lunedì 5 dicembre 2016

NESSUNO COME LUI


Ho seguito giorno dopo giorno la documentazione fotografica dell'ultimo viaggio del Comandante en Jefe, la carovana col feretro ha percorso a ritroso un cammino fatto 60 anni fa da Fidel per prendere il potere da Santiago a La Habana dopo che Camilo e il Che avevano sconfitto i governativi e Batista si era tolto dai coglioni la notte di capodanno, fuggendo in Usa con il forziere e le sue zoccole al seguito.
E' stato l'ultimo viaggio di Fidel prima di essere tumulato nel cimitero di Santiago accanto ai suoi compagni guerriglieri morti eroicamente oltre mezzo secolo fa.
Dire che la carovana che trasportava il piccolo feretro del Comandante dopo la cremazione abbia incontrato un successo strepitoso, vorrebbe dire minimizzare cio' che e' veramente accaduto.
Nessun potente della terra, nessun presidente, segretario di stato, Papa, Pope, eroe di guerra o quello che volete voi e' mai stato al centro di tanto affetto e probabilmente lo sara' mai.
Folla immensa a La Habana e poi gente ovunque, da ogni citta' che la carovana ha attraversato fino al piu' piccolo pueblecito nell'ultimo campo ai piedi dell'ultimo monte, tutta la gente e' andata a tributare l'ultimo saluto a Fidel.
Il tutto al grido di “Fidel soy yo” per significare che il Comandante e' una sola cosa col suo popolo e il popolo una sola cosa col suo Comandante.
La Stampa di Torino ha seguito con un paio di discreti inviati il viaggio della carovana.
All'inizio il feretro veniva definito come le ceneri di Fidel, ma gia' al secondo giorno si parlava direttamente di Fidel.
Fidel e' arrivato in quella citta', Fidel ha salutato per l'ultima volta El Che a S.Clara, Fidel e' stato accolto da una multitudine di gente in attesa per ore”.
Fidel, come se fosse ancora vivo, come se la sua presenza fosse davvero palpabile nella calda aria della maggiore delle Antille.
Non era un feretro che attraversava l'isola ma Fidel stesso che, ancora una volta, salutava la sua gente, il suo popolo, il popolo di Cuba.
I giornalisti hanno intervistato la gente;
Domani cosa fara'”
Domani ricomincero' a vivere normalmente, ma oggi era giusto che io fossi qua' a salutare il mio Comandante”
Lei e' medico, cosa ne pensa?”
Io sono medico ma sono nato povero e sono un negro.
Senza Fidel lei crede che io avrei mai potuto essere un medico, studiare ed aiutare altra gente?”
Giusto per fare un'esempio.
Centinaia di migliaia di persone hanno invaso le piazze, le strade, i campi dove passava la carovana e non si tiri fuori la cazzata che erano obbligati a farlo.
Decine di miei amici tuneri erano presenti in piazza perché sentivano che dovevano esserci, che era giusto vedere passare ancora una volta Fidel.
Con Fidel passava per quella via anche una larga parte della loro vita, che non tornera' mai piu'.
Fidel e' stato padre, figlio, zio, abuelo, marito, amante, c'e stato nei giorni buoni e in quelli bastardi, e' stato uno da benedire o da maledire a seconda di come andavano le cose.
Fidel e' Fidel senza se e senza ma.
Fidel soy yo” vuole anche dire che, anche se lui ci ha lasciati, il suo pensiero, le sue opere, l'idea che un'altro mondo sia possibile resteranno sempre con noi e ci aiuteranno a tirare avanti.
Las Tunas, la mia Tunas, la Tunas quemada ante que esclava, la Tunas rebelde e Rivoluzionaria e' scesa tutta in piazza, le foto sono impressionanti, davvero impressionanti.
C'era anche Grande Torino che ha risposto PRESENTE per l'ultimo saluto al comandante en Jefe.
Tutto il familion, da los abuelos ottantenni, al boss, alla moglie, la fanciulla, e poi zii, cugine, bambini ecc....tutti.
Da ieri Fidel riposa accanto a Marti', Cuba continuera' per la sua strada solidale e Socialista.
Hasta la Victoria Siempre, Comandante.

M&S CASA PARTICULAR HA AGGIUNTO UNA CASA
CASA ALEJANDRO 

domenica 4 dicembre 2016

RAUL A SANTIAGO


Discurso pronunciado por el General de Ejército Raúl Castro Ruz, Primer Secretario del Comité Central del Partido Comunista de Cuba y Presidente de los Consejos de Estado y de Ministros, en el acto político en homenaje póstumo al Comandante en Jefe de la Revolución Cubana, Fidel Casto Ruz, en la Plaza Mayor General Antonio Maceo Grajales, de Santiago de Cuba, el 3 de diciembre de 2016, “Año 58 de la Revolución”.
(Versiones Taquigráficas – Consejo de Estado)
Estimados Jefes de Estado y de Gobierno;
Destacadas personalidades que nos acompañan;
Compatriotas que se encuentran hoy aquí en representación de las provincias orientales y el Camagüey;
Santiagueras y santiagueros;
Querido pueblo de Cuba:
En la tarde de hoy, tras su arribo a esta heroica ciudad, el cortejo fúnebre con las cenizas de Fidel, que reeditó en sentido inverso la Caravana de la Libertad de enero de 1959, realizó un recorrido por sitios emblemáticos de Santiago de Cuba, cuna de la Revolución, donde, al igual que en el resto del país, recibió el testimonio de amor de los cubanos.
Mañana sus cenizas serán depositadas en una sencilla ceremonia en el Cementerio de Santa Ifigenia, muy cerca del mausoleo del Héroe Nacional José Martí; de sus compañeros de lucha en el Moncada, el Granma y el Ejército Rebelde; de la clandestinidad y las misiones internacionalistas.
A pocos pasos se encuentran las tumbas de Carlos Manuel de Céspedes, el Padre de la Patria, y de la legendaria Mariana Grajales, madre de los Maceo, y me atrevo a improvisar en este acto, que también madre de todos los cubanos y cubanas.  Cercano también está el panteón con los restos del inolvidable Frank País García, joven santiaguero, asesinado por esbirros de la tiranía batistiana con apenas 22 años, un mes después de que cayera combatiendo en una acción en esta ciudad su pequeño hermano Josué.  La edad de Frank no le impidió acumular una ejemplar trayectoria de combate contra la dictadura, en la que se destacó como jefe del levantamiento armado de Santiago de Cuba, el 30 de noviembre de 1956, en apoyo al desembarco de los expedicionarios del Granma, así como la organización del decisivo envío de armamento y combatientes al naciente Ejército Rebelde en la Sierra Maestra.
Desde que se conoció, ya tarde en la noche del 25 de noviembre, la noticia del deceso del líder histórico de la Revolución Cubana, el dolor y la tristeza se adueñaron del pueblo que, profundamente conmovido por su irreparable pérdida física, demostró entereza, convicción patriótica, disciplina y madurez al acudir de forma masiva a las actividades de homenaje organizadas y hacer suyo el juramento de fidelidad al concepto de Revolución, expuesto por Fidel el Primero de Mayo del año 2000.  Entre los días 28 y 29 de noviembre millones de compatriotas estamparon sus firmas en respaldo a la Revolución.
En medio del dolor de estas jornadas nos hemos sentido reconfortados y orgullosos, una vez más, por la impresionante reacción de los niños y jóvenes cubanos, que reafirman sus disposición a ser fieles continuadores de los ideales del líder de la Revolución.
En nombre de nuestro pueblo, del Partido, el Estado, el Gobierno y de los familiares reitero el agradecimiento más profundo por las incontables muestras de afecto y respeto a Fidel, sus ideas y su obra, que continúan llegando desde todos los confines del planeta.
Fiel a la ética martiana de que “toda la gloria del mundo cabe en un grano de maíz”, el líder de la Revolución rechazaba cualquier manifestación de culto a la personalidad y fue consecuente con esa actitud hasta las últimas horas de vida, insistiendo en que, una vez fallecido, su nombre y su figura nunca fueran utilizados para denominar instituciones, plazas, parques, avenidas, calles u otros sitios públicos, ni erigidos en su memoria monumentos, bustos, estatuas y otras formas similares de tributo.
En correspondencia con la determinación del compañero Fidel, presentaremos al próximo período de sesiones de la Asamblea Nacional del Poder Popular, las propuestas legislativas requeridas para que prevalezca su voluntad.
Con razón, el querido amigo Bouteflika, presidente de Argelia, expresó que Fidel poseía la extraordinaria capacidad de viajar al futuro, regresar y explicarlo.  El 26 de Julio de 1989, en la ciudad de Camagüey, el Comandante en Jefe predijo, con dos años y medio de antelación, la desaparición de la Unión Soviética y el campo socialista, y aseguró ante el mundo que si se dieran esas circunstancias, Cuba continuaría defendiendo las banderas del socialismo.
La autoridad de Fidel y su relación entrañable con el pueblo fueron determinantes para la heroica resistencia del país en los dramáticos años del período especial, cuando el Producto Interno Bruto cayó un 34,8% y se deterioró sensiblemente la alimentación de los cubanos, sufrimos apagones de 16 y hasta 20 horas diarias y se paralizó buena parte de la industria y el transporte público.  A pesar de ello se logró preservar la salud pública y la educación a toda nuestra población.
Vienen a mi mente las reuniones del Partido en los territorios: oriental, en la ciudad de Holguín; central, en la ciudad de Santa Clara, y occidental, en la capital de la república, La Habana, efectuadas en julio de 1994 para analizar cómo enfrentar con mayor eficiencia y cohesión los retos del período especial, el creciente bloqueo imperialista y las campañas mediáticas dirigidas a sembrar el desánimo entre la ciudadanía.  De esas reuniones, incluyendo la de occidente, que presidió Fidel, salimos todos convencidos de que con la fuerza y la inteligencia de las masas cohesionadas bajo la dirección del Partido, sí se podía y se pudo convertir el período especial en una nueva batalla victoriosa en la historia de la patria.
Entonces pocos en el mundo apostaban por nuestra capacidad de resistir y vencer ante la adversidad y el reforzado cerco enemigo; sin embargo, nuestro pueblo bajo la conducción de Fidel dio una inolvidable lección de firmeza y lealtad a los principios de la Revolución.
Al rememorar esos difíciles momentos, creo justo y pertinente retomar lo que sobre Fidel expresé el 26 de Julio de 1994, uno de los años más difíciles, en la Isla de la Juventud, hace más de 22 años, cito:  “…el más preclaro hijo de Cuba en este siglo, aquel que nos demostró que sí se podía intentar la conquista del Cuartel Moncada; que sí se podía convertir aquel revés en victoria”, que logramos cinco años, cinco meses y cinco días, aquel glorioso Primero de Enero de 1959, esto último añadido a las palabras textuales que dije en aquella ocasión (Aplausos).
Nos demostró “que sí se podía llegar a las costas de Cuba en el yate Granma; que sí se podía resistir al enemigo, al hambre, a la lluvia y el frío, y organizar un ejército revolucionario en la Sierra Maestra tras la debacle de Alegría de Pío; que sí se podían abrir nuevos frentes guerrilleros en la provincia de Oriente, con las columnas de Almeida y la nuestra; que sí se podía derrotar con 300 fusiles la gran ofensiva de más de 10 000 soldados”, que al ser derrotados el Che escribió en su Diario de Campaña, que con esa victoria se le había partido la columna vertebral al ejército de la tiranía; “que sí se podía repetir la epopeya de Maceo y Gómez, extendiendo con las columnas del Che y Camilo la lucha desde el oriente hasta el occidente de la isla; que sí se podía derrocar, con el respaldo de todo el pueblo, la tiranía batistiana apoyada por el imperialismo norteamericano.
“Aquel que nos enseñó que sí se podía derrotar en 72 horas” y aún menos, “la invasión mercenaria de Playa Girón y proseguir al mismo tiempo la campaña para erradicar el analfabetismo en un año”, como se logró en 1961.
Que sí se podía proclamar el carácter socialista de la Revolución a 90 millas del imperio, y cuando sus naves de guerra avanzaban hacia Cuba, tras las tropas de la brigada mercenaria; que sí se podía mantener con firmeza los principios irrenunciables de nuestra soberanía sin temer al chantaje nuclear de Estados Unidos en los días de la Crisis de los misiles en octubre de 1962.
“Que sí se podía enviar ayuda solidaria a otros pueblos hermanos en lucha contra la opresión colonial, la agresión externa y el racismo.
“Que sí se podía derrotar a los racistas sudafricanos, salvando la integridad territorial de Angola, forzando la independencia de Namibia y asestando un rudo golpe al régimen del apartheid.
“Que sí se podía convertir a Cuba en una potencia médica, reducir la mortalidad infantil a la tasa más bajas del Tercer Mundo, primero, y del otro mundo rico después; porque en este continente por lo menos tenemos menos mortalidad infantil de menores de un año de edad que Canadá y los propios Estados Unidos (Aplausos), y, a su vez, elevar considerablemente la esperanza de vida de nuestra población.
“Que sí se podía transformar a Cuba en un gran polo científico, avanzar en los modernos y decisivos campos de la ingeniería genética y la biotecnología; insertarnos en el coto cerrado del comercio internacional de fármacos; desarrollar el turismo, pese al bloqueo norteamericano; construir pedraplenes en el mar para hacer de Cuba un archipiélago cada vez más atractivo, obteniendo de nuestras bellezas naturales un ingreso creciente de divisas.
“Que sí se puede resistir, sobrevivir y desarrollarnos sin renunciar a los principios ni a las conquistas del socialismo en el mundo unipolar y de omnipotencia de las transnacionales que surgió después del derrumbe del campo socialista de Europa y de la desintegración de la Unión Soviética.
“La permanente enseñanza de Fidel es que sí se puede, que el hombre es capaz de sobreponerse a las más duras condiciones si no desfallece su voluntad de vencer, hace una evaluación correcta de cada situación y no renuncia a sus justos y nobles principios.”  Fin de la cita.
Esas palabras que expresé hace más de dos décadas sobre quien, tras el desastre del primer combate en Alegría de Pío, del que pasado mañana se cumplirán 60 años, nunca perdió la fe en la victoria, y 13 días después, ya en las montañas de la Sierra Maestra, un 18 de diciembre del año mencionado, al reunir siete fusiles y un puñado de combatientes, exclamó:  “¡Ahora sí ganamos la guerra! (Aplausos y exclamaciones de:  “¡Fidel, Fidel! ¡Ese es Fidel!”)
Ese es el Fidel invicto que nos convoca con su ejemplo y con la demostración de que ¡Sí se pudo, sí se puede y sí se podrá! (Aplausos y exclamaciones de:  “¡Sí se puede!)  O sea, repito que demostró que sí se pudo, sí se puede y se podrá superar cualquier obstáculo, amenaza o turbulencia en nuestro firme empeño de construir el socialismo en Cuba, o lo que es lo mismo,  ¡Garantizar la independencia y la soberanía de la patria! (Aplausos.)
Ante los restos de Fidel en la Plaza de la Revolución Mayor General Antonio Maceo Grajales, en la heroica ciudad de Santiago de Cuba,  ¡Juremos defender la patria y el socialismo! (Exclamaciones de:  “¡Juramos!)  Y juntos reafirmemos todos la sentencia del Titán de Bronce:  “Quien intente apropiarse de Cuba, recogerá el polvo de su suelo anegado en sangre, si no perece en la lucha! (Exclamaciones.)
¡Fidel, Fidel!  ¡Hasta la Victoria! (Exclamaciones de: “¡Siempre!)  (Exclamaciones de:  “¡Raúl es Fidel! y de:  “¡Raúl, tranquilo, el pueblo está contigo!”

sabato 3 dicembre 2016

GRANDE TORINO



Cari amici
Chiunque fosse interessato a soggiornare a Las Tunas, el balcon sull'oriente cubano, lo puo' fare nella casa de renta Grande Torino.
A lato, linkando sul logo, potete visionare il sito e rendervi conto della qualita' del servizio.
Possibilita' di transfert da e per ogni aeroporto dell'Isola.
Garage incluido nel prezzo.
Possibilita' di desajuno, almuerzo e comida ad ogni ora.
Per quanto rigurada le opzioni di...svago, vale sempre il vecchio adagio, che vi ripetera' la duena, "cuidame que yo te cuido".
Chiunque fosse interessato puo' contattarmi alla mail orienteavana@libero.it
Buone vacanze

GRANDE TORINO



M&S CASA PARTICULAR



M&S CASA PARTICULAR CUBA e' un'agenzia on line che si occupa della prenotazione di case particular in tutta l'Isola.
In questo momento propone quasi una cinquantina di case de renta a La Habana, (Alamar, Avana del Este, Centro Avana, Avana Vecchia, Miramar, Siboney, Vedado) Guanabo, Cienfuegos, Varadero, Trinidad, Camaguey, Las Tunas, Holguin Gibara, Guardalavaca, Nueva Gerona, Baracoa e Santiago de Cuba.
Ogni giorno ci giungono proposte di inserimento da parte di altre case sparse per la maggiore delle Antille.
Con M&S Casa Particular Cuba potrete prenotare la vostra casa de renta insieme ad altri servizi come desajuno, almuerzo y comida, il transfert da e per l'aeroporto piu' vicino, un auto a disposizione con chaffeur per tutti i giorni che vorrete, e molte altre possibilita'.
Abbiamo cuarti de renta, case indipendenti, case coloniali e ville con piscina, ogni budget puo' essere soddisfatto.
Sul nostro sito troverete tutte le informazioni necessarie, una pagina per ogni casa con descrizione dei servizi offerti e ricche fotografie che vi aiuteranno a scegliere quella che vorrete.
Vi aspettiamo!
M&S CASA PARTICULAR CUBA

 

venerdì 2 dicembre 2016

BP SHOW

 Risultati immagini per blu panorama

Pubblico oggi lo scritto del buon Fabione di Brescia, di come sia riuscito nella fantastica impresa di metterci 2 giorni per arrivare a Holguin da Milano, ovviamente grazie a Blu Panorama.

Sarebbe carino che il venerdi diventasse uno spazio condiviso.

Se avete racconti, storie, argomenti che possono risultare interessanti scrivete un pezzo e inviatemelo a orienteavana@libero.it.
................................................................
Sono partito da casa alle ore 3.50 del mattino

Arrivo parcheggio + navetta per aeroporto 5.55

Arrivo all'aeroporto, sullo schermo gia' appare un ritardo canonico di 50 minuti rispetto al previsto (partenza alle 11.00 e non alle 10.10).

Apertura check-in 6.30

Mi avvisano che ci dovremo fermare 15 ore all'Avana per un cambio di Tripulaciòn.

Per carità è sempre Cuba, ma non è il luogo dove risiedono i miei affetti.

L'aereo di BP ha un buco nell'ala dovuto ad un uccello preso in fase di decollo (e' andata bene, se entrava nel motore......)

per cui un'altro aereo e' stato noleggiato da blue panorama alla compagnia Euro Atlantic portoghese.

Una carretta peggio di quelle di blu

panorama. boeing 767 300-ER vecchissimo.

Chiedo perche' non fanno il giro al contrario (quindi milano holguin e poi havana) così accontenterebbero tutti..... mi hanno guardato come un alieno)

Poi in realta' partiti alle 13.50 ( perche' oltre tutto ci hanno cambiato la pista di decollo in fase di Boarding.....)

l'aereo ha gli schermi solo nelle divisorie dove ci sono i bagni.

e sono talmente consumati che si vedono poco o nulla.

Non abbassano nemmeno gli oscuranti per la proiezione dei films.

I films erano ovviamente solo in inglese o portoghese.

La musica e' pop internazionale o portoghese (brasiliana).

Il cibo è quello della blue panorama, per cui ci siamo già capiti.

Se vuoi acqua è meglio che non aspetti ma che la vai a chiedere tu (passavano almeno ogni due ore).

In realtà pensavo che la BP fosse poco organizzata, ma questo equipaggio era peggio ancora. (molto cortesi ma ben poco oraganizzati)

Arrivati all'Avana alle 19.00 ora locale

Uscito aeroporto immigraciòn ore 19.55

Ci avevano detto che dopo i controlli dei raggi X ci saremmo dovuti trovare con un addetto BP fuori dall'aeroporto.

Ovviamente uscito dall'area non c'e' traccia di nessun addetto.

Cerca e ricerca (chi cerca trova) vedo una signora 40enne sepolta da gente che urla passaporto.... io.....io......io.

Era l'addetta BP che teneva tra le mani una listato di nomi nemmeno in Ordine alfabetico. per cui tutti le volte che un passeggero presentava il passaporto doveva ripercorrere

il listato riga per riga.

Alla fine trova il mio nome, dopo un breve percorso a piedi al di fuori dell'aeroporto si monta sul Bus per l'hotel.

Da notare che il Bus transtur che dovrebbe essere uno dei migliori in circolazione, nel tragitto dall'aeroporto all'hotel (circa 8 km) si e' spento tre volte!!

Arrivato in albergo ore 20.40 (Habana Libre: super hotel 5 stelle da 500 cuc per notte, con cena e colazione inclusi)

Non ho nulla da dire sul trattamento BP. non ho speso 1 centesimo da e per aeroporto.

Non avrei speso nulla in hotel se mi fossi attenuto alle loro prescrizioni.

Poi, vuoi non prenderti una birra nel Lobby???

Vuoi non fare due passi al malecon e non prenderti una birretta......

Come ripeto, ero a Cuba, ma non nella "mia" Cuba.



Al mattino ritrovo al Lobby alle 5.30 per ripartenza verso aeroporto Habanero.

Partiti ore 5.40 dall'albergo.

Altro check-in "veloce" dalle 6.35; il personale del check-in non sapeva nemmeno cosa doveva fare con Noi sfigati e voleva rifarci fare il check-in completo.

Alla fine hanno fatto due code e due sportelli.

Quelli che dall'Avana dovevano rientrare a Milano, (con ovvio scalo ad Holguin) e quelli che si sarebbero dovuti fermare ad Holguin.

Guarda un po' che sorpresa, quelli che andavano a Milano erano la metà di quelli che si fermavano ad Holguin.

Per cui altro check-in infinito.

Da notare che non avevamo le valigie poiche' erano rimaste a bordo dell'aereo.

Partiti alle 10.00 (15 ore di riposo giuste per il cambio tripulaciòn che poi non e' avvenuto)

Arrivati alle 10.55

uscito dall'aeroporto alle 11.20

Al ritorno partito con un'ora di ritardo ma ci avevano avvisati per tempo.

Arrivati con 35 minuti di anticipo !!!!

Aereo Neos, equipaggio NEOS. tutta un'altra storia!!

Tutto è andato come dovrebbe sempre andare.

Mi chiedo come sono i viaggi con Emirates............
Poco da dire...con Blu Panorama tutto e' possibile.
Questa settimana...

Oltre 200 persone, tra italiani e cubani, sono da ieri pomeriggio bloccate a New York in attesa di poter ripartire per Cuba dopo che il volo su cui viaggiavano, un Boeing 767 della compagnia Blue Panorama diretto prima a Cajo Largo e poi a L'Havana, è dovuto atterrare in emergenza negli Stati Uniti a causa di un guasto al motore.
L'emergenza si è verifica quando l'aereo era sull'Atlantico, a poca distanza dalle coste del nord America: il comandante ha comunicato che a causa di un problema al filtro dell'olio di un motore, era costretto per motivi di sicurezza ad atterrare all'aeroporto più vicino. Il volo, il Bv 1740 partito da Roma Fiumicino alle 12.40 di domenica, è così atterrato al Kennedy di New York poco dopo le 16 ora locale. E lì è ancora.
Una volta a terra è infatti iniziata l'odissea per gli oltre 200 passeggeri, tra cui diversi cubani che tornavano a casa e molte famiglie con bambini che andavano a Cuba per una vacanza: senza visto di accesso negli Stati Uniti, i passeggeri sono rimasti quasi 3 ore a bordo dell'aereo e altre cinque in un ufficio dell'immigrazione, mentre i funzionari governativi svolgevano le pratiche per dare a tutti un visto provvisorio. Ore in cui nessun membro della Blue Panorama si è fatto vedere o sentire.
«Ci hanno abbandonati - dicono i passeggeri - ci hanno lasciato in quella stanza senza alcuna informazione. Se non era per gli agenti dell'immigrazione, non avremmo avuto neanche l'acqua per bere e nulla da mangiare». Solo in piena notte gli ultimi passeggeri hanno finalmente raggiunto l'albergo individuato dalla compagnia nei pressi dell' aeroporto. Ma anche qui i viaggiatori non hanno trovato alcun membro della Blue Panorama che desse indicazioni su quanto sarebbe ripartito il loro volo.
E l'incubo non è ancora finito: anche questa mattina, non c'è stata alcuna comunicazione ufficiale da parte del personale della Compagnia. «Sono in attesa anch'io di sapere qualcosa - ha detto ai passeggeri il comandante del volo - dovrebbero comunicarci se riescono a riparare il guasto o se noleggeranno un nuovo aereo, ma non ho informazioni ufficiali né so dirvi a che ora potremo ripartire».
Da Blue Panorama fanno sapere per conoscere i nuovi orari del volo «bisognerà attendere le autorizzazioni necessarie da parte delle autorità americane». Così, in attesa di notizie ufficiali, molti passeggeri hanno già annunciato che chiederanno il rimborso dell'interno biglietto e minacciato denunce nei confronti della compagnia.  “

Avevamo dei clienti di M&S a bordo con bambini...dopo n paio di giorni trattati come bestie si sono comprati un nuovo biglietto volando a La Habana, ospiti di Casa Zule da Andrea.
Visto che non bisogna mai farsi mancare nulla, una dozzina di cubani/e su quel volo, provenienti dall'Italia e non da un campo fuori Majbacoa hanno deciso di usufruire, visto che erano in suolo yankee, di quella porcheria de la ley de ajuste cubana.

M&S CASA PARTICULAR HA AGGIUNTO UNA CASA
CASA MILAGROS 

lastunas2dic
 rotonda





 carretera

giovedì 1 dicembre 2016

DOPO FIDEL

Caravana. Foto: Fernando Medina/ Cubahora

Come sempre accade quando c'e' di mezzo Cuba, i nostri quotidiani e le testate giornalistiche si sono sentiti in dovere di pontificare su cose di cui non conoscono neanche l'esistenza.
La morte del Comandante en Jefe e' stata salutata come se, dal giorno 26 novembre, Cuba si ritrovasse senza una guida politica adeguata.
Molinari, il direttore di La Stampa, quindi non l'ultima pippa in circolazione, afferma che non tutti i cubani hanno potuto vedere Raul dare l'annuncio della morte del Comandante en Jefe perche' a Cuba la televisione e' un bene di lusso che pochi possiedono.
Vivo a Tunas, forse la provincia piu' povera dell'impero e non conosco una sola persona che in casa non abbia un televisore quando non due.
Poi e' possibile che qualcuno in qualche campo ai piedi dell'ultimo monte non la possieda ma sono casi rari, fosse anche un vecchio Panda, ma una tv in casa ce l'hanno tutti.
Il direttore di una delle piu' prestigiose testate italiane che confonde Cuba con l'Italia di Lascia e Raddoppia, racconta in pieno la conoscenza dell'isola che i nostri periodisti si ritrovano.
Tutti hanno messo in dubbio il futuro dell'isola perche' un'uomo di 90 anni, lontano dal potere da oltre un decennio, ha terminato il suo percorso terreno.
Non saro' certo io a mettere in dubbio il valore simbolico di uno dei personaggi storici piu' importanti di sempre, ma e' chiaro che, da almeno 2 lustri, al comando c'e' altra gente.
Questo per la pace della gusaneria 90 km a nord.
La prima cosa che fece Raul, appena ricevuto il potere, fu quella di fare piazza pulita di tutti gli uomini forti del fratello.
Fra le altre cose, la vulgata afferma che Fidel non era molto dell'idea di mollare il malloppo, (il potere) e che fu Raul ad esigerlo viste le gravissime condizione fisiche in cui versava el Comandante en Jefe.
In effetti, tempo fa postai la foto di Fidel che, dal letto di ospedale, firmava il decreto in cui passava i poteri a Raul...non aveva un aria proprio contenta.
Quindi da 9 anni ai vertici del potere cubano ci sono i militari, magari senza la divisa addosso, ma pur sempre militari.
Militari sono i manager delle grandi imprese di stato, militari sono i capi delle aziende che distribuiscono prodotti alle aziende.
Nelle prossime settimane vi parlero' di Bastion 2016, di come ogni barrio sia silenziosamente ma efficacemente una sorta di avamposto militare pronto in poche ore a trasformarsi in una sorta di trincea......diro' quello che posso dire....
La successione di Fidel e' avvenuta in tutti questi anni dove Raul, uomo pratico di campo, dietro la spinta della crisi economica, ha messo in piedi riforme economiche che il fratello, uomo legato piu' alle idee che ai numeri, non si sarebbe mai sognato di fare.
Possibilita' di possedere beni immobili, nessuna limitazione alle uscite dal paese, ingresso nel mondo di internet, avvicinamento con la Santa Sede e con l'ingombrante vicino del nord, capacita' di anticipare cio' che e' avvenuto in Venezuela (Chavez era amico di Fidel...meno di Raul) apertura forte a Cina e Vietnam, riavvicinamento alla Russia di Putin ecc....
Fidel e' rimasto un'icona che, come ha saggiamente scritto un giornalista, nessuno pensava potesse anche morire, la gente leggeva le sue riflessioni ma oramai....era il passato.
Forse addirittura siamo gia' oltre Raul, tutto cio' che sta' accadendo e' stato ampiamente programmato e pianificato, non ci saranno vuoti di potere semplicemente perche' il potere e' gia' ben oltre il Caballo.
Cuba, tutto il popolo di Cuba salutera' per l'ultima volta il suo Comandante, lo piangera', non lo dimentichera' mai ma il futuro e' gia oggi, come racconto nelle storie di rientro dalla mia ultima vacanza.
Non ci saranno sbarchi di yacth provenienti da Miami carichi di gusanos, con Trump, la cui elezione potrebbe non essere dispiaciuta al governo cubano, c'e' di nuovo il grande nemico del nord da usare come pretesto.
Cuba e' parte del mondo e il mondo e' parte di Cuba.
Che piaccia o meno.

M&S CASA PARTICULAR HA AGGIUNTO UNA CASA
CASA NANA 

 

mercoledì 30 novembre 2016

VALE SEMPRE LA PENA?


Visto e considerato quanto scritto in settimana sulla attuale situazione di Cuba, situazione che e' la naturale evoluzione di un percorso iniziato 4/5 anni fa, molti si potranno chiedere se vale ancora la pena frequentare la maggiore delle Antille.
Dipende.
Questa e' la sola risposta che mi viene in mente.
Ho accennato al gruppo di lungodegenti che, dopo aver frequentato la capitale della scultura cubana per lustri, hanno deciso di girare il timone verso Tenerife, altri, che conosco da tanti anni, hanno detto chiaramente che questo sara' il loro ultimo inverno a Cuba.
Visto che la situazione, dal punto di vista della comodita', e' enormemente migliorata in questi ultimi anni e' lampante che la scelta di cambiare e' figlia dell'eta' che inizia a diventare pesante, del fatto che l'approccio con l'altro sesso che, a meno di raccontarci puttanate, rappresenta ancora lo Zenit di ogni nostra decisione, della difficoltà di potersi muovere nelle case agilmente come un tempo e magari di ancora qualche altra ragione.
Il discorso delle fanciulle e' evidente e sotto gli occhi di tutti.
Perche' mai una giovane fanciulla dovrebbe aguantare un ottuagenario con poche possibilita' economiche, mentre oggi ci sono migliaia di cubani giovani e di bell'aspetto che entrano ed escono continuamente dal paese, con buone possibilita' economiche e coi quali ci si puo' accostare senza doversi prima ubriacare e dopo vomitare?
Un tempo eravamo la soluzione, oggi siamo soltanto un'opzione da scandagliare solo dopo che quelle “interne” non sono risultate reperibili, oppure quando i treni giusti sono passati e non ce ne saranno altri, per ovvie ragioni anagrafiche, in arrivo.
Quindi sono finiti gli sguardi intensi, i sorrisi che aprivano orizzonti senza fine, la facilita' di approccio che non aveva uguali in nessun altro paese al mondo.
Oggi chi va con uno straniero, mi correggo, con un certo tipo di straniero e' nuovamente, come accadeva lustri fa, additata come una sfigata che non ha altre risorse per mettere insieme il pranzo con la cena.
Quindi o si cambia il tipo di vacanza oppure e' davvero meglio andare da altre parti.
Sono finiti i tempi in cui ci si poteva permettere di fare una vacanza quasi senza rapportarsi coi cubani, se oggi non sei inserito in un certo contesto, non hai saputo farti apprezzare anche come persona, non hai capito che sei a casa loro e che le regole le fanno loro allora e' meglio davvero lasciare perdere.
Per me vale ancora la pena.
Ho amici, amiche, una palestra, una pista per correre, una casa in cui vivere, una piccola attivita', una famiglia che si occupa di me, locali dove andare, persone che conosco e altre che conoscero'.
La prima volta che misi piedi a Tunas non sapevo letteralmente dove andare a mangiare la sera, oggi ho almeno 10 possibilita' di scelta, i negozi sono molto piu' forniti di allora, posso andare su internet direttamente dal mio movil senza dover smadonnare con pc dell'eta' della bomba.
I voli costano meno, ci sono molte piu' case de renta di buon livello ecc ecc.
Lasciamo perdere i soldi che abbiamo in tasca, i nostri soldi, quelli di gente normale.
Non fanno piu' la differenza, contano ancora, ma molto meno di un tempo.
Se un amico mi invita a casa e facile che sia lui a offrirmi birra e ron senza doverlo portare io come facevamo anni fa, quasi nessuna fanciulla mi chiama piu' col 99 finale, i messaggi a 9 centesimi oramai fanno ridere.
Le donne che frequento, la maggior parte, sono amiche di vecchia data, hanno una loro vita, dei figli, un lavoro o qualcuno che si occupa di loro fattivamente dall'estero, o dall'interno.
Quindi, amici miei, questa e' la situazione, a me va ancora bene, vado in vacanza con un budget accettabile, ho una fonte di reddito interna.
Fino a quando passero' periodi come quest'ultimo Cuba restera' la priorita', l'altra meta' della manzana.
Poi ognuno faccia le proprie scelte.

M&S CASA PARTICULAR HA AGGIUNTO UNA CASA

martedì 29 novembre 2016

LA CUBA DI OGGI



Quale Cuba ho trovato in questo mese trascorso nella maggiore delle Antille?
In realta' di queste cose ne parlo da almeno 3 anni, i cambiamenti in atto nell'isola coinvolgono tutte le categorie sociali, anche chi, come noi, ha scelto di vivere l'isola da Lone Wolf.
Sia chiaro, Cuba ha tutto il diritto di cambiare e di seguire una sua strada senza tenere conto di chi, cerca di viverla al di fuori dei giri turistici tradizionali, questo per dire che alcune situazioni che noi possiamo vivere in modo negativo possono essere funzionali ad un futuro fatto di sviluppo.
Ho troppi anni di Cuba e di Tunas sul groppone per non aver gia' visto periodi in cui c'era un po' di “pressione” en la calle.
L'impressione e' che, questa volta, si sia giunti ad una svolta definitiva.
Las Tunas vive, da sempre, di un certo tipo di turismo, non raccontiamoci cazzate, o meglio lasciamo che siano i soliti “papitos” di turno a farlo.
Pero' e' anche vero che, senza quel tipo di turismo, citta' come Ciego de Avila, Sancti Spiritus, Pinar del Rio e Guantanamo, giusto per fare degli esempi, sopravvivono tranquillamente. 
Il giro di vite ha fatto si che, di sera, il parque tunero sia non solo deserto ma anche al buio con tutte le luci spente per buona parte dei giorni della settimana.
Fanciulle in giro solo nel week end e rigorosamente accompagnate da cubani, parlo di ragazzi/e giovani per cui noi siamo assolutamente trasparenti, come se non ci fossimo.
Di giorno quasi scomparsa la consueta farandula che ha, negli anni, riempito la citta' di un certo tipo di turismo.
Infatti molti lungodegenti italiani (parleremo in seguito anche di questo) allo scadere dei 3 mesi hanno preso un volo per Madrid e poi per Tenerife.
Visto che gli “svaghi” sono quasi finiti tanto vale, a quell'eta', fare una scelta che tuteli anche la salute in caso di eventuali problemi.
Quindi la noche tunera si limita al sabato e alla domenica, quando c'e' un po' di movimento, in settimana tutto morto e sepolto.
Un tempo muoversi di giorno, usando molto il movil, era una scelta come un'altra, oggi e' la priorita', nessuna esce di notte con la certezza di finire alla terzera, il commissariato cittadino.
Tutti i chioschetti di verdura chiusi, quelli prosperavano nelle finestre delle case semplicemente serrati, quelli in cemento tumbati, visto io una mattina abbatterne uno con 6 policia di guardia e 3 obreros con i martelloni ad abbattere la costruzione a 100 mt da Grande Torino.
Resta solo cio' che vedete nella foto....
Anche lo storico mercato dietro a Lico Cruz chiuso.
Oggi se vuoi frutta e verdura ci sono i mercati statali, presto aprira' un grande mercato agropecuario in pieno centro dove c'era il parqueo delle bici, oppure i carretti che girano per le vie ma vendono a prezzi che i cubani definiscono criminali.
Una frutta bomba 20 pesos, aguacate a 10, pomodori a 20 alla libbra, 3 cipolline 10 pesos ecc...
Una mattina mentre andavo col mio zainetto al ginnasyo, da un vicolo adiacente mi sento chiamare sottovoce...”oyeeeee”.
Vedo sbucare un losco figuro dal vicolo, mi sono chiesto chissa' cosa cazzo spaccera' il tipo, Maria, bamba, crack...
Mi guardo intorno con aria furtiva per vedere se ero seguito da qualcuno.....il tipo con aria cospiratrice mi guarda e.....”hay mandarina...”
Lo spacciatore di mandarini.
Tutti i banchetti che in centro vendevano bigiotteria sono stati spostati, con un danno economico enorme, dalla piazza Garcia alla via interna dove ci sono i fiorai questo per il decoro della zona centrale.
Lavori in corso per ultimare il mercato agropecuario che vi dicevo, il ristorante Baturro e' in fase di ristrutturazione.
Come dicevo ieri, per me, le cose non sono cambiate molto e tutto sommato mi va bene anche la situazione attuale, ma per chi cerca un certo tipo di Cuba beh....ragazzi e' davvero finita.
Per non parlare delle case de renta.
In un mese Grande Torino e' stata visitata 2 volte dall'inmigration, per fortuna da Esteban che e' un tipo severo ma corretto.
Una casa de renta in pieno centro, italiana e di grandi ambizioni, chiusa per svariati motivi, alcune duenas finite al gabbio per il discorso delle minorine, ma non solo.
Quasi nessuna casa oggi non punta la fanciulla, ti puoi portare 20 fanciulle se vuoi ma devono essere puntate.....qualcuna ancora concede qualcosa, ma lo fa col sacro terrore che qualcuno bussi alla porta.
Ragazzi o cambiate anche voi il vostro modo di fare vacanza, come ha fatto l'umile scriba, oppure cercatevi la vostra Tenerife.

M&S CASA PARTICULAR HA AGGIUNTO UNA CASA

lunedì 28 novembre 2016

LA VACANZA



In questo primo post riguardante l'ultima vacanza a Cuba parlero', brevemente, del mio soggiorno e di come sono riuscito a disfrutarlo.
Nei prossimi giorni vi parlero' della situazione attuale di Cuba, perlomeno come l'ho trovata io, quindi restate in zona.
Per un viaggiatore la vacanza comincia dal volo, volare con compagnie serie vuol dire partire subito col piede giusto.
Venerdi pubblichero' l'avventura che mi ha spedito un caro amico a seguito di un suo volo con Blu Panorama.
Partenza da Torino scalo di un ora e mezza a Parigi e poi volo su La Habana, Air France.
Rientro KLM su Amsterdam, un ora di scalo (c'e' da correre vista la vastita' dello scalo olandese) e poi Torino.
Air France l'ho ritrovata peggiorata, mezzora di ritardo in partenza, poi recuperato in volo, cibo sul livello della Neos e personale imboscato per quasi tutto il volo.
KLM tutto un'altro paio di maniche, ottimo livello, sopratutto pochi italiani in mezzo alle palle.
All'andata, arrivato al terminal Viazul ho diviso un tur con un tunero che vive in Spagna; 55 cuc a cranio, invece dei 39 del Viazul e alle 4.30 del mattino ero a Tunas di fronte a casa.
Rientro col solito Viazul notturno.
Il cambio una porcheria.
1.06 quando sono arrivato, 1.02 alla partenza, con un bel 1.01 in aeroporto, diciamo che oramai siamo alla pari e non ci si pensa piu'.
Ho trovato, per fortuna, la mia parte del limpio estivo di Grande Torino, l'equivalente del costo del viaggio, quindi ho cambiato qualcosa in arrivo e poi basta, comunque un cambio nefasto.
La renta, dopo un'estate (baja temporada) di alti e bassi va abbastanza bene, per il periodo in cui sono stato giu' solo un giorno e' stata vuota, giusto il passaggio fra un chino che vive in belgica e un indiano che vive negli Usa.
Poi parleremo presto di questi nuovi turisti che, piano piano, ci stanno allegramente soppiantando.
Mi hanno dato la visa familiar per la settima volta consecutiva ma, col rientro di Avel a capo dell'inmigration sono cazzi per tutti.
Decine di richieste di A2 respinte, residenze permanenti date col contagocce, italiani che hanno fatto qualche casino accompagnati in aeroporto con 2 anni di clausura prima di poter rientrare nel paese, case de renta visitate dagli ispettori almeno 2/3 volte ogni mese.
Quasi nessuna casa, oggi, accetta turisti che non vogliono puntata la fanciulla...giusto per capirci...ma ne parleremo.
Probabilmente fra tutte le vacanze di questo ultimo ciclo dove vivo in una casa cubana normale, questa e' stata, forse, la piu' serena e divertente.
Sara' che mancavo da 7 mesi e avevo davvero bisogno di vacanza, sara' che quando sei sereno tutto ti riesce meglio, sara' che una vacanza ha senso se ti sai circondare delle persone giuste ma devo dire che ho finito il mese contento di tutto cio' che avevo fatto.
Vero che forse anche qualche giorno in meno lo avrei aguantato vista la vastita' delle cose che mi aspettavano in Italia, ma tutto sommato non ho finito, come temevo, col fiato corto.
Palestra fatta piu' seriamente rispetto al passato, di giorno quasi sempre piscina o mare, al pomeriggio un bel momento ludico di quelli che valgono la pena, spesso al tramonto una corsetta o una passeggiata con Tifon che e' diventato un T-Rex.
Di sera cena a casa, ogni tanto fuori oppure un salto a bere qualcosa nel nuovo locale tunero....ma anche di questo parleremo presto.
Qualche noche brava ma senza esagerare, in fondo vanno bene anche i pomeriggi....
Ora sotto con le cose italiane; Fly Gym da fare crescere ancora e dare una mano a Simone con M&S che a novembre e' letteralmente esplosa....e non eravamo del tutto pronti a circa un centinaio di richieste in un mese.....diciamolo....
Poi decidere cosa fare in estate, Grande Torino...ecc....
Tornato magari un po' stanco fisicamente ma libero di testa che e' quello che davvero conta.
Da domani parliamo della situazione di Cuba,
Un saluto a Fabione di Brescia con cui ho condiviso i primi giorni di vacanza e al nostro Enrico con cui mi sono sentito telefonicamente, lui a Guanabo io a Tunas...non abbiamo cuadrato di vederci ma prima o poi capitera'...

M&S CASA PARTICULAR HA AGGIUNTO UNA CASA

domenica 27 novembre 2016

HASTA LA VICTORIA SIEMPRE!

 Risultati immagini per fidel

Oggi, per la riapertura del blog (avrebbe dovuto riaprire domani ma...la cronaca ha sempre la precedenza) avevo in mente un altro pezzo, diciamo il solito pezzo di “rientro”.
Poi...sabato, verso le 11 del mattino arrivo a Caselle da Amsterdam, un Villans viene a prendermi per portarmi a casa.
Salgo in auto, accendo il movil, nel nostro gruppo di whatsapp apprendo della morte del nostro Comandante en Jefe.
Sono partito da Cuba alle ore 17 cubane del venerdi e tutto era tranquillo.
Fidel aveva pochi giorni fa ricevuto il presidente del Vietnam in visita privata, sembrava quello di sempre.
A Cuba nessuna notizia, ovviamente, era trapelata sul conto di un'eventuale peggioramento delle condizione di salute del Comandante en Jefe.
L'annuncio al popolo di Cuba lo ha dato Raul, affermando che il fratello era deceduto alle 22.19, forse e' accaduto qualche ora prima ma questo non e' importante.
Tutti i telegiornali hanno dato la notizia per prima, accompagnandola con servizi e filmati, fra cui quelli della gusaneria di fancazzisti festanti a Miami.
La morte del Leader Maximo ha gia' raggiunto l'obiettivo di rendermi un po' piu' simpatico Trump.
Faccia un culo cosi' a tutta quella gente, tiri su 10 muri e tolga la lej di ajuste cubano una volta per tutte.
Volete giocarvela?
Bene allora partite alla pari con messicani, peruviani, guatemaltechi e con chiunque voglia, con un viaggio, risolvere la propria vita in qualche modo.
Che la fiesta finisca una volta per tutte.
Detto questo cos'altro posso aggiungere su un personaggio di una grandezza simile?
Si tratta dell'ultimo grande della storia, non credo che in futuro ce ne saranno altri.
Ci lascia da vincente dopo aver fottuto una doppia cifra di presidenti statunitensi, aver portato una piccola isola agli onori del mondo, solevandola dalla schiavitu' culturale ed economica, consentendole di avere sempre ed in ogni occasione di la schiena dritta.
Errori?
Certo, senza dubbio.
La storia pero' lo ha gia' assolto relegando i suoi avversari al ruolo di nani e ballerine.
Non fatevi prendere per il culo da chi ha tanto tempo libero e non sa come occuparlo, non esistono opposizioni serie che non siano 4 sfaccendati che sperano di spillare qualche soldo all'amministrazione americana, un po' come fecero la bloggara a gettone e le ladrones en blanco.
Ho conosciuto e mi sono innamorato della Cuba di Fidel, oggi convivo con quella di Raul in attesa di sapere come sara' la prossima, ma senza quella di Fidel e della sua Rivoluzione un bel pezzo della mia vita sarebbe stato differente.
Non so se migliore o peggiore, sicuramente differente.
Tutto il mondo sta' tributando i giusti onori all'Jefe della Rivoluzione Cubana, persino un'inutile idiota come Gentiloni si e' sentito in dovere di dire le sue cazzate.
Gentiloni che parla di Fidel...come cazzo siamo arrivati a questo punto in questo paese?
Saviano che habla mierda grazie anche ai soldi delle tasse del vostro umile scriba....
Ovviamente questo blog Rivoluzionario, che pero' non ha mai fatto mancare le sue critiche alla Rivoluzione, piange il suo Comandante in Capo, il suo Lider Maximo.
HASTA LA VICTORIA SIEMPRE!!!

P.S. Riapre il blog con la formula di prima; 4 pezzi in settimana, il venerdi il commento su notizie e scritti altrui, il fine settimana i consigli per gli acquisti.
Valgono le regole di sempre, i commenti sono molto benvoluti a patto che non siano anonimi o abbiano firme farlocche.
In questi casi verranno, ovviamente, cestinati.

sabato 26 novembre 2016

FIDEL

Fidel
Sus enemigos dicen que fue rey sin corona y que confundía la unidad con la unanimidad.
Y en eso sus enemigos tienen razón.
Sus enemigos dicen que si Napoleón hubiera tenido un diario como el “Granma”, ningún francés se habría enterado del desastre de Waterloo.
Y en eso sus enemigos tienen razón.
Sus enemigos dicen que ejerció el poder hablando mucho y escuchando poco, porque estaba más acostumbrado a los ecos que a las voces.
Y en eso sus enemigos tienen razón.
Pero sus enemigos no dicen que no fue por posar para la Historia que puso el pecho a las balas cuando vino la invasión, que enfrentó a los huracanes de igual a igual, de huracán a huracán, que sobrevivió a 637 atentados, que su contagiosa energía fue decisiva para convertir una colonia en patria, y que no fue por hechizo de Mandinga ni por milagro de Dios que esa nueva patria pudo sobrevivir a 10 presidentes de los estados unidos, que tenían puesta la servilleta para almorzarla con cuchillo y tenedor.
Y sus enemigo no dicen que Cuba es un raro país que no compite en la copa mundial del felpudo.
Y no dicen que esta revolución, crecida en el castigo, es lo que pudo ser y no lo que quiso ser. Ni dicen en gran medida el muro entre el deseo y la realidad fue haciéndose mas alto y mas ancho gracias al bloqueo imperial, que ahogó el desarrollo de una democracia a la cubana, obligó a la militarización de la sociedad y otorgó a la burocracia, que para cada solución tiene un problema, las coartadas que necesita para justificarse y perpetuarse.
Y no dicen que a pesar de todos los pesares, a pesar de las agresiones de afuera y de las arbitrariedades de adentro, esta isla sufrida pero porfiadamente alegre ha generado la sociedad latinoamericana menos injusta.
Y sus enemigos no dicen que esa hazaña fue obra del sacrificio de su pueblo, pero también fue obra de la tozuda voluntad y el anticuado sentido del honor de este caballero que siempre se batió por los perdedores, como aquel famoso colega suyo de los campos de Castilla

Eduardo Galeano

domenica 30 ottobre 2016

FATE I BRAVI



Ci siamo
Dopo 7 mesi si torna a fare una vacanza, ovviamente destino la maggiore delle Antille.
Sono stati mesi intensi, pieni di belle cose, sto' facendo una vita che mi piace, quando questo accade tutto cio' che fai non ti pesa.
La Fly Gym viaggia discretamente bene, ottobre piu' 35% rispetto allo scorso anno, sabato ci siamo riuniti tutti e 3 per fare il punto della situazione, invece di batterci le mani sulle spalle abbiamo parlato su cio' che ancora deve funzionare meglio e sul dove dobbiamo essere ancora piu' bravi.
Lo scopo di un'azienda, di un'impresa non e' quello di fare soldi ma di fornire un buon servizio e/o un buon prodotto, il denaro e' solo la conseguenza, piacevole, di scelte giuste.
Ho iniziato soltanto venerdì pomeriggio a pensare, seriamente, al viaggio che mi aspetta.
Ho assolutamente bisogno di fermarmi e di riposare, come mi hanno fatto notare piu' persone mi ritrovo con le occhiaie che sfiorano i menischi, e' il momento di un pit stop.
Almeno 10 giorni senza allenarmi per recuperare le forze, a far descansare gli acciacchi dovuti a mesi di allenamento e all'eta' del dattero maturo.
Sabato pomeriggio, dopo la chiusura, ho portato Birillo da un'amico della palestra che vive in una casa rurale alle porte di Caselle, ha terra, un cane, gatti.
Si e' offerto di tenermelo, l'ho lasciato un paio di giorni la scorsa settimana per vedere se si ambientava ma il Birillone dove lo metti sta'...con tutta l'irrefrenabile voglia di vivere di un Beagle.
Ci sono cose peggiori di andare in un posto col proprio cane ed andare via senza, ma non sono molte.
Come dicevo e' solo da un paio di giorni che ho la testa al Caribe, piano piano pero' si sta' delineando in me la vacanza che sta' arrivando.
Mi sta' lentamente entrando dentro la voglia di mare, sole, pescado, tette grosse, jogging per Tunas con in cuffia Red Hot e Bruno Mars, Green Day e Ramones.
Come avviene da oltre due anni ci vado senza legami ne' laccioli di nessun tipo che non siano il piacere, sincero, di rivedere il familion e di passare un po' di tempo con gente a cui voglio bene.
Io non voglio bene a molta gente...
Credo, anzi sono sicuro che mi faro' qualche giorno di mare, probabilmente qualcuno a La Habana a trovare amici.
Per il resto mi godro' i ritmi lenti della palestina cubana.
Come sempre gli ultimi giorni, per le nostre Visas, sono pericolosissimi, spendiamo un sacco di soldi in cazzate ma ogni tanto e' anche bello poterlo fare.
Visto che ho tutto a Cuba parto con in valigia sughi, parmigiano, Nutella, dolci, pasta e tutto cio' che serve per cucinare, ogni tanto.
Buoni libri questo si, finalmente, lontano dalle mille menate italiane potro' riprendere il piacere della lettura.
Lunedì in palestra fino alle 22 poi martedi' mattina mi viene a prendere un'altro amico della Fly Gym che mi portera' direttamente in aeroporto a Caselle per il volo.
Torino-Havana, andata un ora e mezzo di scalo a Parigi, ritorno un'ora ad Amsterdam, comprato ad aprile a 505 euro.
Arrivato a La Habana, se sono stanco mi fermero' a dormire in una delle tante case con cui opera M&S, altrimenti mi faro' portare al terminal Viazul.
A quel punto o mi imbacucchero' come uno sherpa nepalese e prendero' la guagua oppure, come ho fatto altre volte, mi aggreghero', pagando il giusto, a quei tur che i cubani utilizzano per portare la gente dalla capitale a oriente.
Vedremo, non ci sono frette ne' priorita', faro' quello che in quel momento avro' voglia di fare.
Nessuna mariconeria di trolley, due borsoni sportivi abbastanza al di sotto del peso consentito.
Lascio tutto in buone mani, Fly Gym ai miei soci, M&S a Simone, per la stagione estiva e' presto mentre, forse, qualcos'altro bolle in pentola. 
Grande Torino e' spesso occupata, l'altro giorno ho chiuso con un'italiano per un mese e mezzo a partire da gennaio ad un ottimo prezzo.
Il blog viene in ferie con me, ci risentiamo, probabilmente, a fine novembre.
Vado in un mondo migliore, quindi vi lascio con Vasco e il "Freddo" che hanno sempre un loro perche'.
Fate i bravi.

venerdì 28 ottobre 2016

INDIPENDENZA



Ho trascorso 14 anni, almeno 40 vacanze nelle case de renta di Cuba, buona parte delle quali a Las Tunas.
Sostanzialmente 3 case de renta dove, entro certi limiti, mi hanno sempre lasciato fare il cazzo che volevo.
Si e' sempre trattato, come per ognuno di voi, di una camera con un bagno.
Ne parlavo la settimana scorsa, telefonicamente, con un conoscente di vecchia data.
Andato in pensione poco dopo i 50 anni, da oltre un decennio si divide, con la moglie cubana fra i 2 paesi.
Da ottobre ad aprile a Cuba, il resto nel dolce clima primaverile ed estivo del bel paese.
Ha casa a Tunas, quando e' in Italia ci pensano i suoceri a tenergliela in ordine.
Nessuna residenza, proprieta' della casa alla moglie, 10 anni che tutto fila liscio come l'olio, alla faccia degli sfigati di sventura.
Si parlava proprio del piacere di vivere in una casa che non sia un cuarto de renta.
Sia chiaro, avendo una casa de renta e un'agenzia che si occupa dell'affitto delle stesse, a livello generale ritengo siano un ottimo contributo allo sviluppo del genere umano.....
Parlo pero' per me personalmente, per noi che frequentiamo l'isola da tanti anni.
Ci sono state cose che ho accettato, in questi lustri, unicamente perche' ero a Cuba.
Il vivere, pagando, relegato in una camera, il dovermi giustificare per ogni fanciulla o anche solo amico che invitavo, la paura delle ragazze di essere puntate nel famigerato registro.
Ho girato parecchio mondo, ma certe situazioni le ho trovate, ed accettate, soltanto a Cuba.
Come dicevo ho frequentato 3 case nella maggior parte dei miei viaggi, i proprietari oltre ad essere inseriti in M&S CASA PARTICULAR, sono diventati amici veri.
Ricordo anche che M&S e' costato zero; Simone ha fatto il sito, io gli ho dato visibilita', ognuno gestisce le proprie trattative in assoluta autonomia gestionale ed economica.
Ad ogni viaggio, anche se ora il mio percorso e' differente, non manco mai di passare a trovarli, non mi dimentico di chi mi ha fatto stare bene quasi come se fossi a casa mia.
Appunto quasi....
Ne parlavo giusto al telefono l'altro giorno con l'amico, oggi probabilmente non mi ci abituerei piu' ad essere relegato in un cuarto de renta.
Ogni stagione della vita ha le sue caratteristiche, se non avessi la possibilita' di avere una casa da dividere con la famiglia, probabilmente avrei fatto scelte differenti per le mie vacanze.
Avrei cambiato destinazione, oppure avrei affittato un'appartamento tutto per me.
Lo so che il nostro status ci consente soltanto di risiedere in strutture turistiche ma i sistemi ci sono...
A La Habana conosco parecchia gente che affitta mensilmente appartamenti, e' un po' border line ma non hanno mai avuto problemi di nessun tipo.
Mi piace essere indipendente, non dover rendere conto a nessuno di cio' che faccio, alla fine vivo esattamente come in Italia.
Certo non porto fanciulle in casa, ma la location per questo tipo di cose e' davvero l'ultimo dei problemi.
Non solo.
Dopo il militare me ne sono andato a vivere per conto mio, piu' o meno le cose sono continuate in quel modo e mi sta' benissimo.
Pero', limitatamente a 2-3 mesi ogni anno, o forse proprio perche' parliamo di 2-3 mesi ogni anno, mi piace essere parte di una famiglia.
Oggi a Cuba, esattamente come in Italia, sono totalmente indipendente; vivo in una grande casa, abbiamo una renta che aiuta ad arrotondare, sono all'interno di una famiglia che, fra le altre cose, mi cuida.
Non e' poco.
Indietro non si torna, il presente e' la risultante del passato ed e' la piattaforma verso il futuro.
So che molti di voi sono in situazioni analoghe, le case de renta sono un ricordo, ognuno gestisce le proprie di case, con la propria famiglia.
Si tratta di un percorso, sicuramente, diverso per ognuno di noi, che ci ha portato ad andare avanti, metterci in gioco, raggiungere obiettivi.
In fondo la vita non e' molto di piu' di tutto questo.
A lunedi per i saluti.

 

giovedì 27 ottobre 2016

VIA EL BLOQUEO!

 Risultati immagini per bloqueo usa

191 voti a favore del sollevamento del bloqueo, 2 astenuti.
Usa e Israele.
Cioe' gli Usa che da oltre 50 anni mettono in piedi un'embargo assassino ed antistorico, si astengono nella risoluzione in cui si chiede di toglierlo.
Sarebbe un po' come se organizzassi una cena della palestra, trovassi il ristorante, concordassi il prezzo, convincessi tutti a venire e poi...non mi presentassi alla serata.
Il Cancelliere cubano Bruno Rodriguez aveva preparando l'ennesimo discorso all'Onu in vista dell'ennesima votazione riguardante la risoluzione sul sollevamento del Bloqueo che gli Stati Uniti da 50 anni mantengono nei confronti dell'isola caraibica.
Visti gli avvenimenti di questi ultimi 18 mesi la gente normale, che non si occupa in modo particolare di cio' che accade a Cuba, e' convinta che el bloqueo sia gia' stato tolto.
Molte persone con cui quotidianamente parlo in palestra, ma altre in altri luoghi non sanno che, da questo punto di vista, non e' ancora cambiato nulla.
Certo, Obama col familion e' stato a La Habana, grande gesto simbolico, lo stesso presidente americano ha piu' volte detto che il bloqueo non ha funzionato, badate bene non che sia stato un crimine contro l'umanita' ma....semplicemente che non ha funzionato.
Quindi il bloqueo e' ancora in piena attuazione, ogni ditta che commercia con Cuba rischia multe milionarie, ogni cittadino che vuole, privatamente, viaggiare a Cuba rischia di persona, ogni banca che ha transizioni commerciali con l'isla a sua volta mette a rischio la possibilita' di operare sul suolo statunitense.
Anche questa faccenda di poter effettuare acquisti in divisa americana, annunciata dal dipartimento di stato yankee, si e', per ora, dimostrata una bufala.
Cuba non puo' utilizzare il dollaro per niente e per nulla.
Non e' nelle prerogative del presidente statunitense, l'attuale o il futuro, il poter sollevare el bloqueo, tocca al congresso americano, attualmente a maggioranza repubblicana.
Sia Hilary che Trump hanno affermato che il processo di normalizzazione con Cuba proseguira' anche sotto la loro eventuale presidenza.
La presidenza Clinton, dopo quella Carter e' stata la meno aggressiva nei confronti dell'isola dei Castro, basta ricordare l'episodio di Elian.
Dubito che con Reagan e Bush le cose avrebbero avuto lo stesso epilogo che, e' bene dirlo, si svolse in linea con le leggi e la costituzione statunitense.
Pero siamo sotto elezioni, nessun candidato sano di mente rischierebbe di sbilanciarsi troppo rischiando di giocarsi i milioni di voti che la potente comunita' cubano americana garantisce.
Da sempre quella comunita' e' stata un serbatoio di voti repubblicani, le cose stanno cambiando anche da questo punto di vista.
Le nuove generazioni non spingono piu' per un cambio politico a Cuba, vogliono semplicemente che i loro parenti e la loro famiglia rimasti sull'isola possano vivere il meglio possibile, di conseguenza spingono perche' i rapporti fra i due paesi si normalizzino sul serio.
Certo ci sono stati parecchi passi avanti, molti americani, inserendo una motivazione alla richiesta di viaggiare sull'isola hanno potuto sbarcare a La Habana, da qualche settimana ci sono voli regolari fra i 2 paesi, le navi di crociera statunitensi fanno scalo nei porti cubani, le rimesse oggi possono essere piu' corpose rispetto al passato ma Cuba continua a non poter comperare tecnologie, ad esempio, in campo medico per poter curare la propria gente.
Il bloqueo incide ancora nella vita di tutti i giorni, per poter reperire dal mercato esterno cio' di cui l'isola ha bisogno, occorre ancora fare larghi, tortuosi e costosi giri.
Il popolo americano si e' espresso chiaramente a favore del sollevamento di questo embargo criminale nei confronti di un'isola che, legittimamente, ha scelto di continuare a sviluppare il proprio modello politico Socialista.
E' un problema di governanti, l'attuale e i prossimi si sono detti favorevoli anche loro alla risoluzione del problema.
Per fortuna Rubio e la gusaneria che rappresenta sono stati sconfitti e non potranno incidere piu' di tanto su questa decisione.
E' il momento di togliere el bloqueo, lo chiede ogni paese al mondo, lo impone la storia.

M&S CASA PARTICULAR HA AGGIUNTO UNA NUOVA CASA
ROGER Y YULIET