mercoledì 27 aprile 2016

NOVITA'



Non so se avete avuto la possibilita' di leggere un paio di novita' che riguardano la nostra isola, apparse sui maggiori organi di stampa.
La prima, probabilmente la piu' importante, riguarda la possibilita' per i cubani usciti illegalmente dal paese di rientrare a Cuba, con la crociera Carnival e di soggiornarvi per il tempo stesso che la nave restera' attraccata al porto.
Fondamentalmente non si tratta di una decisione presa per motivi umanitari, ma della salvaguardia di un business, visto che la Carnival Group aveva deciso di rinviare il viaggio inaugurale Miami-Avana, se non fosse stata data la possibilita' ai cittadini americani nati a Cuba di sbarcare come passeggeri sull'isola.
La gusaneria cubano-americana aveva accusato la compagnia di crociere di prestarsi ai diktat giunti dall'Avana.
Vista l'impossibilita' per questi cittadini di sbarcare nella capitale cubana la compagnia aveva congelato le loro prenotazioni, sollevando in questo modo il polverone della gusaneria.
Quindi ora i cubani residenti all'estero possono entrare e uscire dall'isola su navi commerciali, anche come parte dell'equipaggio di queste navi.
Ai viaggiatori americani e' consentito, ora, di raggiungere Cuba con barche a vela, salpando anche da porti non statunitensi con la possibilita' di trattenersi per tutta la durata del loro visto.
Le cose erano gia' cambiate, in senso moderatamente positivo, con la nueva ley migratoria approvata qualche anno fa.
Prima, per chi aveva lasciato l'isola in modo illegale, il rientro nella madrepatria poteva risultare molto ma molto complicato.
Con questa ley, dopo otto anni dall'uscita illegale, il cittadino cubano poteva rientrare in patria senza ulteriori restrizioni, a patto di non essere fuoriuscito dalla base di Guantanamo, il cui territorio e' illegalmente occupato dagli Stati Uniti.
Se il fuoriuscito era minorenne al tempo della fuga, ogni reato decadeva immediatamente e il fuggiasco, arrivato nel frattempo alla maggiore eta', poteva rientrare subito in patria.
I passeggeri che soggiorneranno sulla nave da crociera viaggeranno in una delle 12 categorie di viaggi autorizzata per Cuba, categorie che prevedono lo scambio culturale fra i due popoli.
L'altra novita' e' di secondo piano soltanto se si vedono le cose in modo superficiale.
Gli imprenditori americani potranno importare da Cuba anche il caffè e una serie di articoli tessili: il dipartimento di stato Usa ha infatti aggiornato la lista dei prodotti importabili da imprenditori privati indipendenti, sullo sfondo del disgelo diplomatico e commerciale con l’isola caraibica. 
Si tratta di un'ulteriore apertura da parte del dipartimento di stato nei confronti di Cuba, nel contesto di tutto cio' che sta' accadendo fra i due paesi.
Il caffe' cubano e' abbastanza pregiato anche se dovra' conquistarsi il suo spazio, con un'adeguato rapporto qualita'-prezzo, combattendo con i chicchi che provengono dalla Colombia, dal Nicaragua e da altri paesi della regione e che, in alcuni casi, sono davvero pregiati.
Mi auguro solo che quella banda di tramposi non rifili ai Confederati il caffe' col cicero....
Sul quali siano i prodotti tessili che gli Usa possano importare da Cuba, regna il piu' stretto riserbo.
Vista la robaccia che vedo Made in Cuba girare per l'isola sono davvero curioso di capire di cosa si sta' parlando.
Comunque altri passi avanti, forse.

M&S CASA PARTICULAR CUBA HA AGGIUNTO UNA CASA.

13 commenti:

  1. I rimpianti del Milan non finiscono mai. L’esercizio più crudele è quello di guardare la classifica e rendersi conto che se i rossoneri avessero vinto contro Carpi e Verona avrebbero agganciato la Fiorentina. Invece, la classifica dopo la sconfitta di lunedì è deprimente e l’Europa League non è per niente scontata. Il Milan è dentro una tempesta da cui sembra impossibile uscire. Silvio Berlusconi è diventato il bersaglio della tifoseria e i messaggi che arrivano sul suo profilo Facebook non sono mai stati così violenti. Cristian Brocchi non si è pentito di aver accettato l’incarico ma al tempo stesso si rende conto che lo aspettano giorni molto complicati.
    TORNA MIHAJLOVIC?
    Per adesso non esiste la possibilità di un ritorno di Sinisa Mihajlovic, ma nulla deve essere dato per scontato quando c’è di mezzo Berlusconi. L’unica cosa certa è che per Brocchi si allontano le possibilità di una conferma per la prossima stagione.
    GALLIANI RASSEGNATO
    La squadra resta sotto accusa e oggi alla ripresa degli allenamenti ci sarà un confronto molto duro. Adriano Galliani sembra ormai rassegnato e inizia a trattare il Milan come un malato incurabile ma non accetta che la squadra venga meno ai propri doveri. Le prossime partite serviranno per capire chi è utile al progetto ma l’immobilismo sul mercato è un aspetto da non sottovalutare.
    ROSSO IN BILANCIO
    Intanto, giovedì, si svolgerà l’assemblea dei soci dove verranno ufficializzate le cifre del bilancio consolidato al 31 dicembre 2015 ovvero meno 89,3 milioni. I piccoli azionisti sono pronti a dare battaglia e toccherà ad Adriano Galliani occuparsi di loro rispondendo alle domande. Barbara Berlusconi, infatti, parteciperà soltanto al cda.

    RispondiElimina
  2. L’ultima garanzia sul Filadelfia: sono arrivate anche le tranche mancanti da parte della Città e del Torino. Mentre la ricostruzione del “tempio” procede spedita con il posizionamento delle tribune più basse e la prossima semina del terreno, oggi le casse della Fondazione Filadelfia hanno ricevuto i bonifici che servivano per arrivare alla somma deliberata di 8 milioni: la seconda rata da parte del Comune (1,5 milioni) e la terza del club granata, che tramite la Fondazione Mamma Cairo ha versato i restanti 340mila euro del milione a favore dello stadio dove il Grande Torino scrisse la leggenda. La Regione, invece, ha già provveduto tramite il recente accordo con il Credito Valtellinese al pagamento della sua quota di 3,5 milioni.
    Espletata tutta la fase burocratica, non resta che attendere la fine dei lavori che, come da programmi, dovrebbero concludersi in tempo per l’inaugurazione fissata il prossimo 17 ottobre. Cioè a 90 anni esatti dal giorno in cui si giocò la prima partita.

    RispondiElimina
  3. Secondo me corrono troppo. Giuseppe

    RispondiElimina
  4. Purtroppo Milco molti scambiano questi allentamenti di maglie con l'eliminazione del bloqueo, soprattutto i nostri "giornalisti", ovvio è sempre meglio questo che niente, ma se vince Trump, il Biscardi a stelle e strisce, la vedo dura per la nostra Cuba.

    RispondiElimina
  5. Io non credo
    Indietro non si torna

    RispondiElimina
  6. Sperem....ma chi vince negli usa già ci farà capire tante cose

    RispondiElimina
  7. Sia la Clinton che Trump hanno già detto che non si discosteranno troppo da quanto fatto da Obama

    RispondiElimina
  8. La vera novitá é scoprire che anche Cuba ha la sua signora Luisa...direi semplicemente un mito!

    ...sperando che a differenza della nostrana...pulisca bene il wc...

    Freccia

    RispondiElimina
  9. Zio sei un uomo fortunato ad avere un socio come Simone...visionario inserire una Casa Luisa...troppo avanti anche con VK...

    Freccia

    RispondiElimina
  10. DOMANDA RICEVUTA SU FB, QUALCUNO HA LA RISPOSTA?

    Salve...una cosa di poco conto...Cayo Iutias è collegata via mare a Cayo Levisa? Se si...che orari barche? Costo? Inoltre potreste dirmi in tempo...e km quanto dista Cayo Iutias da Levisa in auto? Per capire se da Vinales riesco a vedere entrambi i Cayos!

    RispondiElimina