martedì 16 giugno 2015

DIRETTORI DI BANCA...


Risultati immagini per direttori di banca

Domenica, mentre cercavo, nel mio primo libro, il racconto da postare nel blog mi e' capitato sotto gli occhi un altro scritto.
Un racconto datato nel tempo, che pero' non e' certo passato di moda col passare dei lustri.
Il racconto si chiama “Direttori di banca”, racconta del fatto che, in questi anni, piu' di una fanciulla mi ha chiesto come sia possibile che gli italiani siano tutti direttori di banca, oppure abbiano 4/5 negozi di abbigliamento o ancora abbiano praticamente in mano la borsa economica del mondo.
Si tratta ovviamente del mare di balle che degli sventurati connazionali, alcuni sicuramente lettori di questo blog, propinano alle ragazze per darsi un tono o millantare una situazione economica e sociale che non possono permettersi neanche da lontano, col binocolo.
In questo campo Cuba e' molto simile ai social.
Si possono raccontare tutte le balle possibili, fingere di essere chi non si e', nascondersi dietro la totale mancanza, da parte della fanciulla, della possibilita' di verifica.
Ho frequentato i forum per parecchio tempo, ho perso il conto di quanti viaggiavano solo in prima classe, soggiornavano esclusivamente in hotel a 5 stelle, rentavano auto da 150 dollari al giorno e via discorrendo.
Simile ai social ma non uguale.
Mentre nei social le balle possono avere le gambe lunghe, en vida real le cose sono differenti.
Non e' facile sostenere la parte del Briatore quando poi ordini solo un desajuno perche' tanto lei “mangia qualcosa da me”, oppure lesini i 10/20 cuc per il regalito di turno.
Alla fine, la fanciulla, se non e' scesa dal monte con la piena, qualche domanda se la pone.
Perche' raccontare tutte queste balle?
Conosco gente, temba torinesi ma non solo, che, regolarmente alla fanciulla di turno, promettono l'invito e una lussuosa sistemazione in Italia con periodiche visite a Roma e Venezia.
E' necessario, per accostarsi en la cama, ridursi a simili baggianate?
Chiaro che prospettarle situazioni simili puo' disporre meglio la fanciulla ma questo sarebbe il meno, la schifezza sta' nel fatto che lo scopo di promettere paradisi futuri e' soltanto quello di non ottemperare ai canonici obblighi del quotidiano.
Ho conosciuto alcuni di questi fenomeni, gente che in Italia fa una vita di merda ma che, per due settimane, finge di essere il Berlusca di turno, salvo poi....accidenti....avere problemi a prelevare con la visa perche'...si e' appena cambiata banca e ci deve essere qualche problema.
Ma tranquilla...appena rientro....te mando el dinero...”.
Personalmente ho sempre fatto una certa fatica a spiegare che mi occupo di animazione, la cubana capisce poco questo settore, sopratutto a livello gestionale.
Quando entro nel paese e mi chiedono all'aduana che lavoro faccio, dico sempre che ho una palestra, questo anche quando non ce l'avevo.
Se parlo di animazione e trovo la solita semianalfabeta che crede voglia lavorare illegalmente nel paese, (come poi...?) non esco piu' dall'aeroporto.
Ci sono poi i fenomeni che dopo aver raccontato tutte quelle balle la ragazza la invitano davvero.
Il problema e' che, mezzora dopo che e' sbarcata, la fanciulla ha mangiato non solo la foglia ma tutto il bosco.
In questi casi l'epilogo e' gia 'scritto nel prologo.
Conosco invece chi, prima di fare l'invito, ha mostrato alla fanciulla la propria busta paga in modo da mettere subito in chiaro che non c'era nessuna diligenza da assaltare.
Poi la fanciulla legge 1500 euro e chissa' cosa crede, ma questo e' un'altro discorso.
Inventarsi un mondo che non esiste per avere eventuali corsie preferenziali in un luogo dove e' normale vincere facile, dimostra ancora una volta che quel povero paese ha dovuto, in mezzo a gente per bene, sopportare di avere in casa anche un discreto numero di imbecilli.
Ma forse “poveracci” sarebbe il termine piu' corretto.

P.S. Fatti e non pugnette......anche se io non ho fatto nulla.
FLY GYM........E' una bozza

36 commenti:

  1. El Loco ma esistono davvero?

    RispondiElimina
  2. E' il problema di certi individui...quando mancano autostima e saldi valori si cerca di compensare con un castello di coglionate che sorreggano la propria esistenza...

    sono d' accordo Aston: "poveracci"...ma personalmente provo compassione nel vero senso della parola ovvero percepisco la sofferenza di questi personaggi e provo pena...alleviarla credo sia una mission impossible...

    quanti manager, imprenditori, import-export ho incontrato in aereo...

    Il discorso è valido a tutte le latitudini...per rimanere in tema basti pensare alle fanciulle dell' Isla...molte ballerine...svariate ama de casa...per non parlare della manager del McDonald' s di Milano quando invece è una dipendente o della responsabile delle pubbliche relazioni di un famoso Hotel di Via Montenapoleone quando in verità è una cameriera...

    P.S.:
    ultimamente meglio non raccontare di essere direttori di banca perché poveracci pure loro hanno meno poteri di un salumiere e forse ugual stipendio...

    Freccia

    RispondiElimina
  3. È un problema di autostima esatto. Le bugie delle cubane,almeno a me,fanno solo tenerezza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un vero gentleman...jajaja

      di certo le bugie delle cubane non dipendono dalla scarsa autostima...anzi...

      Freccia

      Elimina
  4. C'è ne tanti di sti personaggi...la maggior parte sono esecrabili perché come dici tu cercano di fare approfittatori,c'è anche però credo una piccola percentuale che racconta ste balle pur ottemperando al quotidiano della fanciulla per insicurezza,forse spiazzati dal fatto che una cubana (per finzione o meno)sa farti sentire importante..e a me questa seconda tipologia fa tristezza ...la prima tipologia invece vasura..anche a me le bugie delle cubane(fino al momento che non mi ero affezzionato a una)hanno sempre fatto simpatia e ilarità..è che pensano anzi sono certe di essere più furbe..non capiscono chr tante balle si lasciano passare in cavalleria per quieto vivere..comunque tornando al tema i nostri eroici connazionali fanno sempre più figure da quattro soldi e si rendono ridicoli perché come dici tu sempre a Cuba anello al naso no c'è lo hs più nessuno..una cosa sulla dogana..ma davvero lo sono o ci fanno?io una volta ho avuto sventurata idea di dire ciò che facevo...disastro...alla fine per uscirne ho detto..scaricavo bagagli...sempre evitare le donne sono le piu' rompi..ciao Milco buona giornata
    Stefano

    RispondiElimina
  5. Per certa gente il problema è che...esiste un volo di ritorno....

    RispondiElimina
  6. Santa Fè- Io ho conquistato mia moglie inviandogli le foto di P.Cervo, gli ho detto che è l'isola dove vivevo...poi ho dovuto spiegargli che non era "tutta" roba mia.
    Scherzi a parte a me è capitato che la famiglia e gli amici erano convinti che fossi un milionario perché chiamavo diverse volte al giorno per i preparativi del matrimonio(Anno 2008-Euro 1460,00 rateizzati dalla Telecom..), gli dicevano che nessuno, nemmeno i più danarosi chiamavano con tanta frequenza, e per concludere, i giorni precedenti al matrimonio si era fermato un pulman turistico con un guasto di lato alla casa, la gente era certa che avessi noleggiato il mezzo per il matrimonio e il trasporto della famiglia e amici! io ovviamente ho giocato per diverse ore..mentre mia moglie piangeva dalle risate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1460 in telefonate sei davvero un milionario..a questo punto io sono certo il bus era si rentato da te e hai fatto finta fosse turistico perché si era rotto...eh eh...comunque pur inflazionato il direttore di banca resta sempre un fior di lavoro..hanno pure 15sma e credo tassi agevolatissimi su mutui e prestiti
      Stefano

      Elimina
    2. Rispetto al passato sono poco pou che passa carte

      Elimina
    3. Esatto Aston a questo mi riferivo...zero potere decisionale...

      Freccia

      Elimina
    4. Oramai tutto passa.....sopra

      Elimina
  7. Santa Fè- Conosco cubani estafadores che davvero, con cultura ed eleganza nel vestire, riescono ad incantarti perlomeno per un 30 minuti..ma certi italiani non vogliono visti..arrivano con le valigie di cartone legate a spago e poi son davvero divertenti quando cercano di convincere gli altri italiani! ne conoscevo uno che si spacciava addirittura per medico in pensione fino a quando gli ho chiesto se a Cuba c'erano molti melanomi, si è guardato attorno e a quel punto gli ho chiesto se sapesse di cosa parlavo e lui mi ha risposto che era fuori dal giro da molto tempo..hahahaha, un pazzo furioso con figli in ogni provincia.

    RispondiElimina
  8. La cosa divertente è che in aereo magari ti trovi sebuto accanto a un rompicoglioni che le balle le rifila anche a te....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah verissimo, anche io ogni tanto li becco in aereo questi "fenomeni", loro sanno tutto di cuba, sono i migliori, poi appena scendono dall'aereo non sanno neanche dire buenos dias in spagnolo.

      Elimina
    2. Se tu hai pagato 10 loro..."ah..ti hanno inculato...io pago 8" ahahahaha

      Elimina
  9. Santa Fè- Che dire...son dei poveracci come ben dicevi tu, mi trasmettono la stessa malinconia del protagonista interpretato da Sordi in Australia nel film "Bello, onesto, emigrato Australia sposerebbe compaesana illibata", il dramma è che la maggior parte di loro son fondamentalmente dei poveri cristi e non sanno a cosa vanno incontro portandosi con l'inganno delle giovani da Cuba.

    RispondiElimina
  10. Giovani che abboccano se ne trovano sempre meno

    RispondiElimina
  11. Il giorno della finale, Toro-Lazio, l'ultimo atto della stagione. Troppo fresca la ferita granata per non pensare a quanto accaduto un anno fa. Di quella formazione pochissimi sono i reduci: con Fissore in panchina e Graziano squalificato, gli unici due giocatori dell'attuale Primavera a scendere in campo un anno fa furono Morra (titolare) e Rosso (entrato nel corso dei supplementari). I due attaccanti, oltretutto, furono protagonisti anche della "lotteria" dei rigori, quella che vide trionfare il Chievo per la prima volta nella sua storia.

    Stasera, alle 18, a Chiavari (la partita sarà trasmessa in diretta su Rai Sport 2) Torino e Lazio si incontreranno per la quarta volta negli ultimi quattro anni. Puntualmente, ogni stagione, si ritrovano di fronte in final-eight: ma stavolta le due squadre si incroceranno in finale, dopo le due sfide ai quarti e lo scorso anno in semifinale.
    Dodici mesi fa la squadra di Longo si tolse una piccola soddisfazione, interrompendo la striscia positiva biancoceleste nei confronti col Toro ed eliminando la squadra di Inzaghi ad un passo dalla finale. Lazio che è la favorita del match, mentre il Toro è arrivato "a fari spenti", come sottolineato da Longo subito dopo la semifinale vinta contro la Fiorentina. E chissà che questo non possa attutire le pressioni, visto che contro il Chievo i granata arrivavano, al contrario, consapevoli di essere la squadra da battere. Contro i biancocelesti Longo ritroverà Thiao, che con molta probabilità giocherà dal primo minuto al fianco di Danza: il centrocampista, ingiustamente squalificato per tre giornate dopo il rosso rimediato nella penultima di campionato, farà così il suo esordio nella fase finale.

    Il Toro è a caccia del nono scudetto, la Lazio del sesto: i Granata, con otto titoli, sono la squadra che ha vinto più tricolori nella storia. Questo nonostante l'ultimo scudetto risalga a 23 anni fa, alla stagione '91/'92. Da allora in avanti due finali, entrambe perse: nel '94 (e Moreno Longo era in campo) e lo scorso anno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Santa Fè- I quarti e la semifinale son state gare da cuore granata, emozionanti fino in fondo, stasera sarà davvero dura anche in virtù del fatto che abbiamo una giornata in meno di riposo.
      Ps. Rosso è davvero inesauribile!

      Elimina
    2. Se poi il Vate...ne facesse giocare ogni tanto qualcuno in prima squadra....peggio di Amauri, Larrondo, Barreto, Masiello non possono essere.

      Elimina
  12. Manco con Curacao siamo riusciti a vincere. Mannaggia a noi...
    avremmo avuto squadre alla nostra portata nel girone, forse solo la jamaica superiore...
    Simone

    La selección de Curaçao que dirige el holandés Patrick Kluivert empató 1-1 con Cuba en La Habana y se clasificó a la tercera ronda de las eliminatorias de Concacaf rumbo a Rusia 2018.
    Los caribeños empataron 0-0 en el juego de ida disputado en el estadio Ergilio Hato de Willemstad y llegaban como víctimas para la vuelta, pero consiguieron la hazaña.
    Cuba pegó primero y se puso arriba apenas al minuto 5 con gol de Yenier Márquez, pero Curaçao no se quedó de brazos cruzados al 16 Papito Merencia puso el 1-1 definitivo.
    Los cubanos terminaron jugando con uno hombre menos por la expulsión del portero Sandy Sánchez en el cierre de la primera parte.
    Al final el gol de visita pone a la escuadra de Kluivert en cuadrangulares de Concacaf donde ya se encuentran clasificados Jamaica, Haití y Belice.

    RispondiElimina
  13. La pista dove corro circonda il campo dove si allena, e credo giochi la squadra di las Tunas...li vedo allenarsi...con la palla ai piedi sono dei caproni.
    Grandi fisici e grande corsa ma sono tutti un branco di veneziani...

    RispondiElimina
  14. Speriamo nella nuova generazione che vedo scatenarsi ogni giorno por la calle...
    Seguire il calcio internazionale in tv aiuta ad emulare i numeri che fanno i campioni, ma senza un po' di tecnica e tattica si va poco distanti.

    Simone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mancano i maestri che insegnino i fondamentali.

      Elimina
  15. Milco questa gente ha un solo nome, sfigati.

    RispondiElimina
  16. Hola Milco! Io a Cuba ho sempre detto il lavoro che faccio...sai com'è...qualche porta la apre sempre alla dogana!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solidarieta' fra....quasi colleghi....

      Elimina
  17. Iniziata la finale Rai Sport 2.
    Stadio di Chiavari interamente Granata con la Maratona itinerante.
    Non si trova un aquilotto neanche a pagarlo.
    E' arrivato anche il mandrogno.

    RispondiElimina
  18. CAMPIONI PER LA NONA VOLTA....

    NESSUNO COME NOI!

    RispondiElimina
  19. Complimenti!
    Peccato che poi i presidenti e i direttori sportivi non sappiano valorizzare i nostri vivai e vadano a cercare bidoni in giro per il mondo strapagandoli.
    Ci sono almeno 4-5 elementi che potrebbero tranquillamente giocare in prima squadra già il prossimo anno.

    Simone

    RispondiElimina
  20. Ero a conoscenza di questo racconto e ogni volta che ho avuto a che fare con le banche mi è tornato in mente. Domenica sono uscito in bicicletta con una ragazza del mio paese che dirige una filiale del credito cooperativo, davvero una persona alla mano e di bella presenza. Me lo ha detto per caso che è una dirigente, non se ne fa un vanto, a differenza di molti millantatori che come dicono a Cuba vanno a inventar cosas. P68

    RispondiElimina
  21. Il problema e' che oramai, anche solo per un fido di poche migliaia di euro, il direttore deve ottenere l'ok della sede, un tempo aveva una certa autonomia decisionale che oggi non ha piu'.

    RispondiElimina