mercoledì 23 agosto 2017

SINISTRA E DESTRA





Parlare di Cuba sul web e' faticoso.
C'e' sempre lo sfigato di turno, appostato in rete 24 ore al giorno, senza donna, amici o lavoro pronto ad archiviare nel suo medaio virtuale ogni cosa che scrivi, ogni foto che posti.
Gente che, non avendo vere guerre da combattere nella vita reale vive di guerre finte, finta credibilità, finta vita.
Alcuni sono pronti a dare del sinistroso a chiunque cerchi di parlare, non dico bene, ma almeno con una certa obiettivita' della situazione cubana.
Personalmente, pure essendo un sinistroso (mai pentito), posso tranquillamente rimandare al mittente ogni discussione riguardante questo argomento.
Nato in una famiglia Comunista, cresciuto nel mondo delle palestre di arti marziali, noti ambienti destroidi, frequentatore, ateo, della parrocchia alla caccia di un pallone da rincorrere o una ragazzetta alla quale ficcare la lingua in bocca.
Non mi sono fatto mancare nulla.
Prima volta a Cuba a 38 anni, dopo aver visto gia' tanto mondo per la natura del mio lavoro e avere “conosciuto” piu' donne di quanti un umano ne veda camminare in tutta la sua vita.
Quindi con me, il discorso di destra e sinistra non attacca proprio.
Ho adorato per decenni Gaber, mi sono staccato da lui verso la fine del suo percorso, quando pubblico' “Cos'e' la destra, cos'e' la sinistra”, mi sembrava un inno al qualunquismo che da lui non mi sarei aspettato.
Era come mettere sullo stesso piano situazioni che, storicamente, hanno viaggiato sempre in senso opposto.
A distanza di lustri.....aveva ragione Gaber, oggi davvero si puo' cantare quella canzone senza sbagliarsi.
Che differenza c'e' fra Renzi e Alfano?
Cos'e' la destra e cos'e la sinistra....nel 2017?
Se parliamo poi di Cuba, devo citare un brano del libro, oramai datato, di Goracci “Ad est dell'Avana”
Goracci, mentre viveva la sua esperienza di skipper a Guardalavaca, scriveva che, se arrivavi a Cuba con idee sinistrorse, vedevi la sanita' e la scuola gratis, la libreta e tutto il resto, tornavi a casa con le tue idee ancora di piu' rafforzate.
Se arrivavi...da destra vedevi i salari bassissimi, i negozi con poca mercanzia, il classico ingegnere che faceva il taxista (ma quanti ce ne sono, visto che tutti ne hanno almeno incontrato uno?) e tornavi a casa sempre piu' convinto che il Comunismo fosse una brutta bestia.
Poi magari sia il sinistroso che il destroso....il troione sul Malecon lo tiravano su...in qualche modo.
Il primo avrebbe raccontato che si trattava di un esperimento per vedere se la becera campagna di controinformazione della destra era vera, il secondo avrebbe detto che, si....il Comunismo e' una merda ma....ha comunque un suo perche'.
Alla fine tutti tornavano a casa piu' convinti di quando erano arrivati.
Sbarcai per la prima volta a Cuba con gia' tanto mondo addosso, avevo imparato che si e' sempre i terroni di qualcuno e che la politica raramente mette in primo piano le esigenze della gente.
Quindi non mi sorpresi, in positivo o in negativo, di nulla.
Capisco poco chi continua ad hablar mierda su Cuba quando e' sull'isola oppure bivacca sul cubano.
Se un posto mi fa cagare, non lo frequento ne dal vivo ne virtualmente, ma e' anche vero che io possiedo differenti modi di far passare la giornata.
Capisco ancora meno chi consente a certa basura di approdare nei propri lidi, ma ogni testa e' davvero un piccolo mondo.
Quindi, amici miei, quando andate a Cuba lasciate perdere destra e sinistra, pensate a divertirvi, non fatevi mancare nulla ma non mancate mai di apprezzare la piu' bella terra su cui occhio umano si sia mai posato.
Lo diceva Cristoforo Colombo che proprio un pirla non era....

M&S CASA PARTICULAR HA AGGIUNTO UNA CASA

25 commenti:

  1. Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha dichiarato in una conferenza stampa con i media internazionali che «il governo degli Stati Uniti ha minacciato il Venezuela per imporre i suoi obiettivi (…) si tratta una violazione della Costituzione e dei trattati che abbiamo con gli Stati Uniti dove è vietato usare minacce nelle relazioni bilaterali».



    Inoltre, il presidente ha ribadito di sostenere il dialogo per la civiltà, perché questo è il fulcro della Rivoluzione Bolivariana e perché "siamo attualmente al momento peggiore con gli Stati Uniti a causa del presidente Donald Trump che non ha stabilito un dialogo efficace per la cooperazione tra entrambi i popoli».



    Maduro ha dichiarato che invierà una lettera a Trump per chiedere un dialogo rispettoso tra i due paesi. «Ho intenzione di inviare una lettera al Trump molto presto, perché sono sicuro che se la legge con un po 'di buona volontà molto può cambiare in meglio e possiamo cancellare tensioni, conflitti e problemi che danneggeranno entrambi i popoli».



    D’altra parte ha denunciato che le agenzie di intelligence statunitensi finanziano tre gruppi golpisti per la destabilizzazione del Venezuela.
    «C’è una cospirazione permanente da Miami diretta contro il Venezuela. Tutti i catturati per l'attacco contro Fort Paramacay (il 6 agosto) hanno confessato e sappiamo chi li finanzia e i loro legami. Un altro gruppo è collegato ai vecchi militari golpisti del 2002, che fuggirono dal paese. Un altro gruppo ancora è il cosiddetto ‘golpe azul’, che cerca di fare rumore nonostante la maggior parte dei membri siano imprigionati. Questi gruppi sono finanziati dagli Stati Uniti con molto denaro, ma la FANB ha sviluppato una strategia antigolpe molto efficace», ha spiegato Maduro.
    Richiesta di cattura per l’ex procuratrice Ortega Díaz
    Nicolás Maduro ha dichiarato che verrà spiccata una richiesta di cattura all’Interpol per l’ex procuratrice Luisa Ortega e suo marito Germán Ferrer, attualmente latitanti dopo la denuncia per aver commesso diversi reati attraverso una rete di estorsione e corruzione che operava dal Ministerio Público (Fiscalía).
    Maduro ha denunciato che l’ex procuratrice Ortega Díaz lavorava per gli Stati Uniti per colpire il Venezuela, assicurando che presto saranno presentate delle prove inconfutabili.

    RispondiElimina
  2. «Questo perché gli Stati Uniti sono riusciti a ricattare suo marito, Germán Ferrer, quando hanno scoperto che possedeva milioni di dollari in conti nei paradisi fiscali di tutto il mondo. Luisa Ortega non ha agito correttamente davanti all’evidente colpo di Stato degli ultimi mesi perché era già compromessa, in bancarotta morale».
    Il presidente ha indicato che il sostegno dei governi del Brasile e della Colombia all'ex procuratrice risponde al loro appoggio alla destabilizzazione del Venezuela. «Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei: vai con l'oligarchia colombiana e i golpisti brasiliani», questo il messaggio di Maduro a Ortega Diaz, che è fuggita in Colombia e per poi trasferirsi in Brasile.
    Ha ribadito che i governi dell'Argentina, del Brasile e del Paraguay (la triplice alleanza del Mercosur) attaccano il Venezuela per espellere illegalmente la nazione sudamericana da questo meccanismo di integrazione regionale.
    Il sostegno del Papa al dialogo
    Il presidente Maduro ha chiesto che Papa Francesco continui a sostenere il processo di dialogo con l'opposizione venezuelana e che non permetta agli Stati Uniti di realizzare le minacce di un intervento militare nel paese sudamericano.
    «Io, chiedo a Papa Francesco di aiutarci. Siamo vittime, noi venezuelani, delle stesse persone che attaccano il popolo argentino. Che il Papa ci aiuti per un dialogo rispettoso, per la verità, per aiutarci a impedire che Trump lanci le sue truppe contro il Venezuela. Chiedo aiuto al Papa per la minaccia militare degli Stati Uniti», ha esclamato Maduro.
    Non consegneremo il potere all’oligarchia e l’imperialismo
    Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, ha poi dichiarato che in nessuna circostanza tradirà la Rivoluzione Bolivariana e non darà mai il potere a chi ha storicamente aggredito il popolo venezuelano.



    «Siamo qui in piedi. Non abbiamo consegnato e non consegneremo il potere all'oligarchia o all'imperialismo, affinché vengano a distruggere il nostro popolo».

    RispondiElimina
  3. Destra e sinistra,in Italia, sono oramai 2 barzellette inutili. Giuseppe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un peccato perché senza un'idea rimane il nulla.

      Elimina
  4. hola! sono d'accordo, la politica è solo una questionde di comodo vendersi come comunista o fascista ad oggi è totalmente anacronistico. Certo che anche su questo tema i coglionazzi che notavo en la isla con la maglietta de guevara o con quella dell'aquila fascista erano sempre itagliani. chao Enrico

    RispondiElimina
  5. È gravissimo che nel nostro paese passi la tesi che la politica sia una cosa sporca.
    Dall'antica Grecia avremo dovuto imparare ben altre cose....

    RispondiElimina
  6. Ma già da anni in tutto il mondo ormai la politica è presa come una cosa sporca che non fa mai gli interessi del pueblo,ormai siamo tutti distaccati e subiamo le conseguenze,Cuba o Italia che sia,altro che punti di riferimento.cosi la faccenda.paolino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh...nel nord Europa e nel mondo anglosassone e' ancora una cosa seria.
      Se un politico va al cinema, paga con la visa....aziendale e viene cuzzato poi si dimette chiedendo scusa.
      Da noi neanche se il cinema se lo ruba...

      Elimina
    2. Ma non ci sono più gli ideali poliici o i personaggi storici di tanti anni fa insomma,la gente non ci crede più,teniamo conto che nelle epoche differenti cambia un po' tutto insomma nel mondo ,è anche una cosa normale che cambia la faccenda.paolino.

      Elimina
    3. Quando finiscono i cavalli tocca trottare ai ronzini....

      Elimina
    4. Gli anni passano e il mondo e l uomo cambia,un fatto di epoche,anche se certamente i cavalli mancano.paolino.

      Elimina
  7. Ho nostalgia per il mondo bipolare di prima.
    Con le due superpotenze che controllavano ciascuno mezzo mondo si era tutti piu' sicuri.
    Ognuno dei due paesi sapeva che se pigiava il pulsante rosso avrebbe distrutto l'altro ma allo stesso tempo si sarebbe condannato alla distruzione.
    Anche in Europa la Germania viaggiava piu' schiscia coi sovietici al confine che presidiavano la DDR.
    Ora invece e' tutto un viaggiare di schegge impazzite fuori da qualunque controllo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che la pensino come te sicuro qualche milione di russi e di abitanti dell'est Europa e forse se ci riflettessero meglio ne converrebbero anche molti europei occidentali ,resto dell'idea che Gorbaciov sia stato per il mondo una iattura simile a una pestilenza o epidemia di spagnola,ma tant'è ...
      Ciao ciao
      Andrea M.

      Elimina
    2. Non a caso si parla sempre piu' spesso di Ostalghia di molti cittadini della Germania Est, trattati come cittadini di serie B, che rimpiangono la gloriosa DDR.
      Fidel a Gorbaciov lo sgamo' in 5 minuti.

      Elimina
  8. Anche io nato e cresciuto in famiglia 'comunista' ,devo ammettere che per un periodo della mia vita fui a differenza tua Milco comunista deluso salvo poi con gli anni(ahimè )capire che l'idea resta valida e che a deludermi sono stati gli uomini che avrebbero dovuto applicarla ed invece hanno pensato ad altro...ecco avendo conosciuta Cuba (Cuba de la calle non quella degli all inclusive che avevo conosciuto in 'altra mia vita)più o meno alla tua stessa età e quindi con le suddette convinzioni già maturate ho sempre guardato alla realtà dell'Isla in maniera disincantata,tutto poteva essere fatto meglio ovviamente (ma gli errori enormi mi pare li ammise a più riprese anche il Comandante en Jefe)ma tutto ,viste le realtà di Haiti ed altre(ho prestato li servizio per 3mesi ed insomma...inferno sulla terra ...) ,poteva essere fatto tremendamente peggio,credo che qualunque sia idea politica di ognuno di noi se si ha un minimo di onestà intellettuale si debba riconoscere come a Cuba nessuno e dico nessuno viene lasciato indietro e questo è tanta ma tanta roba se pensi che a tutt'oggi agosto 2017 in un paese dalle risorse sconfinate come il Brasile mi raccontava un collega ci sono bimbi che muoiono di dissenteria ...dissenteria amici...non una qualche rara malattia tropicale,alla fine Milco il consiglio giusto lo hai dato tu dicendo di lasciare a casa ogni pregiudizio e visitare una terra 'particolare' che se si ama si amerà per sempre e se là si odia amen ci sono milioni di altri posti ...o no?
    Bah forse ho sproloquiato e mi scuso,effetto credo del turno notturno e di una notte stranamente tranquilla,almeno ho il piacere di essere il primo ad auguraVi buon giorno
    Andrea M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido in pieno,ottima analisi,ce ne fossero di Cuba in tutto il centro sud America.paolino.

      Elimina
    2. Cuba ha fatto quello che ha potuto, sicuramente non quelle che avrebbe voluto.
      E' fallito il revisionismo, non certo il Comunismo visto che il debito estero Usa e' in mano a un paese Comunista.

      Elimina
  9. Fuori tema:che bella sta nuova casa tua cliente ,anche economica,sai che a guardare le foto e' come io immagino 'debba essere ' una casa nell'isola ,coloniale ma funzionale ,davvero bella credo attirerà molti ,
    Saluti
    Andrea M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella stragrande maggioranza dei casi le foto poi corrispondono a cio che il cliente trova.
      Anche i cubani hanno capito che vendere bene un servizio...paga.

      Elimina
  10. Questa mattina, di buon ora, ho riportato Birillo dalla Dog Sitter poi sono venuto ad aprire palestra.
    Alle 14 chiudo (fino al 2 abbiamo orari ridotti) e torno, per l'ultima volta in Liguria fino a domenica.
    Ho ancora 2 serate da fare poi fino al 31 ci penseranno i ragazzi.
    Da un lato e' bene finire questo avanti e indre che dura da 2 mesi ma dall'altro mi dispiace perche', davvero, mi sono divertito.

    RispondiElimina
  11. Le ideologie oggi Milco non esistono e non servono più, è cosa giusta dare un aiuto agli immigrati, così come è giusto respingere coloro che delinquono e commettono crimini, giusto per fare un esempio...in passato ai tempi delle ideologie il primo esempio era di sinistra, il secondo di destra, ma oggi non è più così...vanno fatte solo cose utili ai cittadini, punto, ma di esempi se ne potrebbero fare a migliaia, ho preso il tema immigrazione solo perchè è sulle cronache ogni giorno.

    RispondiElimina
  12. Credo di aver gia' raccontato che in palestra ho parecchi ragazzi/e che fanno le superiori.
    Ho parlato loro di cortei, occupazioni di scuole, lezioni autogestite, botte con la polizia e coi fasci ecc ecc.
    Ho evitato di raccontare di quando abbiamo assaltato la sede del M.S.I. a Torino, in corso Francia.....forse e' meglio...
    Mi hanno guardato come se parlassi di Giulio Cesare e Cleopatra.
    Eppure nell'omologazione attuale si sono persi parecchie cose questi ragazzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo milco basta pensare che già la mia generazione(38 anni)sa poco o nulla delle situazioni che ha vissuto la tua generazione,quindi è normale che la storia faccia il suo corso,tutto cambia insomma(tranne Cuba)e noi invecchiamo,così la faccenda.paolino.

      Elimina
  13. Il presente di un popolo, di una nazione e' sempre la risultante del proprio passato che tutti noi dovremo avere il dovere di conoscere.
    Non ho fatto il 68' ne vissuto il maggio francese, ma ho cercato sempre di informarmi....di capire.

    RispondiElimina
  14. UNO DOPO L'ALTRO SI ACCHIAPPANO TUTTI...

    Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha annunciato un mandato di cattura internazionale contro l’ex procuratrice generale del Venezuela, Luisa Ortega Diaz, fuggita in Colombia nei giorni scorsi. Il capo dello stato lo ha reso noto durante una conferenza stampa.
    Nei giorni scorsi Luisa Ortega Diaz era diventata il nemico numero uno di Maduro dopo essersi opposta al presidente, a cui era stata legata politicamente in precedenza. Lo aveva accusato di un coinvolgimento nello scandalo della più grande società di costruzioni brasiliana, la Odebrecht. L’ex magistrato aveva lasciato il Venezuela insieme con il marito, deputato chavista. 
    La contestata assemblea costituente del Venezuela, considerata illegale dalla maggior parte della comunità internazionale, l’ha destituita ai primi di agosto. La settimana scorsa, la polizia ha perquisito la sua abitazione sequestrando computer e documenti, mentre il suo successore, Tareq William Saab, ha chiesto l’arresto del marito.  

    RispondiElimina