giovedì 14 aprile 2016

CULI BIANCHI


 
I prezzi di molte “cose” a Cuba cambiano a seconda che l'acquirente sia un cubano, un cubano-americano o un culo bianco.
Questa non e' un'opinione ma un dato di fatto.
Mi e' capitato di leggere che in molti ristoranti, per lo stesso tipo di portata ci siano due prezzi, uno per i cubani e uno per il resto della popolazione del globo terracqueo.
Devo dire che se questo e' vero non me ne sono mai accorto, diciamo anche che non ci ho mai fatto particolarmente caso.
Il mio amico Roberto, da cui da 15 anni mangio quando sono nella playa di Puerto Padre, mi raccontava che i cubani pagavano si di meno, ma che il pesce che dava loro non era lo stesso di quello che rifilava a noi stranieri.
Una cosa e' certa, in presenza di un culo bianco i prezzi di qualunque cosa tendono ad innalzarsi verso l'alto.
Il concetto e' sempre lo stesso; “tu tieni dinero, para ti no es nada”.
Anche chi, come il vostro Cantastorie, avendo frequentato l'isola per lustri, conosce il prezzo di molte cose; dalle case, al materiale di costruzione, dai mobili al cibo, non scampa dal passare sotto queste Forche Caudine.
La differenza rispetto a molti e' data dal fatto che ne sono assolutamente consapevole, so che e' una piccola tassa da pagare e la pago senza troppi problemi.
Il Marchese del Grillo non chiede sconti, o paga o non paga.
Piccolo esempio; quando ho comperato l'escaparate per il mio cuarto pensavo, conoscendo i prezzi, di averlo pagato il giusto, la settimana dopo, nello stesso posto un amico cubano ne ha comperato uno uguale pagandolo 10 cuc in meno.
Questo malgrado che io ripeta sempre quando acquisto qualcosa di “no mirar mi cara blanca....”.
E' cosi', non ci sono cazzi, bisogna prendere le cose come sono o lasciare perdere.
Se possibile, quando devo acquistare qualcosa di costoso, mando avanti la cubanita pero' non sempre la manovra riesce.
La casa la comperai da un'italiano, a una cifra giusta, pagandola in un'anno ma il settore immobiliare e' proprio quello dove la differenza fra yuma e cubani si manifesta in modo piu' marcato.
Molti mandano la fanciulla a chiedere il prezzo della casa, che in nostra presenza aumenta almeno sempre di un buon 20%.
Las Tunas non e' Detroit, se una fanciulla ha un culo bianco dietro lo sanno anche i sassi....
Lo stesso discorso quando una nalga blanquita si mette a ristrutturare qualcosa.
Pur conoscendo i prezzi del materiale, alla fine di riffa e di raffa si finisce per pagare sempre di piu' di quello che pagherebbe un cubano.
Loro giocano sul fatto che, se lo straniero non e' residente e non vive a Cuba, nel mese in cui ha deciso di dedicarsi alla costruzione deve fare piu' cose possibili, e su questo ci marciano.
Non entriamo neanche nel merito di chi decide di affidare, vivendo all'exterior, i lavori ad un parente della moglie o un “capomastro” cubano.....un bagno di sangue di proporzioni bibliche.
I cubani frequentano anche un certo tipo di fanciulle, quelle che la maggior parte di noi frequentano, quelle che si aspettano ...alla fine qualcosa.
Bene, quel qualcosa da parte del cubano e' sempre meno qualcosa rispetto al qualcosa elargito dal culo bianco.
La situazione e' anche istituzionale.
Se prendo una multa con lo scooter pago, ad esempio, 30 cuc, per la stessa infrazione il cubano paga 30 pesos mn.
Fino a qualche anno fa in piscina c'erano i 2 prezzi.
Un divorzio a noi ci costa il pil di un paese del terzo mondo, a loro 150 pesos.
Per ogni controversia giuridica il cubano paga tutto, compreso l'azzeccagarbugli, in mn noi tutto in divisa pregiata.
Esistono case de renta in divisa ed altre in mn
Gli esempi potrebbero moltiplicarsi.
Quindi e' bene mettersi l'animo in pace, vivere sereni, divertirsi e non farsi troppe paranoie.
La vita e' breve.

37 commenti:

  1. Sacrosanta verità. Giuseppe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si tratta di situazioni di pubblico dominio

      Elimina
  2. Miracolo di Diego Simeone, il Barcellona esce dalla Champions, in semifinale vola l’Atletico Madrid. Al Vicente Calderon la squadra del Cholo fa l’impresa e batte 2-0 un Barcellona irriconoscibile (1-2 all’andata) con doppietta di Griezmann: passaggio di turno conquistato anche dal Bayern Monaco che pareggia 2-2 in casa del Benfica (battuto 1-0 in Germania).
    Meritatissima la qualificazione dell’Atletico, che domina nel primo tempo (chiuso sull’1-0) e contiene le sfuriate di un Barcellona rabbioso quanto disordinato nel secondo. Blaugrana leziosi ed evanescenti nei primi 45 minuti. Gli uomini di Luis Enrique fanno tanto possesso palla (oltre il 70%), ma poco redditizio. Mentre l’Atletico ottiene il massimo da quel che gli resta, sfruttando benissimo le corsie laterali con Gabi e Fernandez. Ter Stegen impegnato già al 4’ dal tiro centrale di Carrasco ed all’8’ dal colpo di testa di Griezmann. E proprio l’attaccante francese, al 36’, porta l’Atletico in vantaggio: il bellissimo cross con l’esterno destro di Saul coglie libero in area Griezmann che di testa anticipa Piqué e batte ter Stegen. Oblak si vede solo al 42’, parando l tiro da 30 metri di Neymar.
    BARCELLONA IN CONFUSIONE
    Aggressività, pressing asfissiante e precisione del fraseggio sono le armi con cui l’Atletico ricomincia dopo l’intervallo. Mentre il Barcellona appare sempre in confusione. Al 6’ Saul colpisce la traversa di testa. Ma i catalani non possono essere così brutti ed iniziano a rovesciarsi verso l’area avversaria. Lasciando il fianco scoperto alle ripartenze dei padroni di casa. Luis Enrique inserisce l’ex Arda Turan al posto di Rakitic. Il Barca spinge cercando il gol che lo porterebbe in semifinale, ma è un arrembaggio confuso, più di volontà che di testa. Messi e Neymar (molto nervoso ed ammonito da Rizzoli) si vedono pochissimo, Suarez combatte ma è solo contro tutti.
    POLEMICA SU RIZZOLI PER UN RIGORE NEGATO
    I 20 minuti finali sono un arrembaggio del Barcellona. Pagato caro. Sull’ennesimo contropiede dell’Atletico, Iniesta intercetta la palla in area con la mano, dopo una discesa strepitosa di Felipe Luis e regala il calcio rigore all’Atletico Madrid. Griezmann realizza al 43’ e sulla Champions del Barcellona cala il sipario. Nei minuti di recupero l’unica sbavatura dell’arbitraggio di Rizzoli, che giudica fuori area un mani di Gabi, che avrebbe meritato il rigore. Invece fischia solo una punizione dal limite, che lo spento Messi calcia alta.
    A Lisbona Guardiola esclude a sorpresa Robert Lewandowski. Il tecnico del Bayern non dà punti di riferimento al Benfica, schierando come punta centrale Thomas Mueller e rinforzando il centrocampo con l’ingresso di Xabi Alonso. È però Jimenez a sbloccarla, facendo sognare i propri. Ci pensa Vidal (a segno anche all’andata) a ristabilire la parità. Nella ripresa Mueller porta il Bayern in vantaggio, ma il Benfica non si arrende e trova con Talisca il 2-2.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che eliminare la squadra più forte del mondo per due volte in coppa dei campioni,vuol dire tanto,pur essendo molto inferiore.

      Elimina
  3. Sinisa Mihajlovic dopo aver “incassato” l’esonero riceve anche il “Tapiro d’Oro”. L’ex tecnico del Milan, al quale sono stati fatali l’assenza di gioco e i due punti conquistati nelle ultime cinque giornate di campionato, ha commentato in modo sintetico il suo allontanamento deciso tra domenica e lunedì da Silvio Berlusconi: «Non devi chiedere a me», ha detto Mihajlovic rivolgendosi all’inviato di Striscia la Notizia, Valerio Staffelli.
    «Non sono la persona adatta – prosegue - dovresti chiedere al presidente. Vorrei ringraziare tutti i tifosi del Milan che sono sempre stati carini, significa che hanno apprezzato il Mihajlovic uomo». Infine, l’inviato di Striscia ha ricordato all’allenatore alcune frasi di Melissa Satta – compagna di Boateng - sulla presunta tensione che si respirava nello spogliatoio dei rossoneri. Piuttosto dura la replica dell’ex Sampdoria: «Io non sono razzista, ma penso che le donne non dovrebbero parlare di calcio perché non sono adatte»

    SINISA VIENI AL TORO!

    RispondiElimina
  4. hola! la santa vertità, eppure a sentire certi fenomeni itaglioti mentre in dialetto regatean si direbbe il contrario,e si loro sono più furbi dei cubani e vincono sempre ....schezo ovviamente. Purtroppo è un dazio che pagano anche i residenti permanenti figurati un turista de largo o corto plazo, o è così o non ci si va. La disparità di trattamento è presente in ogni ambito ma questo è nella natura del cubano e degli abitanti delle isole, per loro in continentali saranno sempre differenti è una specie di razzismo. Riguardo le ragazze pagano meno ma nessuna la molla solo perchè le dan cotorra sono finiti anche per i machos nativi i tempi in cui fottevano illudendo. I prezzi dipendono dalla disponibilità del cliente come por los yumas . Cuba è anche questo prendere o lasciare senza farsi troppe seghe mentali se no ci si rovina il momento. Chao Enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu enrico pensi che nel mondo una ragazza non possa avere una relazione con un suo coetaneo perché si piacciono?a maggior ragione tra paesani?

      Elimina
  5. Vedo gente che gira 7 tiendas per risparmiare 10 centavos sul tollone da 5 lt di acqua....

    RispondiElimina
  6. Allora poi Cuba non sta cambiando così tanto nella mentalità,sono sempre alla continua ricerca dello straniero anche se questo si è molto impoverito negli ultimi tempi,e seppur molti cubani iniziando a stare meglio di noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se lo yuma si è impoverito, per i cubani noi siamo sempre bancomat che camminano....non si immaginano minimamente la situazione in cui viviamo in Italia, e i sacrifici da fare per portare a casa la pagnotta, per loro i soldi nostri è come se crescono sugli alberi,e noi yuma passiamo a raccoglierli.

      Elimina
    2. Loro ci ricordano sempre che comunque noi possiamo andare da loro, il contrario e' piu' problematico.

      Elimina
    3. Sono d accordo con voi,ma allora mi chiedo,nel concreto cosa è cambiato o cambierà con l apertura degli americani se sono e saranno sempre più poveri di noi,nonostante noi già non navighiamo in buone acque,

      Elimina
    4. Ci saranno più opportunità per chi saprà coglierle.

      Elimina
  7. Il problema e' che di gente con l'anello al naso, anche stranieri, ne circola sempre di meno.

    RispondiElimina
  8. Della differenza di prezzo dei voli aerei interni ne vogliamo parlare? I cubani volano da Santiago alla capital con 20 cuc, ida y vuelta, il culo bianco deve sborsare 250 USD, pari a 258 euro circa...questo è pazzesco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E il catamarano per la Isla de la Juventud?!? 50mn per cubani e 50cuc per gli "altri"!!! ed inoltre solo 4 posti a corsa destinati ai non cubani!!!

      Elimina
    2. Azz non lo sapevo.
      Fra l'altro come M&S CASA PARTICULAR abbiamo una bella casa a Nueva Gerona

      Elimina
    3. sono stata una volta in una casa particular per non disturbare gli amici ma... mi chiedevano 6 cuc per la colazione e mi è sembrato proprio una presa in giro...

      Elimina
    4. In effetti....
      La casa è di un italiano mi pare 5 cuarti.
      Molto carina

      Elimina
  9. Vero
    I voli interni pero' non li prendo neanche se loro danno 250 cuc a me.
    Piuttosto metto una canoa in mare e, come i salmoni, risalgo la corrente...

    RispondiElimina
  10. Milco hai piena ragione, infatti uno dei luoghi comuni che mi fa più incazzare degli itaglioti è quello di pensare che paesi come Cuba dove ci si va a divertire siano economici un turismo per morti di fame. Invece farsi una buona vacanza ( fuori dal paquete todo incluio che costa più o meno come un volo di linea verso la isla) è un lusso e quelli che non hanno budget sono quelli che stanno un europa e volano ryanair. Questo pechè la maggior parte degli europei che vanno a cuba vanno al risparmio e non si divertono come dovrebbero e lo sanno bene poi la prima cosa che dicono al ritrorno è la classica frase " tutto bene, pagato un cazzo e divertito a mille" . Ma sono sereno manca poco e non ci sarà più posto per loro. Chao Enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una cortesia....
      Un commento senza il termine "itaglioti"....

      Elimina
    2. ok ma non lo faccio per polemica, entrambi sappiamo che è l'aggettivo corretto
      chao Enrico

      Elimina
    3. Certo....ma non abusiamone....

      Elimina
  11. Già ti immagino a fare il Marchese con davanti il povero Aronne Piperno...scaccia i coccodrilli dalle tasche :-)

    RispondiElimina
  12. Da quello che...si dice pare che i COCCOdrilli nelle tasche li abbiano....altri....

    RispondiElimina
  13. Sei criptico. Giuseppe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno di quanto pensi....
      Molti dimenticano che la circonvenzione di incapace é....reato....

      Elimina
  14. E ne vogliamo parlare di quando 'sbagliano' a dare la vuelta o quando compriamo qualcosa che costa 8 paghiamo col 10 e aspettano inebetiti e facendo finta di niente che ce ne andiamo? Il doppio prezzo va bene,ma qui ci prendono proprio per il culo. Pablo

    RispondiElimina
  15. Esiste il libero arbitrio ed il mondo è pieno di bei posti....

    RispondiElimina
  16. Aston Villa,sono perfettamente d'accordo con te,ma cosa c'entra con quello che ho scritto? Pablo

    RispondiElimina
  17. C'entra.
    Se non riusciamo a fottercene delle piccole mecaniche meglio cambiare meta.

    RispondiElimina
  18. Perché pensate che in tutti i paesi poveri del mondo come funziona nei confronti dei turisti stranieri?esattamente come a Cuba,quindi condivido con milco che inutile farsi sangue amaro,non che a Cuba sono mostri.

    RispondiElimina
  19. Sono stato in India sei mesi,in sud est asiatico (Laos Cambogia Birmania) per altri quattro mesi,sono stato quasi un anno in vari Paesi dell'America Latina e non mi hanno mai inculato o cercato di farlo come in tre settimane a Cuba. Pablo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me basta andare a Venezia o Roma e i nostri paesani cercano di fregarmi proprio come a Cuba,non bisogna andare poi troppo lontano,non sono extraterrestri a Cuba,tutto il mondo è paese.

      Elimina
  20. Concordo con Milco! L'importante è essere informati, essere consapevoli che paghiamo un prezzo maggiorato un determinato prodotto in un determinato contesto...mi riferisco a piccole cifre quotidiane durante la vacanza mentre per grosse cifre come l'acquisto di una casa, ristrutturazione, mobili...il discrso a mio parere cambia...non è giusto che il prezzo lieviti solo perchè a pagare è uno straniero! Dei piccoli esempi: a playa Ancon (vicino Trinidad) sapevo benissimo di pagare di più ogni volta che consumavo qualcosa al ciringuito (es. fanno pagare 1 cuc al posto di 0.70 per un refresco) ma avrei pagato anche di più considerata la location; in discoteca "la cueva" a Trinidad (ingrasso a 3 cuc, con 1 consumazione compresa, per tutti turisti e cubani) ai turisti fanno pagare 3 cuc per un cocktail al posto di 2,50 cuc e 2 cuc per una cerveza (cristal/bucanero) al posto di 1,25 cuc...se era per me pagavo il prezzo maggiorato in modo consapevole come dice appunto Milco, quando offrivo alle "amiche" davo loro i soldi e al bar loro pagavano il prezzo giusto non maggiorato per noi culi bianchi....Una cosa che mi ha dato un po' fastidio è stata la prima volta che andai in una tienda e presi un pacco da 12 bottigliette d'acqua minerale da 0,50 Lt pagando 12 cuc (1 cuc ogni bottiglia) e venni poi a sapere che in verità il prezzo era di 0,50 cuc ogni bottiglia...la seconda volta che tornai alla tienda pagai il giusto cioè 6 cuc per un pacco da 12...anche se la commessa voleva farmi pagare 12 cuc....piccoli esempi che fanno capire! Alessio

    RispondiElimina
  21. Il prezzo delle case a Cuba e' determinato non dal valore della stessa ma da quanto vuole realizzare chi vende.
    Quando appare uno di noi...es Carnaval...

    RispondiElimina