giovedì 31 gennaio 2019

SALUDOS





Riflettevo con un amico l'altro giorno sul come potra' essere il nuovo anno in riferimento alle nostre vite cubane.
Intanto, come dicevo in un altro pezzo, sicuramente passero' a Cuba piu' giorni rispetto agli ultimi anni.
Da quando ho il ginnasio mi sono concesso, al massimo, 2 vacanze ogni anno, di un paio di settimane ciascuna.
Non potevo fare altrimenti, quando hai un'attivita' importante da mandare avanti non sei tu che decidi come e quando andare in vacanza ma sono...gli eventi e l'andamento dell'attivita' stessa che ti guidano le scelte.
Nel 2019 sicuramente passero' sull'isola almeno 60 giorni, ma se le cose dovessero prendere una certa piega potrebbero essere decisamente di piu'
Intanto ci sono le 3 settimane imminenti e poi quelle di maggio, col boleto gia' in saccoccia, quindi vedremo cosa decideranno gli Orishas.
Ci sono stati anni in cui avrei voluto fare parecchie cose, poi pero' ti accorgi che quello che sembra semplice a Cuba, in realta' non lo e' per nulla.
Se hai un po' la testa da imprenditore, qualche mezzo economico, sei in un paese dove manca tutto ti viene naturale pensare a tutte le cose che potresti fare, ma poi al final io credo che sempre ti devi indirizzare, eventualmente, verso le quello che sai fare veramente, senza improvvisarti in ruoli che non ti appartengono.
Io so occuparmi di sport a livello gestionale e di intrattenimento, se mi allontano da queste cose rischio di ritrovarmi sotto i piedi terra friabile.
Aprire una palestra a Cuba, che io sappia, al momento non e' consentito; sport e istruzione sono ad appannaggio unicamente dello stato, questo a prescindere dal solito discorso sulla Rp e su  tutto cio' che si puo' fare quando ce l'hai.
Se dovessero realizzarsi alcune situazioni credo che chiedero' sicuramente la Residenza per poi decidere, con calma, cosa farne.
Le opzioni sono molte e non necessariamente legate a lavori, attivita' commerciali e cose simili.
Di sicuro c'e' che abbiamo qualche lavoretto da fare in casa, ci pensero' nei prossimi giorni, ma parliamo di cazzate che si possono fare in una settimana.
Non escludo in futuro, con l'eventuale RP in tasca, di venderla per prenderne una con un patio piu' grande dove si possano tenere piu' comodamente dei cani.
Ad oggi quelli che abbiamo sono nell'altra casa che ha, appunto, un patio grande.
Quello di cui vi posso assicurare e' che ci sara' sempre piu' Cuba nel mio futuro, di conseguenza, sempre meno Italia.
La fregatura e’ che fino a quando da noi le cose ti girano bene…e’ dura mollare tutto.
Comunque ci siamo, sabato mattina si parte, gli ultimi giorni prima della partenza sono sempre pieni di impegni e casini.
Birillo l’ho piazzato, domani lavoro fino alle 19 in palestra poi partita, quindi cena coi miei Villans giusto per stare sul pezzo fino alla fine.
E’ prevista neve ma non sia mai che il Capitano non sia accanto alla sua squadra, partenza o non partenza.
Sabato mattina volo Torino-Havana  Alitalia con scalo rapido a Roma.
Manco da Cuba da poco piu’ di 80 giorni ma sono stati 3 mesi impegnativi, tanto lavoro, tanta vita, il tempo che non basta mai per fare tutte le cose che vorrei ed un amico che se ne e’ andato tragicamente.
Anche mollare questo freddo non mi sembra poi una cattiva idea.
Ad ogni partenza ci sono piu’ cose da sistemare per poi non trovare casini al ritorno; ci sono le ore mie (oltre 40 settimanali) da coprire in palestra, scadenze da onorare, impegni da mantenere, insomma lasciare tutto a posto sotto ogni punto di vista.
Due case da chiudere con annessi e connessi, l’estate che non e’ poi cosi’ lontana quindi gia’ programmare incontri in Liguria a marzo per non poi dover fare tutto di corsa.
Poi le solite cazzate da acquistare prima di ogni viaggio, i soliti regalini per le solite…situazioni.
Comunque dovremo esserci…dai.
Vado a divertirmi, stacco tutte le comunicazioni.
Ci ritroviamo, eventualmente, verso fine mese, restate in zona e fate i bravi.

26 commenti:

  1. ON CUBA

    Entiéndalo como lo quiera usted, las señales llegadas desde Cuba este año son las más perturbadoras que para mí se hayan tenido en los últimos tiempos y no exponen otra cosa que una peligrosa y lamentable decadencia.
    La conmemoración o celebración de los sesenta años de la Revolución Cubana dentro de un cementerio, primero, y esta marcha de las antorchas realizada pocas horas después de que el maldito tornado demoliera varias comunidades de La Habana, dejan al descubierto lo que pareciera ser esa triste incoherencia que emerge tantas veces como resultado de la simulación y la ignorancia.
    Estoy convencido de que el gobierno despliega muchas formas de ayudar a los damnificados; que pretende hacerlo tan rápido como le sea posible a partir de sus realidades; incluso, no creo disparatar ni pecar de ingenuo pensando que muchas ciudades y provincias comparten sus recursos con tal de ofrecerle ayuda a sus hermanos habaneros.
    Pero eso no es suficiente dada la gravedad del momento; y en un país donde lo simbólico ha representado tanto, hay detalles que no se pueden perder de vista.
    Hemos leído noticias que prueban cómo el cubano sigue activándose en tiempos de crisis, cómo la iniciativa se despliega y, de a poco, logran ponerse en acción brazos de solidaridad que, sin esperar autorizaciones de la siempre lenta burocracia, encuentran los modos y maneras de incidir en su circunstancia.
    Todos siguiendo a los estudiantes y artistas que, por iniciativa propia, organizados en grupos o desde instituciones como la AHS, llegan hasta las comunidades afectadas para colaborar en la reorganización de una zona barrida por los vientos y las aguas.
    Trasladan víveres, agua, ropa, un equipo de radiotransmisión con baterías, cualquier cosa hace falta allí donde ahora ningún sentimiento es más fuerte que la incertidumbre y la desolación. Por eso, esos artistas, jóvenes casi todos, desarrollan por su cuenta campañas internacionales para promover más ayuda.
    No pocos cubanos residentes en el exterior se han sumado a estas iniciativas, incluso emprenden esfuerzos personales para concretar el auxilio, aunque muchos mecanismos traben el despliegue solidario; mecanismos que suelen atorarse en Cuba y también fuera de ella: estamos viendo los obstáculos que encuentran algunos cubanos fuera de la isla, y se puede constatar la realidad del bloqueo norteamericano al que tantas veces hace juego la burocracia.
    Por otro lado, entrampados por las tradiciones y cautos para no provocar equívocos, la generación que empieza a ocuparse del país podría caer en un irremediable despiste a fuerza de subrayar la continuidad.
    Entiendo como un error de los estudiantes universitarios y la Juventud Comunista, apoyados por el Partido, haber mantenido la convocatoria del 28, cuando la verdadera marcha, esa misma noche, pudo haber sido más martiana yendo directamente hasta Luyanó o Regla o Guanabacoa. Coincido con no pocos cubanos que se han expresado sobre esto en las redes sociales...

    RispondiElimina
  2. ...Lo peor es que, de seguir este camino, se volverá cierta esa frase obscura de que en Cuba suelen importar más los muertos que los vivos, y, aunque los muertos resultan imprescindibles para la memoria, nunca más que por su obra y pensamiento deben superar a quienes viven, en definitiva, como protectores del recuerdo desde su dura cotidianidad.
    En el sentido metafórico uso la frase, pero algo de realismo perdura en ella teniendo en cuenta el devenir de los acontecimientos de este año, los que seguramente estarán por venir y anticipándome a las iniciativas descabelladas que, por adular, se plantearán en reuniones y asambleas y que no serán desestimadas nunca.
    Respecto al otro ejemplo expuesto al principio, entiendo que Santa Ifigenia es un sitio especial para la historia de insurrección cubana e independencia, es la tierra donde descansan los huesos y cenizas de algunos de nuestros más grandes hombres y mujeres, a quienes la energía de Martí suma y engrandece.
    Pero, ¿qué es la Revolución –o qué fue alguna vez– sino lo contrario a un cementerio y un acto donde la masividad se viera circunscrita a las pantallas de televisores que, por cierto, los encendidos a esa hora serían tan antiguos como los participantes en conjunto?
    Pequeños signos, olvidadas simbologías van transformando el panorama sin que la población de Cuba, enredada entre pobres esperanzas, burócratas enquistados y propaganda anestésica tome partido o acabe de darse cuenta.
    Espero que al menos una de las personas honradas que debe haber en el gobierno o en las distintas organizaciones de masas se oponga, levante la mano para discrepar con lo que parece irreductible: el reinado de la formalidad. Quizás alguno coincida conmigo en algo de lo que planteo.
    De lo contrario, no importa. A alguno se le ocurrirá decir que yo no debería estar siquiera hablando de esto porque no estoy ahora mismo allí en Cuba para opinar.
    Pero, no es así, y usted y yo lo sabemos; sabemos que nadie se aleja completamente del lugar donde nació, que si volvemos a él, al menos en el recuerdo, deberá pagarse ese viaje a fuerza de sentimientos.

    RispondiElimina
  3. Buon viaggio Biondo e goza anche per noi

    RispondiElimina
  4. Buona vacanza Aston. Giuseppe

    RispondiElimina
  5. Santa Fè- Hasta pronto hermano, salutaci quel pezzo di terra che portiamo nel cuore.

    RispondiElimina
  6. Stavo pensando di fare la spesa all'Esselunga di derrate alimentari prima di partire...😀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Santa Fe- Così ad occhio non mi pare una cattiva idea..e non scordarti antidolorifici per i "dolores de cabeza"! Ps abbiamo preso un 2000 dalla cantera del Barca, secondo me quel ragazzo è un grande acquisto.

      Elimina
    2. Acquisti alimentari fatti
      Nutella
      Sughi per pasta
      Parmigiano
      Caramelle
      Le stesse cose di sempre...

      Elimina
  7. Per chi può interessare,non si può più chiedere la residenza permanente per solo figlio a partire da settembre 2018.
    Io la richiesi a marzo 2018 e quindi dovrei rientrare nella legge vecchia.

    RispondiElimina
  8. Buon viaggio ! Premesso che non mi sono mai interessato alla materia ne ho alcuna ragione per farlo, Ma la RP non si prende solo per matrimoni o figli a Cuba? C’è qualche cambiamento in arrivo? Mat.

    RispondiElimina
  9. Che io sappia questi sono i 2 requisiti che permettono di richiederla.
    Che poi te la concedano e tutto un altro paio di maniche...

    RispondiElimina
  10. hola! que la pases bien, qualsiasi momento è buono per godere delle cose buone della isla. chao Enrico

    RispondiElimina
  11. Buon viaggio hermano.
    Fatti vivo quando sei lì, ora che c'è Internet. Così sentiamo meno la mancanza :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a tutti.
      Non credo mi faro' vivo, in questi ultimi anni mi connetto solo per seguire il lavoro, preferisco staccare...ma poi vedremo.
      Partenza se possibile piu' incasinata del solito.
      Ieri, come vi dicevo 3000 cose da fare, poi nel pomeriggio in palestra speravo di uscire prima ma era tutto pieno; sala pesi, sala corsi e spinning...sono tornato a casa alle 22.30.
      Questa mattina ho portato Birillo nella cascina dell'amico che me lo tiene, sembrava di stare in mezzo alla steppa siberiana.
      Nevica che Dio la manda, oggi sono qua' al ginnasyo fino alle 19 poi Villans.
      Il bello della cosa e' che sto' vivendo davvero ad un km dall'aeroporto quindi malgrado il maltempo non avro' problemi a raggiungerlo anche perche' parto tardi, verso le 11.
      Sempre se non mi chiudono lo scalo

      Elimina
  12. Simone Piras: se passi da Havana fatti un giro alla palestra PURA VIDA in Playa aperta da un Italiano sembra di stare in Italia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fermero' a La Habana gli ultimi 2 giorni, magari faccio un salto.

      Elimina
  13. "L'Italia non riconosce Guaidò perché siamo totalmente contrari al fatto che un Paese o un insieme di Paesi terzi possano determinare le politiche interne di un altro Paese. Si chiama principio di non ingerenza ed è riconosciuto dalle Nazioni Unite". Lo ho detto il sottosegretario agli Esteri, Manlio Di Stefano (M5s) in un'intervista in onda stasera alle 18:30 nel Tg2000, il telegiornale di Tv2000 commentando il via libera del Parlamento europeo alla risoluzione non legislativa che riconosce Juan Guaidò, presidente dell'Assemblea Nazionale di Caracas, come presidente legittimo ad interim del Venezuela.

    "Oggi il più grande interesse che abbiamo — ha aggiunto Di Stefano — è quello di evitare una nuova guerra in Venezuela. Stesso errore che è stato fatto in Libia oggi riconosciuto da tutti. Dobbiamo evitare che succeda lo stesso in Venezuela".

    RispondiElimina
  14. Facci un commento al ritorno di come sono attualmente i trasporti e le infrastrutture. Viazul, Aerogaviota, cubana de aviacion, la guagua in mm, se i turisti possono salirci. Etc. Prezzi dei Taxi, cocotaxi. choffer e auto all' inclusive per 1 settimana. Etc. Sperando che non freghiamo sui prezzi e ci sia stata bel frattempo una regolamentazione più equa per tutti.
    RICCARDO BRANDONI

    RispondiElimina
  15. Buon viaggio Milco, disfuta y gozala!!

    RispondiElimina
  16. Milco se puoi chiedi a immigracion di Tunas se concedono terzo mese...pare sia unica provincia in cui lo facciano....
    Oggi Torino Udinese 1 0 di estremissima sofferenza...
    Ciao carissimo
    Andrea M.

    RispondiElimina
  17. Morto,probabilmente assassinato, Raffaele uno degli italiani storici di Las Tunas.
    Torinese fu lui 19 anni fa a portarmi a Cuba la prima volta.
    Al ritorno ne saprò di più.
    Descansa en paz...

    RispondiElimina