venerdì 21 ottobre 2016

GUYANA

 Risultati immagini per guyana

¡No me tires fotos! –Pedrito sólo consiente que mire sus manos desgranando maíz–. Es que quiero irme de nuevo. Si tú me tiras fotos y las pones en internet, capaz que me metan en una computadora, me fichen, y luego no me dejen salir.
Toti, la mujer de Pedrito, adora fotografiarse. Pero esta vez se niega. Me aleja como si espantara moscas.
¡No, mijo, no, que este me mata si tú publicas una foto de esas!
Y así, entre dientes, entrecortados, hurtando el cuerpo, se atreven a contarme cómo Pedrito fue a Guyana y volvió de Guyana, sin saber bien dónde queda Guyana, sin procurarse antes un mapa, sin haber tenido un teléfono móvil nunca. Y tanto se cuidan de mí que les ofrezco toda la protección que puedo garantizar: él será Pedrito y ella Toti, el pueblo rural donde viven no tendrá nombre.
Cerradas las fronteras ecuatorianas para los cubanos, inquieta Centroamérica luego de las últimas crisis migratorias, desmanteladas numerosas redes de traficantes de personas, cada vez se torna más angosta la ruta para llegar desde la Isla a Estados Unidos. Pero queda una puerta para alcanzar Sudamérica, y todavía parece un acceso cómodo, una escala posible. Ahí está Guyana, el último recurso para quienes siguen saliendo de Cuba y se adentran por el istmo de Panamá.
Esta es la historia de la mentalidad campesina, del estupor guajiro, ante el sinuoso camino.
¿Cómo se te ocurrió irte a Guyana?
Me enteré que todo el mundo estaba cogiendo para allá.
¡Es visado libre! –la pregunta es ociosa para Toti: sólo hay una opción de entrada en tierra firme–. Es que Guyana es uno de los pocos países con libre visado para los cubanos. No te piden nada. Sacas pasaje y te vas.
Guyana y Rusia –confirma Pedrito.
No sé si Surinam también –duda Toti–. Por suerte tienen frontera.
¿Conoces más gente por acá que ha hecho ese camino?
¡Un millón! –Toti no viajó a Guyana. Qué lástima, pues se porta más locuaz.
De este mismo pueblo, no –Pedrito cavila–, pero muchísima gente de las cercanías sí… Bueno, de aquí son tres muchachos que se quedaron.
¿Quiénes?
Unos que están en Trinidad y Tobago.
Mala idea –le explico a Pedrito–: son islas. Desde ahí, el viaje se complica.
Toti tiene su teoría sobre los arribados a Trinidad.
El objetivo es llegar a Estados Unidos –razona–. Claro, unos tienen posibilidades y otros no. Unos van con el objetivo de quedarse posados y hacer algún dinero en Guyana o Trinidad. Otros tienen quien los respalde y van más seguros, no se tienen que quedar a trabajar. Si vas más apretado, sí te quedas.
Toti, si hubiera acompañado a Pedrito –se me ocurre–, quizá no se frustra el viaje.
Pero, ¿qué pasa? –ella sigue–. Se acabó la opción de Ecuador. Aunque Ecuador y Guyana están más o menos ahí cerca. El trayecto es el mismo. Ecuador, por supuesto, tenía más fluido de personas. De entrada, el idioma no es el mismo. ¿Cuál es el idioma de Ecuador?
Español, como aquí –le digo.
Toti ratifica su tesis.
¡Y en Guyana es el inglés!
Cuéntame cómo lo hiciste, Pedrito.
Como todo cubano, tienes que vender todo lo que tengas: el caballo, el carretón, la montura. Tuve que pedir dinero y vender muchas cosas.
¡Vendes todo! –grita Toti–. Vendes tu casa, un coche de caballos que tú tengas, el televisor, el dividí, ¡todo!… ¿Esta entrevista no será para la policía? –se ríe, segura de la broma, y finge susto–. ¡Ay, Dios mío!
La casa está vacía. Queda una mesa de manicura. Toti se sienta sobre la mesa, hunde los puños en la sudadera, se encapucha poco a poco, se disfraza. La sonrisa se ve –¡ay, la policía, ay! –, al fondo del túnel de la caperuza. Frente a la mesa, crece el montículo de granos de maíz.
El pasaje costaba mil novecientos dólares –Pedrito me enseña los boletos–. Cuando fui a pagarlo, ese día había bajado a mil cuatrocientos y pico. Me salvé.
¡Oye, no pongan los nombres de nosotros! –se asusta cuando advierte otra vez la grabadora–. Es que yo quiero irme otra vez, de aquí a unos días. Va y no me dejan salir. ¡No me tires fotos! ¡No me enredes!
¿En qué aerolínea compraste el pasaje?
En Copa, aquí en Santa Clara.
Habana-Panamá-Georgetown, leo en los pases de abordar.
Cuando llegas a Guyana te preguntan para dónde tú vas, y el dinero te lo cuentan. En La Habana, por veinticinco dólares, se consigue un papel con el nombre y la foto del hotel. “¿Para dónde tú vas?” y enseñas ese papel.
Ibas para el Aracari Resort –eso dice la hoja impresa–. ¿Lo tenías reservado entonces?
¡No! Es un papel nada más.
Aracari es un pájaro, uno bien exótico, pariente del tucán. Aracari es un resort. Seas quién seas, te consta que el edén de la época es un resort.  Más vale Aracari en mano: un resort también aparece como el pretexto ideal de la época para entrar al continente vedado.
Es una pre reservación –dice Toti, salvadora de su marido lacónico–. Sólo te cuesta veinticinco dólares. No puedes llegar a Guyana y, cuándo te pregunten para dónde vas, decir “Ay, no sé”.
Pedrito iba a Georgetown con su boleto, algún dinero americano y la foto de un resort. “Guear du yu gou?” “Aquí, aquí.” Pedrito señala una playa en el papel, una silla bajo una palmera, un coco con absorbente.
¿Qué sentiste al verte por primera vez en el extranjero?
Si llego a ir con alguien más, de dónde sea, pero de Cuba, yo no regreso. Pero me sentí muy extraño. Nadie me entendía. Ni en el aeropuerto había un traductor. Yo buscaba y nada.
¿Pero entraste a Guyana sin problemas?
Te ponen en un grupo, en una fila. Te dan un papel con un lápiz, y te hacen señas para que saques el dinero –Pedrito imita el gesto de contar billetes–. Yo tenía mi dinero, y por eso pude pasar.
¿Venían otros cubanos en ese vuelo?
¡Todos eran cubanos!
También están los que se dedican a buscar ropa para vender aquí –aclara Toti.
En el viaje de regreso, lo mismo –recuerda Pedrito–. Más de doscientos cubanos cargados de ropa.
El maíz se desborda, inunda la casa. Toti se acomoda en la mesa. Mira en torno, palpa el vacío; no el tedio de la única calle del pueblo, palpa el vacío bajo la mesa de cabillas, el vacío de las noches sin dividí.
Volvamos a Georgetown. Estabas desorientado. ¿Qué hiciste al pasar los controles, cuando entraste al país?
¡Pasé un hambre de pinga! No sabía dónde vendían nada. Vi que había como un merendero y llegué con el dinero americano. Compré una cosa, me costó un dólar, algo como una fritura. No me la pude comer. Y a la hora de devolverme, ¡me dieron una cantidad de billetes! Un americano vale doscientos pesos allí. ¡Una salvajá de dinero!
Fui a un hotel –no me explicó cómo pudo encontrar uno– y al otro día viré para Cuba. El hotel me costó treinta pesos. Tuve que pagar doscientos dólares para virar, para que me adelantaran el regreso.
¿Volviste para el aeropuerto y explicaste con señas que querías volver?
Sí, así fue.
¿Nunca encontraste a ningún cubano que te ayudara?
Yo me fui con cubanos. Pero me entretuve y todos tenían carros afuera, esperándolos. ¡Se montaron y se perdieron! Me quedé solo. Eran como dos horas de camino para llegar al pueblo. El aeropuerto está intrincado.
El aeropuerto se llama Cheddi Jagan, como aquel presidente de Guyana, dentista y comunista. De ahí a la capital hay cuarenta y un kilómetros, menos de tres cuartos de hora en automóvil. El pueblo de Georgetown no anda lejos, ¿pero está al norte o al sur? ¿al este? Pedrito no se mueve del Cheddi Jagan. Se siente confuso. Intrincado.
Perdí el dinero del pasaje, y doscientos más… Por suerte, ninguna de esa gente de Guyana supo a qué iba. Si se enteran me viran automáticamente. Un negro allá me preguntó en inglés: “¿Por qué te vas?” Le dije que por problemas familiares. Ellos sacaban un celular y escribían todo lo que yo decía. No sé si lo traducían así.
¿Cuándo partes de nuevo a probar suerte?
No sé, pero pronto.
Por esta casa, ¿cuánto les dan aquí?
Veinte mil pesos cubanos –se adelanta Toti–. Claro, hay que conseguir ochocientos dólares más para enseñar en el aeropuerto.
Da para el pasaje –confía Pedrito.
¿Cogerás la misma ruta?
Sí, me voy a Guyana. De ahí seguiré… –vacila– por Colombia.
¡Por Colombia tiene que seguir todo el mundo! –Toti anda más segura, siempre –. Guyana, Venezuela…
¿Se pasa fácil por Venezuela?
Sí, pero todo se complica a partir de Colombia.
La selva del Darién. Miles de cubanos en una botella, sellados por el “tapón del Darién”. Una botella de artesanía, de esas que exhiben un velero dentro sin que nadie sepa cómo entró el velero.
¿Estás al tanto de las estrategias de esos países para impedir el paso de los cubanos?
No me importa. Si bajan los pasajes, me voy. Buscar dinero para hacerlo de nuevo no es fácil.
¿Apoyas a tu marido en ese proyecto? –me vuelvo a la mesa de manicura.
¡Qué voy a hacer! –Toti baja la pierna y derrumba la pila de maíz, la lastima con ira–. Le doy un consejo, pero él decide. De corazón te digo, no hay que ir a la escuela para saber por qué la gente se va. Aquí, en un pueblo de campo como este, no hay futuro.
Reunirse luego sería el plan, ¿no?
Yo digo que con dinero todo es posible –Toti se amarga al fondo de la capucha–. Cualquiera llega a Estados Unidos. El problema es que no tenemos dinero. El camino de Guyana es para los miserables.
¿Qué falló en este viaje? ¿Las conexiones? ¿La suerte?
Me fallaron los nervios. Como yo, lo han intentado miles en Cuba. No soy tan especial. Por eso no me saques fotos. ¡Yo sé lo que te digo!
Questo lungo, a tratti simpatico ma allo stesso tempo inquietante racconto, fotografa esattamente la situazione attuale e i pensieri, spesso malsani, che circolano nel cerebro dei cubani.
Un guajiro, probabilmente mai stato a oltre 50 dal luogo dove e nato, va ad infilarsi in un misterioso paese, di cui ignorava l'esistenza, dove si parla una lingua di cui non conosce una parola, senza soldi ne' idee....il tutto pur di lasciare un paese dove, secondo la sua opinione, non esiste futuro.
Questa faccenda della Guyana l'ho sentita la prima volta da una delle amiche che frequento solitamente a Cuba, che vive in un monte sperduto nella provincia di Camaguey.
In quella landa sperduta, ai piedi dell'ultimo monte, tutti sapevano che, per entrare in Guyana, non era necessario il visto.
Divertito, le ho chiesto se sapeva dove si trovava quel paese, domanda a cui io stesso saprei rispondere soltanto dopo aver consultato una cartina geografica, lei mi rispose....”da queste parti...non troppo lontano...”.
Ricorderete i casini che migliaia di cubani affrontarono quando Nicaragua e Costarica chiusero le frontiere, tutto il bordello che ne e' conseguito, ancora non si sa bene come la cosa sia andata a finire.
Questi sono pazzi.
Gente con familion al seguito, che attraversa 7 paesi col rischio di lasciarci le piume per mille ragioni, rischiando di essere in balia dei vari “Cojote” armati fino ai denti che imperversano da quelle parti.
Posso capire i disgraziati che fuggono dall'Africa, da Siria, Libia, Iraq.....gente che ha visto morire i famigliari, e' stata sotto i bombardamenti ma...i cubani...
Per quale cazzo di ragione lasciare una vita che comunque, per tutti, garantisce almeno il minimo sindacale per andare verso l'ignoto.
Sono finiti i tempi in cui anche negli Usa erano accolti a braccia aperte con soldi, casa e lavoro.
Oggi non c'e' trippa neanche per loro, i parenti che li ospitano per un mese poi saranno i primi ad invitarli ad alzare le tende e a camminare con le proprie gambe.
Conosco gente che si vende la casa, l'auto, il motor....gente che vive bene, gozando il giusto e il tutto per cosa?
Salire dal pais....
Capisco farlo su un comodo avion, salendo a Cuba e scendendo nelle terre della Confederazione, ma il mettersi in cammino risalendo non il percorso di Compostela, ma il Sud America, proprio e' cosa da fuori di cabeza.
Fra le altre cose la Cuba di oggi non e' quella di 15 anni fa dove c'erano sacche di poverta' evidenti, oggi tutti bene o male la sfangano.
Davvero non capisco...Guyana....

M&S CASA PARTICULAR HA AGGIUNTO UNA NUOVA CASA
CASA VIDAL 

32 commenti:

  1. Addio al diario quotidiano sul web: Linus per dodici anni, più o meno tutti i giorni, ha pubblicato sul suo blog pensieri e parole, racconti personali e collettivi, piccole e grandi storie, seguite da un pubblico numeroso che ha apprezzato il suo modo di condividere parte della sua vita.
    Cosa è successo?
    "È successo semplicemente che ho chiuso il mio blog, che ho pubblicato per anni con precisione certosina. Alle dieci del mattino, ogni giorno, ho offerto ai lettori un mio piccolo contributo, per dodici anni, i primi due o tre in maniera meno costante, poi è diventato quotidiano. Fino a qualche giorno fa, quando ho deciso di smettere".
    Perché?
    "Io di mestiere non faccio l'editorialista, ho altre responsabilità e compiti, già per condurre il mio programma alla radio tutte le mattine faccio un grande sforzo per non ripetermi. Insomma, quello del blog era un impegno importante, gratificante nove volte su dieci, molto bello ma alla fine molto faticoso".
    Ha detto basta per stanchezza?
    "Non solo. Andando avanti, giorno dopo giorno, mi sono trovato davanti a una strozzatura. Era sempre più difficile trovare degli argomenti di cui parlare senza ripetersi. Innanzitutto perché non ho dato spazio ai temi dell'attualità: parlarne diventa pericoloso, ti butti in pasto ai barbari, metti te stesso in mezzo a una giungla dove ci sono certamente una maggioranza di persone che commentano e rispondono in maniera civile, ma dove ci sono anche quelli che a priori ti devono dire le cose in una certa maniera, rovinandoti l'esistenza. Quindi il blog è diventato con gli anni una faccenda personale, una sorta di diario, mi sono raccontato in una maniera più intima. L'ho fatto con piacere ma alla fine mi creava stress, ho pensato che fosse più elegante e rispettoso dire a tutti: quello che potevo dire l'ho detto, il mio privato l'ho offerto, non posso mettere in piazza più di questo".
    Condividere è diventato un problema?
    "Diventa un problema quando si trasforma in uno strumento offerto a chi ti vuole aggredire. Quindi per evitarlo ti metti a cercare un modo per raccontare cose che siano impermeabili alle rotture di scatole. Ma se cominci a togliere materie e temi, inevitabilmente ti rintani, costruisci uno spazio di sopravvivenza, e però devi cercare sempre cose diverse, non è il mio lavoro".
    Addio a tutti i social, quindi?
    "Io non ho una pagina Facebook, metto le mie foto su Instagram. E anche lì ci vuole equilibrio: come tutti, scelgo quelle in cui sono venuto meglio, ma subito c'è chi ti scrive che sei vanitoso".
    Raccontato così, gestire un profilo è quasi un lavoro .
    "Non deve diventarlo, non puoi stare lì con il bilancino per evitare polemiche. E mi fa un po' impressione che ci sia gente con una giornata piena zeppa di lavoro come la mia e che riesce comunque a twittare una grande quantità di messaggi. Così ho interrotto il blog. Ma non vuol dire che non avrò più contatti, troverò un altro modo".
    Nel video con cui saluta i suoi lettori del blog dice che anche i suoi figli l'hanno spinta a smettere.
    "No, loro sono stati consapevoli di essere parte di questa specie di reality, ma non ho mai pubblicato cose che potessero metterli in imbarazzo. Sono diventati parte del racconto perché era uno dei temi, quello dei figli, che mi legava naturalmente ad una parte dei lettori, raccontare l'esperienza familiare attraverso di loro era affettuoso e romantico. Ma adesso sono grandi, ci sono meno cose da raccontare".
    Le mancherà il "confessionale" del suo blog?
    "Ovviamente sì, ma lo vedo come un libro, ho finito di scriverlo, è stato un percorso lungo, ho scritto forse più di duemila pagine, nemmeno Dan Brown...".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido in pieno quanto scritto da Linus.
      Ogni cosa ha un'inizio ed una fine, cosi' sara' anche per questo piccolo spazio.
      Ne avevo gia' parlato una volta, limitandomi poi a prendermi i week end liberi, a presto potrei ridurre ancora a 3 volte la settimana ma, ripeto, ogni cosa ha un suo epilogo.
      Il fatto del condividere come accenna Linus e' reale, io ho scelto di farlo per il 10% della mia vita, 10% che rappresenterebbe gia' il 200% della vita di molti, per questa ragione provoca cosi' tanti rosicamenti.
      Pero' un personaggio pubblico come lui dovrebbe sapere che, nell'attuale merda che sono i social, questo puo' accadere.
      Occorre non prendersela e fottersene, anzi al limite compiacersi di essere perlomeno stato utile e a volte terapeutico per chi, di questi social, ne ha fatto una ragione di vita.
      Se e' successo e' perche', evidentemente, non ne ha altre.
      Questo blog e' un piccolo impegno ma e' un'impegno, fino a quando possibile andremo avanti anche per chi raccontandomi "non scrivo mai ma ti leggo sempre" mi ha confuso con un giornalista, mentre io metto soltanto cose in comune con chi, spesso, in comune non mette nulla.
      Vebbe' presto vado in ferie...poi vedremo...peccato pero' per Linus.

      Elimina
    2. Maaa si zio...ci può stare alla lunga qualche logorio...fa parte della vita moderna...

      Goditi le meritate vacanze...riducendo come anticipi gli interventi a 2-3 la settimana il gioco é fatto...

      Linus é una fighetta lagnosa...tu sei un combattente...

      Boia chi molla!

      Freccia

      Elimina
    3. Vedremo.....so gia' che mi mancherebbe un pochino, tieni anche conto che ieri circa 1650 visite singole....sono un botto.
      Un socia della palestra e' la cubana moglie di un amico conosciuto grazie al blog.
      M&S e' nato grazie al blog che ha messo in contatto me e Simone....tanti amici con cui mi vedo e interagisco sono arrivati grazie al blog.
      Insomma....ora sono molto stanco fisicamente...poi vedremo.

      Elimina
  2. Aston non pensarci neanche a mollarci! Giuseppe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facciamo che vado in vacanza e ricarico le batterie....poi vedremo.
      Comunque non andremo avanti in eterno, questo e' sicuro.

      Elimina
    2. Quando parti Milco? Ti capisco...ricaricare le batterie non ha prezzo...

      Elimina
  3. Purtroppo la disperazione porta anche a questo...certo, Cuba di oggi non è quella di 20 anni fa, però per i cubani, non tutti, no es facil...anche se volessi rimboccarti le maniche il problema sono i salari...ad esempio molti ragazzi cubani oggi fanno i camerieri nei paladar, quello dove vado sempre io sul malecon, ha diversi camerieri (circa 10) che si alternano nei vari giorni e turni, perchè il ristorante lavora davvero molto, è sempre pieno, ed è aperto dalle 12 alle 23 mas o meno...sarei curioso di sapere quanto prende di salario uno di quei camerieri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo anche che non sanno bene come siamo messi fuori...

      Elimina
    2. Esatto...infatti una buonissima parte della generazione y e pre y...é rientrata alla base preferendo il trittico sol,son y ron...

      meglio cavalcare la litania del no es facil che piegarsi a ritmi ed orari nostrani...

      Freccia

      Elimina
    3. l'importante e' che qualcuno paghi la cuenta...

      Elimina
    4. Nel dizionario della cubania...questo a prescindere.... sempre...jajaja...

      Freccia

      Elimina
    5. Ora in pLestra ho 2 amiche della socia....ecco....già queste varrebbero la pena....

      Elimina
  4. hola! ad oggi, non penso di dire una boberia, tutti i giovani cubani sognano solo una cosa: irse para la yuma, che sia in aereo o frontereando non importa. Vogliono uscire, scoprire ovviamente la maggior parte non ha agganci ( ed anche se hai parenti come dici il mantenimento dura poco) e vive de los cuentos. Ecco penso che per molti sia solo una questione de especular, viaggiare è un mito per i cubani e chi ci riesce è invidiato questo è un fattore psicologico da non sottovalutare ricordiamoci che vivono per gli altri. Purtroppo la realtà è già complicata solo mettendo piede nel paese inizio della traversata verso el norte prima era l'ecuador ora la guyana ancora più diffcile da attraversare. Insomma non è una bella situazione ma ci provano. chao Enrico

    RispondiElimina
  5. Il grande Troisi, in un suo famoso film, diceva che non necassariamente un napoletano emigra....a volte si limita a viaggiare....

    RispondiElimina
  6. E poi per inciso almeno la capitale Georgetown è una citta' piccola ed uno dei luoghi più brutti e pericolosi al mondo, ciao a tutti
    Andrea M.

    RispondiElimina
  7. IL PRESIDENTE Vladimir Putin in Siria ha deciso di giocare ancora più pesante. Da ieri la più massiccia flotta navale russa che si sia mai vista dalla fine della Guerra fredda sta muovendo dal Mare del Nord verso il Mediterraneo. Le navi stanno costeggiando la Norvegia, l'Inghilterra e la Francia per entrare nel Mediterraneo da Gibilterra.
    L'allarme è stato lanciato pubblicamente da un "alto diplomatico" della Nato che a Bruxelles ha parlato con i giornalisti della Reuters, per confermare quello che le intelligence navali dei paesi Nato stanno seguendo ormai da settimane. La Russia si prepara a un massiccio attacco in Siria, sicuramente per spazzare via le resistenze dei ribelli assediati ad Aleppo Est, in queste settimane decisive in cui la politica americana di fatto è paralizzata dalla campagna presidenziale.
    Fra le navi in viaggio ci sono l'unica portaerei russa, l'Ammiraglio Kuznetsov, con I suoi aerei bombardieri, l'incrociatore nucleare Pietro il Grande, alcune fregate e navi appoggio.
    La stessa stampa russa nei giorni scorsi aveva annunciato che una flotta russa sarebbe entrata in Mediterraneo, ma le dimensioni di questo impegno sono state definite dalla Nato "senza precedenti da quando è finita la Guerra fredda". Ieri le unità russe, composte di navi della Flotta del Baltico e della Flotta del Nord, sono passate al largo di Bergen, in Norvegia, e sono state segnalate ai comandi navali dei paesi alleati della Nato.
    "I russi stanno muovendo tutta la Flotta del Nord e quasi tutte le unità della Flotta del Baltico verso il Mediterraneo", dice la fonte della Reuters. "Non è una normale esercitazione: noi sappiamo che in un paio di settimane ci sarà una intensificazione degli attacchi aerei su Aleppo, la Russia vuole dichiarare vittoria totale". La marina norvegese (Oslo non è nella Ue, ma è un alleato Nato) ha diffuso foto delle navi in transito, e sui giornali norvegesi l'intelligence navale del paese ha confermato che secondo le nostre valutazioni si stanno dirigendo per l'attacco finale ad Aleppo, in Siria".
    Al Aleppo Est dal mese di luglio si p accesa una battaglia finale: fra i 270 mila civili (fra cui moltissime donne e bambini) ci sono circa 8000 ribelli, di cui 800 jihadisti del gruppo Jabat Al Nusra. In questi mesi gli aerei russi e quelli del presidente siriano Bashar Assad hanno bombardato postazioni dei ribelli, dei jihadisti terroristi ma ormai apertamente attaccano anche ospedali, palazzi, installazioni civili di ogni tipo per fare terra bruciata di Aleppo Est.
    Secondo la valutazione della Nato "un attacco devastante come quello che potrebbero mettere in atto le forze russe potrebbe garantire ad Assad il controllo totale su Aleppo e permettere a Mosca di dichiarare vittoria per poter poi ridurre la presenza militare in Siria.

    RispondiElimina
  8. Ieri sera, coi Villans, brutta partita contro una squadra con 4 ragazzotti ventenni che non abbiamo mai preso.
    8-3 finale ma si perdeva 8-1.
    Unico lampo di orgoglio quando un'amico dell'altra squarda a fine primo tempo (4-1) mi ha chiesto se "per equilibrare" volevamo mischiare le squadre....
    "Non se ne parla...i Villans vincono o perdono tutti insieme....da 35 anni".
    Ho giocato malissimo, serbatoio oramai vuoto, urge fermarsi a ricaricarlo.
    Una settimana poi Big Ben ha detto stop....per un po'.
    Devo dire che al ristorante del circolo di tennis, davanti alle trofie con broccoli e acciughe, ci siamo ripresi bene... :-)

    RispondiElimina
  9. Meta' barzelletta, metà storia vera su educazione ed ignoranza degli studenti americani , confrontati sulla cultura e istruzione a cuba
    +
    Prendila con un sorriso....


    Maestra cubana, dime Pepito, ¿quiénes son tus héroes favoritos?
    niño cubano, bueno; Martí, Maceo, Fidel, Camilo, el Che, los 5, y Elpidio Valdés...

    Maestra norteamericana en los EEUU, dime Jhon ¿quiénes son tus héroes favoritos?
    niño norteamericano, Iron Man, Thor, Captain America, X-Men, Spider Man y Superman...

    Así va el mundo caballero...
    ++++
    Bueno, si le preguntas a un niño norteamericano por Washington, te responderá que es la capital (bueno, eso espero), le dices, no, George Washington, ah, el del billete de un dólar?,, te responderá!!
    +
    Grande Verdad

    Ciao Guanabo

    RispondiElimina
  10. Tutto il mondo e' paese amico mio...

    RispondiElimina
  11. Un cubano recién llegado fue arrestado tratando de escapar a Cuba porque no le gustaba vivir en Estados Unidos.

    El hombre hacia solo 5 meses que había llegado de Cuba y decidió regresar como muchos llegan a Estados Unidos, la policía lo arresto porque llevaba 300 galones de gasolina en la lancha.

    La jueza le recrimino que con esa cantidad de dinero que había gastado en gasolina podía haber comprado un boleto de avión para regresar a la isla.

    RispondiElimina
  12. Torino(4-3-3): Hart; Zappacosta, Rossettini, Castan, Barreca; Benassi, Valdifiori, Baselli; Falque, Belotti, Ljajic. A disposizione: Padelli, Cucchietti, Bovo, Acquah, Lopez, Martinez, Vives, Obi, Moretti, De Silvestri, Boyè, Ajeti. Allenatore: Mihajlovic.

    Lazio (4-3-3): Marchetti; Basta, Patric, Hoedt, Wallace; Cataldi, Parolo, Lulic; Anderson, Immobile, Keita. A disposizione: Strakosha, Vargic, Djordjevic, Luis Alberto, Leitner, Lombardi, Vinicius, Prce, Murgia. Allenatore: Inzaghi.

    La Lazio entra in campo. Fischiatissimo Immobile da tutto lo stadio. Il pubblico non ha dimenticato il tradimento estivo.

    RispondiElimina
  13. Ieri sera ho guardato le due seconde squadre di Milano e Torino...indipendentemente dallo strepitoso goal...maaa quando é bravo Locatelli? Senso tattico da veterano, ottimi tempi di gioco e tecnica sopra la media per un centrocampista...

    Mi ricorda come personaggio un giovanissimo Maldini...

    Presente assicurato e sono pronto a scommettere che sarà il futuro capitano...se non arriverà un Real o un Barcellona di turno...

    Freccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Milan ha ottimi giovani, ora che il Berlusca non mette piu' becco tutti possono lavorare tranquilli.
      Tranquillo...arrivera' un Real o Barcellona di turno...

      Elimina
  14. Gol della Lazio...dopo che avevamo messo la quarta punta.
    Lo stesso errore di Bergamo....a volte accontentarsi e' la cosa migliore....
    1-2

    RispondiElimina
  15. In campo ora insieme Belotti, Yago, Maxi, Liaijc e Boye....maaaahhhhhhh!!!!!!

    RispondiElimina
  16. Buon pareggio contro una bella squadra.....ci si gioca le coronarie in questo modo...

    RispondiElimina