....il prezzo ci può stare.
    Tieni conto della location unica al mondo.
    Paghi anche quella...

    RispondiElimina
  15. da Livio
    scusa Milco ma non voglio fare polemica ma certo che astio contro gli yumas con poco budget, non me lo sarei aspettato da chi ha sempre battuto il campo dell'oriente cubano per risparmiare ( come tutti io compreso ) e se non sbaglio soggiorni anche in casa con la famiglia cubana a cui hai comprato la particular. Personalmente ho fatto cuba dal 1996 al 2002 sempre zona orientale quando il campo era molto duro, invitai varie volte una ragazza di manatì la provincia tunera la conoscevo bene, poi con più disponibilità ho cambiato meta e faccio qualche mese a maceiò nord est brasile. Insomma cuba si sceglieva e sceglie soprattutto per il lato economico

    RispondiElimina
  16. Ciao Livio
    Nessun astio ci mancherebbe....quello eventualmente è per la vita reale....qua'ci stiamo solo divertendo.
    Se vado al ristorante coi soldi per il branzino devo ordinare il branzino....se voglio l'aragosta quei soldi non bastano.
    Infatti nel oriente cubano ho vissuto e speso in conformita con le mie tasche senza pretendere di più
    Vivo in una casa cubana. ...di una famiglia a cui ho comprato casa cambiando la loro vita.
    Di quale risparmio parli?

    RispondiElimina
  17. beh risparmio rispetto a la havana che già nel 1997 era carissima, mi ricordo in disco havana club ultimo piano hotel comodoro le bottiglie di spumante al tavolo a 100 dollari quando a las tunas non c'era un apagon ogni ora, ci si muoveva en camion e si beveva el pru. Poi hai ragione se uno ti chiede la casa singola per 20 cuc quando costa 35 che cambi località, ma se si tira il prezzo per 5 cuc non colpevolizziamoli troppo, purtroppo la situazione andrà sempre a peggiorare nel ns paese soprattutto per i giovani che avranno redditi sempre inferiori ai nostri.
    Noi siamo sati fortunati, ti fa onore avere cambiato la vita ad una famiglia a cui tenevi, non critico nessuno ognuno fa quello che vuole a cuba per l'epoca spesi molto anche io. lo yuma sarà sempre visto come bancomat non ne usciamo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da Livio - ho dimeticato la firma

      Elimina
    2. Prima una domanda.
      Sei il Livio, amico mio, leccese che ha ristoranti nella Sfizzera francese EX AMICO di Cocoloco?
      Qua' non parliamo di 5 cuc....che comunque non dipendono da noi ma dalla casa, ma di gente che vuole pagare 25 cio' che costa 45.
      Ognuno e' dueno del proprio borsillo e la cosa non e' sindacabile ma occorre appunto fare una vacanza in sintonia con quanto si puo' spendere.
      Una precisazione io frequento l'oriente cubano non il campo cubano dove, in 17 anni, avro' trascorso 4/5 giorni in tutto.
      Ti dico anche che oggi una serata in disco a Las Tunas, con....annessi e connessi...ti costa maomeno quello che ti costerebbe a La Habana.
      I tempi sono cambiati amico mio...

      Elimina
    3. no sono un pensionato che si alterna tra nord est brasile e veneto. Leggo il blog mi piace come scrivi, sei sincero. Ho frequentato cuba dal 1996 al 2002 all'epoca e come dicono anche adesso quello che era fuori da la havana era campo. Oggi conosco ancora persone che lo bazzicano per mesi zona holguin e camaguey e la differenza con la capitale c'è ancora molta e non parlo di discoteche. All'epoca il campo lo frequantai veramente visto che la mia ragazza era di manatì. Io invece ho scelto maceiò ma mi piacerebbe vedere come è cambiata la cosa, se vuoi facciamo uno scambio io un mese a las tunas e tu uno a maceiò che ne dici?

      Elimina
    4. Dal 2002 ad oggi parliamo di due Cuba competamente diverse.
      Per lo scambio....fose ci rimetti tu... :-)

      Elimina
    5. Livio
      si me lo dicono e descrivono gli amici che stanno per mesi però per cambiare aria non sarebbe male. Maceiò ultimamente a livello di favellas si è fatta molto violenta ma nelle zone decenti merita ancora, certo bisogna sapersi muovere come in ogni luogo del mondo. La havana mi ha sempre affascinato e vorrei ritornarci. Ma per curiosità leggendo i commenti sotto, cosa sta succendendo a le casas particular? mi ricordo che nel 1996 fui uno tra i primi a sperimentarle

      Elimina
    6. Nulla di che....sono un po più rigidi con le licenze in generale ma....dura poco.

      Elimina
  18. Dev'essere successo qualcosa il governò cubano sta facendo piazza pulita dei residenti a l avana, ti terrò informato si parla di case con soldi illeciti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto e' possobile, ti dico che se fanno un po' di piazza pultia non sarebbe neanche male.

      Elimina
  19. Si parla di case comprare con soldi no ai sa dove arrivano zio canon

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aleardo da Choggia se vuoi fare post sul mio blog falli prima del quinto spriz altrimenti li capisci solo tu.

      Elimina
  20. POSTO QUESTO COMMENTO APPARSO SU UN FORUM ( oquello che ne resta) da parte di un utente storico al suo millesimo nick....:-)

    Dice profonde verita', magari in italiano avventuroso, magari con un uso sparagnino elle virgole ma...ci puo' stare....

    "
    Italiani a Cuba: a Cuba i poveri, in Italia i poveracci

    Messaggioda Oigo » oggi, 9:44
    Sempre più interessante questo gruppo degli italiani a Cuba dove leggo di cose che in così tanti anni mai avevo capito prima di adesso e che mi aprono l’orizzonte a nuove riflessioni che nemmeno quelle di Fidel erano tante e così squisite. Leggo che ci sta qualcuno che è andato a Cuba e si è reso conto che i cubani sono poveri e che quando fanno festa e ci riempiono la mesa di lattine di bucanero spesso ci sta qualche d’uno della famiglia al esterior che manda i soldini e che nel campo cosa que poi io conosco bene perché e li che ci vivo il cubano vive con pochissimi pesos. Adesso lo so che sbaglio a essere bacchettatore propio io che in altro post scrivo che non capisco perché gli italiani si in sultano così tanto ma lo dico veramente con gentilezza che non è che ci vuole molto a capirlo e uno che parte già lo sa che va in un paese povero però è pure vero che se li stanno i poveri di qua ci stanno i poveracci che sono quelli che si fanno le guerre per stupidaggini o ci fanno la guerra a uno per invidia o perché hanno una vita vuota. Tanti che cianno la vita vuota la riempiono su un forum o su facebook così che si danno d’importanza ma poi alla fine vai a scavarci dentro e vedi che sono solo gente sola che si crea il diversivo e spesso non sa nemmeno bene quello di cui parla. Ci sta gente che crea gruppi sulla cucina oppure sugli animali e diventa ammin istratore così che si può masturbare con queste cariche onnipotenti che tanto nessuno lo scopre che sono poveracci e lo stesso vedo che è con Cuba e questo gruppo di italiani a Cuba. Brutto dirlo ma leggo questo nuovo gruppo degli italiani a Cuba e capisco che in molti qua scrivono pure lì e ci vedo toni maligni ma io dico perché? Ma non state capaci di farvi due risate in pace col mondo parlando in modo sano della bella isola di Cuba oppure che siete davvero così tanto sfortunati? Lo dico perché sarebbe bello leggere le cose in pace e istruttive e io per questo ero venuto qui anche se Cuba la potrei raccontare da occhi chiusi dopo oltre 20 anni da residente ma dico io uno che non sa nulla e viene qui legge poi alla fine solo insulti e alla fine prende e cambia aria. Che a me mi fa la stessa tristezza andare a interessarsi se uno fa il pescivendolo a Lucca ugualmente come scrivere un post di chilometri dicendo che vende le fiale e scrivendo su due distinti forum che poi sono uguali e dove ci partecipano le stesse persone, ma io dico che qualcosa non funziona nel benessere delle persone. Io non sono nessuno nella vita e non ho aperto ristoranti a Cuba né trombato 800 donne come dice qualche poveretto reuccio dei poveri ma la vita l’ho sempre presa col sorriso anche quando le lacrime da buttare erano troppe. Se qualche d’uno dice che questo forum è stato abbandonato e non più seguito perché bisogna farci il gossip per tenerlo in vita allora forse che la ragione sta nel fatto che c’è troppa cattiveria e insoddisfazione personale e troppa gente che si da la valutazione superiore a se stessa di quello che vale davvero, che forse questa è la ragione se è vero quello che ho capito, per cui tanti da qui hanno preso a scrivere in questo gruppo facebook, dove ci sta più gente e quindi il numero degli utenti più grande permette di offendere a più persone. Io credo che davvero si tratta di uomini davvero piccoli piccoli che hanno trascinato una cosa bella nel fango e quando il fango ci inzozza poi non lo si toglie più."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un altro fenomeno insomma,uno dei tanti.paolino.

      Elimina
    2. Comunque sul fatto che il web sia infestato da sfigati con la bava alla bocca ha ragione

      Elimina
  21. Il sms e qui stanno facendo piazza pulita degli italiani che comprano casa, era ora si svegliassero a casa tutti zio ladron

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Informati meglio.
      Staranno stringendo la vite sui prestanome non su chi, con RP, acquista legalmente casa.

      Elimina
  22. Buongiorno, solo per curiosità, quanti giorni all'anno viene occupato mediamente un appartamento da affittare?
    Grazie.
    LucaTS

    RispondiElimina
  23. Nei quartieri buoni della capitale anche 20/25 giorni al mese.
    Altrove meno

    RispondiElimina