lunedì 13 aprile 2015

UNA FINE, UN INIZIO



Vi posto il video completo del discorso di Raul a la cumbre de las Americas.
Invece degli otto minuti previsti per ogni discorso, ha parlato per oltre 49 riprendendosi, come ha detto, anche il tempo degli altri 6 incontri a cui Cuba non era stata invitata.
Per fare chiarezza occorre dire che, dal principio, neanche a questa cumbre la presenza della maggiore delle Antille era sicura.
C'era il veto americano, ma i paesi dell'Alba, o buona parte di essi, avevano minacciato di non essere presenti nel caso che l'Avana fosse stata, ancora una volta, esclusa dall'incontro.
Raul a parlare in pubblico e a gigioneggiare ci sta' prendendo gusto.
Ricorderete i suoi primi interventi, subito dopo aver rilevato il potere dal fratello.
Brevi, secchi, essenziali quasi fosse schiacciato dall'improponibile paragone col loquacissimo Fidel.
Piano piano ha imparato a fare discorsi, a viaggiare a braccio e a “tenere” una platea esattamente come e' accaduto nel fine settimana.
Gran bel discorso quello del NOSTRO presidente (proprio non ci riesco a considerare Mattarella il mio...).
Schiena dritta, orgoglio, memoria storica e nessun tradimento dei propri ideali.
Oddio...l'ha presa un po' alla larga partendo dai secoli scorsi, forse ha indugiato un po' troppo su Playa Giron, ma Cuba si e' guadagnata ampiamente il diritto di ricordare i propri eroi.
Sono anche abbastanza d'accordo sul giudizio, anche se interessato, dato su Obama.
Il presidente americano, dopo una primo mandato deludente, sta' cercando di mantenere alcune delle promesse fatte in campagna elettorale.
Poteva fare molto di piu' ma la costituzione di quel paese permette alcune cose al proprio presidente, ma non ne permette altre, senza il l'appoggio del congresso.
Una cosa e' certa.
Dopo questo discorso di Raul e quella stretta di mano nulla sara' piu' come prima.
Si e' ufficialmente conclusa un'epoca, se ne apre un'altra di cui, a oggi, riusciamo solo a vedere i contorni.
Salutiamo la Cuba che abbiamo conosciuto in questi anni, ( per me sono stati ben 15) che abbiamo amato e che restera' sempre nel nostro cuore.
Si apre un'epoca nuova, conosceremo un paese nuovo che potra' piacerci o meno.
Ricordiamoci sempre che se non dovesse piacerci avremo molte alternative, i cubani hanno solo la loro isola in cui vivere o da cui scappare.
Sono un uomo che tiene conto del proprio passato ma che e' anche proiettato verso il futuro, non ho paura dei cambiamenti, nel mio piccolo vorrei riuscire a cavalcarli.
Finisce sicuramente la Cuba dei turisti pezze al culo, di quelli che considerano i 4 centavos che hanno in tasca il passaporto per credersi migliori di cio' che in realta' sono.
Cuba verra' tolta dalla lista dei paesi canaglia, apriranno le ambasciate, il bloqueo verra' tolto e arriveranno americani pieni di soldi e di voglie.
Il ventello con cui si sono risolte molte......cose diventera' una barzelletta, esattamente come chi pensa che ancora possa avere lo stesso valore di prima.
Abituiamoci a una Cuba nuova, a nuovi orizzonti e, per chi ne ha, a nuovi progetti.
A La Habana quello che e' accaduto a Panama e' stato accolto come se fosse un giorno di festa, mentre a Miami, in determinati circoli, con molto scetticismo, quando non con rabbia.
I repubblicani, Rubio in testa, faranno un po' di resistenza ma alla fine cederanno anche loro.
Non c'e' nulla di ideologico nel riavvicinamento americano, semplicemente un mercato di 11 milioni di abitanti, dove serve tutto, a 90 miglia dalle proprie coste, non poteva essere lasciato in mano a Cinesi, russi, brasiliani ed europei.
Pero' mai come in questo caso vale il detto che a caval donato non si guarda in bocca.
Come ho detto altre volte l'orologio della storia non torna indietro mai.
Non facciamolo anche noi restando nostalgici di una Cuba che, probabilmente, non vedremo piu' ma di cui difficilmente ci dimenticheremo.
Hasta la Victoria Siempre!

45 commenti:

  1. Il futuro e' un grande punto interrogativo. Stefano

    RispondiElimina
  2. Vero. ma nessuna paura......sapremo cavarcela sempre.

    RispondiElimina
  3. "Non restiamo nostalgici di una Cuba che, probabilmente, non vedremo piu', ma di cui difficilmente ci dimenticheremo...Hasta la Victoria Siempre!"

    sono quasi commosso...

    Freccia

    RispondiElimina
  4. tremendissima photogallery...

    http://tg24.sky.it/tg24/mondo/photogallery/2014/12/17/cuba_stati_uniti_dall_embargo_al_disgelo_relazioni_ambasciata_avana.html

    Freccia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto si sta'muovendo in fretta. . .

      Elimina
  5. Guardiamo al futuro con fiducia

    RispondiElimina
  6. E' un treno che non si può perdere, su questo non c'è dubbio!
    E per chi inizia a muoversi solo ora, è gia tardi.

    ANDREA

    RispondiElimina
  7. Il Principe Fabrizio di Salina, diceva «Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi» . Certamente il passaggio che si sta vivendo ora è storico. Ricordiamo che poco più di mezzo secolo fa, le tensioni tra Cuba e Usa stavano portando ad un passo il mondo a una guerra nucleare. Ora la distensione, i tempi sono diversi, gli Usa hanno ben altri nemici da fronteggiare. Molto probabilmente cambiamenti a Cuba ve ne saranno molto pochi, i turisti USA non sono molto differenti dai Canadesi, che sono i primi turisti nel isola. Il regime avrà qualche scusa in meno davanti al popolo, per nascondere il fallimento della rivoluzione, ma qualche scusa la troveranno. Molto probabilmente la FMI concederà qualche grosso prestito a Cuba, e così Cuba rimmarà incastrata dal debito pubblico, come un qualsiaisi paese al mondo. Il prossimo anno ci sarà il congresso, il cambio della legge elettorale, con quanlche piccola libertà politica. Ma alla fine chi è al potere, non cambia e rimmarà tutto simile alla Cuba di sempre. Beppe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rimarra' tutto cosi'? Eh... intanto i cubani dovranno cominciare a lavorare, cosa a cui non tutti sono abituati; poi aumentera' la delinquenza, terzo, molti si arricchiranno a dismisura mentre altri, meno fortunati (con un eufemismo) faranno la fame come ora. L'educazione e la sanita' non saranno piu' del tutto gratuite e la piccola corruzione di oggi assumera' proporzioni gigantesche, proprio come da noi. Mi fermo qui', se ti sembra poco.... - YUMA

      Elimina
    2. Anche questo è uno dei tanti scenari possibili

      Elimina
    3. Speriamo di no Yuma. Ma cosa te lo fa credere un cambiamento così negativo? Forse c'è qualche nuova legge a Cuba, che ti fa pensare ad un cambiamento? I cubani lavorano se sono pagati, ora non lo sono e quindi non lavorano. Ricchi a Cuba ve ne sono, solo chi negli anni 90 ha cambiato dollari a 140 pesos è diventato ricco. Chi possiede una auto o più di una è ricco, chi ha parenti al estero sta bene. Quindi cosa cambia? Credi che aver tolto Cuba dai paesi canaglia - fra pochi giorni- cambierà la vita dei cubani. Sei sicuro che la corruzione non sia di grandi proporzioni oggi a Cuba? Francamente penso che l' unico cambiamento che potrebbe esserci, è che se Cuba non migliora la condizione di vita dei cubani, potrebbero ribellarsi, visto che manca la scusa regina della "guerra" con gli USA. Ma ci credo poco. Beppe

      Elimina
    4. Vedi Beppe non so se sia il caso di Yuma che non conosco, ma per molti parlare sempre e comunque male di Cuba e' anche un modo per tirare sera e per giustificare la loro presenza, altrimenti ingiustificata, sul web cubano.

      Elimina
    5. Condivido in pieno il pensiero di Beppe, anche secondo me la vita del cubano non cambierà più di tanto, cambierà in meglio per chi i soldi li ha già, ma la sostanza non cambia. Paolino.


      Elimina
    6. Certe cose sono uguali in tutto il mondo.
      La vita cambia se ti ritrovi piu' soldi nel borsillo e puoi modificare il tuo tenore di vita.

      Elimina
    7. Guarda Milco che se leggi atentamente il mio intervento . non ti puoi non rendere conto che in esso non sto parlando gratuitamente male di Cuba, al contrario, sto semplicemente imaginando un futuro che, a mio modesto parere, on lascia le cose immutate, come sostiene Beppe, ma rischia in alcuni campi un peggioramento della situazione sociale. Ad maiora. - YUMA

      Elimina
    8. Infatti ribadisco che il tuo è uno scenario possibile come tanti altri. Mi riferivo a quei poveracci che parlano male di Cuba a prescindere dall'argomento. Per partito preso

      Elimina
    9. I soldi non si trovano nel borsillo ma ci vanno, e perche' ci vadano bisogna sbattersi. Inoltre bisogna imparare ad apprezzarne il valore e a saperli amministrare. questo non resulta sempre facile a noi, figurarsi ai cubani che, non per colpa loro, non ne hanno la dimestichezza. Impareranno, dategli tempo e l'occasione e impareranno anche loro! - YUMA

      Elimina
    10. Può essere ma molti di quelli che vedo da noi hanno sia il tempo che le occasioni e continuano a sprecare entrambi

      Elimina
    11. Gia'. Meditate gente....meditate...YUMA

      Elimina
  8. Scenario assolutamente possibile anche se spero e mi aspetto qualcosa di meglio

    RispondiElimina
  9. INTERESSANTE ARTICOLO DA AGORA VOX

    È ammirevole il percorso che porta al ristabilimento delle relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Cuba e di lì alla fine dell’embargo. Barack Obama, tutti i leader latinoamericani, riuniti a Panama nel Vertice delle Americhe, ci hanno tenuto a precisarlo, non è né Bush né Reagan e viene politicamente emendato delle responsabilità dei suoi predecessori. Giova però ricordare che, se Cuba ha partecipato al Summit passando dalla porta principale, non è per una concessione di Obama ma perché gli USA hanno dovuto prendere atto di aver perso il potere di veto in materia.
    In questo contesto nel quale i rapporti di forza appaiono modificati, qual è la vera faccia di Obama, l’anatra zoppa che sta ricucendo ferite come quella cubana e quella iraniana? E qual è il volto degli Stati Uniti che tra un anno e mezzo potrebbero riconsegnarsi al millenarismo neoconservatore? Sono quelli che stanno avendo il coraggio di prendere atto del passaggio storico nel quale la loro primazia sul Continente può essere esercitata con la politica e non con la brutalità e l’inganno, o quelli che decretano che il Venezuela sarebbe un pericolo per la sicurezza degli Stati Uniti? Sono quelli che, con parole dello stesso Obama, hanno il coraggio di ammettere il loro passato oscuro in materia di diritti umani, o quelli che, ad ascoltare i nostri media di regime, possono sempre fare la morale a chiunque? È l’Obama che stringe la mano a Raúl Castro, o quello che va via e non ascolta gli interventi dei suoi pari, secondo in maleducazione solo a Juan Carlos di Borbone?
    La retorica sull’abbattimento dei muri è inevitabile, ma a patto di sapere che è più ciò che occulta di quanto spiega. Dal Vertice di Panama – una trentina di capi di stato non sono volati fino al paese del Canale solo per presenziare a una stretta di mano – non sortirà alcun documento consensuale. E non si proverà neanche a scriverlo, lo ha spiegato il presidente boliviano Evo Morales, perché due paesi, Stati Uniti e Canada, sono isolati su temi chiave quali salute, educazione, sicurezza emisferica e, in particolare, sul caso del “decreto Obama”. Gli USA sono isolati sull’essenza del modello neoliberale, che solo pochi anni fa era rappresentato come il magnifico destino progressivo dell’umanità. Di quella retorica, piena di “opportunità”, “liberalizzazioni” e “generazione d’impiego” restano le parole stantie di qualche attore non protagonista, come l’honduregno Juan Orlando Hernández. Perfino un uomo di destra dura come il guatemalteco Otto Pérez Molina, ha il coraggio di dire che il problema più grave della regione, il narcotraffico dal quale dipenderebbero fino al 90% delle morti violente, va affrontato nel paese dove le droghe vengono consumate e generano profitti criminali, ovvero negli USA, e con la fine del proibizionismo. Non è la mancanza di crescita a causare il narcotraffico ma è l’imperio della droga, l’industria più liberalizzata del pianeta, a impedire uno sviluppo sano. Perfino l’uomo simbolo dei paesi del Pacifico che guardano a Nord, il peruviano Ollanta Humala, è cosciente che l’ideologia della «crescita e l’export delle materie prime non bastano più. Bisogna diversificare e scommettere sull’intelligenza dei nostri popoli».
    L’avvicinamento a Cuba, al quale fa da contraltare il continuo tentativo di portare ad un “regime change” a Caracas, testimonia le persistenti difficoltà nell’orientare la politica regionale degli USA alla luce degli avvenimenti degli ultimi tre lustri.

    RispondiElimina
  10. Più attuale di tutto, nonostante gli USA abbiano cercato di fare macchina indietro nelle ore precedenti il vertice, coscienti del loro isolamento, è dunque la questione dell’intemerato decreto di Obama, che considera il Venezuela un pericolo per la sicurezza degli Stati Uniti, come lo era il Nicaragua per Reagan, Panama per Bush padre e Cuba per una decina di predecessori di Obama. Trentatré leader su trentacinque, alcuni con parole contundenti come Cristina Fernández nel discorso più alto della giornata, chiedono a Obama di fare un passo indietro e denunciano la continua manipolazione mediatica contro tutti i governi integrazionisti. Lo stesso Maduro ha chiesto a Obama l’incontro che poi materialmente c’è stato nella notte dopo due anni di rifiuti. Simbolicamente, altrove ma sempre a Panama, erano riuniti ventisei ex-capi di governo e di Stato, capeggiati dallo spagnolo Aznar fiancheggiato dal lobbista Felipe González, a rappresentare il bipartitismo alla frutta in quel paese. Aznar era stato con George Bush tra i promotori del fallito golpe contro Chávez dell’11 aprile 2002. Con lui noti violatori di diritti umani come il salvadoregno Alfredo Cristiani, il boliviano Tuto Quiroga, il colombiano Álvaro Uribe, il messicano Felipe Calderón e altri revanchisti neoliberali, i Fox, Lucio Gutiérrez, Piñera, Lacalle e l’amico panamense di Berlusconi, Martinelli. Tutti loro hanno firmato un documento che dipinge il Venezuela come il nuovo gulag tropicale e bramano per un intervento USA.

    Curiosi, screditati personaggi, gli jihadisti del neoliberismo che continuano a invocare una guerra santa contro il Venezuela come ieri consideravano Evo Morales e gli indigeni andini «l’Osama Bin Laden e i talebani dell’America latina». La realtà è che la loro rotta è definitiva da quando l’ALCA, l’Area di Libero Commercio delle Americhe, che avrebbe trasformato l’intero continente in una maquiladora, e che George W Bush voleva imporre senza discutere a Mar del Plata nel 2005, fu sconfitta dall’alleanza tra movimenti sociali e apparato produttivo brasiliano sulle ali dell’autorevolezza di dirigenti come Kirchner, Chávez e Lula. Succeda quello che succeda, alternanze democratiche sono e saranno alle porte, quello strumento di dominazione, oggi non è neanche più in agenda.

    Fu quello il momento di svolta della storia di un Continente che ha memoria e che nel riferimento a un doloroso e per alcuni fastidioso passato, radica il coraggio di guardare agli USA non più come il padrone al quale presentarsi subalterni, ma neanche come il nemico sul quale costruire retoriche spesso stantie. Cristina Fernández ha ricordato che la principale differenza tra USA e America latina vada cercata nel differente valore dei padri fondatori che nel Sud costruirono piccole patrie diseguali e dipendenti. Anche nel nostro secolo, in America latina gli USA hanno sempre appoggiato i peggiori, da Batista a Pinochet, da Menem a quei ventisei. Ma la Storia va avanti e non è più tempo per gli USA di speculare sul “nostro figlio di puttana”, ieri Carmona, oggi Capriles o chi per lui per sostituire governi eletti e che con mille difficoltà portano avanti processi democratici e d’inclusione sociale che in questo scorcio di secolo hanno ottenuto risultati straordinari. Tra mille contraddizioni Obama sembra averlo intuito, ma Panama testimonia che sarà chi verrà dopo di lui a doverne essere all’altezza.

    RispondiElimina
  11. Perdona Milco, ma vorrei ricordare qui' anche il nome di un altro grande tra i grandi che tanto hanno fatto e stanno facendo per i loro paesi dell'America latina, il presidente dell'Equador, Correa. - YUMA

    RispondiElimina
  12. Sopratuttto per la sua lotta contro le multinazionali

    RispondiElimina
  13. purtroppo oggi giornata di lavoro intensa che proseguirà fino a tarda ora...mi sarebbe piaciuto commentare maggiormente vista importanza argomento...nella mia ignoranza mi limito ad alcune rapide considerazioni che tuttavia reputo basilari per cambiamento:

    1. indispensabile riforma dei salari in modo tale che il cubano abbia maggior potere d' acquisto

    2. il PIL di Cuba è ancora legato per il 74% circa al turismo...urge incrementare altri settori

    3. seria e concreta apertura, in maniera moderata, all' iniziativa privata, con accesso al credito...un possibile modello potrebbe essere quello della microfinanza (vedi es. microfinanza campesina Ecuador)...Aston ci potresti far un post...

    dopodiché Cuba potrebbe svoltare, mi auguro rispettando quando di buono della Revolucion...non sarà facile...

    Freccia


    RispondiElimina
  14. Per fare un post sulla microfinanza mi devi mandare, via mail, delle informazioni di base, altrimenti arranco come Moser in salita....

    RispondiElimina
  15. Però non dimentichiamo mai che Cuba pur con tutti i cambiamenti che può fare non possiamo pretendere che diventi come Europa o Stati Uniti,è pur sempre un paese molto povero e bisogna paragonarlo ad altri suoi simili poi penso che il potere rimarrà sempre al partito unico.paolino.

    RispondiElimina
  16. A me ad esempio fa sorridere questa fantomatica fetta di mercato che gli USA si vogliono accaparrare prima che lo facciano altri,cioè gli oltre 11 milioni di cubani quando il loro potere di acquisto per il 99 per cento di essi è pari a ZERO. Pablo

    RispondiElimina
  17. Se diventasse come da noi in tutto tanto varrebbe tornare a fare le ferie a Borghetto Santo Spirito

    RispondiElimina
  18. Milco non so come finirà, ma non sono così sicuro come lo sei tu....I repubblicani se vincono il bloqueo non lo tolgono, io sono straconvinto di questo, anche perkè lo hanno dichiarato a più riprese, e col bloqueo Cuba non farà questi enormi cambiamenti come la dipingi tu...Io la vedo nera, molto nera, per ora...Alla fine hanno cambiato 4 cazzate a Cuba, sono sempre con le pezze al culo, tutto dipenderà da chi vince in america.

    RispondiElimina
  19. Obama non si sarebbe sbilanciato tanto senza prima essersi. . . Coperto le spalle

    RispondiElimina
  20. Premetto che voglio il bene max per il popolo cubano.....Ma che gli importa a lui tanto non si ricandida! I repubblicani sono in vantaggio nei sondaggi, almeno ad oggi, e hanno la maggioranza nel congresso (che dovrebbe eliminare il bloqueo, cui sono contrari), per questo la vedo dura, ma ci spero ovviamente...Un altra considerazione, ammesso che tolgano il bloqueo io penso che i primi effetti positivi si vedranno tra anni e anni, non puoi cambiare radicalmente dopo 60 anni, di botto, è impossibile materialmente, i nostri figli ne vedrebbero i vantaggi, ma non credo noi....spero di sbagliarmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eliminare el Blokeo è un atto umano dovuto di speranza nel futuro al popolo cubano. Da sempre l'embargo economico affama il popolo e alimenta e rinforza le nomenklature dei regimi vedi Iran, Vietnam, Libia, Iraq ecc. Embargo e Regime sono due facce della stessa medaglia. La revoca del blokeo porterà ad un automatica eliminazione della ley d'djuste cubano che favorisce i cubani all'arrivo negli Stati Uniti.Immaginate nel 94 con la protesta del mariel se non c'era la ley d'adjuste a dar sfogo alle proteste di massa! Tutte le insoddisfazioni e i dissapori interni da sempre evaporano nella valvola di sfogo dell'accoglienza amercana.Obama ha dichiarato che il problema cubano ha una radice interna che solo il popolo cubano può risolvere. Con la revoca dell'embargo se non si avvierrano riforme sonstanziali facile che i cubani finalmente s'incazzano! Franz

      Elimina
    2. Il bloqueo e' stato un'immenso pretesto regalato dagli americani a Fidel per consentirgli di fare cio' che vuole, un errore enorme.

      Elimina
  21. Infatti è proprio perché non deve più candidarsi che si muove in questo modo

    RispondiElimina
  22. Dici? Non so fino a che punto possono ascoltarlo se alla fine non è più nessuno....mah, speriamo bene, e speriamo che vincano i democratici, per una Cuba "nuova" e migliore!

    RispondiElimina
  23. I dieci presidenti precedenti a Obama erano dei due partiti e nessuno hamai mmosso un dito, anzi. Fra i due partiti le differenze sono poche se è un business per il paese l'embargo lo tolgono. Comunque basta aspettare. . . Poco

    RispondiElimina
  24. Io mi auguro solo il meglio per il popolo cubano, poi come arriva arriva..

    RispondiElimina
  25. ricordiamoci che anche con il disgelo e con l'eventuale annullamento del bloqueo poi è Cuba che deve fare le riforme mica le faranno gli americani, se non alzano un pò i salari ammesso che riescano ad alzarsi, dare un minimo accesso al credito ecc sarà ancora tutto uguale magari con prodotti in più sugli scaffali ma che i cubani saranno sempre in difficoltà ad acquistare. la nostra opinione di tutto ciò è che Cuba sia interessata solamente ai turisti americani e ai loro dollari.. ma ci sono due problemi: l'isola non è pronta a riceverli se non aumenta la disponibilità ricettiva ( e con la legge attuale di inversion extranera mai lo farà ) se non aumenta gli stipendi e quindi lo standard attuale il turista americano non tornerà.. terzo problema se questi dollari extra continuano a mangiarli nel governo siamo punto accapo.. speriamo che abbiamo pianificato qualcosa in questo senso.. altrimenti sarà ancora dura per tutti. cubacenter

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatto se gli scaffali di un negozio erano vuoti per colpa del bloqueo, una volta tolto quegli scaffali devono riempirsi....scuse non ce ne saranno piu'.

      Elimina
  26. Quello che e' sicuro è che i benefici del turismo andranno a beneficio del governo e relativa casta militare (come già oggi i migliori villaggi sono associati alla gaviota che è un impresa legata all'esercito)

    Per il cubano medio oggi tutto e' ancora un miraggio, miraggio che con quello che sentono nei media diviene anche un po' tragicomico...

    Faccio l'esempio di una mia amica medico ed il suo fidanzato (altrettanto medico): vedono in tv castro che si siede con obama....

    ... E tra 3 settimane partono per 36 mesi in Venezuela (paese amico di cui forse sono gli unici a difenderne il presidente Maduro... ma allo stesso tempo sanzionato dagli Usa .. Bel paradosso)per poter racimolare (in 3 anni) una piccola somma per comprarsi una casa: unica alternativa possibile ai 50 cuc mensuales facendosi il mazzo in strutture sanitarie fatiscenti in cui manca tutto o quasi (ovvero come la media della tanto decantata sanità cubana), 50 cuc con i quali già sopravvivere è' un traguardo.

    Quando vedrò che per queste persone inizieranno a migliorare le cose, finalmente mi inizierò a convincere che Cuba sta cambiando sul serio

    Lo vedo difficile ma lo spero per loro (ovvero il 95% della popolazione)

    Mat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero pero' le case particular e i pladar sono gia' strutture non statali che si occupano di turismo, anche se, ovviamente, hanno un'imposta da pagare.

      Elimina
    2. ok case particular e paladar: ma quanti cubani senza aiuti da fuori o in particolari situazioni possono permettersi di avere un'attività del genere? Mat.

      Elimina