lunedì 17 settembre 2018

LAZARO BRUZON



La Comisión Nacional de Ajedrez, a tenor de los más recientes acontecimientos, ofrece una actualización del estado de sus relaciones con el Gran Maestro Lázaro Bruzón Batista.El 31 de julio del presente año el ajedrecista nos comunicó que viajaría a Estados Unidos empleando su pasaporte ordinario, para atender asuntos personales e intervenir en un torneo.Se le indicó tramitara la solicitud en la Escuela Superior de Formación de Atletas de Alto Rendimiento Giraldo Córdova Cardín (ESFAAR), con la cual había suscrito debido contrato y por tanto formaba parte de su matrícula. No lo hizo.El 17 de agosto el entrenador del jugador, Rodney Pérez, trasladó a nuestra Comisión una preocupación relativa a la salud del atleta tunero y su imposibilidad de integrar el equipo a la venidera Olimpiada Mundial de Ajedrez.Se había recibido un mensaje desde Estados Unidos en que Bruzón confirmaba sufrir una crisis de la enfermedad que padece desde hace algún tiempo, y que por esa razón estaba impedido de integrar la selección que asistirá a la ciudad georgiana de Batumi, sede del certamen universal.Ante ello, le sugerimos regresara a Cuba para organizar su debido tratamiento a través del Instituto de Medicina del Deporte, y de inmediato fue sustituido del equipo olímpico, colocando en su lugar al Gran Maestro Yaser Quesada.En los intercambios sucesivos, Bruzón explicó que ya se encontraba bajo tratamiento médico y que además valoraba la posibilidad de estudiar en Estados Unidos.Tomando en cuenta su contrato firmado con la ESFAAR Cardín y su pertenencia a la preselección cubana de ajedrez, se le requirió volviera al país y retomara acá su tratamiento y preparación.En las últimas jornadas ha salido a la luz la integración de Bruzón y del Gran Maestro Yunieski Quesada al equipo de la Universidad de Webster para la temporada 2018-2019. Este segundo atleta no forma parte de la preselección cubana desde el curso 2016-2017 y radicaba en su provincia.Ante tales circunstancias, ha cesado la pertenencia de Bruzón a la ESFAAR Cardín y a la preselección nacional de Cuba.Comisión Nacional de Ajedrez
Aunque pensé bastante antes de decidirme no me quedó mas remedio que escribir unas palabras sobre el tema,quizas no es lo mas sensato pero no puedo dejar pasar asi las cosas sin aclarar sobre las mentiras que han publicado,pensaba inicialmente cerrar el tema y punto, no mirar ni opinar,pero hay muchas personas,amistades,familias que se preocupan y se merecen escuchar realmente que pasó...no una nota fabricada para quedar ellos como heroes y yo villano,difundir una nota asi donde resalta el malestar y odio hacia mi de donde viene?aqui lo explicaré pues es lo que pienso de eso..primeramente yo sali el 26 de Julio hacia Estados Unidos,deje una carta explicando claramente cuales eran mis intenciones sin enganar ni esconderme de nadie....sali con la firme conviccion de seguir participando en torneos por Cuba como parte de su equipo y para la proxima olimpiada,no dije nunca que iba a jugar un torneo,no dije tampoco que iba a prepararme ni atenderme con ningun medico...sali con mi pasaporte azul como he hecho durante varios annos....no en un evento oficial ni con mi pasaporte oficial,por eso no tenia que darle mayores explicaciones a nadie,siempre he cumplido con mis compromisos como parte del equipo cubano de ajedrez..o sea con mi parte y responsabilidades,mi vida personal es otra cosa...yo vine a estudiar en una universidad,comenzar una nueva etapa de retos y aspiraciones en mi vida personal y profesional,pero siempre con las mejores intenciones de seguir manteniendo mis lazos y jugar por Cuba.A los pocos dias de estar aca comence con los dolores y problemas que ya explique antes,tuve que ir urgente al medico para me hicieran analisis y me pusieran tratamiento,todos eso papeles los envie para Cuba. Hasta cuando va a seguir eso con los deportistas cubanos? Los artistas pueden viajar,vivir donde ellos decidan..cantar donde ellos decidan y regresan a cuba y los reciben como heroes nacionales.Hasta cuando estos dirigentes van a seguir sin darse cuanta que los verdaderos protagonistas de esta pelicula son los atletas y no ellos?Les enfadó demasiado que yo dijera que llevamos 15 annos pidiendo internet y no han querido aydarnos?Eso no es nada nuevo y en infinidades de veces lo hemos planteado dentro de Cuba.LOs que me conocen saben de donde yo vengo,cuales son mis origenes y todo lo que he pasado,siempre he luchado y he salido adelante a pesar de muchas adversidades,pero si algo he mantenido es que siempre he sido transparente,hablo la verdad bajo cualquier circunstancia y lucho por lo que creo justo,por eso me resulta inescrupuloso que hoy esten dando una imagen falsa,con noticias llenas de mentiras sobre mi,llevo mas de 20 annos de carrera y representando a Cuba en el ajedrez,eso no hay forma de borrarlo,que por su incapacidad y extrictas reglas ellos me pierdan del equipo y demas es otra cosa.Con estas letras no estoy justificando ni pidiendo absolutamente nada,si simplemente ellos hubieran dicho que era baja sin dar tantas explicaciones ni calumniarme con falsos argumentos yo hubiera mantenido el silencio...pero no asi...como me han llamado varios amigos preocupados,por mi familia y por los seguidores del ajedrez es que aclaro como fueron realmente las cosas.
                                    PERCHE'
Perche' occuparmi di un fatto tutto sommato marginale? Dell'ennesimo sportivo (ammesso e mai concesso che gli scacchi siano uno sport...) che decide di andarsene e delle autorita' sportive cubane che lo tagliano fuori da tutto?                                                                                               Intanto perche' Lazaro e' un tunero de pura cepa, poi perche' lo conobbi ad una cena da amici alcuni anni fa, vive a 100 metri da casa nostra, e' capitato con una certa frequenza di incontrarci, le due chiacchiere sono sempre saltate fuori.                                        Classico bravo ragazzo, baciato dalla sorte e con il dono di emergere in una attivita' (proprio non ci riesco a chiamarlo sport...) che a Cuba e' stata portata dai Sovietici e che riveste una certa importanza.
                                     I FATTI
Ho riportato entrambe le campane per cercare di avere un quadro piu' chiaro possibile della situazione.                                              Lazaro decide di uscire da Cuba con destino Stati Uniti, lo fa adducendo a situazioni personali, esce col suo passaporto e senza problema alcuno.                                                                                         Entra negli Usa facilmente, non deve passare dalle forche caudine di inviti, interviste in Colombia o Guyana come avviene per ogni cubano che vuole ricongiungersi con qualcuno.                                                                                           Entra, suppongo, come atleta cubano...ma con “qualcuno” che deve avergli spianato la strada...                                                           Salta, a causa di questa visita, un torneo internazionale, adducendo a problemi di salute.                                                                                            Cuba gli chiede di rientrare per curarsi, lui afferma che si sta' gia' curando negli Usa, dove annuncia di volersi iscrivere ad una Università. 
Salta poi fuori, di questo lui non fa menzione, che giochera' per l'equipe di quella universita', di conseguenza Cuba lo esclude dalla squadra nazionale.
                                     REGOLE
Come funzionano le cose a Cuba da questo punto di vista lo sappiamo bene, cosi' come lo sa perfettamente ogni atleta di alto rendimento.                                                         
Tolte poche eccezioni e tutte recenti se vuoi far parte dell'equipe Cuba di qualunque sport devi vivere sull'isola, allenarti con i tecnici federali, condividerne le scelte fino in fondo.                                 
Se esci dal paese in forma legale o illegale, vai a vivere altrove non puoi far piu' parte della nazionale cubana a nessun livello.                     
Giuste o sbagliate che siano queste sono le regole.                             Lo sportivo di alto rendimento diventa tale a Cuba godendo di privilegi negati al resto della popolazione, il sistema chiede che l'atleta riconosca questo dato di fatto e si comporti di conseguenza.             
Piaccia o non piaccia.
                                     OPPOTUNITA'
Lazaro ha oggi 35 anni, era gia' un fenomeno a 15, e' diventato Gran Maestro prestissimo, per anni e' stato uno dei piu' grandi scacchisti al mondo, fra i primi del ranking planetario.                                                                                         E' stato perche' da qualche anno e' iniziata la discesa.                                                                                         Come capita a molti talenti precocissimi, ai campioni che si manifestano tali in tenera eta', il declino arriva piu' rapidamente rispetto a chi invece sboccia piu' tardi.                                             Lazaro non vinceva piu' ed era scivolato parecchio indietro nel ranking mondiale, probabilmente lui e' il primo ad essersi reso conto di questo, cogliendo un'opportunita' che in futuro potrebbe non ripresentarsi piu'.                                                                               A suo modo ha fatto bene, certi treni potrebbero non ripassare piu'.
                                   CONSIDERAZIONI
Ancora una volta mi ritrovo a dover fare gli stessi discorsi sulla totale cecita' dello sport cubano, di chi impone allo sport cubano certe decisioni, nei confronti di una realta' che e' sotto gli occhi di tutti.                                                                                                     Non li tieni piu'.                                                          
Il senso di appartenenza, la matrice politica, Patria o Muerte non sono piu' sufficienti per trattenere atleti che vogliono monetizzare al massimo i pochi anni di carriera che hanno davanti.                                                                                             SI DEVE trovare un sistema per fare in modo che Cuba sia ricompensata per essere stata in grado di formare atleti cosi' spettacolari, concedendo pero' agli atleti stessi la possibilita' di migliorare le proprie condizioni di vita, senza per questo cessare di rappresentare l'isola negli eventi sportivi.                                                                                        Veder giocare cosi' bene Juantorena nella nazionale italiana di volley e' un crimine contro tutto lo sport cubano.                                                                                             
I vice campioni di volley dei mondiali 2010 sono tutti in Italia; Leon, Leal, Simon ecc...                                                                    Uno e' brasiliano, l'altro polacco, l'altro ancora chissa' di dove, Pichardo, il lunghista talentuosissimo e' oggi portoghese, in Italia ne abbiamo 5/6 di alto rendimento. Ha senso tutto questo?          
Hasta cuando? Il paragone coi musicisti lo trovo poco appropriato, i nerd che rappano con i calzoni alla cacaiola rappresentano solo se stessi ed il loro borsillo, gli atleti rappresentano tutta Cuba, da Pinar del Rio a Guantanamo.                                                                                     Ripeto, HASTA CUANDO le cose continueranno in questo modo?
                                        FINALE
Sabato pomeriggio chiamo casa a Las Tunas, o meglio casa della familia, una delle due in cui vivo quando sono a Cuba.                                                                                                Mi risponde la fanciulla, a fine telefonata, con voce circospetta, visto che di certi argomenti al telefono e' meglio non parlare, le dico “Quando vai su internet leggi di Lazaro”                                            La risposta (scusandomi per il mio spagnolo scritto) fa capire come a Cuba le cose siano davvero cambiate.                                            “Ah si...se fue' en Estados Unidos y se quedo'...lo dijeron al noticiero, me alegro por el”.

sabato 15 settembre 2018

LA COPPIA



Risultati immagini per trump embargo cuba

ALESSANDRO ZARLATTI/IL BELLO DELL'AVANA
L'altro giorno stavo facendo una specie di gioco con un amico: stavo considerando questo... come chiamarlo, riavvicinamento degli Stati Uniti a Cuba cercando di umanizzare il rapporto, considerandolo come una dinamica di coppia. A volte parlare di Stati rende tutto più astratto e concetti come la “ragion di Stato” falsano rapporti che poi, in fin dei conti, riguardano persone e vite. Cioe', raccontiamo un po' di fatti. 
La situazione di coppia è la seguente: lei lo lascia e lui inizia a farle la guerra. Le toglie gli alimenti, le medicine, cerca di avvelenarla, manda gente a casa sua per ferirla, per ammazzarla, minaccia i suoi amici perché non le vadano in soccorso, non le portino beni essenziali di sopravvivenza e non le diano medicine; per essere più convincente le mette un po' di bombe dentro casa perché il messaggio arrivi forte e chiaro, poi la insulta pubblicamente e la calunnia delle peggiori nefandezze della terra. Un giorno le manda degli scagnozzi e prova a levarle casa con la forza. Lei quel giorno si difende, li respinge e lui rosica. Per metabolizzare il fallimento ci fa su un paio di film. Va detto che lui, abile film maker, ogni volta che fa una cazzata gira un film. Inutile dire che gira film a ripetizione sulle cazzate che fa. Molti la chiamano libertà e democrazia, a me sembra il comportamento di un coglione. Comunque, dopo sessant'anni di tentativi lui decide di cambiare strategia. Dice: "Me so sbajato... Alla fine semo tutti un po' regazzini... È che a me l'aria de mare me rende nervoso... Come stanno i pupi? Mamma? Famo pace?". Lei, che alla fine non l'ha considerato niente di più che un povero coglione, che avrebbe solo bisogno di un assegno e di un rapporto civile ed in linea non con il medioevo ma con l'età moderna, accetta di parlare. In mezzo c'è l'amico prete di lui. I preti, si sa, sono fogna, e quando c'è da acchiappà ce stanno sempre. Lei dice: "Vabbè, se sorbimo pure er prete basta che finisce 'sta storia...". Allora lui arriva, dice che alla fine sono sempre stati una famiglia e che certe scemenze si possono mettere alle spalle. Però le condizioni della dimenticanza sono le seguenti: tu me dai una stanza a casa tua; la stanza che ho occupato abusivamente per tutti questi anni non è oggetto di questa rappacificazione; non lo è per ora neanche la decisione che ho preso di toglierti il cibo, le medicine e neanche tolgo la minaccia a chiunque voglia darti una mano; ti metto il telefono e internet così facciamo contenti i bambini, tu lo paghi e io mi limito a non dire più che tu sei una zoccola cattiva e pericolosa; ah, c'è pure che me dai anche le stanze più belle de casa tua per fare bed & breakfast che te mando un po' d'amici miei. A posto così? Dai, lo vedi che tra persone civili ci si intende sempre?
Ecco, questa simpatica scenetta rappresenta in modo colorito e un po' cialtrone quello che succede in una coppia in cui l'uomo è un coglione, senza cervello e violento e lei è semplicemente una donna che vuole vivere la sua vita, fare le sue scelte, i suoi errori, e percorrere la sua strada. Uscendo da questa metafora già troppo lunga, devo dire che l'unica frase veramente sensata l'ho sentita dire da un vecchietto di 89 anni che dopo aver applaudito sommessamente ha detto: "Sì, tutto a posto. Hai detto tu che sessant'anni di embargo sono stati un errore. Adesso almeno mi paghi i danni". Quel vecchietto si chiama Fidel Castro.
--------------------------------------------------------------------------
Zarlatti scrisse questo pezzo durante la fase di riavvicinamento fra i due paesi col Comandante en Jefe ancora in vita.
Divertente metafora di una coppia.
In Piemonte diciamo spesso che e' sempre bene parlare, fare considerazioni a bocce ferme.
Ora a distanza di un paio d'anni e con “l'effetto Obama” alle spalle possiamo provare a rileggere quel periodo in modo piu' obiettivo.
Avrete visto in questi giorni, il Trumpo firmare con tanto di foto sorridente il decreto che prolunga di un'altro anno il bloqueo, ora ci sara' il consueto voto all'Onu dove tutto il mondo, meno gli Usa e Israele, condanneranno quello che a tutti gli effetti e' un atto criminale.
Francamente, anche a me il fatto di “mettiamoci una pietra sopra e ripartiamo” risultava una bella presa par il culo.
Obama affermo': “se abbiamo cambiato 11 presidenti mentre i Castro sono ancora al loro posto vuol dire che abbiamo sbagliato qualcosa”.
Quel “qualcosa” non era ben definito.
Non e' stato mai chiaro se hanno sbagliato a mettere in piedi l'embargo oppure a non trovare un modo serio di fare fuori Fidel.
Non e' chiaro se gli Usa ritenevano che i migliaia di morti causati dal bloqueo fossero un incidente di percorso oppure avrebbero dovuto essere di piu'.
Non e' chiaro se la Baia dei Porci fu un errore metterla in piedi o si sarebbe dovuta fare una guerra a tutto campo.
Queste e molte altre cose non sono chiare.
E' facile, dopo 60 anni di guerre, invasioni, attentati, bloqueo, terrorismo dire “mettiamoci una pietra sopra”.
Chi paga?
Non a caso Fidel si tenne distante dalle celebrazioni durante la visita di Obama, non e' neanche chiaro se il presidente Usa volesse vederlo o se El Comandante en Jefe non abbia accettato l'incontro.
Capisco Raul e la ragione di stato ma non si puo' tirare una colpo di spugna come se tutto non fosse successo.
Ora, col Trumpo, che ha sempre fatto negocios con Cuba anche quando nessuno lo poteva fare, le cose sono tornate alla “normalita”.
A La Habana esiste un'ambasciata e non piu' un oficina di interessi ma non funziona, tutti i tramiti devono passare dalla Colombia (se non e' cambiata per l'ennesima volta la meta dei pellegrinaggi dei poveri cristi per ottenere la agognata visa), restano una dozzina di categorie di statunitensi che possono legalmente visitare l'isola, le navi da crociera attraccano e le compagnie aeree (sa hanno convenienza) posso atterrare.
Tutto qua'.
L'embargo resta, la gusaneria di Miami continua a riceve fondi, le ladrones en blanco anche se molto defilate, viste le ruberie e gli scandali interni, continuano a prendere il grano dal dipartimento di stato Usa.
Della bloggara a gettone si sono perse le tracce, ma nessuno la rimpiange.
Alla fine, come sempre aveva ragione Fidel.

mercoledì 12 settembre 2018

PROGRAMMARE




Come scrivevo l'altro giorno la programmazione di una vacanza puo' fare la differenza fra dei giorni da ricordare e altri da dimenticare.
Programmare non vuol dire avere tutta la giornata o la vacanza gia' organizzata, ma bensì avere una base di sicurezza da cui partire, base all'interno della quale ci deve essere il giusto spazio per l'improvvisazione ed il cazzeggio.
Posso, visto che siamo su un blog personale, raccontarvi come procedo io, senza mai aver la presunzione che le mie decisioni debbano fare giurisprudenza..
Esiste un tempo per ogni cosa.
Come scrivevo l'altro giorno se hai 20/21 anni (come l'umile scriba nella foto) va bene tutto, poi pero' le cose cambiano, devono cambiare che ci piaccia o no.
La programmazione parte dalla scelta (quando di scelta si tratta) del periodo per partire.
Per la prossima stagione, come vi dicevo, ho gia' acquistato 3 biglietti, se vogliamo si tratta di un'imprudenza ma visto che l'estate e' andata bene e i segnali lavorativi di questo inizio settembre sono positivi, voglio considerare questa scelta come un atto di fede, una speranza che tutto proceda bene e che il vostro umile scriba non debba rinunciare a nulla.
Alla peggio posso spostare un volo, o anche non partire, alla fine non si tratterebbe di nulla che ti cava il sangue.
Il periodo dicevo, ovviamente se uno e' un lavoratore dipendente non conta solo dalla sua volonta', anche io che gestisco attivita', devo fare i conti con la stagionalita' e l'organizzazione (o/e la programmazione) per chi resta.
Questa estate avevo 8 ragazzi in giro per lavoro, nel ginnasio siamo una quindicina, tutto va definito e lasciato in ordine, non posso certo dire “parto e arrangiatevi”.
Ora ho pure 2 case da gestire oltre al cane, se non mi organizzo e' un casino.
I periodi, per questa stagione, saranno fine ottobre, febbraio e meta' maggio per quasi una sessantina di giorni complessivi.
Programmare vuol anche dire trovare le migliori offerte di volo possibili, potendo giostrare le date, 3 voli (con uno scalo rapido) partendo da 2 km da casa, a meno di 1300 euro complessivi non sono proprio un brutto affare.
Occorre organizzare l'arrivo a La Habana, l'amico col carro, sempre lo stesso, che mi viene a prendere al Jose' Marti' e mi porta al terminal Viazul e poi, gli ultimi giorni, mi viene a prendere al terminal quando arrivo dalla mia citta' e mi porta a casa, ancora, quando rientro mi riporta in aeroporto.
Al terminal vedere subito se c'e' un carro che parte per oriente da dividere con altri viaggiatori, in caso contrario si aspetta il primo bus in partenza.
Casa mia, o per molti la casa de renta di fiducia, quella dove sono sicuro di ritrovare tutto come l'ho lasciato, senza sorprese o rotture di coglioni almeno di livello 6.
Una delle cose che fa la differenza a Cuba e' la capacita' di poterti muovere senza limitazioni o senza dipendere da altri, quindi per quello che mi riguarda, la renta dello scooter e' un elemento imprescindibile della mia vacanza.
Niente taxi, bicitaxi, coche o altri inventi che sono, a loro volta, rotture di coglioni almeno di livello 3.
Avessi un'altra testa ne avrei gia' comprato uno elettrico che mi sarei gia' ripagato 10 volte, ma io quei cosi li' proprio non riesco a guidarli, ho paura che le batterie mi lascino a terra in mezzo al nulla, rottura di coglioni almeno di livello 7.
Quindi periodo, volo, chaffeur, casa, scooter.
Alla programmazione, senza voler dispiegare le ali del pavone, non e' proprio il caso, ci aggiungo le 6/7/8 amiche, di antica o/e recente frequentazione, che sono sicuro di ritrovare nella mia citta' quando arrivo.
Sembra nulla ma nella Cuba di oggi, dove tutto e' molto piu' complicato (rotture di coglioni...) rispetto ad anni fa per i motivi che ben conosciamo, avere la sicurezza che chi ci deve essere...c'e' e' una di quelle cose che davvero fa la differenza.
Questo e' cio' che programmo, il resto e' figlio di...come butta la giornata.
Al limite mi ritaglio ancora uno spazio per allenarmi, visto che lo sport mi regala il pane quotidiano, per il resto siamo davvero nell'ambito di...vediamo cosa succede.
Posso con lo scooter andare a trovare los abuelos, o gli zii, oppure andare a Colombia a trovare un altro pezzo del familion, sapendo di essere accolto SEMPRE come uno di familia.
Posso portarmi in giro Tifon, il nostro monumentale pastore alemanno.
Posso andare a trovare amici in citta' oppure a Vivienda, a Calixto, a Buenaventura o dove devo andare.
Posso mangiare in casa, da Mario, al Buena Vita o in un posto dove fanno una splendida carne o pesce alla brace cosi' come posso andare in un buon ristorante cubano.
Posso cenare da solo, con una donna, con amici, con chi cazzo voglio.
Trovarmi una tipa per passare la notte, dormire solo, non dormire, stare in giro fino all'alba.
Questo e' il concetto; una base di saggia (si spera) programmazione all'interno della quale trova spazio tutto cio' che puo' davvero rendermi speciale la vacanza.
Senza rotture di coglioni.